Ingovernabilità, Plebiscito e Costituente, l’enigma Venezuela

Pubblicato il 17 luglio 2017 da Mauro Bafile

La patata bollente è ora in mano al governo. Tocca al presidente della Repubblica, Nicolas Maduro, fare la prossima mossa. Dovrà muovere le pedine nella scacchiera della politica nazionale e internazionale e dovrà farlo con abilità per eliminare l’imminente minaccia di scacco matto nel quale è precipitato dopo la “consulta popolare”. Oltre 7 milioni di venezuelani, 7 milioni 186mila 170 per essere precisi, dopo lo scrutinio del 95 per cento dei voti, ha detto “No” all’Assemblea Nazionale Costituente; un numero di elettori che, se si fossero recati alle urne per il “referendum revocatorio” previsto dalla Costituzione, avrebbe permesso di licenziare, mandandolo in pensione, il presidente della Repubblica. E’ questo un risultato che il governo può far finta di ignorare ma che non può assolutamente sottovalutare.

Il presidente Maduro pare disposto a giocarsi definitivamente la carta dell’Assemblea Nazionale Costituente, ultimo passo per soddisfare una sempre più palese vocazione autoritaria propria e del suo entourage. D’altronde l’elezione dell’Assemblea Nazionale Costituente, che, stando a quanto stabilito dall’Alta Corte e dal Consiglio Nazionale Elettorale non avrebbe bisogno di un referendum per essere approvata, permetterebbe di azzerare tutti i Poteri Pubblici, quindi anche quelli scomodi: il Parlamento e la Procura.

E non avrebbe nessuna importanza il volume dei votanti. Una scarsa affluenza alle urne potrebbe mettere in discussione la legittimità morale della “Costituente” ma non quella legale. E poi, il Consiglio Nazionale Elettorale potrebbe sempre fare acrobazie per migliorare l’estetica dei risultati. Una volta costituita l’Assemblea Nazionale Costituente, poi, la dissidenza potrebbe essere neutralizzata attraverso l’arresto o l’esilio dei suoi leader, come minacciano in maniera ricorrente i maggiori esponenti del governo: il presidente Maduro, il vice-presidente, Tareck El Aissami; il deputato Diosdado Cabello, solo per fare alcuni nomi.

Il plebiscito ha mostrato aspetti inediti del mondo politico nostrano. Innanzitutto, il profondo spirito democratico della maggioranza dei venezuelani che contrasta con la violenza e l’intolleranza dei disadattati che costituiscono i “colectivos” – branchi di motociclisti armati che agiscono impunemente e seminano il terrore durante le manifestazioni di protesta dell’Opposizione molte volte senza che le forze dell’Ordine intervengano per evitare l’inutile perdita di vite umane – e delle frange più radicali e irrazionali che convivono sia nel “chavismo” sia nell’Opposizione.

In secondo luogo, la capacità organizzativa del Parlamento e del Tavolo dell’Unità Democratica. Nei gazebo dell’Opposizione tutto si è svolto secondo copione, con pochi inconvenienti e tanta solidarietà. E poi, la partecipazione assai numerosa di venezuelani nei “puntos soberanos” allestiti nei quartieri umili delle città, a dimostrazione di come, anche nei “barrios”, si senta la necessità di un giro di boa e sia diminuita la paura di manifestare pacificamente il proprio malessere.

Dalle stelle alle stalle. Con un equilibrio politico precario come quello odierno, basta una mossa sbagliata per gettare alle ortiche mesi di lavoro ben fatto. Per Opposizione e governo è ora tempo di riflessione. Né l’uno né gli altri hanno oggi molto spazio di manovra; l’uno non potrà mai governare il Paese, e riscattarlo dalla crisi nella quale langue, senza il contributo dell’altro. D’altronde è così come funzionano le vere democrazie. L’Opposizione, pare evidente, dovrà intraprendere un cammino che conduca a un governo di transizione e alla convivenza con quella parte del “chavismo” meno radicale, più razionale e preoccupato per il futuro del paese.

Al governo, d’altro canto, non resta che abbandonare le posizioni estreme, il discorso aggressivo, gli insulti e la repressione e iniziare a percorrere la via del dialogo. L’alternativa è la realizzazione dell’Assemblea Nazionale Costituente, con la conseguente abolizione di tutti i poteri e quindi l’istituzione di un regime apertamente dittatoriale che riscuoterebbe la condanna mondiale e l’approvazione solo di quei paesi, come l’Iran, l’Iraq, la Siria, la Cina o la Russia in cui la parola “democrazia” è proibita.

Per negoziare un’uscita dignitosa alla situazione di stallo creatasi oggi nel Paese, però, Opposizione e Governo dovranno cedere qualcosa. La domanda, a questo punto non può essere che una: saranno disposti a farlo? Chi darà il primo passo?

Mauro Bafile

Ultima ora

01:12E.League: Montella, ora testa a rimonta Milan in campionato

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - Conquistata la qualificazione ai sedicesimi di Europa League al primo posto del girone, Vincenzo Montella ora pensa alla rimonta che attende il Milan in Serie A. "E' stata una serata positiva, ora abbiamo più tempo per concentrarci meglio sul campionato dove dobbiamo necessariamente recuperare. La squadra vale più della classifica che ha", ha spiegato l'allenatore rossonero, convinto che la squadra "nelle ultime 4-5 partite abbia dimostrato una crescita". Dopo il 5-1 rifilato all'Austria Vienna, Montella ha sottolineato di avere apprezzato "che la squadra non si è fatta prendere dalla frenesia dopo lo svantaggio". Fra le note positive, la doppietta di André Silva, il primo nella storia rossonera a segnare otto gol in Europa League. "Sono felicissimo e spero di avere più opportunità, vedremo - ha detto il portoghese -. Pesa giocare poco in campionato? Per me è uguale. In Europa League, però, ho più opportunità, sono più concentrato e riesco a dare il meglio di me stesso, ma spero di giocare di più in Serie A".

01:09E.League: Gasperini, importante esserci anche nei 16/i

(ANSA) - LIVERPOOL, 23 NOV - "Sono molto contento per la felicità che ho visto sugli spalti, più di 3 mila a Liverpool e tanti anche a Reggio Emilia, sono contento per la famiglia Percassi: siamo dentro le coppe fino a febbraio, poi vedremo per il primo posto e il sorteggio". Gian Piero Gasperini è raggiante, dopo la cinquina all'Everton, che proietterebbe l'Atalanta al primo posto con un pari casalingo col Lione, ma intanto si gode la qualificazione negli ottavi di Europa League. "Cristante è in grande evoluzione dopo un po' di apprendistato, stavolta è partito forte e ha prospettive notevoli - spiega il tecnico nerazzurro soffermandosi sul migliore in campo -. Cornelius i ha dato tantissimo in un settore dove abbiamo bisogno di crescere. Rooney? Per me rimane un giocatore importante, tornerà sui suoi livelli abituali". Il 'Gasp' elogia i giovani: "Ne abbiamo alcuni che potranno diventare fondamentali anche per la Nazionale, ma non è che sarà per nostro merito che potrà rinascere tutto il calcio italiano".

00:32Calcio: Europa League, Milan e Atalanta a suon di cinquine

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Milan e Atalanta travolgono i rispettivi avversari e si qualificano per i sedicesimi di finale dell'Europa League. I rossoneri sono primi nel proprio girone (D), i bergamaschi devono aspettare l'ultima partita, in casa contro il Lione. Di 5-1 il successo della squadra di Montella in casa sull'Austria Vienna, andata in vantaggio con Monschein al 21'. Il pari è arrivato con 27' grazie a Ricardo Rodriguez, mentre Andrè Silva ha firmato il 2-1 al 36'. Il tris è arrivato al 42', grazie a Cutrone, lo stesso Silva ha calato il poker al 25' della ripresa e Cutrone ha realizzato anche nel finale. Stesso punteggio anche dell'Atalanta, 5-1, a Liverpool contro l'Everton (prima vittoria italiana a Goodison park). La squadra di Gasperini è andata avanti con una doppietta dell'ottimo Cristante (12' pt e 19' st) e, dopo il gol della bandiera di Ramirez al 26' st, è arrivato il tris di Gonens al 41'. Cornelius al 43' e al 49' st ha chiuso i conti. Da segnalare un errore dal dischetto di Gomez.

23:31Europa League: Lazio, Inzaghi “ko Nani unica nota stonata”

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Dopo la sconfitta nel derby, la Lazio non riesce a invertire la rotta e impatta sul Vitesse. Pareggio indolore, visto che i biancocelesti erano già qualificati da primi del girone: "Stasera con la classifica già raggiunta era più difficile, ma sono contento perché i ragazzi hanno saputo reagire. Ora ci prepariamo per giocare al meglio contro la Fiorentina", ha spiegato a caldo Simone Inzaghi, secondo il quale "l'unica nota stonata è l'infortunio di Nani". Il portoghese ha giocato circa un'ora senza incidere, poi si è arreso per un dolore alla coscia: "Sembrava tutto a posto e invece oggi si è fermato, peccato perché stava per entrare nei meccanismi. Speriamo di non perderlo per molto ma per un paio di settimane non sarà con noi".

22:58Flash mob precari ricerca, non uccideteci, assumeteci

(ANSA) - FIRENZE, 23 NOV - Uomini in abito e maschera bianca, in ginocchio a terra, simbolicamente uccisi con un colpo di pistola alla testa: questo il flash mob 'non sparate alla ricerca', portato 'in scena' nella centralissima piazza della Repubblica a Firenze dai precari di alcuni dei più importanti istituti del settore italiani, come Indire, Cnr, Iss, Ispra, Crea. Obiettivo della manifestazione, chiedere a Governo e Parlamento di avviare subito un percorso certo di stabilizzazione, "perché questa situazione anomala, che riguarda quasi 9000 persone in Italia, si concluda e possa finalmente iniziare un nuovo ciclo che indirizzi il Paese verso una visione più lungimirante per noi e per le generazioni che verranno. Non uccideteci, assumeteci", hanno spiegato oggi alcuni degli organizzatori della protesta. Solo l'Indire, racconta uno dei manifestanti, tra i suoi "400 lavoratori, tra ricercatori, collaboratori tecnici, amministrativi, ha solo il 30% degli addetti a tempo indeterminato. Gli altri collaboratori, ben 230 tra tempi determinati e cococo, nonostante anni di esperienza e idoneità in concorsi pubblici nazionali, sono rimasti fino ad oggi in una situazione di precariato che si fa sempre più instabile e fosca, mese dopo mese". (ANSA).

22:45Aggredita e palpeggiata da ragazzini tra 8 e 12 anni

(ANSA) - PALERMO, 23 NOV - A Palermo una giovane è stata aggredita da una mezza dozzina di ragazzini tra gli 8 e i 12 anni, secondo quanto lei stessa ha riferito alla polizia, mentre si trovava alla fermata del bus in via Basile, nei pressi dell'università. Accerchiata, è stata spintonata, palpeggiata e insultata; ha urlato, ma nessuno è arrivato in suo soccorso. Quando i ragazzini, forse per gli strepiti della giovane, sono fuggiti, la ragazza ha trovato riparo nell'edificio 19 nella cittadella universitaria, da dove ha chiamato gli agenti. L'aggressione è avvenuta quando stava cominciando a fare buio. La giovane, una studentessa, ha detto ai poliziotti che faceva avanti e indietro alla fermata, in attesa dell'autobus, quando i ragazzini (forse 8, secondo quanto la ragazza ha riferito agli agenti), l'hanno accerchiata e molestata. La vittima ha spiegato ai poliziotti di aver saputo di altre ragazze prese di mira dalla banda di ragazzini, sempre nella stessa zona.

22:35Calcio: Mirabelli,dubbi su Milan?Se ne scrive di ogni colore

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - "Non è questione di dare una posizione ufficiale: dal pre-closing al closing a oggi se ne sentono e se ne scrivono di tutti i colori". Così il ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, a proposito dei dubbi sulla proprietà cinese sollevati dalla stampa, anche internazionale, e sull'intervista del presidente della Uefa, Aleksander Ceferin, che intervistato da Repubblica a proposito del voluntary agreement chiesto dal club si è detto "preoccupato". "Come ha twittato il presidente Berlusconi - ha continuato Mirabelli, poco prima della partita di Europa League contro l'Austria Vienna -, atteniamoci ai fatti e i fatti dicono che abbiamo una proprietà che fino ad adesso ha rispettato tutte le scadenze. Bando alle chiacchiere, pensiamo alle cose concrete. Abbiamo altro a cui pensare, abbiamo un problema diverso: dobbiamo metterci sul binario e fare cose importanti a livello sportivo".

Archivio Ultima ora