Ingovernabilità, Plebiscito e Costituente, l’enigma Venezuela

Pubblicato il 17 luglio 2017 da Mauro Bafile

La patata bollente è ora in mano al governo. Tocca al presidente della Repubblica, Nicolas Maduro, fare la prossima mossa. Dovrà muovere le pedine nella scacchiera della politica nazionale e internazionale e dovrà farlo con abilità per eliminare l’imminente minaccia di scacco matto nel quale è precipitato dopo la “consulta popolare”. Oltre 7 milioni di venezuelani, 7 milioni 186mila 170 per essere precisi, dopo lo scrutinio del 95 per cento dei voti, ha detto “No” all’Assemblea Nazionale Costituente; un numero di elettori che, se si fossero recati alle urne per il “referendum revocatorio” previsto dalla Costituzione, avrebbe permesso di licenziare, mandandolo in pensione, il presidente della Repubblica. E’ questo un risultato che il governo può far finta di ignorare ma che non può assolutamente sottovalutare.

Il presidente Maduro pare disposto a giocarsi definitivamente la carta dell’Assemblea Nazionale Costituente, ultimo passo per soddisfare una sempre più palese vocazione autoritaria propria e del suo entourage. D’altronde l’elezione dell’Assemblea Nazionale Costituente, che, stando a quanto stabilito dall’Alta Corte e dal Consiglio Nazionale Elettorale non avrebbe bisogno di un referendum per essere approvata, permetterebbe di azzerare tutti i Poteri Pubblici, quindi anche quelli scomodi: il Parlamento e la Procura.

E non avrebbe nessuna importanza il volume dei votanti. Una scarsa affluenza alle urne potrebbe mettere in discussione la legittimità morale della “Costituente” ma non quella legale. E poi, il Consiglio Nazionale Elettorale potrebbe sempre fare acrobazie per migliorare l’estetica dei risultati. Una volta costituita l’Assemblea Nazionale Costituente, poi, la dissidenza potrebbe essere neutralizzata attraverso l’arresto o l’esilio dei suoi leader, come minacciano in maniera ricorrente i maggiori esponenti del governo: il presidente Maduro, il vice-presidente, Tareck El Aissami; il deputato Diosdado Cabello, solo per fare alcuni nomi.

Il plebiscito ha mostrato aspetti inediti del mondo politico nostrano. Innanzitutto, il profondo spirito democratico della maggioranza dei venezuelani che contrasta con la violenza e l’intolleranza dei disadattati che costituiscono i “colectivos” – branchi di motociclisti armati che agiscono impunemente e seminano il terrore durante le manifestazioni di protesta dell’Opposizione molte volte senza che le forze dell’Ordine intervengano per evitare l’inutile perdita di vite umane – e delle frange più radicali e irrazionali che convivono sia nel “chavismo” sia nell’Opposizione.

In secondo luogo, la capacità organizzativa del Parlamento e del Tavolo dell’Unità Democratica. Nei gazebo dell’Opposizione tutto si è svolto secondo copione, con pochi inconvenienti e tanta solidarietà. E poi, la partecipazione assai numerosa di venezuelani nei “puntos soberanos” allestiti nei quartieri umili delle città, a dimostrazione di come, anche nei “barrios”, si senta la necessità di un giro di boa e sia diminuita la paura di manifestare pacificamente il proprio malessere.

Dalle stelle alle stalle. Con un equilibrio politico precario come quello odierno, basta una mossa sbagliata per gettare alle ortiche mesi di lavoro ben fatto. Per Opposizione e governo è ora tempo di riflessione. Né l’uno né gli altri hanno oggi molto spazio di manovra; l’uno non potrà mai governare il Paese, e riscattarlo dalla crisi nella quale langue, senza il contributo dell’altro. D’altronde è così come funzionano le vere democrazie. L’Opposizione, pare evidente, dovrà intraprendere un cammino che conduca a un governo di transizione e alla convivenza con quella parte del “chavismo” meno radicale, più razionale e preoccupato per il futuro del paese.

Al governo, d’altro canto, non resta che abbandonare le posizioni estreme, il discorso aggressivo, gli insulti e la repressione e iniziare a percorrere la via del dialogo. L’alternativa è la realizzazione dell’Assemblea Nazionale Costituente, con la conseguente abolizione di tutti i poteri e quindi l’istituzione di un regime apertamente dittatoriale che riscuoterebbe la condanna mondiale e l’approvazione solo di quei paesi, come l’Iran, l’Iraq, la Siria, la Cina o la Russia in cui la parola “democrazia” è proibita.

Per negoziare un’uscita dignitosa alla situazione di stallo creatasi oggi nel Paese, però, Opposizione e Governo dovranno cedere qualcosa. La domanda, a questo punto non può essere che una: saranno disposti a farlo? Chi darà il primo passo?

Mauro Bafile

Ultima ora

00:24Calcio: Barcellona, Piquè, ‘Neymar rimane’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Se queda", ovvero "Rimane". Con questo tweet, che contiene una sua foto assieme a Neymar, il difensore del Barcellona Gerard Piquè annuncia che il compagno ha deciso di rimanere in maglia blaugrana, respingendo le proposte del Paris SG, che sarebbe disposto a pagare l'altissima clausola rescissoria, di 222 milioni, del contratto del brasiliano. Per ora non ci sono conferme ufficiali da parte di O Ney, o di suo padre Neymar senior, che ne cura gli interessi. Piquè è comunque, visto il suo carisma, un autentico leader del Barca, e spesso in passato ha parlato anche a nome degli altri giocatori della squadra che adesso è allenata da Ernesto Valverde.

22:39Calcio: Crotone ingaggia Izco, contratto annuale con opzione

(ANSA) - CROTONE, 23 LUG - Mariano Izco è un calciatore del Crotone. Il suo tesseramento è stato ufficializzato nella tarda serata dalla società calabrese. Il centrocampista argentino di 34 anni, che era svincolato dopo l'ultima stagione al Chievo, ha firmato con la squadra calabrese un contratto annuale con opzione sul secondo. Izco vanta un curriculum di tutto rispetto con quasi 300 presenze in Serie A avendo vestito le maglie del Catania per otto stagioni e quella del Chievo Verona negli ultimi tre anni. Il neo-acquisto ha già effettuato le visite mediche e ha raggiunto il gruppo nel ritiro di Moccone.

22:37Atletica: Mondiali Paralimpici, Caironi e Legnante d’oro

(ANSA) - LONDRA, 23 LUG - Italia ancora grande protagonista ai Mondiali di atletica paralimpica, chiusisi a Londra. Il 'bottino' della giornata conclusiva è stato di 2 ori, con Martina Caironi nel salto in lungo e Assunta Legnante nel peso, e un bronzo, quello della staffetta 4X100 T42/47. C'è voluto il sesto salto, a 4.72, per Martina Caironi, già sul trono del mondo pochi giorni fa per la vittoria sui 100 metri T42. Oggi nel lungo non ha tradito le aspettative, compiendo una spettacolare progressione finale. Argento alla giapponese Maegawa. Puntuale anche questa volta, Assunta Legnante ha 'toccato' il cielo con il peso, mettendosi al collo un altro oro, dopo quelli di Rio 2016, dei Mondiali 2015, degli Europei 2014, e di Londra 2012. La lanciatrice campana realizza 15.82 al 2/o tentativo e il distacco dall'uzbeka Burkanova, argento, è di oltre un metro. Sul podio sale anche la staffetta 4x100 uomini T42/47: per Di Marino, Manigrasso, Lanfri e Bagaini arriva anche, in 43.32, il nuovo record italiano, alle spalle di Usa e Germania.

22:06Calcio: amichevoli, Parma-Pieve di Bono 14-0

(ANSA) - PARMA, 23 LUG - Sono 14 (a zero) le reti segnate dal Parma nella sua prima uscita stagionale, in amichevole a Pinzolo (Trento), contro il Pieve di Bono che disputa il campionato di Prima categoria. Protagonisti Baraye e Calaiò, con due triplette, e doppietta per Nocciolini.

22:03Scherma: Mondiali, delusione Garozzo, bronzo? volevo l’oro

(ANSA) - LIPSIA (GERMANIA), 23 LUG - "Non ce la faccio a vedere il bicchiere mezzo pieno. Sognavo di vincere nel giro di un anno Olimpiadi, Europei e Mondiali. Sognavo questo grande Slam, però mi sono fermato ad un passo dal risultato. Non voglio sminuire questo bronzo, ma io qui ambivo all'oro e non l'ho raggiunto". Daniele Garozzo non rinuncia alla consueta sincerità nemmeno dopo essersi messo un'altra medaglia al collo, anche se non del metallo desiderato. "Ce l'ho messa tutta - continua l'azzurro del fioretto -, ma in semifinale ho sbagliato ad intestardirmi e a protestare con l'arbitro. Saito è stato bravo, è un ragazzo, ha 20 anni, lo conosciamo poco nel circuito perché ancora fa poche gare in Coppa del Mondo. Ma la colpa oggi è solo mia. Ricorderò a lungo questo assalto, ma adesso devo concentrarmi sulla gara a squadre. Ma dal punto di vista schermistico ho sbagliato io, e quindi sono deluso e amareggiato".

22:01Carceri: lite tra detenuti a Gorgona, uno è grave

(ANSA) - GORGONA (LIVORNO), 23 LUG - Un detenuto di 48 anni è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Livorno dopo una lite con un altro ristretto nella casa di reclusione dell'isola di Gorgona. Sull'episodio, avvenuto nel pomeriggio, indagano gli agenti della polizia penitenziaria che sulla vicenda mantengono ancora il massimo riserbo. Il detenuto ferito che ha riportato un trauma cranico importante è stato trasferito dall'isola con l'elisoccorso. La tensione nell'isola-carcere è subito rientrata e già in serata la polizia penitenziaria ha fatto sapere che la situazione era tornata normale, pur senza fornire dettagli sui motivi che hanno innescato la lite violenta di qualche ora prima. Ieri il sindacato Fns Cisl aveva annunciato l'inizio dello sciopero della fame dei propri agenti iscritti per protestare contro l'amministrazione penitenziaria che "costringe" le guardie a vivere come reclusi senza alcun servizio esterno. (ANSA).

21:53Kenya:media,’italiana uccisa durante rapina in villa’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Un'italiana è stata uccisa e suo marito ferito a Mombasa, in Kenya, durante una rapina nella loro villa. Lo scrive il sito Africa Express ma non ci sono ancora conferme da parte delle autorità italiane.

Archivio Ultima ora