Il problema degli appuntamenti in Consolato, una proposta

Pubblicato il 14 luglio 2017 da Mauro Bafile

Schermata sito Consolato: Prenota appuntamento

Una realtà insostenibile. Il sistema degli appuntamenti imposto anche in Venezuela dal Ministero degli Affari Esteri ha trasformato il nostro Consolato Generale in un bunker inaccessibile, una roccaforte inespugnabile. E ha creato le condizioni per lo sviluppo di un fenomeno speculativo in crescita: il mercato della compra-vendita degli appuntamenti.

Come era logico, la rivoluzione informatica, prima o poi, doveva arrivare anche in seno alla Pubblica Amministrazione. Nulla da obiettare. La ventata di modernità, almeno in teoria, avrebbe dovuto permettere di snellire il farraginoso disbrigo delle pratiche e di democratizzare i servizi pubblici rendendoli più veloci e accessibili all’utenza. Diciamo “almeno in teoria” perché in Venezuela non è così. Ne sanno qualcosa i tanti, tantissimi connazionali obbligati a stare quotidianamente di fronte a un computer dalle ore 18 in punto, con le dita incrociate e la speranza, spesso vana, di ottenere un appuntamento. E’ l’attesa snervante del miracolo. Ma i miracoli, proprio perché tali, si concedono “una tantum”. Rari come le mosche bianche.

Certo, un sistema spedito per ottenere l’appuntamento c’è. E tutti, dentro e fuori il Consolato Generale, ne sono a conoscenza. Basta affidarsi a un gestore e tutto si risolve nel giro di pochi giorni. Nulla di illegale, per l’amor di Dio. I gestori sono dotati evidentemente di sistemi informatici “ad hoc” che permettono l’accesso preferenziale al sistema degli appuntamenti del nostro Consolato. Ma, come è logico, pretendono un congruo pagamento per il servizio.

E’ una semplice legge economica: la domanda crea l’offerta. E quanto più l’appuntamento è “merce rara” tanto più il prezzo cresce. Così, i servizi, ai quali i cittadini dovrebbero aver il diritto di accedere ogni qualvolta ne hanno bisogno, specie se vivono all’estero e in un paese in crisi come il Venezuela, in realtà sono negati alla stragrande maggioranza. Diventano motivo di antipatica discriminazione tra chi, cittadino di “Classe A”, può pagare tre o anche quattro volte il salario di un lavoratore per usufruire di un servizio che gli spetta di diritto; e chi, cittadino di “Classe B”, non ne ha le possibilità economiche.

Chi ha studiato e costruito il sistema degli appuntamenti, ingenuamente e sicuramente in buona fede, lo ha fatto riproducendo un mondo ideale. Ovvero, un Consolato Generale in cui sono presenti tanti funzionari quanti ne occorrono per smaltire le pratiche quotidiane. La realtà, purtroppo, è ben diversa. Almeno in Venezuela. E allora a poco o nulla servono l’impegno, la professionalità e la capacità del funzionario al quale, alla fine della giornata, invece della soddisfazione per aver fatto seriamente il proprio lavoro resta l’amarezza di sapere che non ha potuto soddisfare le esigenze di tutta l’utenza.

Soluzioni? Ve ne sono. E sicuramente sono tante. Noi ne suggeriamo una: l’assunzione di personale in loco con contratto temporaneo in numero sufficiente per far fronte alle esigenze attuali della nostra Collettività. Non stiamo proponendo nulla di nuovo. E’ stato già fatto in occasione della crisi argentina del 2002 attraverso il Decreto Legge del 16 Gennaio 2002, n. 3. Con questo provvedimento si permise agli Uffici consolari dipendenti di assumere “previa autorizzazione dell’Amministrazione centrale, personale con contratto temporaneo di sei mesi”. Nel Decreto Legge si precisava che “qualora continuassero a sussistere esigenze straordinarie di servizio, il contratto” poteva essere rinnovato “per due ulteriori successivi periodi di sei mesi”.

Il ministro Alfano, a suo tempo, si era impegnato in Parlamento a incrementare il numero dei funzionari nelle sedi diplomatiche e consolari del Venezuela. In precedenza, il sottosegretario Mario Giro, durante una delle sue tante visite al Paese, aveva ipotizzato la creazione di una speciale “task-force” da inviare in Venezuela per aiutare i funzionari oberati dal volume quotidiano di lavoro. Ma è evidente che è difficile trovare funzionari disposti a trasferirsi in un Paese sull’orlo se non di una guerra civile quasi certamente di una esplosione sociale dalle proporzioni imprevedibili.

L’approvazione di un Decreto Legge ad hoc, come già fatto per l’Argentina potrebbe essere la soluzione ideale. Dopo tutto, oggi il Venezuela, come l’Argentina nel 2002, vive una “crisi economica e finanziaria” di grosse proporzioni aggravata dall’instabilità politica e dalla mancanza di alimenti e medicine che rendono urgente l’apertura di un canale umanitario.

  • Emilio

    Forse siamo Italiani di seconda o terza classe, E realmente vergognoso , mi ricorda il SAIME .

  • Emilio

    E una vergogna, sembra il Saime

  • Emilio

    Vedo che e inutile commentare, l autocensura vi fa complici come molti mezzi informativo di questo paese. Saluti

    • lavoceditalia

      Ma se l’abbiamo pubblicato noi!!! Il ritardo è dovuto solo ai problemi di internet, da tutti conosciuti in Venezuela…

  • Walter Zanier

    Quello che succede nel consolato Venezuelano e’ una vergogna. E pensare che proprio oggi il ministro degli esteri, l’ ineffabile Alfano, ha comunicato, in pompa magna, che il consolato e’ stato rafforzato e che sta’ predisponendo aiuti per un milione di €. Per aiuti ai cittadini di Naz. lita’ italiana residenti in VE. Dicevo in pompa “magna”, scommettiamo chi se li “magna”?.

Ultima ora

01:53Usa: Protesta a Congresso in difesa Obamacare, arresti

(ANSA) - NEW YORK, 25 SET - Centinaia di attivisti, fra cui diversi disabili in sedia a rotelle, stanno manifestando al Congresso americano contro il nuovo tentativo dei repubblicani di abolire e sostituire l'Obamacare, tentativo fallito con la defezione della senatrice Collins. Anche molti disabili sono stati allontanati con la forza dalla polizia e arrestati mentre chiedevano, cantando, di non tagliare fondi alla sanità.

01:35Usa: mancano voti Congresso per riformare Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON, 25 SET - Affonda il nuovo tentativo dei repubblicani di abolire e sostituire l'Obamacare. Il progetto di legge per riformare la sanità messo a punto dai senatori Lindsey Graham e Bill Cassidy non ha i voti necessari per il passaggio in Senato. La senatrice repubblicana Susan Collins ha infatti annunciato che non sostiene il progetto, andandosi ad aggiungere ai senatori Rand Paul e John McCain. Nel frattempo è emerso che la nuova proposta dei repubblicani per abolire e sostituire l'Obamacare farebbe perdere la copertura sanitaria a "milioni di americani". Lo afferma il Congressional Budget Office, l'organismo bipartisan incaricato di fornire analisi economiche al Congresso. L'analisi preliminare condotta sulla prima versione del progetto di legge Graham-Cassidy farebbe "perdere la copertura a milioni. Il numero" di coloro che non sarebbero più coperti "è variabile e dipende da come gli stati attueranno la norma".

01:26Uccide marito con matterello durante una lite

(ANSA) - TERRANUOVA BRACCIOLINI (AREZZO), 26 SET - Ha ucciso il marito colpendolo alla testa con un matterello al culmine di una lite. A dare l'allarme è stata la figlia 25enne. E' accaduto poco prima delle 23 di lunedì a Terranuova Bracciolini (Arezzo), quando la figlia ha chiamato il 118 dicendo che i padre era a terra "con la testa fracassata" . I sanitari del 118 sono accorsi dandole intanto indicazioni per eventuali tentativi di rianimazione. Al loro arrivo hanno trovato il corpo dell'uomo, 62 anni, tra il bagno e il corridoio. Sul divano la donna, che poi avrebbe anche confessato il delitto. Già nel pomeriggio ci sarebbe stata una lite tra i coniugi.

00:36Calcio: l’Arsenal torna al successo, 2-0 al West Bromwich

(ANSA) - ROMA, 26 SET - L'Arsenal torna alla vittoria in Premier League battendo 2-0 il West Bromwich Albion nell'ultimo incontro della sesta giornata. Entrambe le reti sono state realizzate dal bomber francese, a segno al 20' pt e al 22' st, su rigore. La squadra guidata da Arsene Wenger è ora settima in classifica, a -7 dalla coppia di testa Manchester City-Manchester United. Uno dei protagonisti è stato anche il capitano del Wba Gareth Barry, che a 36 anni ha toccato le 633 presenze in Premier, migliorando il record fin qui detenuto dalla bandiera dello United Ryan Giggs.

23:32Calcio: Wanda “clausola Icardi? Per ora stiamo bene “

(ANSA) - MILANO, 25 SET - ''Per ora stiamo bene. Abbiamo firmato pochi mesi fa un prolungamento di contratto. Aumentare la clausola? Per ora non ci pensiamo, siamo a posto così''. Wanda Nara, moglie e agente di Mauro Icardi, parla del futuro del capitano dell'Inter. Secondo alcune voci, l'entourage del giocatore starebbe trattando col club per aumentare l'attuale clausola. Lo stesso Spalletti, qualche settimana fa, aveva detto che serviva una clausola 'alla Isco', da campione. ''Se lo dice l'allenatore - commenta Wanda - siamo contenti ma adesso non ci stiamo pensando''. La convocazione di Icardi con l'Argentina è un obiettivo raggiunto. Ma la showgirl argentina era sicura che la chiamata sarebbe presto arrivata: ''Ho sempre saputo che noi argentini abbiamo bisogno di un attaccante come Icardi, così giovane. Se credo che si qualificherà per i Mondiali? Certo, senza l'Argentina non sarebbero Mondiali''.

23:30Champions: arrestati a Napoli tre tifosi olandesi

(ANSA) - NAPOLI, 25 SET - Gli agenti della polizia di Stato hanno arrestato a Napoli tre tifosi olandesi giunti in città alla vigilia della sfida di Champions League tra la squadra partenopea e il Feyenoord, malgrado il divieto di vendita dei biglietti ai cittadini olandesi disposto dalla questura. La volante del commissariato è intervenuta in via dei Fiorentini, non lontano dalla Questura, a seguito della segnalazione della presenza di alcune persone moleste. Giunti sul posto, i poliziotti, ancora in auto, sono stati oggetto del lancio di alcune pietre. Gli agenti nel tentativo di bloccarli sono stati aggrediti e in una colluttazione hanno riportato lesioni. I tre aggressori, tutti 21enni, sono stati arrestati e verranno condotti nel carcere di Poggioreale.

23:23Calcio: Milik “penso a tornare, tenete le dita incrociate”

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Grazie a tutti per i vostri messaggi, significano molto per me. Ora sono concentrato sul ritorno, tenete le dita incrociate'': lo scrive su twitter l'attaccante del Napoli Arek Milik operato oggi al legamento crociato del ginocchio destro. Al giocatore polacco sono giunti moltissimi messaggi di auguri e solidarietà sui social, tra i quali quelli del compagno di squadra Dries Mertens e del giocatore della Roma Alessandro Florenzi, da poco tornato a giocare dopo incidenti simili a quelli del collega azzurro.

Archivio Ultima ora