Intercettazioni: una banca dati per le “impronti vocali”

Pubblicato il 14 luglio 2017 da ansa

intercettazioni

Intercettazioni, voci

ROMA. – Dalla banca dati del Dna e delle impronte digitali a quella delle “impronte vocali” per arrivare al riconoscimento automatico delle voci tra due interlocutori anonimi intercettati: è questo “il nuovo traguardo” delle investigazioni di polizia scientifica. Basta pensare a quante conversazioni avvengono utilizzando identità nascoste o false e all’importanza di identificare gli autori, nelle indagini per terrorismo.

A questo tema il Racis, il Raggruppamento investigazioni scientifiche dei Carabinieri, ha dedicato un seminario internazionale per fare il punto sull’evoluzione della fonica forense, dagli anni ’70 ad oggi: dallo spettrografo analogico ai sistemi automatici, che negli ultimi anni si sono evoluti nella gestione dell’errore, adeguandosi agli standard forensi.

In questo scenario comincia a prendere sostanza, spiegano gli esperti dell’Arma, l’ipotesi di gestione di grandi moli di dati, con la creazione di data base e, contestualmente, la ricerca automatica. “Uno degli strumenti investigativi più utilizzati nelle fase di indagini preliminari – ha spiegato il generale Aldo Iacobelli, comandante del Racis – sono le intercettazioni, 14mila quelle telefoniche nel 2015, e ambientali, poco meno di 15mila: cifre di gran lunga superiori a tutte le altre fonti di prova.

Identificare chi parla è un accertamento complesso, a differenza del Dna e delle impronte digitali, la voce può essere camuffata, e cambia nel tempo. Vanno quindi distinte le caratteristiche permanenti”. Eppure è possibile risalire alla cosiddetta impronta vocale. Un unicum, al pari appunto delle impronte digitali, anche se la voce è un fenomeno dinamico, condizionato dall’ambiente e dalle emozioni.

I Carabinieri contribuiscono, con l’Interpol, la polizia tedesca, quelle inglese e portoghese, al Siip (Speaker identification integrated projet), una ricerca finanziata dall’Unione europea per sviluppare un sistema di identificazione dei ‘parlatori sconosciuti’, attraverso più algoritmi specifici per l’analisi dei dati vocali. In questo modo si può ottenere un’identificazione altamente affidabile, riducendo al minimo i falsi positivi.

L’obiettivo è superare due ostacoli principali: le identità nascoste di terroristi e criminali che utilizzano nick name, profili falsi e alterano frequentemente le schede dei cellulari; e le difficoltà nell’identificare gli interlocutori sconosciuti di un soggetto noto e intercettato. Un futuro database internazionale sarà gestito da Interpol.

“Il riconoscimento automatico delle voci intercettate attraverso l”impronta fonica’ è il nuovo traguardo della polizia scientifica”, ha sottolineato il comandante dei Carabinieri, il generale Tullio Del Sette, spiegando che “quello che bisogna ottenere è l’archiviazione certa, affidabile e pulita delle voci e l’identificazione automatica”, nel senso che “attraverso una voce anonima registrata, così come avviene per le impronte digitale e il Dna, si può operare un confronto nella banca dati” e questo è importantissimo soprattutto nelle indagini per terrorismo internazionale.

Ultima ora

05:56Germania: proiezioni finali, Cdu-Csu a 32,9, Spd 20,8

ROMA, 25 SET - L'autorita' federale per le elezioni ha leggermente modificato i dati delle proiezioni finali per il rinnovo del Parlamento tedesco diffusi dall'Istituto di sondaggi Zdf. L'Unione Cdu-Csu consegue il 33% dei voti, i socialdemocratici della Spd il 20,5% e gli oltranzisti di destra della Afd il 12,6%. Secondo Zdf poi, Fpd e' al 10,4% (+5,6%); i Verdi al 9,0% (+0,6%); Linke al 9,0% (+0,4%). Se queste proiezioni fossero confermate dai risultati finali, questa sarebbe la nuova divisione dei seggi in Parlamento: Cdu-Csu 238, socialdemocratici 148, AfD 95, liberali 78, Linke 66, Verdi 65.

05:43Usa: nuova stretta su ingressi, riguarda 8 Paesi

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha annunciato una nuova stretta sugli ingressi negli Stati Uniti. Le nuove misure riguardano otto Paesi: oltre a cinque dei sei a maggioranza musulmana gia' presi di mira nel bando in scadenza alla mezzanotte (Iran, Somalia, Libia, Yemen e Siria) spuntano ora anche Ciad, Corea del Nord e Venezuela. Le restrizioni non riguarderanno chi gia' possiede un visto Usa. Scompare dalla lista il Sudan.

05:28Marocco, la polizia interrompe la festa di una sposa bambina

RABAT - C'erano la torta e i fiori, gli invitati, i regali, i parenti felici. Ma le immagini postate su Facebook hanno indignato la Rete: nell'abito bianco di quella che sembrava una sposa c'era una bambina, accanto a lei un uomo di 27 anni. È accaduto a Tetouan, poco più di 400 mila abitanti, nel nord del Marocco, ai piedi della catena del Rif. L'ondata di sdegno ha costretto la polizia a intervenire. Gli uomini in divisa hanno interrotto la cerimonia e rimandato a casa gli invitati. La madre della bambina assicura che si trattava soltanto di una festa di fidanzamento, una promessa di amore in attesa che la piccola raggiunga l'età giusta per sposarsi, i 18 anni previsti dalla Moudawana, il codice della Famiglia riscritto e aggiornato nel 2004.

05:21Kushner come Hillary, usa account email privato

NEW YORK - Jared Kushner come Hillary Clinton. Il genero di Donald Trump e uno dei piu' stretti consiglieri del presidente americano avrebbe infatti usato un account email privato per comunicare con altri alti responsabili dell'amministrazione Trump, contravvenendo all'obbligo di ricorrere solo alla email governativa ufficiale. Lo svela Politico.

04:20Trump, mie critiche ad atleti non c’entrano con razza

NEW YORK - "Questa vicenda non ha niente a che vedere con la razza. Riguarda solo il rispetto per la nostra bandiera e per il nostro Paese": cosi' parlando con i giornalisti Donald Trump e' tornato sulla protesta dei giocatori di football, inginocchiatisi su tutti i campi durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Alcuni sono anche rimasti negli spogliatoi.

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

Archivio Ultima ora