Mogherini e il Venezuela: “Tutte le opzioni sono sul tavolo”

BRUXELLES.- Federica Mogherini, Alto rappresentante dell’Unione per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza, ha invitato il presidente della Repubblica, Nicolàs Maduro, a sospendere l’elezione per l’Assemblea Nazionale Costituente. E ha assicurato che l’Unione Europea studia quali sanzioni applicare nel caso che il governo insista nei suoi programmi.
– Siamo convinti – ha detto Federica Mogherini – che sarebbe pertinente che il governo faccia un gesto politico per abbassare le tensioni e per creare le condizioni che permettano una soluzione pacifica e negoziata alla crisi. Ovviamente – ha sottolineato la rappresentante dell’Unione Europea al rispondere a chi le chiedeva se era contemplata la possibilità di sanzioni – tutte le opzioni sono sul tavolo.
La risposta del presidente della Repubblica, Nicolas Maduro, non si è fatta attendere.
– Federica Mogherini, la ministro degli Esteri dell’Unione Europea – ha detto il capo dello Stato – ha cominciato a dare ordini al governo del Venezuela. Che insolente! Crede di essere ancora al 1809, ai tempi in cui il Venezuela riceveva ancora ordini dall’impero. Stai sbagliando Federica – ha proseguito -. Il Venezuela non è una colonia dell’Europa. A “plan y machete” abbiamo cacciato gli eserci della Federica Mogherini. Siamo andati fino ad Ayacucho per cacciarli!