Tour, Aru assalto alla maglia gialla: “Ma Froome è il favorito”

Pubblicato il 17 luglio 2017 da ansa

Tour de France

Tour de France, Aru in giallo

ROMA. – Tutto in tre tappe. Fra mercoledì, giovedì e sabato si assegnerà il Tour de France numero 104. Fra il Col de la Croix, il Galibier, l’Izoard e la crono di Marsiglia verrà scritta, o fors’anche riscritta, la classifica generale, che attualmente vede racchiusi quattro atleti in soli 29″. Roba da fare invidia al Giro d’Italia numero 100, che ha assegnato la maglia rosa all’ultimo giorno.

Dopo 2.664,5 chilometri di fatica, lacrime, drammatiche cadute e fratture in serie, la sfida resta apertissima, con Chris Froome che guarda Aru dall’alto di 18″, con Bardet a 23″ e Uran a 29″. Per non parlare di Daniel Martin e Landa, staccati rispettivamente di 1’12” e 1’19”.

Non si gareggia per il secondo posto, come nelle ultime edizioni della Grande boucle stradominata dal keniano bianco, ma per la maglia gialla, che i francesi non vedono indossare sotto l’Arco di Trionfo da uno dei propri beniamini addirittura dal 1985. L’ultimo fu Bernard Hinault. Da quel momento in poi varia umanità ha avuto il merito e il privilegio di vestirsi di giallo a Parigi, ma nessuno di loro era francese. Ecco perché, tutti gli occhi sono puntati sul giovane dell’Alta Loira, Romain Bardet, terzo in classifica e pronto a dare battaglia.

Come Fabio Aru che, però, considera “Froome il favorito”. Visto “che ha vinto già tre volte il Tour”, possiede “l’esperienza e la squadra per vincere ancora”, le parole del sardo. Ma non solo: “E’ in vetta alla classifica generale e ha dalla sua una migliore predisposizione alla crono di Marsiglia”.

Poi, su Bardet, secondo l’anno scorso, Aru ammette che “è un avversario molto pericoloso, anche per il suo modo di attaccare, e lo stesso vale per Uran”. Tutto, però, dipenderà “dalle tappe di mercoledì e giovedì”. “Penso che – aggiunge Aru – nessuno di noi sappia come andrà su quelle vette, ben oltre i 2 mila metri. Al Tour ogni momento può essere pericoloso e questo t’insegna a non abbassare mai la guardia, come abbiamo visto quando ho perso la maglia gialla. Ci aspetta una settimana dura, ci sarà spettacolo. Froome vorrà tenere la maglia, Bardet e Uran guadagnare qualcosa. Servirà la giusta concentrazione”.

Aru non esclude eventuali, possibili alleanze nate sulla strada. “Dipende da come si metterà la gara, un aiuto a vicenda con Bardet può starci”. Anche perché, finora l’Astana non è pervenuta, costringendo Aru a fare da sé. “La nostra squadra ha attraversato momenti drammatici, negli ultimi mesi, e anche al Tour ci sono stati gravi ritiri, siamo in sette e in sette daremo il massimo”.

La battaglia si aprirà mercoledì, in occasione della 17/a tappa, la La Mure-Serre Chevalier di 183 km, con il superamento del Col de la Croix de fer e il Galibier, a quota 2.642 metri. In tutto sono previsti 4 Gpm, di cui due ‘hors categorie’. Giovedì, nella 18/a frazione, da Briancon all’Izoard, dopo 179,5 km, arrivo a 2.360 metri, con 3 Gpm di 3/a, 1/a e ‘hors categorie’.

Sabato, infine, la crono di Marsiglia, con Froome favorito sul resto della truppa. “Questi distacchi minimi non mi sorprendono affatto – le parole della maglia gialla -. Sapevo che questa sarebbe stata la sfida più complicata e che, in caso di successo, sarebbe eventualmente diventata la vittoria più difficile. Ogni avversario rappresenta un pericolo e, in questa edizione del Tour, avversari ne ho tantissimi. Aru? Nella terza settimana è sempre andato forte, ma nella crono temo di più Uran”.

Ultima ora

00:15Terremoto: Sarri, vittoria Napoli dedicata a gente Ischia

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Questa vittoria è dedicata alla popolazione di Ischia che purtroppo sta vivendo un momento molto difficile". E' il pensiero di Maurizio Sarri alla popolazione dell'isola colpita dal terremoto, dopo la qualificazione del Napoli alla fase a gironi della Champions League.

23:56Champions: Callejon, Napoli merita questo palcoscenico

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Tornare in Champions era quello che volevamo, il Napoli è una squadra che merita i grandi palcoscenici. Abbiamo sempre imposto il nostro calcio e penso che la qualificazione sia meritata". Josè Callejon, autore della prima rete con il Nizza, si gode così il successo sul campo dei francesi che vale la qualificazione alla fase a gironi della Champions.

23:54Champions: Favre, “Balotelli insufficiente”

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "La prestazione di Balotelli? Preferirei non parlare di questo argomento. Quello che ha fatto stasera è totalmente insufficiente, deve fare di più di quello che ho visto stasera". Il tecnico del Nizza Lucien Favre boccia senza mezzi termini la prova di Supermario contro il Napoli. "Nel momento del sorteggio - aggiunge l'allenatore dei francesi eliminati dai partenopei -, avrei voluto qualsiasi altra squadra, anche più blasonata, ma non questo Napoli. Perché è davvero molto organizzata, gioca un grande calcio. Lo conoscevo, lo studio da tre anni: ha giocatori estremamente tecnici e anche rapidi. Potevamo fare poco".

23:52Champions: Insigne “Grande prova maturità, mai perso testa”

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Abbiamo fatto una grande gara, giocando da squadra. Non era facile, ma noi siamo sempre rimasti uniti e non abbiamo mai perso la testa. Non sfigurerei nel Barcellona? Grazie, ma io voglio continuare a fare bene con questa maglia. Barcellona è il sogno di tutti, si sa, ma ora mi interessa giocare con questa maglia". Lorenzo Insigne si gode la serata e il gol che ha spinto il Napoli alla fase a gironi della Champions. "Abbiamo dato una grande prova di maturità, ma dobbiamo subito tornare concentrati per la sfida contro l'Atalanta - aggiunge -, che l'anno scorso ci ha messo in difficoltà. Noi non dobbiamo pensare di essere l'anti Juventus, dobbiamo solo pensare a fare il nostro campionato. Lo stesso discorso vale per la Champions: dobbiamo solo pensare a fare bene, poi chi meriterà di passare, passerà".

23:50Champions: gioia Sarri, giusto premio per questo Napoli

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Abbiamo fatto bene, questa è la nostra strada per arrivare a fare risultati. Mentre se ci mettiamo a gestire le partite andiamo in difficoltà. Penso che la Champions sia il giusto premio per un gruppo che l'anno scorso ha fatto 86 punti: non ricordo a memoria di una squadra che arriva a 86 punti e non gioca la Champions l'anno dopo". Maurizio Sarri non nasconde la gioia dopo il 2-0 a Nizza che porta il suo Napoli nella fase a gironi del torneo. "Questo è un gruppo che ha grandi valori morali - dice l'allenatore -, spirito di attaccamento alla maglia, non è stato necessario motivarli tanto: il merito è tutto loro. Stiamo cominciando a prendere coscienza dei limiti che abbiamo e solo così potremo colmarli: a volte rischiamo ancora di diventare leziosi, ma se riusciremo a mettere una pezza a queste piccole situazioni lo sapremo solo in futuro. Qualche difetto ce l'abbiamo ancora e non sarà facile colmare il gap con le grandi. Mercato? Se andrà via qualcuno, magari qualcuno arriverà: ora siamo al completo".

23:31Champions: Siviglia avanza alla fase a gironi

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Maribor, Siviglia e Olympiacos accedono alla fase a gironi della Champions League. Qualificato anche il Celtic. Risultati delle gare di ritorno dei playoff: Siviglia-Istanbul Basaksehir 2-2 (andata 2-1) Rijeka-Olympiacos 0-1 (andata 1-2) Maribor-Hapoel Beer Sheva 1-0 (andata 1-2) Astana-Celtic 4-3 (andata 0-5).

23:16Champions: 2-0 al Nizza, Napoli qualificato

(ANSA) - NIZZA, 22 AGO - Il Napoli batte il Nizza 2-0 (0-0) nella gara di ritorno dei playoff di Champions League e si qualifica alla fase a gironi. La squadra di Sarri ha dominato il match anche in trasferta chiudendo con lo stesso risultato dell'andata al San Paolo. Decidono le reti nella ripresa, al 2' con Callejon e il raddoppio al 43' con Insigne.

Archivio Ultima ora