Scherma: Mondiali al via, Italia in punta di fioretto

Pubblicato il 18 luglio 2017 da ansa

ROMA. – La già ricca estate sportiva vedrà aggiungersi da domani i Mondiali di scherma che, fino al 26 luglio, accenderanno i riflettori su Lipsia, in Germania, accostandosi alla rassegna iridata di nuoto in corso in questi giorni in Ungheria. L’agenda proseguirà poi ad agosto con i Mondiali di atletica e gli Europei di pallacanestro e pallavolo.

A Lipsia, 883 atleti di 181 Paesi si contenderanno i dodici titoli in palio; 24, in particolare, gli italiani convocati dai ct del fioretto Andrea Cipressa, della sciabola Giovanni Sirovich e della spada Sandro Cuomo. Nel fioretto, il team azzurro potrà contare sul ritorno di Andrea Cassarà, anche se non al top poiché reduce da infortunio. Si unirà, d’altronde, ad un gruppo composto da Daniele Garozzo, numero 1 del ranking, campione olimpico ed europeo che punta a uno storico tris perchè si presenta anche a Lipsia come l’uomo da battere (ma attenzione all’americano Alexander Massialas e al russo Timur Safin); da Giorgio Avola, bronzo europeo; e da Alessio Foconi, tre volte sul podio in Coppa del mondo.

Non è da meno il fioretto femminile, con la campionessa europea Arianna Errigo, che quest’anno ha mancato il podio in Coppa del mondo solo una volta e a causa di un infortunio, Alice Volpi, bronzo a Tbilisi, e Martina Batini, tutte protagoniste anche in Coppa. Insomma, “saremo chiamati a tener fede alle attese”, non si è potuto nascondere Cipressa. Grandi favorite per il titolo, oltre alla Errigo, sono la russa Inna Deriglazova, che a Rio ha vinto l’oro olimpico e si presenta a Lipsia da n.1 del mondo, e l’americana Lee Kiefer, che finora ha avuto un’annata super. Nella prova a squadre le previsioni unanimi sono quelle di una finale fra le ragazze del Dream Team azzurro e la Russia.

Nella sciabola, l’Italia schiererà Luca Curatoli, reduce dal bronzo europeo, Luigi Samele ed Enrico Berrè, protagonisti di stagione in Coppa, oltre ad Aldo Montano, il quale sarà l’unico del gruppo azzurro presente anche a Lipsia 2005, quando la Nazionale vinse l’argento nella prova a squadre. Per il torneo femminile, ci saranno Martina Criscio, Loreta Gulotta, Rossella Gregorio e Irene Vecchi, le ultime due tra le favorite assieme alla russa Yana Egorian, l’ungherese Ana Marton e l’ucraina Olga Kharlan.

“Arriviamo al Mondiale in una situazione positiva – ha ricordato Sirovich – ma anche questa sarà solo una tappa d’avvicinamento ai Giochi del 2020, il vero traguardo”.

Nella spada, infine, ecco Marco Fichera, con alle spalle un successo e due secondi posti stagionali in Coppa; Enrico Garozzo, per ben quattro volte ad un passo dal podio; e Paolo Pizzo, ex campione del mondo ed argento europeo. Per loro i rivali più pericolosi sembrano essere il francese Yannick Borel, il veterano ungherese Imre Geza, argento olimpico a Rio a quasi 42 anni, e i sudcoreani Park Sangyoung e Park Kyoungdoo.

La squadra femminile vedrà la sola Rossella Fiamingo subito nel tabellone principale dove, in virtù dei successi a Kazan 2014 e Mosca 2015 e dell’argento a Rio 2016, sarà fra le concorrenti da battere. Per lei le rivali più pericolose saranno la campionessa olimpica in carica, l’ungherese Emese Szasz, e la cinese Sun Yiwen. L’obiettivo, ha sottolineato Cuomo, sarà quello di “riscattare le prestazioni degli Europei”.

Cinque altri azzurri dovranno passare dalle qualificazioni: lo spadista Andrea Santarelli e la fiorettista Camilla Mancini, in pedana domani, e le spadiste Mara Navarria, Alberta Santuccio e Giulia Rizzi, giovedì. Venerdì si entrerà nel vivo con le gare di fioretto femminile e sciabola maschile; sabato la spada maschile e la sciabola femminile; domenica la spada femminile e il fioretto maschile; e da lunedì le gare a squadre.

Ultima ora

13:36Mladic condannato all’ergastolo dal Tpi

(ANSA) - BRUXELLES, 22 NOV - Il tribunale penale internazionale dell'Aja per i crimini nella ex Jugoslavia (Tpi) ha condannato all'ergastolo, in primo grado, l'ex generale Ratko Mladic, ex comandante dell'esercito serbo bosniaco, per genocidio e crimini di guerra e contro l'umanità perpetrati durante la guerra in Bosnia (1992-95).

13:16Scuola a Bolzano intitolata a Ilaria Alpi

(ANSA) - BOLZANO, 22 NOV - Viene intitolata a Ilaria Alpi, la giornalista Rai assassinata a Mogadiscio insieme al suo cineoperatore Miran Hrovatin, la scuola secondaria di via Cassa di Risparmio a Bolzano. La cerimonia è in programma venerdì prossimo. In mattinata sarà presente il regista del il film "Somalia 94, il caso Ilaria Alpi" Marco Giolo. Verso le 11.30, guarderà il film d'animazione con gli alunni e parlerà con loro del suo lavoro di giornalista. Nel pomeriggio, sarà organizzata per gli studenti delle scuole superiori una performance cinematografica e alle ore 18.00 si svolgerà la cerimonia di inaugurazione in presenza della dirigente scolastica il capo dell'amministrazione scolastica e altri membri del dipartimento di educazione della scuola.

13:07Sindaco Chioggia (M5s) indagato per abuso d’ufficio

(ANSA) - VENEZIA, 22 NOV - Il sindaco di Chioggia (Venezia) Alessandro Ferro del M5s, risulta indagato dalla Procura di Venezia per abuso d'ufficio. A renderlo noto lo stesso Ferro che ne dà notizia su Fb. "Mi è stato notificato un avviso di richiesta di proroga indagini da parte della Procura di Venezia per il reato di abuso d'ufficio - si legge sul suo profilo con il post tutt'ora in rete -. Prima d'ora non avevo ricevuto alcuna comunicazione, né ero a conoscenza di alcuna attività nei miei confronti". "Per trasparenza nei confronti di tutti i cittadini, in ossequio a uno dei pilastri fondanti del Movimento 5 stelle - rileva -, ne do comunicazione a tutti. Ho naturalmente piena fiducia nella giustizia. Vi terrò aggiornati su eventuali sviluppi". Ferro era stato oggetto di critiche per una sua presunta partecipazione azionaria nella gestione di una spiaggia e i relativi permessi.

12:52Zimbabwe: tv, Mnangagwa giura venerdì come presidente

(ANSA) - IL CAIRO, 22 NOV - Si terrà dopodomani venerdì la cerimonia di giuramento del nuovo presidente dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa: lo scrive il sito dell'emittente pubblica del paese, la Zbc, il giorno dopo le dimissioni dell'ormai ex capo di Stato Robert Mugabe. "Il compagno Mnangagwa arriverà nel paese oggi alle sei del pomeriggio alla base aerea di Manyame, ad Harare", precisa il sito citando proprie "buone" fonti ufficiali.

12:47Libano: Hariri sospende dimissioni su richiesta Aoun

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 NOV - Il premier libanese Saad Hariri ha detto che il presidente Michel Aoun gli ha chiesto di riflettere sulla decisione di dimettersi. Hariri ha parlato poco fa dal palazzo presidenziale di Baabda in un discorso trasmesso in diretta dai media libanesi. "Ho presentato le dimissioni al presidente e lui ha auspicato che si prenda tempo per riflettere sulle cause (delle dimissioni). Ho risposto a questo auspicio, con la speranza che si arrivi a un dialogo e che si risolvano i problemi del paese".

12:46Migranti: da Prefetto Venezia i 55 partiti dal padovano

(ANSA) - PADOVA, 22 NOV - Gli ultimi 55 migranti che, nei giorni scorsi avevano lasciato il centro di Conetta nel veneziano, saranno ricevuti dal Prefetto di Venezia Carlo Boffi. I 'superstiti' della lunga marcia che li ha portati a girovagare dal veneziano fino al padovano dove hanno trascorso la notte in una struttura religiosa a Rubano, stamane con un bus messo a disposizione dalla Prefettura sono stati accompagnati a Venezia dove porteranno le loro ragioni e si deciderà della loro sorte in Prefettura. I migranti avevano lasciato Conetta in massa perché ritenevano inadeguata l'ospitalità che si protraeva da tempo nella struttura da loro ritenuta scomoda ma anche per le lunghezze burocratiche nel decidere il loro status. Alcuni di loro sono stati sistemati in luoghi alternativi ma la maggior parte di loro, alla fine, ha fatto ritorno a Conetta dove gli ospiti, ad oggi, sono meno di un migliaio.

12:28Australia: si dimette ct Postecoglou, niente Mondiali

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - C'è chi ai Mondiali non può partecipare per non essersi riuscito a qualificare e chi, invece, non andrà per scelta personale. E' il caso del ct dell'Australia, Ange Postecoglou, che ha deciso di rassegnare le dimissioni una settimana dopo avere staccato il biglietto - alla guida dei 'socceroos' - per Russia 2018. Una decisione che ha colto tutti di sorpresa, dopo il successo sull'Honduras nello spareggio intercontinentale. Da quattro anni Postecoglou, vittorioso della Coppa d'Asia 2015, era alla guida della Nazionale australiana di calcio, che adesso dovrà affrontare i Mondiali con un'altra guida tecnica. "Ho speso troppo a livello mentale e nervoso, non me la sento di continuare - le parole che il ct dimissionario ha affidato al sito ufficiale della Federcalcio australiana -: è stato un privilegio allenare la Nazionale del mio Paese, ma non me la sento di continuare.

Archivio Ultima ora