Tour: Aru frena e Froome si riprende la maglia gialla

Pubblicato il 15 luglio 2017 da ansa

Tour: Aru frena e Froome si riprende la maglia gialla. (ANSA/AP Photo/Peter Dejong)

ROMA. – Si accorcia la classifica generale del 104/o Tour de France di ciclismo e Fabio Aru perde la maglia gialla, tornata sulle spalle di Chris Froome (quasi) per caso. L’inglese, adesso, nella classifica generale, precede il rivale dell’Astana di 19″, il francese Romain Bardet di 23″, il colombiano Rigoberto Uran di 29″. In quanto a distacchi sembra il Giro d’Italia numero 100, invece è la Grande boucle che, sul muro di Rodez, ha privato della leadership il ‘Tamburino sardo’, per restituirla al keniano bianco.

Nulla è perduto, per dirla alla Aru, perché le tappe dell’Izoard e del Galibier possono scavare solchi così profondi che nessuna cronometro potrà colmare. Anche nel supertecnologico ciclismo 2.0, dove i distacchi sono chirurgici e per ammirare le imprese leggendarie bisogna navigare su internet. Aru ha perso la maglia gialla in un finale da classica del nord, con tanto di trappolone.

Il sardo è rimasto attardato rispetto al gruppetto dei migliori nel muro che portava al traguardo, Froome no. L’inglese, aiutato dallo squadrone che gli gira intorno, gli ha inflitto 25″ di distacco, annullando in poche pedalate quei 6″ che davano ad Aru il diritto-privilegio di guardare tutti dall’alto. La tappa poteva vincerla Philippe Gilbert, che è partito troppo presto e si è piantato sui pedali, invece se l’è aggiudicata l’australiano Michael Matthews, già maglia rosa al Giro d’Italia 2014 e da tempo a caccia di una soddisfazione al Tour.

Già domani Aru potrebbe tornare leader della classifica generale, dipende dalle situazioni tattiche e strategiche che si verranno a creare in un tappone da cinque Gran premi della Montagna, che scatterà da Laissac-Sévérac l’église e si concluderà – dopo quasi 190 chilometri di sicura battaglia a colpi di pedale – a Le Puy-en-Velay.

La sensazione è che la forza e la compattezza del Team Sky, soprattutto se cesseranno le ripicche fra Mikel Landa e lo stesso Froome, possa fare la differenza, facendo pendere l’ago della bilancia dalla propria parte. L’Astana, soprattutto dopo i ritiri di Fuglsang e Cataldo, coinvolti in cadute, non sembra in grado di garantire ad Aru la ‘copertura’ necessaria per vestirsi di giallo a Parigi. Ieri se n’era avuta la dimostrazione, oggi è arrivata la conferma.

Il sardo, se vuole davvero mettersi addosso definitivamente la maglia più importante e prestigiosa, dovrà cercare alleanze (Bardet?) sulla strada e soprattutto lottare con le proprie armi, andando forse pure al di là delle proprie possibilità. Una condizione di forma superiore a quella di Froome, che però ha dalla sua la squadra, gli avrebbe sicuramente agevolato il compito. Ma non sarà così. Il sardo dovrà fare legna con qualunque cosa si ritroverà in mano e non è detto che ci riesca. Sulle grandi montagne sarà chiamato a dare battaglia, ma dovrà farlo da solo e senza poter contare sul sostegno del team kazako.

Ultima ora

05:56Germania: proiezioni finali, Cdu-Csu a 32,9, Spd 20,8

ROMA, 25 SET - L'autorita' federale per le elezioni ha leggermente modificato i dati delle proiezioni finali per il rinnovo del Parlamento tedesco diffusi dall'Istituto di sondaggi Zdf. L'Unione Cdu-Csu consegue il 33% dei voti, i socialdemocratici della Spd il 20,5% e gli oltranzisti di destra della Afd il 12,6%. Secondo Zdf poi, Fpd e' al 10,4% (+5,6%); i Verdi al 9,0% (+0,6%); Linke al 9,0% (+0,4%). Se queste proiezioni fossero confermate dai risultati finali, questa sarebbe la nuova divisione dei seggi in Parlamento: Cdu-Csu 238, socialdemocratici 148, AfD 95, liberali 78, Linke 66, Verdi 65.

05:43Usa: nuova stretta su ingressi, riguarda 8 Paesi

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha annunciato una nuova stretta sugli ingressi negli Stati Uniti. Le nuove misure riguardano otto Paesi: oltre a cinque dei sei a maggioranza musulmana gia' presi di mira nel bando in scadenza alla mezzanotte (Iran, Somalia, Libia, Yemen e Siria) spuntano ora anche Ciad, Corea del Nord e Venezuela. Le restrizioni non riguarderanno chi gia' possiede un visto Usa. Scompare dalla lista il Sudan.

05:28Marocco, la polizia interrompe la festa di una sposa bambina

RABAT - C'erano la torta e i fiori, gli invitati, i regali, i parenti felici. Ma le immagini postate su Facebook hanno indignato la Rete: nell'abito bianco di quella che sembrava una sposa c'era una bambina, accanto a lei un uomo di 27 anni. È accaduto a Tetouan, poco più di 400 mila abitanti, nel nord del Marocco, ai piedi della catena del Rif. L'ondata di sdegno ha costretto la polizia a intervenire. Gli uomini in divisa hanno interrotto la cerimonia e rimandato a casa gli invitati. La madre della bambina assicura che si trattava soltanto di una festa di fidanzamento, una promessa di amore in attesa che la piccola raggiunga l'età giusta per sposarsi, i 18 anni previsti dalla Moudawana, il codice della Famiglia riscritto e aggiornato nel 2004.

05:21Kushner come Hillary, usa account email privato

NEW YORK - Jared Kushner come Hillary Clinton. Il genero di Donald Trump e uno dei piu' stretti consiglieri del presidente americano avrebbe infatti usato un account email privato per comunicare con altri alti responsabili dell'amministrazione Trump, contravvenendo all'obbligo di ricorrere solo alla email governativa ufficiale. Lo svela Politico.

04:20Trump, mie critiche ad atleti non c’entrano con razza

NEW YORK - "Questa vicenda non ha niente a che vedere con la razza. Riguarda solo il rispetto per la nostra bandiera e per il nostro Paese": cosi' parlando con i giornalisti Donald Trump e' tornato sulla protesta dei giocatori di football, inginocchiatisi su tutti i campi durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Alcuni sono anche rimasti negli spogliatoi.

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

Archivio Ultima ora