Pensioni, verso ipotesi del minimo di garanzia per i giovani

Pubblicato il 17 luglio 2017 da ansa

Giovani

Giovani precari, pensioni

ROMA. – Una pensione di garanzia per i giovani e scivoli all’uscita non generalizzati, per tutti i lavoratori, ma per le fasce deboli, come le donne e chi svolge lavori faticosi. Queste sono “le bussole” che seguirà il Pd per mettere a punto una sua proposta di riforma, dando una spinta al dibattito, finora ancora non decollato, sulla cosiddetta ‘fase due’. A mettere al centro le questioni, nuove generazioni e flessibilità sull’età, è il responsabile dem per il lavoro e l’economia, Tommaso Nannicini.

Insomma un mix di misure, da inserire nella prossima legge di Bilancio, per una revisione, seppure parziale, delle passate operazioni, in primis quella targata Fornero. Ne parla davanti ai leader sindacali e dopo che il ministro del lavoro, Giuliano Poletti, focalizza l’attenzione su donne e giovani. Il “sentiero” per gli interventi, ammette Nannicini, è “stretto” ma le novità non mancheranno.

E a lanciare un’ipotesi già robusta per dare un paracadute ai nati negli anni Ottanta, pienamente nel contributivo, è il consigliere di Palazzo Chigi, Stefano Patriarca, che suggerisce di introdurre anche nel sistema contributivo “un minimo previdenziale, come nel retributivo, pari, si può immaginare, a 650 euro mensili per chi ha 20 anni di contributi, che possono aumentare di 30 euro al mese per ogni anno in più fino a un massimo di mille euro”.

La pensione di garanzia scatterebbe per chi ha raggiunge i requisiti di età, ma si dovrebbe intervenire anche sugli anticipi, dice Patriarca, sganciando il legame con l’importo che oggi limita le uscite. E ancora, continua il consigliere di palazzo Chigi, bisognerebbe immaginare “un sistema di redditi ponte” attraverso l’Ape sociale, quella volontaria e la previdenza integrativa. Sarebbe questo l’unico modo “gestire l’innalzamento dell’età”, che vista la crescita dell’aspettativa di vita sembra “ineluttabile”.

Certo bisogna mettere mano al portafoglio, Patriarca pensa a “un fondo di solidarietà per il sostegno alle basse contribuzioni”. E Nannicini anticipa le critiche: le tutele per i giovani andrebbero finanziate dalla fiscalità generale ma chi dice a chi direbbe che è “una fregatura” risponde che il contrario sarebbe “un furto intergenerazionale”.

Per il responsabile economico del Pd, bisognerebbe rendere poi “strutturale l’Ape social”, dopo un dovuto tagliando sul primo anno. E invita anche ad accelerare su l’Ape volontaria, per stringere entro settembre. Quando al delicatissimo adeguamento automatico all’aspettativa di vita, Nannicini invita a evitare discorsi superficiali e apre ad aggiustamenti del tasso di sostituzione per chi è nel contributivo puro (per evitare assegni troppo bassi).

Per gli altri invece l’intervento sarebbe calibrato sulle tipologie di lavoro, con agevolazioni per le attività gravose. Più che di uno stop a 67 anni all’età pensionabile “noi pensiamo che si debba parlare di un’altra questione che è l’equità generazionale in questo paese”, dice il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, mentre per la leader della Cgil, Susanna Camusso, l’adeguamento automatico resta “un’iniquità”.

Il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, invita a rivedere il peso delle pensioni sul Pil e la numero uno della Cgil, Annamaria Furlan, insite per “abbassare i contribuiti per le donne”. Un tema quello delle disparità di genere sui cui apre anche il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti. L’altro, aggiunge il ministro, tema al centro sono i giovani con carriere discontinue”, occorre trovare uno strumento, sottolinea che possiamo chiamate “pensione di garanzia o come vogliamo”.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

15:06Terremoto: Boschi, ci siamo e continueremo a esserci

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 20 SET - "Noi ci saremo sempre, con la commissaria De Micheli che prosegue il lavoro fatto da Errani, con l'impegno del governo tutto, quello personale di ciascuno di noi, con il sistema della Protezione Civile. Non lasceremo sola la popolazione di Arquata né quella degli altri territori colpiti dal terremoto. Le risorse ci sono, si tratta di velocizzare ulteriormente le procedure della ricostruzione". Così il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi ad Arquata del Tronto. Da velocizzare anche il lavoro che si sta facendo "con le macerie", Complessivamente - ha aggiunto - "lavoriamo in stretto contatto con i Comuni e con le Regioni. Con i presidenti delle Regioni e i rappresentanti dei Comuni ci vediamo settimanalmente per valutare lo stato e per le macerie. Ci siamo e continueremo ad esserci".

15:05Uragano Maria: sette morti in Dominica

(ANSA-AP) - ROSEAU (REPUBBLICA DOMENICANA), 20 SET - Secondo il consigliere del primo ministro della Dominica, Roosevelt Skerrit, i morti provocati dall'uragano Maria sono almeno sette. Il paese è senza elettricità e con pochissime comunicazioni: "Ci sono tremendi danni, alle case e agli edifici pubblici", ha aggiunto precisando che al momento un bilancio complessivo è ancora prematuro. Ieri l'uragano aveva provocato almeno un morto e due dispersi in Guadalupa.

15:05Calcio: Moratti, non prenderò quote Inter da Thohir

(ANSA) - MILANO, 20 SET - "No, non ho assolutamente intenzione di acquistare da Erick Thohir una quota dell'Inter. Avevo già il 30% del club nerazzurro e l'ho ceduto, perché ora dovrei volerlo riacquisire da Thohir?": lo dice all'Ansa l'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti, in relazione alle voci che sono riprese a circolare riguardo un suo nuovo coinvolgimento nell'assetto societario del club nerazzurro.

15:04Catalogna: Rajoy, lo stato deve reagire

(ANSA) - MADRID, 20 SET - Davanti alla sfida dell'indipendenza catalana, che "non rispetta la legge", "logicamente lo stato deve reagire" ha detto il premier spagnolo Mariano Rajoy dopo il blitz ddella Guardia Civil a Barcellona. Nessuno stato al mondo può accettare quanto stanno facendo: erano avvertiti, ha aggiunto, sapevano che il referendum non si può fare perché contrario alla sovranità nazionale e al diritto di tutti gli spagnoli di decidere cosa vogliono per il loro paese".

15:03Calcio: Moratti, ieri brutta Inter ma è solo episodio

(ANSA) - MILANO, 20 SET - "Credo che l'Inter debba essere diversa da quella vista ieri a Bologna. E' stata una brutta partita". L'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti commenta, all'Ansa, la prestazione della squadra nerazzurra che ieri ha pareggiato su rigore al Dall'Ara. "E' stata una sfida non bella - aggiunge - giocata forse con la stanchezza frutto della partita di Crotone e degli impegni molto ravvicinati. Sono convinto però che sia solo un episodio perché l'Inter ha buoni giocatori e un allenatore ottimo".

15:03Corea Nord: Trump, Hillary critica ma è colpa sua

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Dopo avere permesso alla Corea del Nord di fare ricerca e costruire armi nucleari (Nukes) mentre era Segretario di Stato (anche Bill C), adesso la Corrotta Hillary critica": lo scrive il presidente americano Donald Trump in un tweet.

15:00Messico: crollo scuola, almeno 32 i bambini morti

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 20 SET - E' di 36 morti -32 bambini e quattro adulti- il nuovo bilancio di vittime dopo il crollo della scuola 'Enrique Rebsamen' di Città del Messico, secondo un inviato del quotidiano Excelsior sul luogo del disastro. Secondo un conteggio non ufficiale, 14 persone sono state tratte in salvo dalla scuola, ma almeno una ventina potrebbero trovarsi ancora intrappolate sotto le macerie.

Archivio Ultima ora