Rai Italia: la programmazione dal 16 al 23 luglio

Pubblicato il 14 luglio 2017 da redazione

Per contattare Rai Italia scrivete a: rai.italia@rai.it

In 1°visione su Rai Italia la docufiction: ADESSO TOCCA A ME

25 anni fa, il 19 luglio del 1992 Paolo Borsellino e i 5 agenti della sua scorta vengono fatti saltare in aria con 100 kg di esplosivo: è la strage di via D’Amelio. L’uccisione di Borsellino avviene dopo la strage di Capaci il 23 maggio dello stesso anno. Quando aveva saputo della morte di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino aveva immediatamente detto “Adesso tocca a me, io sarò il prossimo”.

Regia Francesco Miccichè
Interpreti: Cesare Bocci, Giulio Maria Corso, Ninni Bruschetta, Anna Ammirati

Trama
Il 19 luglio 1992 la mafia a Palermo uccide il giudice Paolo Borsellino. Erano appena trascorsi 57 giorni dalla morte in un attentato del giudice Giovanni Falcone, suo amico e compagno di indagini. Un misto di fiction, materiali di repertorio e interviste dell’epoca, ripercorre gli eventi, evidenziando come Borsellino fosse consapevole del destino che l’attendeva. La vicenda sarà raccontata dal punto di vista inedito dell’agente Antonio Vullo, unico sopravvissuto alla strage di via D’Amelio, interpretato da Giulio Maria Corso.

Una docufiction che restituisce un eroe della recente storia nazionale e la consapevolezza di come i valori civili che ha incarnato possano continuare ad essere tenuti vivi nella nostra memoria.

mafia

Falcone e Borsellino

Programmazione

Rai Italia 1 (Americhe)
NEW YORK/TORONTO Mercoledì 19 Luglio h19.30
BUENOS AIRES Mercoledì 19 Luglio h20.30
SAN PAOLO Mercoledì 19 Luglio h20.30

Rai Italia 2 (Australia – Asia)
PECHINO/PERTH Giovedì 20 Luglio h17.15
SYDNEY Giovedì 20 Luglio h19.15

Rai Italia 3 (Africa)
JOHANNESBURG Mercoledì 19 Luglio h21.30

SIPARIO! (Opera)

Nuovo programma di Rai Italia.
Azzurra Di Meco accompagnerà gli spettatori di Rai Italia in un percorso attraverso i più famosi e meravigliosi luoghi della lirica italiana: dal Teatro alla Scala di Milano, all’Opera di Firenze, al Teatro Carlo Felice di Genova, al Teatro Comunale di Bologna.
Una selezione tra le maggiori opere liriche italiane, arricchite da interviste ai direttori d’orchestra, ai registi e agli interpreti e importanti approfondimenti dedicati alla storia del melodramma italiano: un genere che ancora oggi rende famosa l’Italia in tutto il mondo.

DON GIOVANNI di Wolfgang Amadeus Mozart
60° Festival di Spoleto, 2017

Don Giovanni è un personaggio che conosciamo già dalla leggenda, dalla letteratura e dal cinema. Un uomo senza scrupoli che per sedurre una donna ha mentito, picchiato e persino ucciso. E nel secondo atto, la sua stessa vittima torna in vita, incarnata in una statua, per offrirgli l’occasione di pentirsi. Ma Don Giovanni, ateo e irriverente, rifiuta, e viene trascinato nelle fiamme dell’inferno.

Con James Conlon sul podio dell’Orchestra Giovanile Cherubini, regia di Giorgio Ferrara, scene e costumi di Dante Ferreti e Francesca Lo Schiavo. Protagonisti: Dimitris Tiliakos nel ruolo di Don Giovanni, Andrea Concetti in quello di Leporello, Anna Lucia Cesaroni come Donna Anna, Brian Michael Moore come Don Ottavio, Davinia Rodriguez nei panni di Donna Elvira, Arianna Vendittelli e Daniel Giulianini come Zerlina e Masetto e Antonio Di Matteo come Commendatore. La regia televisiva è curata da Arnalda Canali.

Programmazione

Rai Italia 1 (Americhe)
NEW YORK/TORONTO Sabato 22 Luglio h19.30
BUENOS AIRES Sabato 22 Luglio h20.30
SAN PAOLO Sabato 22 Luglio h20.30

Rai Italia 2 (Australia – Asia)
PECHINO/PERTH Domenica 23 Luglio h13.15
SYDNEY Domenica 23 Luglio h15.15

Rai Italia 3 (Africa)
JOHANNESBURG Lunedì 17 Luglio h20.30

CRISTIANITA’ (Programma religioso)

Ogni domenica, suor Myriam Castelli – ideatrice, autrice e conduttrice da 19 anni – propone temi di interesse ecclesiale e gli appuntamenti del Papa in Vaticano. Cristianità è uno dei “notiziari vaticani” più attenti e più seguiti all’estero, arricchito dal contributo fondamentale di tanti ospiti in studio: Cardinali e alti Prelati, riconosciuti studiosi della grande diaspora italiana, insieme a una vasta gamma di esperti, artisti, professionisti, laici e missionari che vivono “on the road”. Un parterre di italiani che si confrontano con i contenuti della fede e i commenti culturali della modernità. Interviste, servizi e collegamenti in diretta via skype con i telespettatori dei cinque continenti.
In ogni puntata, voci, immagini, testimonianze di vita di tutte le generazioni, con le immagini delle feste organizzate dagli italiani in tanti Paesi del mondo dove è presente un’italianità laboriosa, attaccata alla propria terra d’origine e soprattutto alla cultura cristiana.

Argomenti della puntata: cosa significa credere oggi? In chi crediamo quando crediamo? La fede dei semplici e quella dei dotti; quale rapporto tra la scienza e la fede, tra il Creatore e la creatura? Quali sono le ragioni della nostra fede? Quali sono le prove dell’esistenza di Dio? L’odierna festa della Madonna del Carmine nella devozione popolare. Che cos’è lo scapolare? La presenza dei missionari carmelitani in Europa e nel mondo e le loro attività formative e sociali soprattutto in favore delle regioni più povere del mondo.

Dopo la S. Messa che si celebra nella Cattedrale di Caltabellotta, in provincia di Agrigento, l’Angelus del Papa ai fedeli radunati in Piazza San Pietro.

Tra gli ospiti: Sua Em.za il Cardinale Francesco Coccopalmerio, presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi; Alfonso Cauteruccio, presidente dell’Associazione Greenaccord; Silvia Guidi, giornalista de l’Osservatore Romano.

Per contattare la redazione scrivete a: cristianita@rai.it

Programmazione

Rai Italia 1 (Americhe)
NEW YORK / TORONTO Domenica 16 Luglio h04.15
BUENOS AIRES Domenica 16 Luglio h05.15
SAN PAOLO Domenica 16 Luglio h05.15

Rai Italia 2 (Asia – Australia)
PECHINO/PERTH Domenica 16 Luglio h16.15
SYDNEY Domenica 16 Luglio h18.15

Rai Italia 3 (Africa)
JOHANNESBURG Domenica 16 Luglio h10.15

Ultima ora

18:25Hillary difende Bill, nel suo caso si indagò su molestie

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - Hillary Clinton torna a difendere il marito Bill dopo che la senatrice di New York Kirsten Gillibrand, potenziale candidata dem per la Casa Bianca nel 2020, ha detto che l'allora presidente degli Stati Uniti - assolto al processo di impeachment - avrebbe dovuto dimettersi dopo lo scandalo Lewinski. "Quello fu un periodo doloroso, non solo nel nostro matrimonio ma nel nostro Paese, ma fu pienamente investigato, fu affrontato all'epoca e gli fu chiesto conto", ha dichiarato in una intervista alla radio Wabc. "Non so cosa Gillibrand volesse dire perché il suo commento intero era in qualche modo contraddittorio, ma lascerò che lei parli per sé stessa", ha aggiunto. Le dichiarazioni di Gillibrand hanno riaperto una ferita nel partito, come le accuse di molestie al senatore Al Franken, nonostante le sue scuse.

18:22Cc fa strage in famiglia: militare in coma farmacologico

(ANSA) - TARANTO, 19 NOV - E' tenuto in coma farmacologico al Policlinico di Bari, dove è ricoverato nel reparto maxillofacciale, l'appuntato dei carabinieri di 53 anni, Raffaele Pesare, di Sava, in servizio al Nucleo radiomobile di Manduria, che ieri mattina ha ucciso con la pistola d'ordinanza suo padre Damiano, di 85 anni, sua sorella Pasana (detta Nella), di 50, e suo cognato Salvatore Bisci, di 69, prima di tentare il suicidio sparandosi al mento con la pistola d'ordinanza. Il proiettile ha bucato il palato ed uscito dalla parte sinistra del setto nasale, senza ledere gli organi vitali. Il militare ora è piantonato in stato di arresto per omicidio plurimo. L'interrogatorio di garanzia si terrà solo quando le sue condizioni di salute lo permetteranno. Secondo una prima ipotesi investigativa, Pesare avrebbe compiuto la strage per dissidi con il cognato sui proventi della raccolta di olive di un terreno di proprietà del padre che gestiva assieme a Bisci. Pesare è sposato e ha due figli di 18 e 24 anni.

18:12Ex generale suicida: Rigopiano in lettera ritrovata

(ANSA) - SULMONA (L'AQUILA), 19 NOV - La vicenda dell'hotel Rigopiano compare sullo sfondo del suicidio del generale dei Carabinieri Forestali, Guido Conti, nelle campagne di Pacentro (L'Aquila) due giorni fa. "Da quando è accaduta la tragedia di Rigopiano la mia vita è cambiata. Quelle vittime mi pesano come un macigno. Perché tra i tanti atti ci sono anche prescrizioni a mia firma. Non per l'albergo, di cui non so nulla, me per l'edificazione del centro benessere. Vivo con cruccio", aveva scritto Conti in una delle due lettere ai familiari il cui testo è stato pubblicato su diversi organi di stampa. "Stupisce che questa correlazione sia stata da taluno ipotizzata in assenza di qualsiasi collegamento diretto e indiretto. Tutto ciò aggiunge dolore al dolore", dice un familiare di Conti. Camera ardente aperta nella sala d'udienze del tribunale di Sulmona. Lunedì 20 novembre i funerali alla presenza dei vertici dei Carabinieri che lo hanno ricordato con commozione nella Virgo Fidelis Abruzzo e Molise.

18:00Renzi, combattiamo lo schifo della svastica a Pesaro

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Siamo tutti insieme a fianco del sindaco Matteo Ricci, della sua comunità, dei nostri fratelli ebrei. Questo gesto contro la scuola elementare Anna Frank ha un nome tecnico: si chiama schifo. E noi combatteremo lo schifo senza tregua a Pesaro come ovunque, tutti insieme". Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Matteo Renzi, commentando la svastica comparsa sul cartello della scuola Anna Frank di Pesaro.

17:59C.sinistra: Bersani, non si va anti con accrocchi e teatrini

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Per dirla con Catalano: l'unità è meglio... ma le cose sono un po' più complicate. A Walter e agli altri che come lui fanno appelli, ricordo che non ho sentito nessuno segnalare problemi nonostante le sconfitte degli ultimi 3 anni..mi si vuol riconoscere di avere uno straccio di idea di come battere la destra? Che avevo avvertito che c'era la mucca nel corridoio? Se restiamo in superficie con accrocchi e teatrini, la gente che ha ci ha mollati penserà: 'eccoli qua, portano acqua al solito mulino e il giorno dopo ricominciano..". Lo ha detto Pierluigi Bersani, a "1/2 ora in più" su Rai 3 dove ripete: "proporre aggregazioni senza contenuti, senza mettere una riga, senza rimettere in discussione politiche e metodi di governo, quella gente che vota altrove continuerà a votare altrove". Insomma, la gente "che è andata nel bosco, resterà nel bosco".

17:59Speranza, è Pisapia che ha cambiato idea

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Noi stiamo sempre dalla stessa parte, lavoriamo a costruire un progetto alternativo alle politiche sbagliate degli ultimi anni. Più che cambiare idea noi non vorrei che sia Pisapia ad aver cambiato idea, spero proprio di no". Lo dice Roberto Speranza all'assemblea di Mdp in corso a Roma, rispondendo a chi gli chiede di Giuliano Pisapia a "ripensarci".

17:58C.Sinistra: Pisapia, Mdp e SI ci ripensino

(ANSA) - BOLOGNA, 19 NOV - Mdp e altri "ci ripensino. Trovino o troviamo insieme il modo di non regalare il nostro Paese a chi l'ha rovinato tante volte". L'ha detto il leader di Campo Progressista, Giuliano Pisapia, a Bologna. Pisapia ha rivolto un "richiamo affettuoso di amicizia, gentile e non polemico e senza entrare nelle scelte degli altri. Perché in questo momento storico, si trovi il modo di fare, magari non tutta la marcia, ma almeno un pezzo di strada insieme".

Archivio Ultima ora