Rogo Castelfusano: brucia la pineta di Roma, un arresto

Pubblicato il 17 luglio 2017 da ansa

Fiamme e fumo dell’incendio divampato nella pineta di Castelfusano a Ostia (Roma), 17 luglio 2017.
ANSA/DOMENICO ROTIROTI

ROMA. – Dopo la tromba d’aria che ha causato 10 feriti lievi, a Ostia tornano gli incendi e la paura. E divampano anche le polemiche politiche. A bruciare è di nuovo la Pineta di Castelfusano, la riserva naturale della zona costiera di Roma, che confina con la tenuta di Castel Porziano della presidenza della Repubblica. Un grande rogo si è sviluppato all’altezza dell’Infernetto, mentre almeno altri tre focolai sorgevano lungo via Colombo – che collega Ostia al resto della capitale ed è stata chiusa in un tratto – e sulla Litoranea, interdetta temporaneamente alla circolazione.

Molti bagnanti hanno lasciato le spiagge spaventati dalle alte e vaste nubi di fumo, mentre gli aerei Canadair e gli elicotteri facevano la spola davanti ai lidi per l’acqua necessaria a spegnere le fiamme. Alcune case sono state evacuate – all’Infernetto la cenere è piovuta dal cielo – e il traffico si é semiparalizzato.

Prevale l’ipotesi dolosa per il rogo e un 22/enne è stato arrestato dai carabinieri e accusato di tentato incendio boschivo. Si tratta di un idraulico originario di Busto Arsizio (Varese), sorpreso mentre bruciava dei fazzoletti di carta e che ha cercato di nascondersi nella vegetazione. “E’ una situazione gravissima, buona parte della pineta é andata in fumo – ha detto la sindaca M5S Virginia Raggi, accorsa sul posto – Serve l’aiuto della Regione e del Governo. Roma non può essere lasciata sola di fronte a questo disastro ambientale. Dobbiamo collaborare tutti”.

Secondo Raggi “il primo Canadair è arrivato dopo un’ora”. Ma la Regione replica: “La Protezione Civile Regionale precisa che la segnalazione è arrivata alle ore 15:51 e il primo elicottero è stato inviato alle ore 15:52”. Intanto Raggi annuncia: “Chiederemo lo stato di emergenza perché quest’anno, nei primi due mesi di monitoraggio, gli incendi sono quadruplicati”, aveva detto poche ore prima Nicola Zingaretti, presidente Pd del Lazio. La Regione, informa una nota, ha impiegato per il rogo 5 elicotteri e un Canadair, oltre a sei autobotti e 20 squadre.

Ostia e Castel Fusano hanno rivissuto quanto accaduto lo scorso 7 luglio, quando la pineta era già andata a fuoco con danni consistenti. Il ricordo va al grande incendio del 4 luglio 2000, che distrusse buona parte della vegetazione dell’area, circa 300-350 ettari di pini secolari e macchia mediterranea.

In tutti questi casi erano stati dei piromani ad appiccare il fuoco. Una circostanza che induce diversi esponenti politici a invocare pene più severe per chi brucia dolosamente aree verdi. Ma non mancano le critiche al Campidoglio. “Roma brucia ma non ha un piano emergenza (fermo dal 2008), e non ha un capo della Protezione civile. Raggi a casa”, dice il deputato Pd Marco Miccoli. Per i Verdi é “un disastro ambientale annunciato”, e la responsabilità é del Campidoglio che avrebbe sottovalutato la situazione dopo l’incendio di dieci giorni fa.

(di Luca Laviola/ANSA)

Ultima ora

17:46Kenya: Odinga fa ricorso a Corte Suprema

(ANSA) - NAIROBI, 16 AGO - In Kenya l'opposizione ha oggi deciso di sfidare la Commissione elettorale in merito al risultato delle elezioni presidenziali e ha annunciato che farà ricorso alla Corte Suprema, invitando la popolazione a una campagna di "disobbedienza civile". Raila Odinga, leader dell'opposizione e candidato sconfitto da Uhuru Kenyatta, ha dichiarato oggi ai giornalisti che non accetterà tranquillamente il "massacro della democrazia". Subito dopo l'inizio dello spoglio dei voti aveva denunciato brogli, parlando di "voto farsa". La settimana scorsa aveva dichiarato che non avrebbe presentato ricorso alla Corte Suprema come nel 2013 quando, sconfitto sempre da Kenyatta, aveva presentato analogo ricorso che però aveva avuto esito negativo. Sempre oggi gli osservatori dell'Unione Europea hanno chiesto al governo di rendere noti al più presto tutti i risultati definitivi delle contrastate elezioni presidenziali dello scorso 8 agosto.

17:45Niccolò Ciatti, Alfano a Madrid, punire i responsabili

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Angelino Alfano ha avuto oggi un colloquio telefonico con l'omologo spagnolo Alfonso Dastis per sensibilizzarlo in merito alla tragedia di Niccolò Ciatti. "L'Italia è profondamente addolorata e sgomenta per quello che è accaduto a Lloret de Mar", ha detto Alfano. Nel pieno rispetto dell'indipendenza della magistratura spagnola, Alfano ha chiesto a Dastis di fare il possibile perché tutti i responsabili del delitto siano presto giudicati e condannati: "La scarcerazione di due dei tre ceceni inizialmente arrestati ha suscitato perplessità e inquietudine nell'opinione pubblica italiana".

17:42Accoltellato a morte per diverbio stradale nel Barese

(ANSA) - BITONTO (BARI), 16 AGO - Un giovane di 25 anni è stato accoltellato a morte durante un diverbio per motivi di circolazione stradale a Bitonto, nel nord Barese. L'omicida sarebbe un uomo di 60 anni. Sull'episodio indagano i carabinieri. Secondo una prima ricostruzione fatta dai carabinieri, tutto sarebbe scaturito da un tamponamento tra due auto nel centro abitato del paese, all'incrocio tra via Garibaldi e via Verdi. I conducenti delle auto avrebbero spostato le vetture per verificare i danni e uno dei due avrebbe messo il veicolo di traverso. A quel punto sarebbe sopraggiunto il 60enne a bordo di un'auto di colore scuro che avrebbe litigato con il conducente dell'auto posta di traverso sulla carreggiata. L'uomo all'improvviso avrebbe estratto un coltello colpendo al torace destro il 25enne, il quale avrebbe compiuto alcuni passi prima di chiedere aiuto ai passanti. Il giovane è stato trasportato all'ospedale San Paolo di Bari, ma per lui non c'è stato nulla da fare.

17:40Usa: Lincoln Memorial a Washington imbrattato con spray

(ANSA) - NEW YORK, 16 AGO - Il Lincoln Memorial a Washington, uno dei monumenti simbolo della capitale Usa, è stato imbrattato con una scritta oscena ('F.. law', 'si fotta la legge') scoperta dagli agenti del National Park Service (l'autorità che vigila su monumenti e parchi nazionali). Si sta al momento lavorando per rimuovere lo spray in modo da non danneggiare il marmo con cui è costruito il monumento in onore del 16mo presidente degli Usa. Il Lincoln Memorial si trova ad una delle estremità del National Mall di fronte al Washington Monument a forma di obelisco. Oltre a quelle sul Lincoln Memorial, gli agenti hanno scoperto anche altre scritte sulle mappe di alcuni dei musei Smithsonian che si trovano sempre lungo il Mall.

17:39Calcio: Matuidi a Torino, visite mediche al Jmedical

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Blaise Matuidi, il rinforzo per il centrocampo della Juventus, è arrivato nel pomeriggio al 'JMedical' per sostenere le visite mediche prima della firma del contratto con il club bianconero. Matuidi era sbarcato mezz'ora prima all'aeroporto di Torino Caselle.

17:22Venezia, sindaco per un giorno fa il netturbino

(ANSA) - VENEZIA, 16 AGO - Guanti d'ordinanza e divisa della municipalizzata, il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro si è improvvisato netturbino per un giorno, assistendo oggi gli operatori di 'Veritas' nella raccolta dei rifiuti porta a porta lungo le calli di Dorsoduro. La raccolta 'porta a porta' dei rifiuti a Venezia, iniziata recentemente, è stata un progetto sul quale Brugnaro ha voluto puntare fin dal suo insediamento e che, e in questi ultimi due anni ha già toccato quasi tutti i sestieri del centro storico. Ad ottobre sarà estesa anche a Cannaregio e la copertura totale del territorio lagunare avverrà entro febbraio 2018 con Castello. Al termine della raccolta porta a porta, il sindaco ha voluto seguire il tragitto delle imbarcazioni fino alla stazione di travaso di Sacca San Biagio. "Ho voluto toccare con mano la fatica di raccogliere la spazzatura nel centro storico - ha detto - e capire di persona la validità di questo progetto, avviato sperimentalmente a settembre del 2015 e ormai allargato a quasi tutta la città". (ANSA).

17:21Tenta espatriare con figlie minori, bloccato alla frontiera

(ANSA) - RIMINI, 16 AGO - Tenta di espatriare con le figlie minorenni, contro il volere della madre delle ragazzine approfittando del ponte di Ferragosto, ma la sua fuga è finita alla frontiera con la Svizzera, grazie all'intervento della Questura di Rimini. A presentare denuncia e ottenere il provvedimento d'urgenza del giudice tutelare di Rimini nei confronti dell'ex, la madre delle due, una di 16 l'altra di 9 anni, domiciliate nel Riminese. L'uomo, 43 anni, campano, secondo le informazioni fornite dalla donna all'ufficio passaporti e poi agli investigatori della Questura, sarebbe dovuto passare per prendere con sé le figlie e portarle all'estero, nel tentativo di non farle più vedere alla madre. Immediate le misure della polizia che prima ha contattato il 43enne per tentare di dissuaderlo annunciando la notifica del blocco dell'espatrio e poi ha diramato la segnalazione alla frontiera. Domenica una pattuglia ha rintracciato l'uomo con le due figlie poco prima che lasciassero l'Italia su un pullman. La madre è andata a riprenderle.(ANSA).

Archivio Ultima ora