Macron, grandeur con Trump a Parigi. Commozione a Nizza

Pubblicato il 14 luglio 2017 da ansa

Le celebrazioni per il 14 luglio a Parigi. EPA/IAN LANGSDON

PARIGI. – Emmanuel Macron non lascia mai il centro della scena, in coppia ormai collaudata con Donald Trump per gonfiare il petto e mostrare la nuova grandeur della Francia, o subito dopo nelle strade di Nizza a ricordare i morti di un anno fa e ad abbracciare i loro familiari. Due giorni in vetrina per il nuovo presidente di una Francia che deve ancora cominciare a ripartire ma che dà l’impressione di aver cambiato umore. Il partner preferito è ormai Trump, il presidente con il quale va a cena “da amici” e con il quale “condivide i disaccordi”.

Oggi, insieme con Melania, si è svolto l’ultimo atto della due giorni parigina per la coppia presidenziale americana, ancora al fianco di Emmanuel e Brigitte Macron per la sfilata militare del 14 luglio sugli Champs-Elysées. Una sfilata dal sapore particolare, anche con la celebrazione del centenario dell’entrata in guerra degli americani nel primo conflitto mondiale: 150 militari americani erano in testa alla colonna delle forze armate, in memoria dei 126.000 soldati Usa che persero la vita sul fronte alleato. In cinque indossavano uniformi dell’epoca. La pattuglia acrobatica ha sorvolato Parigi e insieme a loro c’era quella dell’US Air Force.

L’amicizia, le continue pacche sulle spalle e strette di mano, la complicità dei sorrisi, tutto ha contribuito a creare in due giorni la realtà di un nuovo asse esclusivo fra un Macron in auge e un Trump sempre più isolato: “Nulla mai ci dividerà dagli Stati Uniti – ha rincarato il padrone di casa prima dell’affettuoso saluto a place de la Concorde al termine della visita dei Trump – 100 anni fa trovammo degli alleati sicuri, amici venuti in nostro soccorso”.

Trump ha ricambiato con un tweet: “Le relazioni con la Francia sono più forti che mai, ieri sera splendida serata con il presidente e la signora Macron, cena sulla Tour Eiffel”. Applausi e anche faccia stupefatta di Trump quando la banda militare sotto la tribuna presidenziale ha intonato – fra inni e marce militari – un motivetto dei Daft Punk.

Poi l’omaggio a Nizza, come un ponte verso il pomeriggio, quando – salutato Trump – il presidente Macron e Brigitte si sono trasferiti a Nizza, preceduti dalla pattuglia acrobatica. Atmosfera densa di ricordi, di dolore, un momento molto diverso da quelli vissuti nelle ultime ore a Parigi, ma Macron l’ha capito subito.

Visita alla Mairie dal sindaco Christian Estrosi, poi bagno di folla ma senza trionfalismi, quindi i momenti più toccanti: le 12.000 cartelline colorate di tricolore a comporre i nomi delle 86 vittime, ripresi ancora una volta da tanti abitanti della città che li hanno incollati uno dopo l’altro componendo un cuore. Poi il momento delle lacrime, con una ragazza dell’associazione “Promenade des anges”, Pauline, che ha perso una cuginetta nell’attentato, e che ha letto, fra le lacrime, un testo che ha lasciato tutti senza fiato.

Si ricordavano i bambini morti mentre guardavano sulle spalle dei papà i fuochi d’artificio, gli eroi sconosciuti di quella sera, il ricordo che non muore mai. Poi è toccato a Macron, che con aria grave ha detto di “capire la rabbia” dei familiari delle vittime, che chiedono allo stato più di quello che non faccia e si è fatto “garante” della loro protezione. “Abbiamo dimenticato il nome di quell’anonimo assassino – ha detto il presidente – abbiamo imparato i nomi dei nostri morti”.

(di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

02:34CC Firenze, ragazze sentite per oltre 12 ore

(ANSA) - FIRENZE, 22 NOV - Dodici ore e mezzo la durata-record dell'incidente probatorio all'aula bunker di Firenze sul caso della denuncia di due carabinieri per violenza sessuale contro due studentesse americane il 7 settembre scorso in città. Sono state sentite le due ragazze dal Gip Mario Profeta in lunghe deposizioni durate rispettivamente circa 7 ore la prima e cinque ore e mezzo la seconda. All'uscita dell'aula gli avvocati hanno sottolineato che sono state fatte solo brevi pause per necessità personali. L'incidente probatorio è cominciato stamani alle 10 e si è concluso intorno alle 22.30. Al termine del fuoco di fila delle centinaia di domande fatte dal gip, comunque meno di quelle proposte della difesa, secondo gli avvocati delle due giovani statunitensi, 19 e 21 anni, si è rafforzata l'ipotesi di reato. La difesa ha insistito sulla tesi di un rapporto consenzienti, che le ragazze hanno negato decisamente per tutta la deposizione, tra pianti e malori.

01:25Champions:Nainggolan,dopo loro gol ci siamo un po’ sfasciati

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Di Francesco ha detto che non dobbiamo pensare di essere diventati tutti bravi? Se il mister ha detto così avrà avuto i suoi motivi. Io penso che abbiamo fatto un buon primo tempo. Potevamo sfruttare meglio l'ultimo passaggio e poi dopo il loro gol ci siamo un po' sfasciati''. Nonostante il ko con l'Atletico, ai microfoni di "Premium Champions", il centrocampista della Roma Radja Nainggolan vede il bicchiere mezzo pieno: ''Però all'inizio del girone nessuno avrebbe detto che ci saremmo giocati la qualificazione contro il Qarabag all'ultima giornata. Rispetto all'andata ci siamo difesi molto, avevamo più paura di sbagliare, ora abbiamo la possibilità di passare e abbiamo giocato con più personalità''. ''Simeone ha detto che sarei un giocatore straordinario per l'Atletico Madrid? Sono sempre belle parole ma io sono qui, sono felice di rappresentare questa squadra. Ho fatto una scelta chiara due anni fa e l'anno scorso e non vedo perché dovrei cambiare squadra''.

01:20Champions: Allegri, molto importante non aver subito gol

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Le critiche servono a migliorare a riflettere sugli errori. E' stata un partita bella tatticamente, abbiamo subito pochissimo e avevamo davanti un Barcellona che quest'anno difende molto meglio''. Ai microfoni di 'Premium Champions', l'allenatore della Juventus Massimiliano Allegri analizza lo 0-0 contro il Barcellona: ''Nel primo tempo abbiamo avuto delle situazioni favorevoli, mentre nella ripresa ci hanno concesso meno anche se qualcosa abbiamo creato. Non dimentichiamoci che giocavamo contro il Barcellona. L'atteggiamento mi è piaciuto, in queste partite bisogna difendere tutti, abbiamo giocato a tre dietro ma in sostanza i giocatori erano gli stessi delle ultime gare però stasera tutti hanno difeso. Non mi interessava il risultato, mi interessava l'atteggiamento, dovevamo metterci il cuore: se la Juve difende come sa non prende gol''. ''Ora - aggiunge Allegri - da qui fino al 6 gennaio avremo dei giorni per allenarci con continuità per poter migliorare il gioco''

00:45Champions: qualificate agli ottavi Chelsea e Barcellona

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Dopo i match di questa sera della quinta giornata della fase a gironi della Champions League passano agli ottavi di finale con un turno d'anticipo il Chelsea e il Barcellona, le formazioni dei gironi di Roma e Juventus.

00:43Champions: Valverde’Messi in panchina? Anche lui riposa’

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - ''Ci sono momenti in cui nonostante l'enorme qualità Messi ha bisogno di riposare in una partita dura come quella contro la Juve''. Il tecnico del Barcellona Ernesto Valverde spiega così la sua decisione di lasciare Leo Messi inizialmente in panchina nel match di Champions a Torino contro la Juventus. ''Siamo felici per la qualificazione - aggiunge Valverde ai microfoni di Mediaset Premium - abbiamo cercato di dominare il gioco anche se abbiamo sofferto, giocare con la Juve non è mai semplice''.

00:37Champions: Di Francesco, vinto chi aveva più rabbia

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "E' stata una partita equilibrata, fino al loro gol: ha vinto alla fine chi aveva piu' rabbia". E' la disamina della partita con l'Atletico Madrid da parte di Eusebio Di Francesco. "Nel primo tempo abbiamo recuperato tanti palloni, ma per la squadra che siamo abbiamo fatto troppi errori - le parole del tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Ci vuole più cattiveria, non solo in fase difensiva ma anche nell'ultimo passaggio". Di Francesco ha negato che la Roma abbia 'mollato' dopo il derby. "Euforia da derby? L'euforia fa bene, la presunzione no: dobbiamo essere più cattivi, questa è la lezione di stasera".

00:34Champions: Psg a valanga con il Celtic

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Paris Saint Germain-Celtic 7-1 in un match della quinta giornata del gruppo B di Champions League. In gol Dembelè (2' pt), Neymar (9' e 22' pt), Cavani (28' pt e 34' st), Mbappè (35' pt), Verratti (30' st) e Dani Alves (35' st). Nello stesso gruppo Anderlecht-Bayern Monaco 1-2: in gol Lewandowski (6' st), Hanni (18' st) e Tolisso (32' st). Nel gruppo A Basilea-Manchester United 1-0, in gol Lang al 44' st.

Archivio Ultima ora