Il problema degli appuntamenti in Consolato, una proposta

Pubblicato il 14 luglio 2017 da Mauro Bafile

Schermata sito Consolato: Prenota appuntamento

Una realtà insostenibile. Il sistema degli appuntamenti imposto anche in Venezuela dal Ministero degli Affari Esteri ha trasformato il nostro Consolato Generale in un bunker inaccessibile, una roccaforte inespugnabile. E ha creato le condizioni per lo sviluppo di un fenomeno speculativo in crescita: il mercato della compra-vendita degli appuntamenti.

Come era logico, la rivoluzione informatica, prima o poi, doveva arrivare anche in seno alla Pubblica Amministrazione. Nulla da obiettare. La ventata di modernità, almeno in teoria, avrebbe dovuto permettere di snellire il farraginoso disbrigo delle pratiche e di democratizzare i servizi pubblici rendendoli più veloci e accessibili all’utenza. Diciamo “almeno in teoria” perché in Venezuela non è così. Ne sanno qualcosa i tanti, tantissimi connazionali obbligati a stare quotidianamente di fronte a un computer dalle ore 18 in punto, con le dita incrociate e la speranza, spesso vana, di ottenere un appuntamento. E’ l’attesa snervante del miracolo. Ma i miracoli, proprio perché tali, si concedono “una tantum”. Rari come le mosche bianche.

Certo, un sistema spedito per ottenere l’appuntamento c’è. E tutti, dentro e fuori il Consolato Generale, ne sono a conoscenza. Basta affidarsi a un gestore e tutto si risolve nel giro di pochi giorni. Nulla di illegale, per l’amor di Dio. I gestori sono dotati evidentemente di sistemi informatici “ad hoc” che permettono l’accesso preferenziale al sistema degli appuntamenti del nostro Consolato. Ma, come è logico, pretendono un congruo pagamento per il servizio.

E’ una semplice legge economica: la domanda crea l’offerta. E quanto più l’appuntamento è “merce rara” tanto più il prezzo cresce. Così, i servizi, ai quali i cittadini dovrebbero aver il diritto di accedere ogni qualvolta ne hanno bisogno, specie se vivono all’estero e in un paese in crisi come il Venezuela, in realtà sono negati alla stragrande maggioranza. Diventano motivo di antipatica discriminazione tra chi, cittadino di “Classe A”, può pagare tre o anche quattro volte il salario di un lavoratore per usufruire di un servizio che gli spetta di diritto; e chi, cittadino di “Classe B”, non ne ha le possibilità economiche.

Chi ha studiato e costruito il sistema degli appuntamenti, ingenuamente e sicuramente in buona fede, lo ha fatto riproducendo un mondo ideale. Ovvero, un Consolato Generale in cui sono presenti tanti funzionari quanti ne occorrono per smaltire le pratiche quotidiane. La realtà, purtroppo, è ben diversa. Almeno in Venezuela. E allora a poco o nulla servono l’impegno, la professionalità e la capacità del funzionario al quale, alla fine della giornata, invece della soddisfazione per aver fatto seriamente il proprio lavoro resta l’amarezza di sapere che non ha potuto soddisfare le esigenze di tutta l’utenza.

Soluzioni? Ve ne sono. E sicuramente sono tante. Noi ne suggeriamo una: l’assunzione di personale in loco con contratto temporaneo in numero sufficiente per far fronte alle esigenze attuali della nostra Collettività. Non stiamo proponendo nulla di nuovo. E’ stato già fatto in occasione della crisi argentina del 2002 attraverso il Decreto Legge del 16 Gennaio 2002, n. 3. Con questo provvedimento si permise agli Uffici consolari dipendenti di assumere “previa autorizzazione dell’Amministrazione centrale, personale con contratto temporaneo di sei mesi”. Nel Decreto Legge si precisava che “qualora continuassero a sussistere esigenze straordinarie di servizio, il contratto” poteva essere rinnovato “per due ulteriori successivi periodi di sei mesi”.

Il ministro Alfano, a suo tempo, si era impegnato in Parlamento a incrementare il numero dei funzionari nelle sedi diplomatiche e consolari del Venezuela. In precedenza, il sottosegretario Mario Giro, durante una delle sue tante visite al Paese, aveva ipotizzato la creazione di una speciale “task-force” da inviare in Venezuela per aiutare i funzionari oberati dal volume quotidiano di lavoro. Ma è evidente che è difficile trovare funzionari disposti a trasferirsi in un Paese sull’orlo se non di una guerra civile quasi certamente di una esplosione sociale dalle proporzioni imprevedibili.

L’approvazione di un Decreto Legge ad hoc, come già fatto per l’Argentina potrebbe essere la soluzione ideale. Dopo tutto, oggi il Venezuela, come l’Argentina nel 2002, vive una “crisi economica e finanziaria” di grosse proporzioni aggravata dall’instabilità politica e dalla mancanza di alimenti e medicine che rendono urgente l’apertura di un canale umanitario.

  • Emilio

    Forse siamo Italiani di seconda o terza classe, E realmente vergognoso , mi ricorda il SAIME .

  • Emilio

    E una vergogna, sembra il Saime

  • Emilio

    Vedo che e inutile commentare, l autocensura vi fa complici come molti mezzi informativo di questo paese. Saluti

    • lavoceditalia

      Ma se l’abbiamo pubblicato noi!!! Il ritardo è dovuto solo ai problemi di internet, da tutti conosciuti in Venezuela…

  • Walter Zanier

    Quello che succede nel consolato Venezuelano e’ una vergogna. E pensare che proprio oggi il ministro degli esteri, l’ ineffabile Alfano, ha comunicato, in pompa magna, che il consolato e’ stato rafforzato e che sta’ predisponendo aiuti per un milione di €. Per aiuti ai cittadini di Naz. lita’ italiana residenti in VE. Dicevo in pompa “magna”, scommettiamo chi se li “magna”?.

Ultima ora

11:00Siviglia: Berizzo ha il cancro e sarà operato

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Il grande entusiasmo del Siviglia per la formidabile rimonta con il Liverpool in Champions, da 0-3 a 3-3, è stata gelata dalla notizia che l'allenatore Eduardo Berizzo è gravemente malato. Al tecnico, come informa sul sito ufficiale il club, "è stato diagnosticato un adenocarcinoma (un tumore maligno) della prostata". "Gli esami - comunica il club - permetteranno di decidere i passi da seguire per il trattamento". "Il Siviglia - conclude la nota - vuole mostrare pieno supporto al tecnico in questo momento e gli augura una pronta guarigione". Già il quotidiano Marca aveva rivelato la notizia della grave malattia, riportando le parole del presidente José Castro, dopo l'appassionante sfida con il Liverpool. Il massimo dirigente degli andalusi, però, aveva detto di voler "aspettare fino a domani per la comunicazione ufficiale". L'allenatore argentino, che l'estate scorsa ha preso il posto di Jorge Sampaoli, verrà operato, ma ancora non si sa quando. Di certo, l'intervento chirurgico avverrà in tempi molto brevi.

10:52Donna uccisa nel Bolognese, fermato il marito

(ANSA) - BOLOGNA, 22 NOV - Svolta nelle indagini nell'omicidio di Anna Lisa Cacciari, la pensionata ex fioraia 65enne trovata morta lunedì nella sua casa di Armarolo di Budrio. Nella tarda serata di ieri la Procura di Bologna ha sottoposto a fermo il marito, Athos Vitali: il provvedimento sarà sottoposto a convalida del Gip. Il fermo è stato emesso dal procuratore Giuseppe Amato e dai Pm Enrico Cieri e Stefano Orsi, che hanno coordinato le indagini dei Carabinieri. L'uomo, 69 anni, ha confessato, fornendo un quadro che gli investigatori definiscono "coerente" con gli indizi raccolti nei suoi confronti. Non è riuscito a spiegare movimenti e contatti che aveva detto di avere avuto tra le 7.30 e le 10 di lunedì, l'arco temporale del delitto. Ha ammesso in sostanza di aver avuto una discussione con la moglie, per motivi da poco. Quindi ha colpito la donna due volte con un coltello da cucina, arma trovata e sottoposta a sequestro. Vitali è stato quindi portato in carcere, mentre proseguono ulteriori accertamenti. (ANSA).

10:37Aereo militare Usa precipita nel Pacifico, 11 a bordo

(ANSA) - TOKYO, 22 NOV - Un aereo della marina militare americana con a bordo 11 persone è precipitato nell'oceano Pacifico mentre stava rientrando verso la portaerei Uss Ronald Reagan. Lo riferisce un comunicato della stessa Marina Usa. L'incidente, le cui cause sono ancora sconosciute, è avvenuto a largo della costa giapponese, a sud-est di Okinawa. La settima flotta della Marina Usa, basata in Giappone, ha reso noto in un comunicato che le operazioni di soccorso sono partite proprio dalla portaerei Ronald Reagan, che stava operando nel Mar delle Filippine quando il velivolo si è schiantato in mare, alle 14.45 ora giapponese.

10:10Libano: Hariri alla parata per la festa di indipendenza

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 NOV - Il primo ministro libanese Saad Hariri è arrivato vicino alla Piazza dei Martiri, nel centro di Beirut, per assistere alla parata militare per il 74/o anniversario dell'indipendenza, dopo essere rientrato nella notte a Beirut. Il premier, tornato 17 giorni dopo avere rassegnato le sue dimissioni da Riad, ha in programma oggi incontri con il presidente della Repubblica Michel Aoun e con quello del Parlamento Nabih Berri.

10:00Ucraina: Kiev, leader ribelli Lugansk fuggito in Russia

(ANSA) - MOSCA, 22 NOV - Il presidente dell'autoproclamata repubblica popolare di Lugansk, Igor Plotnitski, si è rifugiato in Russia dopo che ieri la città del Donbass è stata occupata da un misterioso commando senza insegne di riconoscimento, probabilmente legato al suo rivale Igor Kornet: lo sostiene il ministero dell'Interno ucraino. "Secondo le mie fonti - ha scritto su Facebook il capo del dipartimento comunicazione del ministero dell'Interno di Kiev, Artiom Shevchenko - il capobanda dei terroristi di Lugansk, Igor 'Plotva' Plotnitski è fuggito in Russia. I ragni nel barattolo continuano a divorarsi l'un l'altro".

09:43‘Ndrangheta: traffico internazionale droga, 12 arresti

(ANSA) - TORINO, 22 NOV - I carabinieri del Ros hanno smantellato un'organizzazione criminale legata alla 'Ndrangheta e dedita al traffico internazionale di stupefacenti. Dodici gli arresti eseguiti su richiesta della Procura distrettuale antimafia di Torino, tra cui due pericolosi latitanti localizzati a Malaga, in Spagna. L'operazione 'Bellavita', come è stata ribattezzata, ha permesso di individuare i canali di approvvigionamento di ingenti quantità di cocaina e hashish, le modalità di trasporto e la rete di distribuzione. Le misure cautelari sono state eseguite, oltre che in Spagna grazie alla collaborazione della polizia spagnola, nell'area metropolitana di Torino e in altre località italiane. L'organizzazione criminale era dedita anche alla detenzione illecita di armi. (ANSA).

09:01Russiagate: Wsj, Mueller indaga Kushner per risoluzione Onu

(ANSA) - NEW YORK, 22 NOV - Il team investigativo del procuratore speciale del Russiagate, Robert Mueller, sta indagando sui contatti del genero del presidente Donald Trump, Jared Kushner, con leader stranieri e in particolare sul ruolo da lui giocato nel tentativo di fermare una controversa risoluzione Onu approvata il 23 dicembre che condannava Israele per gli insediamenti nei territori occupati. Lo scrive il Wall Street Journal sul suo sito online. Non e' chiaro motivo per cui Mueller sia interessato a Kushner ma il nuovo filone di inchiesta, secondo il quotidiano, apre uno spiraglio sul tipo di domande che gli investigatori del Russiagate stanno facendo dietro le quinte.

Archivio Ultima ora