Berlusconi apre al centro per arrivare al governo. Ap divisa, Salvini attacca

Pubblicato il 17 luglio 2017 da ansa

Centrodestra

Silvio Berlusconi apre al centro.

TROPEA (VIBO VALENTIA). – Silvio Berlusconi apre al centro per ricostruire un centrodestra “inclusivo” in grado di tornare al governo del Paese – incassando il sì del ministro agli Affari regionali Enrico Costa, che spacca Ap – e lancia la sfida a Matteo Salvini per la premiership con l’ipotesi di una legge elettorale proporzionale con il premier espressione della lista che ottiene più voti nella coalizione vincente. Sfida che il leader leghista non solo accetta ma sulla quale rilancia.

“La Lega prenderà un sacco di voti” dice sibillino da Tropea, tappa conclusiva di un giro nel vibonese per affrontare il tema dei migranti. Sulla proposta di legge elettorale Salvini non si sbilancia, fedele all’impegno preso con se stesso di non parlarne più dell’argomento, e si dice possibilista sull’apertura al centro. “Si può parlare di tutto” spiega rispondendo implicitamente anche a Costa che gli ricorda che “in molte città e in Regioni significative come Liguria e Lombardia vi sono coalizioni che godono del valore aggiunto delle forze di centro”. Apertura sì ma con un un paletto grande come un albero: “Alfano, il ministro dei 500 mila sbarchi, neanche dipinto sul muro”.

Parole destinate a spaccare ulteriormente il centro tra coloro che guardano a Forza Italia ed al suo leader come un approdo naturale per ricompattare la coalizione ed i fedelissimi dell’attuale ministro degli Esteri. Di certo Salvini vuole andare le elezioni e, a Vibo Valentia, inaugurando la sede del movimento “Noi con Salvini”, dice, tra il serio ed il faceto: “possono rimandare le elezioni ancora qualche mese ma non in eterno. Quindi a febbraio-marzo o si vince o si muore. Loro hanno una marea di soldi e noi siamo piccoli e se perdiamo, con i numeri che abbiamo, saremo noi a dover prendere il barcone e andare in nord Africa a chiedere asilo”.

L’apertura di Berlusconi per un centrodestra che è “maggioranza naturale in Italia” e capace di sconfiggere 5 Stelle e astensionismo, “due pericoli diversi ma altrettanto gravi per la nostra democrazia”, come era facile prevedere incassa i commenti positivi degli esponenti azzurri. “Non posso far altro che apprezzare il livello d’attrazione di Forza Italia nei confronti di chi ci aveva, momentaneamente, lasciato”, dice Renato Brunetta commentando le parole di Costa mentre Mara Carfagna invita a seguire “l’esempio che il presidente Berlusconi ci ha dato in questi anni: esaltiamo i punti di convergenza e ammorbidiamo quelli di divergenza” per costruire “un’alternativa seria al populismo”.

(dell’inviato Alessandro Sgherri/ANSA)

Ultima ora

15:06Terremoto: Boschi, ci siamo e continueremo a esserci

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 20 SET - "Noi ci saremo sempre, con la commissaria De Micheli che prosegue il lavoro fatto da Errani, con l'impegno del governo tutto, quello personale di ciascuno di noi, con il sistema della Protezione Civile. Non lasceremo sola la popolazione di Arquata né quella degli altri territori colpiti dal terremoto. Le risorse ci sono, si tratta di velocizzare ulteriormente le procedure della ricostruzione". Così il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi ad Arquata del Tronto. Da velocizzare anche il lavoro che si sta facendo "con le macerie", Complessivamente - ha aggiunto - "lavoriamo in stretto contatto con i Comuni e con le Regioni. Con i presidenti delle Regioni e i rappresentanti dei Comuni ci vediamo settimanalmente per valutare lo stato e per le macerie. Ci siamo e continueremo ad esserci".

15:05Uragano Maria: sette morti in Dominica

(ANSA-AP) - ROSEAU (REPUBBLICA DOMENICANA), 20 SET - Secondo il consigliere del primo ministro della Dominica, Roosevelt Skerrit, i morti provocati dall'uragano Maria sono almeno sette. Il paese è senza elettricità e con pochissime comunicazioni: "Ci sono tremendi danni, alle case e agli edifici pubblici", ha aggiunto precisando che al momento un bilancio complessivo è ancora prematuro. Ieri l'uragano aveva provocato almeno un morto e due dispersi in Guadalupa.

15:05Calcio: Moratti, non prenderò quote Inter da Thohir

(ANSA) - MILANO, 20 SET - "No, non ho assolutamente intenzione di acquistare da Erick Thohir una quota dell'Inter. Avevo già il 30% del club nerazzurro e l'ho ceduto, perché ora dovrei volerlo riacquisire da Thohir?": lo dice all'Ansa l'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti, in relazione alle voci che sono riprese a circolare riguardo un suo nuovo coinvolgimento nell'assetto societario del club nerazzurro.

15:04Catalogna: Rajoy, lo stato deve reagire

(ANSA) - MADRID, 20 SET - Davanti alla sfida dell'indipendenza catalana, che "non rispetta la legge", "logicamente lo stato deve reagire" ha detto il premier spagnolo Mariano Rajoy dopo il blitz ddella Guardia Civil a Barcellona. Nessuno stato al mondo può accettare quanto stanno facendo: erano avvertiti, ha aggiunto, sapevano che il referendum non si può fare perché contrario alla sovranità nazionale e al diritto di tutti gli spagnoli di decidere cosa vogliono per il loro paese".

15:03Calcio: Moratti, ieri brutta Inter ma è solo episodio

(ANSA) - MILANO, 20 SET - "Credo che l'Inter debba essere diversa da quella vista ieri a Bologna. E' stata una brutta partita". L'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti commenta, all'Ansa, la prestazione della squadra nerazzurra che ieri ha pareggiato su rigore al Dall'Ara. "E' stata una sfida non bella - aggiunge - giocata forse con la stanchezza frutto della partita di Crotone e degli impegni molto ravvicinati. Sono convinto però che sia solo un episodio perché l'Inter ha buoni giocatori e un allenatore ottimo".

15:03Corea Nord: Trump, Hillary critica ma è colpa sua

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Dopo avere permesso alla Corea del Nord di fare ricerca e costruire armi nucleari (Nukes) mentre era Segretario di Stato (anche Bill C), adesso la Corrotta Hillary critica": lo scrive il presidente americano Donald Trump in un tweet.

15:00Messico: crollo scuola, almeno 32 i bambini morti

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 20 SET - E' di 36 morti -32 bambini e quattro adulti- il nuovo bilancio di vittime dopo il crollo della scuola 'Enrique Rebsamen' di Città del Messico, secondo un inviato del quotidiano Excelsior sul luogo del disastro. Secondo un conteggio non ufficiale, 14 persone sono state tratte in salvo dalla scuola, ma almeno una ventina potrebbero trovarsi ancora intrappolate sotto le macerie.

Archivio Ultima ora