Tour: sprint Matthews, domani il Galibier e Aru spera

Pubblicato il 18 luglio 2017 da ansa

Tour de France

Alberto Contador in azione. EPA/Guillaume Horcajuelo

ROMA. – In attesa dell’Alpi e del Galibier, che arriveranno domani, il Tour de France ha affrontato la sua 16/a tappa, arrivata dopo un giorno di riposo servito a molti per ricaricare le pile. Quella di oggi è stata una tappa combattuta, nonostante il percorso sulla carta riservasse poche insidie.

All’inizio il gruppo, su iniziativa della Sunweb, aiutata anche dalla Bmc, ha lavorato per tagliare fuori Kittel, mostratosi in difficoltà fin dalla parte iniziale del percorso, poi a farla protagonista nel finale è stato il vento, che ha provocato lo spezzettamento del plotone per una serie di ‘ventagli’ provocati dal soffio di Eolo. Tutto ciò è stato pagato a caro prezzo da alcuni uomini di spicco, come Daniel Martin, arrivato a 50″ dal vincitore di giornata Michael Matthews, e Alberto Contador, staccato di 1’30”.

L’australiano di Canberra ha preceduto il norvegese Edvald Boasson Hagen, che in un primo momento credeva di aver vinto, e il tedesco John Degenkolb, particolarmente nervoso dopo aver tagliato il traguardo: sostenendo di essere ostacolato dall’australiano durante lo sprint, è andato a prenderlo per il collo, poi però si è dato una calmata e ha accettato il risultato, visto che non ci sono stati rilievi da parte della giuria: per Matthews è stato il secondo successo in questa edizione della Grande Boucle.

Nessun problema per Froome, che ha conservato la maglia gialla arrivando nel gruppo dei primi, in cui c’era anche Fabio Aru, che ha tenuto botta. Ma un brivido lo ha provocato anche Daniele Bennati, che a due chilometri dal traguardo ha provato il colpaccio guadagnando una trentina di metri sul gruppo prima di venire ripreso a poche centinaia di metri dal traguardo.

Domani il Tour arriverà sulle Alpi, con la 17/a frazione, di 183 km., da La Mure a Serre-Chevalier che prevede la scalata di quattro gran premi della montagna, fra i quali il temuto Galibier, ‘culmine’ della giornata piazzato a 28 chilometri dal traguardo. Tutti aspettano Aru, e lui non si tira indietro, “Non bisogna mai sottovalutare le tappe che arrivano dopo il giorno di riposo – spiega dopo l’arrivo -. Oggi hanno fatto un bel lavoro i miei compagni, e io mi sono tenuto dentro tutto il giorno. Poi, a 20 chilometri dalla conclusione, ero dentro il ventaglio e ci sono rimasto. Da domani comincia il bello? Non so se saranno tappe ‘spettacolaru’, io ci spero. Comunque vedremo…”.

Ultima ora

16:11Germania, Lindner (Fpd), intesa domani alle 18 o salta tutto

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Un accordo per formare una coalizione 'Giamaica' in Germania, con i cristianodemocratici della Cdu-Csu, i liberali del Fdp e i Verdi, deve emergere domenica sera o salta tutto. Lo ha annunciato oggi alle tv tedesche il leader del Fdp Christian Lindner, confermando indicazione trapelate nelle ore scorse. "Sabato sera alle 18 finisce tutto", ha detto Lindner, riferendosi ai negoziati esplorativi in corso.

16:06Zimbabwe: ‘Mugabe vada via’, lo slogan della protesta

(ANSA) - IL CAIRO, 18 NOV - Si sta cristallizzando su "Mugabe must go" (Mugabe se ne deve andare) lo slogan della manifestazione di oggi ad Harare, in Zimbabwe. La frase, in inglese, viene usata in particolare per i loro aggiornamenti da tre dei maggiori siti di informazione del paese tra cui quello dello quotidiano governativo Herald. "I cittadini hanno parlato: #MugabeMustGo!!!", ha twittato un ex-ministro dell'Istruzione e avvocato impegnato per la difesa dei diritti umani. David Coltart. In un video sull'hashtag #MugabeMustGo si vedono giovani esultare a braccia levate, urlare e cantare.

15:45Allegri, Italia? fra qualche anno, se mi vogliono…

(ANSA) - TORINO, 18 NOV - Allenare la Nazionale italiana? "In questo momento assolutamente non è la mia ambizione, mi tolgo di scena. Tra qualche anno, invece sì, se me ne daranno la possibilità, altrimenti vado al mare, dove anche sto bene". Così Massimiliano Allegri sul dopo-Ventura alla guida degli azzurri. "Alla Juve sto bene, ho un contratto, dobbiamo fare ancora tante cose insieme - ha detto il tecnico bianconero - ci sono molti obiettivi da raggiungere, c'è da costruire la squadra per il futuro".

15:44Salvini,non capisco Cav,voto a maggio è troppo tardi

(ANSA) - MILANO, 18 NOV - "Spero si voti il prima possibile e che nessuno voglia tirare a campare. Non capisco perché Berlusconi parli di un voto più avanti a maggio". Lo dice il segretario della Lega Salvini alla fiera 'G! Come giocare' a Milano. Salvini ribadisce che "prima si vota e meglio è, visto che si andrà a un governo di centrodestra dove le idee della Lega saranno determinanti. Chiedete al Cav perché voglia votare a maggio, per me è già troppo tardi". "Entro novembre definiamo il programma della Lega. Poi lo confronteremo con quello degli altri", aggiunge.

15:43Elezioni: Meloni, ok Cav ma no a posticipare data

(ANSA) - L'AQUILA, 18 NOV - "Facciamo un appello alla Corte Europea dei diritti dell'uomo perché la sentenza possa arrivare il prima possibile, Silvio Berlusconi ha tutto il diritto di presentarsi alle prossime elezioni, e lo speriamo perché è un valore aggiunto, però credo che gli italiani debbano andare a votare". Così Giorgia Meloni, presidente nazionale di Fratelli d'Italia, a margine di un evento all'Aquila, rispondendo ai cronisti sulla possibilità di posticipare la data delle prossime elezioni politiche.

15:42Picchiata e costretta in casa, liberata da polizia

(ANSA) - PISTOIA, 18 NOV - E' stata rintracciata dalla polizia e liberata, una ragazza milanese di 21 anni picchiata e costretta in casa da due marocchini trentenni, in Toscana, a Ponte Buggianese. La giovane, la cui scomparsa era stata denunciata dalla sorella a Milano, secondo quanto emerso, avrebbe accettato l'invito di trascorrere alcuni giorni in Toscana da due marocchini trentenni, con uno dei quali in precedenza aveva avuto una breve relazione sentimentale. Ma, dopo una lite per motivi di gelosia, sarebbe stata picchiata, privata del passaporto italiano, dei soldi e del telefono e costretta a restare in casa. Solo quando, dopo alcuni giorni, uno dei due marocchini, avrebbe acconsentito a portarla fuori con sé per fare la spesa, la giovane è stata rintracciata da pattuglie di polizia già in azione sul territorio, dopo una serie di indagini che ne confermavano la presenza a Ponte Buggianese. L'uomo che era con lei è stato arrestato. Ricercato il secondo marocchino che è stato denunciato.

15:33Cc uccide sorella, cognato e padre e si spara, è grave

(ANSA) - SAVA (TARANTO), 18 NOV - Un carabiniere di 53 anni ha ucciso con colpi di pistola la sorella, il cognato e il padre. Poi ha rivolto l'arma contro se stesso e si è sparato. Il militare è ora in fin di vita. E' successo a Sava (Taranto), in via Giulio Cesare. Il carabiniere è in servizio al reparto radiomobile di Manduria. Al momento non si conosce il movente della tragedia.

Archivio Ultima ora