Il problema degli appuntamenti in Consolato, una proposta

Pubblicato il 14 luglio 2017 da Mauro Bafile

Schermata sito Consolato: Prenota appuntamento

Una realtà insostenibile. Il sistema degli appuntamenti imposto anche in Venezuela dal Ministero degli Affari Esteri ha trasformato il nostro Consolato Generale in un bunker inaccessibile, una roccaforte inespugnabile. E ha creato le condizioni per lo sviluppo di un fenomeno speculativo in crescita: il mercato della compra-vendita degli appuntamenti.

Come era logico, la rivoluzione informatica, prima o poi, doveva arrivare anche in seno alla Pubblica Amministrazione. Nulla da obiettare. La ventata di modernità, almeno in teoria, avrebbe dovuto permettere di snellire il farraginoso disbrigo delle pratiche e di democratizzare i servizi pubblici rendendoli più veloci e accessibili all’utenza. Diciamo “almeno in teoria” perché in Venezuela non è così. Ne sanno qualcosa i tanti, tantissimi connazionali obbligati a stare quotidianamente di fronte a un computer dalle ore 18 in punto, con le dita incrociate e la speranza, spesso vana, di ottenere un appuntamento. E’ l’attesa snervante del miracolo. Ma i miracoli, proprio perché tali, si concedono “una tantum”. Rari come le mosche bianche.

Certo, un sistema spedito per ottenere l’appuntamento c’è. E tutti, dentro e fuori il Consolato Generale, ne sono a conoscenza. Basta affidarsi a un gestore e tutto si risolve nel giro di pochi giorni. Nulla di illegale, per l’amor di Dio. I gestori sono dotati evidentemente di sistemi informatici “ad hoc” che permettono l’accesso preferenziale al sistema degli appuntamenti del nostro Consolato. Ma, come è logico, pretendono un congruo pagamento per il servizio.

E’ una semplice legge economica: la domanda crea l’offerta. E quanto più l’appuntamento è “merce rara” tanto più il prezzo cresce. Così, i servizi, ai quali i cittadini dovrebbero aver il diritto di accedere ogni qualvolta ne hanno bisogno, specie se vivono all’estero e in un paese in crisi come il Venezuela, in realtà sono negati alla stragrande maggioranza. Diventano motivo di antipatica discriminazione tra chi, cittadino di “Classe A”, può pagare tre o anche quattro volte il salario di un lavoratore per usufruire di un servizio che gli spetta di diritto; e chi, cittadino di “Classe B”, non ne ha le possibilità economiche.

Chi ha studiato e costruito il sistema degli appuntamenti, ingenuamente e sicuramente in buona fede, lo ha fatto riproducendo un mondo ideale. Ovvero, un Consolato Generale in cui sono presenti tanti funzionari quanti ne occorrono per smaltire le pratiche quotidiane. La realtà, purtroppo, è ben diversa. Almeno in Venezuela. E allora a poco o nulla servono l’impegno, la professionalità e la capacità del funzionario al quale, alla fine della giornata, invece della soddisfazione per aver fatto seriamente il proprio lavoro resta l’amarezza di sapere che non ha potuto soddisfare le esigenze di tutta l’utenza.

Soluzioni? Ve ne sono. E sicuramente sono tante. Noi ne suggeriamo una: l’assunzione di personale in loco con contratto temporaneo in numero sufficiente per far fronte alle esigenze attuali della nostra Collettività. Non stiamo proponendo nulla di nuovo. E’ stato già fatto in occasione della crisi argentina del 2002 attraverso il Decreto Legge del 16 Gennaio 2002, n. 3. Con questo provvedimento si permise agli Uffici consolari dipendenti di assumere “previa autorizzazione dell’Amministrazione centrale, personale con contratto temporaneo di sei mesi”. Nel Decreto Legge si precisava che “qualora continuassero a sussistere esigenze straordinarie di servizio, il contratto” poteva essere rinnovato “per due ulteriori successivi periodi di sei mesi”.

Il ministro Alfano, a suo tempo, si era impegnato in Parlamento a incrementare il numero dei funzionari nelle sedi diplomatiche e consolari del Venezuela. In precedenza, il sottosegretario Mario Giro, durante una delle sue tante visite al Paese, aveva ipotizzato la creazione di una speciale “task-force” da inviare in Venezuela per aiutare i funzionari oberati dal volume quotidiano di lavoro. Ma è evidente che è difficile trovare funzionari disposti a trasferirsi in un Paese sull’orlo se non di una guerra civile quasi certamente di una esplosione sociale dalle proporzioni imprevedibili.

L’approvazione di un Decreto Legge ad hoc, come già fatto per l’Argentina potrebbe essere la soluzione ideale. Dopo tutto, oggi il Venezuela, come l’Argentina nel 2002, vive una “crisi economica e finanziaria” di grosse proporzioni aggravata dall’instabilità politica e dalla mancanza di alimenti e medicine che rendono urgente l’apertura di un canale umanitario.

  • Emilio

    Forse siamo Italiani di seconda o terza classe, E realmente vergognoso , mi ricorda il SAIME .

  • Emilio

    E una vergogna, sembra il Saime

  • Emilio

    Vedo che e inutile commentare, l autocensura vi fa complici come molti mezzi informativo di questo paese. Saluti

    • lavoceditalia

      Ma se l’abbiamo pubblicato noi!!! Il ritardo è dovuto solo ai problemi di internet, da tutti conosciuti in Venezuela…

  • Walter Zanier

    Quello che succede nel consolato Venezuelano e’ una vergogna. E pensare che proprio oggi il ministro degli esteri, l’ ineffabile Alfano, ha comunicato, in pompa magna, che il consolato e’ stato rafforzato e che sta’ predisponendo aiuti per un milione di €. Per aiuti ai cittadini di Naz. lita’ italiana residenti in VE. Dicevo in pompa “magna”, scommettiamo chi se li “magna”?.

Ultima ora

22:06Calcio: Bonucci “Milan di nuovo al vertice, uniti si può”

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - "Riportare il Milan ai vertici italiani ed europei. Uniti si può". Leonardo Bonucci inizia l'avventura rossonera ispirandosi ai fasti del passato e alla difesa che ha fatto grande questa squadra. "Quando pensi al Milan, vieni subito attratto dalla sua storia, da quella dei campioni che hanno vestito la sua maglia - ha scritto il difensore su Instagram -. Penso a Baresi, Costacurta, Maldini, Nesta, Tassotti. Li ammiro per quello che hanno dato al calcio e a questo Club. Loro sono nella leggenda, io arrivo oggi, per iniziare a scrivere una nuova pagina della storia rossonera e della mia carriera". Nel post accompagnato dall'hashtag 'più affamato che mai', firmato come sempre con le iniziali e il numero 19 (che ora gli contende il compagno di squadra Kessie), Bonucci aggiunge: "Inizia una nuova sfida, una nuova avventura assieme a compagni che come me hanno tanta fame e voglia di vincere. Ringrazio la Società tutta".

21:56Incendi: folla ringrazia pompieri caserma Grosseto

(ANSA) - GROSSETO, 20 LUG - Centinaia di cittadini di Grosseto stasera ringraziano i vigili del fuoco nella caserma del locale comando provinciale per l'impegno profuso nello spegnimento dei numerosi incendi che hanno colpito la Maremma, roghi che hanno arrecato danni ingenti al territorio e alle cose (abitazioni e auto attaccate nella pineta di Marina di Grosseto). Vengono sventolate bandiere tricolori, sono esposti striscioni con scritte tipo 'Milioni di questi vigili, grazie di tutto', sono lanciate frasi di incitamento. Mogli e figli dei vigili del fuoco indossano magliette di colore bianco e rosso in cui si esprime l'orgoglio di essere familiari dei pompieri. I vigili sono schierati in divisa operativa e coi mezzi antincendio nel piazzale della caserma. L'iniziativa di riunirsi presso la caserma 'Carnicelli', per ringraziare i pompieri, è stata proposta su Facebook da alcuni privati cittadini e sta riscuotendo un grande seguito.

21:35Calcio: Donnarumma, strana sensazione allenarsi col fratello

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - Oltre all'ingaggio da top player, gli allenamenti con il fratello Antonio sono la principale novità per Gigi Donnarumma, dopo il rinnovo di contratto con il Milan. "È una strana sensazione, non mi ero mai allenato con lui. Con Antonio e Marco Storari lavoriamo bene", ha sorriso il 18enne portiere rossonero, durante una chiacchierata con l'ex compagno di squadra e ora club manager Christian Abbiati, organizzata a Guangzhou, prima della partenza per Shenzhen, sede dell'ultima amichevole della tournée cinese, sabato contro il Bayern Monaco. "Ci sono tanti nuovi, e quelli vecchi li stanno facendo sentire a casa - ha spiegato Donnarumma -. La società sta facendo un grandissimo lavoro, quelli che sono arrivati sono tutti bravissimi giocatori si stanno adattando molto bene". Infine, ad Abbiati che gli domandava quale fosse il suo idolo, Donnarumma ha risposto: "È stato sempre Buffon, poi c'eri tu che facevi il portiere nella squadra per la quale tifavo. In Nazionale Gigi mi aiuta tanto, cerco di imitare Neuer".

21:29O.J. Simpson ottiene libertà condizionale

(ANSA) - NEW YORK, 20 LUG - O.J. Simpson ha ottenuto la liberta' condizionale. La decisione è stata annunciata al termine di 20 minuti di deliberazione. Simpson potrà lasciare il carcere l'1 ottobre.

21:18Tabaccaio morì in tentativo rapina, un indagato dopo 3 anni

(ANSA) - ASTI, 20 LUG - Svolta nelle indagini per l'omicidio di Manuel Bacco, il tabaccaio di 37 anni ucciso a colpi di pistola ad Asti, nel suo negozio di corso Alba nel 2014. A quasi tre anni dal delitto, un astigiano di 24 anni è finito nel registro degli indagati. La rendo noto l'avvocato Claudia Malabaila, che difende il giovane insieme al collega Roberto Caranzano. "Oggi c'è stato un interrogatorio in Procura durato quattro ore - conferma Malabaila - il mio cliente si è dichiarato innocente". Le indagini sull'omicidio proseguono nel più stretto riserbo di Procura e carabinieri. Il delitto la sera del 19 dicembre di tre anni fa. I malviventi puntavano all'incasso della giornata, ma la reazione del tabaccaio, intervenuto per difendere la moglie strattonata da uno dei banditi, ha fatto perdere loro il controllo. Colpita a bruciapelo al torace, la vittima era morta sul colpo.(ANSA).

21:15Governo: Speranza, le ultime scelte non ci convincono

(ANSA) - POTENZA, 20 LUG - "Le ultime scelte del Governo non ci convincono". Così Roberto Speranza (Mdp), a Potenza, ha risposto alle domande dei giornalisti sulle recenti vicende politiche. In particolare, Speranza ha fatto riferimento "alla scelta di rinviare lo Ius soli, non avendo il coraggio di andare avanti, e alla scelta di reinserire i voucher nella manovrina".

21:11Renzi, onore armi a Costa, per governo non cambia niente

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Credo che il ministro Costa abbia dimostrato di avere delle idee, che io non condivido, ma alle quali tiene. Onore delle armi". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi alla presentazione del suo libro a Roma. "Per il governo non cambia niente".

Archivio Ultima ora