Ingovernabilità, Plebiscito e Costituente, l’enigma Venezuela

Pubblicato il 17 luglio 2017 da Mauro Bafile

La patata bollente è ora in mano al governo. Tocca al presidente della Repubblica, Nicolas Maduro, fare la prossima mossa. Dovrà muovere le pedine nella scacchiera della politica nazionale e internazionale e dovrà farlo con abilità per eliminare l’imminente minaccia di scacco matto nel quale è precipitato dopo la “consulta popolare”. Oltre 7 milioni di venezuelani, 7 milioni 186mila 170 per essere precisi, dopo lo scrutinio del 95 per cento dei voti, ha detto “No” all’Assemblea Nazionale Costituente; un numero di elettori che, se si fossero recati alle urne per il “referendum revocatorio” previsto dalla Costituzione, avrebbe permesso di licenziare, mandandolo in pensione, il presidente della Repubblica. E’ questo un risultato che il governo può far finta di ignorare ma che non può assolutamente sottovalutare.

Il presidente Maduro pare disposto a giocarsi definitivamente la carta dell’Assemblea Nazionale Costituente, ultimo passo per soddisfare una sempre più palese vocazione autoritaria propria e del suo entourage. D’altronde l’elezione dell’Assemblea Nazionale Costituente, che, stando a quanto stabilito dall’Alta Corte e dal Consiglio Nazionale Elettorale non avrebbe bisogno di un referendum per essere approvata, permetterebbe di azzerare tutti i Poteri Pubblici, quindi anche quelli scomodi: il Parlamento e la Procura.

E non avrebbe nessuna importanza il volume dei votanti. Una scarsa affluenza alle urne potrebbe mettere in discussione la legittimità morale della “Costituente” ma non quella legale. E poi, il Consiglio Nazionale Elettorale potrebbe sempre fare acrobazie per migliorare l’estetica dei risultati. Una volta costituita l’Assemblea Nazionale Costituente, poi, la dissidenza potrebbe essere neutralizzata attraverso l’arresto o l’esilio dei suoi leader, come minacciano in maniera ricorrente i maggiori esponenti del governo: il presidente Maduro, il vice-presidente, Tareck El Aissami; il deputato Diosdado Cabello, solo per fare alcuni nomi.

Il plebiscito ha mostrato aspetti inediti del mondo politico nostrano. Innanzitutto, il profondo spirito democratico della maggioranza dei venezuelani che contrasta con la violenza e l’intolleranza dei disadattati che costituiscono i “colectivos” – branchi di motociclisti armati che agiscono impunemente e seminano il terrore durante le manifestazioni di protesta dell’Opposizione molte volte senza che le forze dell’Ordine intervengano per evitare l’inutile perdita di vite umane – e delle frange più radicali e irrazionali che convivono sia nel “chavismo” sia nell’Opposizione.

In secondo luogo, la capacità organizzativa del Parlamento e del Tavolo dell’Unità Democratica. Nei gazebo dell’Opposizione tutto si è svolto secondo copione, con pochi inconvenienti e tanta solidarietà. E poi, la partecipazione assai numerosa di venezuelani nei “puntos soberanos” allestiti nei quartieri umili delle città, a dimostrazione di come, anche nei “barrios”, si senta la necessità di un giro di boa e sia diminuita la paura di manifestare pacificamente il proprio malessere.

Dalle stelle alle stalle. Con un equilibrio politico precario come quello odierno, basta una mossa sbagliata per gettare alle ortiche mesi di lavoro ben fatto. Per Opposizione e governo è ora tempo di riflessione. Né l’uno né gli altri hanno oggi molto spazio di manovra; l’uno non potrà mai governare il Paese, e riscattarlo dalla crisi nella quale langue, senza il contributo dell’altro. D’altronde è così come funzionano le vere democrazie. L’Opposizione, pare evidente, dovrà intraprendere un cammino che conduca a un governo di transizione e alla convivenza con quella parte del “chavismo” meno radicale, più razionale e preoccupato per il futuro del paese.

Al governo, d’altro canto, non resta che abbandonare le posizioni estreme, il discorso aggressivo, gli insulti e la repressione e iniziare a percorrere la via del dialogo. L’alternativa è la realizzazione dell’Assemblea Nazionale Costituente, con la conseguente abolizione di tutti i poteri e quindi l’istituzione di un regime apertamente dittatoriale che riscuoterebbe la condanna mondiale e l’approvazione solo di quei paesi, come l’Iran, l’Iraq, la Siria, la Cina o la Russia in cui la parola “democrazia” è proibita.

Per negoziare un’uscita dignitosa alla situazione di stallo creatasi oggi nel Paese, però, Opposizione e Governo dovranno cedere qualcosa. La domanda, a questo punto non può essere che una: saranno disposti a farlo? Chi darà il primo passo?

Mauro Bafile

Ultima ora

18:10Barcellona: stasera rientro in Italia salme Russo e Gulotta

(ANSA) - VERONA, 21 AGO - Torneranno stasera in Italia, con un volo dell'Aeronautica militare che atterrerà a Roma, le salme di due dei tre italiani rimasti uccisi nell'attentato di Barcellona, Luca Russo e Bruno Gulotta. Quella di Carmen Lopardo dovrebbe essere invece trasferita in Argentina, dove l'anziana viveva da tempo. Il volo, mobilitato su disposizione dei ministeri della Difesa e degli Esteri, è prossimo al decollo da Pratica di Mare; dalla Spagna dovrebbe rientrare poi su Ciampino, poco prima della mezzanotte. Le salme saranno quindi trasferite al policlinico Gemelli, per l'esame disposto dalla Procura, e da Ciampino ripartiranno questa volta per Verona, dove, presumibilmente domattina, arriveranno i due feretri. Le destinazioni saranno Bassano del Grappa, per Luca Russo, e Legnano, per Bruno Gullotta. La sorella della vittima bassanese, Chiara Russo, è in partenza con la madre per Roma, dove attenderà l'arrivo della bara con il corpo del fratello.

18:08Uomo bruciato vicino Aosta, ucciso coltellata collo

(ANSA) - AOSTA, 21 AGO - E' stato ucciso con una coltellata al collo l'uomo trovato semicarbonizzato sabato scorso in una radura a Fenis, vicino Aosta. E' quanto emerso dal primo esame sul cadavere condotto dal medico legale Roberto Testi, incaricato dal pm Eugenia Menichetti di effettuare l'autopsia. Lo ha appreso l'ANSA. In base alla ricostruzione del fatto la vittima è stata colpita alle spalle con un fendente sul collo. Maggiori particolari si conosceranno al termine dell'esame autoptico che si concluderà domani. (ANSA).

18:07Ciclismo: Vuelta, Nibali vince la 3/a tappa

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Vincenzo Nibali ha vinto in volata la terza tappa della Vuelta da Prades Conflent Canigò ad Andorra la Vella. Il siciliano è scattato a 400 metri dal traguardo, sorprendendo tutti e precedendo Froome, che diventa leader della corsa, e De La Cruz. Sesto Fabio Aru.

17:59Giordania-Turchia: Erdogan ad Amman

(ANSAmed) - AMMAN, 21 AGO - Il presidente turco Tayyip Recep Erdogan è arrivato oggi ad Amman per colloqui con re Abdallah e altre autorità giordane. Si parla, oltre che delle relazioni bilaterali, degli sviluppi riguardanti Gerusalemme, dei possibili modi di riavviare il processo di pace israelo-palestinese e della guerra in Siria. "Voglio sottolineare l'importanza che attribuiamo al ruolo della Giordania nella protezione dei luoghi santi di Gerusalemme", ha detto Erdogan prima di partire per Amman. "Non vogliamo più assistere ad abusi, violazioni di diritti e attacchi, e quindi i musulmani del mondo devono essere solidali con Gerusalemme", ha aggiunto il presidente turco. Dopo gli scontri avvenuti il mese scorso sulla Spianata delle Moschee a Gerusalemme, Erdogan aveva descritto le nuove misure di sicurezza imposte da Israele come "un tentativo di togliere (la moschea di) al Aqsa ai musulmani con la scusa di attività antiterrorismo".

17:53Vento spazza via il quod, friulana muore in Grecia a 22 anni

(ANSA) - TRIESTE, 21 AGO - Una turista italiana - Deborah Fabris, di 22 anni, originaria di Monfalcone (Gorizia) e residente a Cervignano del Friuli (Udine) - è morta oggi in Grecia per le conseguenze di un incidente stradale avvenuto sull'isola di Karpathos a Ferragosto. La ragazza era in vacanza con il fidanzato. La dinamica dell'incidente è tuttora al vaglio delle autorità locali, ma - stando alle prime ricostruzioni - a spingere fuori strada il quod sul quale viaggiava la coppia sarebbe stata una delle forti folate di vento che spazzano costantemente la seconda isola più grande del Dodecaneso. La ragazza ha perso il casco e ha sbattuto la testa. Le condizioni della giovane sono subito apparse critiche. Dopo essere stata portata al pronto soccorso di Karpathos, è stata trasferita all'ospedale di Rodi dove questa mattina il suo cuore ha smesso di battere.

17:53Filippine: attaccato villaggio, 9 civili uccisi

(ANSA) - BANGKOK, 21 AGO - Almeno nove residenti di un villaggio nel sud delle Filippine sono stati uccisi oggi dai terroristi islamici del gruppo Abu Sayyaf. Lo ha comunicato l'esercito di Manila. Nella versione dei militari, una ventina di militanti armati hanno attaccato all'alba il villaggio di Tubigan, sull'isola di Basilan, una delle roccaforti del gruppo. Altre 16 persone sono rimaste ferite nell'assalto, in cui sono stati incendiati anche cinque case e un edificio usato per le riunioni. Secondo il colonnello Juvymax Uy, i militanti potrebbero aver deciso di attaccare il villaggio come rappresaglia per il mancato sostegno da parte della popolazione locale, dopo settimane in cui sono stati decimati in scontri con i militati filippini. Abu Sayyaf è un'organizzazione terroristica che si finanzia con il rapimento di ostaggi. Non è raro che il sequestro si concluda con una decapitazione in caso di mancato pagamento del riscatto.

17:48Uomo colpito con mattonella da vicino, morto in ospedale

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - E' morto oggi al Policlinico di Milano Salvatore Milici, l'uomo che il 17 agosto era stato aggredito e colpito con una mattonella in via Chiesa Rossa da Hamdan Hicham, un suo vicino di casa poi arrestato. Il sessantaduenne era stato operato il giorno stesso dell'aggressione al cervello, ed era ricoverato nel reparto di Neurochirurgia.

Archivio Ultima ora