Ministro Alfano: “Consapevoli delle difficoltà della nostra Collettività”

Pubblicato il 18 luglio 2017 da redazione

CARACAS – La consapevolezza della necessità di un incremento nell’organico di Ambasciata e Consolato Generale, il contributo di un milione di euro (di cui 400mila euro già elargiti, 300mila in prossimità di essere trasferiti e altri 300mila previsti per la fine dell’anno) e la certezza della deriva autoritaria del governo venezuelano che potrebbe diventare realtà con l’elezione dell’Assemblea Nazionale Costituente.  Questo, in stretta sintesi, quanto riferito dal ministro degli Esteri, Angelino Alfano, nel corso di una breve “video-conferenza” con esponenti della nostra Collettività, presso la residenza dell’Ambasciatore, Silvio Mignano.

Il ministro Alfano, accompagnato dal Segretario Generale del Ministero degli Esteri, Elisabetta Belloni; dal responsabile della Direzione Generale per gli Italiani all’Esteri, Luigi Maria Vignali e dal nostro Ambasciatore, Silvio Mignano, si è intrattenuto per circa 40 minuti con esponenti del nostro associazionismo, industriali e alcuni membri del Comites di Caracas. Erano assenti Nello Collevecchio, del Cgie, e i membri del Consiglio di Presidenza del Comites di Caracas.

L’incontro con il ministro è stato essenzialmente di carattere informativo. Dopo il saluto del Consigliere Fabio Messineo, dell’Ufficio Politico e Sociale della nostra Ambasciata; Sadio Garavini di Turno, Ambasciatore ed ex Vice Ministro di Giustizia del Venezuela; Filippo Vagnoni, della Fondazione Fundavag e Alfredo D’Ambrosio, presidente della nostra Camera di Commercio sono stati gli incaricati di illustrare la realtà venezuelana, alla quale è profondamente integrata la nostra Collettività.

Dopo aver spiegato che gli italiani del Venezuela rappresentano circa il 10 per cento della popolazione, Filippo Vagnoni ha detto che “la nostra Collettività ha l’impressione di essere su una nave senza timone”. Ha quindi spiegato che per la nostra comunità il “passaporto è considerato una specie di salvagente”, nel caso che si sia costretti a lasciare il Paese, sebbene, “tutti preferiremmo continuare a lavorare qui. Da qui l’importanza di un rafforzamento dell’organico del nostro Consolato Generale”.

Sadio Garavini di Turno, dal canto suo, dopo aver sottolineato che l’Italia deve avere il coraggio di guardare oltre il suo spazio naturale, e cioè oltre l’ambito mediterraneo, ha spiegato quanto sia stato importante il plebiscito dei giorni scorsi in Venezuela, durante il quale più di 7 milioni di elettori, in maniera spontanea e sfidando ogni tipo di minaccia, hanno detto “No” alla “Costituente” fortemente voluta dal presidente Maduro.

Alfredo D’Ambrosio ha espresso la preoccupazione degli industriali per la crisi economica, ha chiesto aiuto per le future iniziative della Camera di Industriali che presiede e ha sostenuto la necessità di stimolare le regioni a guardare verso il Venezuela.

Il ministro Alfano, dal canto suo, si è detto consapevole delle difficoltà che attraversa il paese, della sua crisi politica sempre più complessa, delle necessità di un incremento del personale di Ambasciata e Consolato, e della deriva autoritaria del governo del presidente Maduro.

Il titolare della Farnesina ha sottolineato che l’Italia è impegnata ad una soluzione pacifica della crisi e ha detto che il Paese è disposto a sostenere una mediazione. Ha anche detto che è preoccupato per la violenza con la quale si stanno reprimendo le manifestazioni di protesta e per gli arresti di connazionali.

– Ci siamo adoperati per la liberazione dei 12 connazionali arrestati – ha detto -. Siamo riusciti a liberarne 6. Anche tre cittadini italo-venezuelani sono stati rilasciati.

Ha poi assicurato che l’Italia continuerà a fare tutto il possibile per sostenere gli italiani più bisognosi, per i quali è stato stanziato un milione di euro.

– 400 mila euro – ha precisato – sono stati già elargiti. Altri 300mila saranno sbloccati prossimamente e gli ultimi 300mila saranno consegnati alla fine dell’anno. Ci stiamo impegnando per dare soccorso all’equipaggio della nave senza timone e, naturalmente, a tutti i suoi passeggeri – ha concluso riferendosi alle parole di Filippo Vagnoni.

Ultima ora

22:22Doping: Lucioni, Nado Italia chiede un anno di stop

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Deferiti Fabio Lucioni e il medico sociale del Benevento, Walter Giorgione. Al difensore sannita, la Procura antidoping di Nado Italia chiede la squalifica di 1 anno, mentre per Giorgione chiesti 4 anni di inibizione. A quanto si apprende da ambienti calcistici, il processo innanzi al Tribunale nazionale antidoping si dovrebbe consumare entro Natale.

22:08Migranti: gruppo ‘irriducibili’, altra notte fuori da Cona

(ANSA) - VENEZIA, 22 NOV - Un'altra notte fuori dallo hub di Cona (Venezia) per il gruppo di migranti 'irriducibili', 55 persone - per lo più africani - che da tre giorni si sta spostando da una provincia all'altra (ieri Padova, oggi Venezia) pur di non rientrare nel Cpt. Dopo una giornata di trattative con il prefetto di Venezia, Carlo Boffi, che aveva invitato i giovani a rientrare a Cona, sospendendo il rischio di perdere il diritto all'accoglienza, stasera un nuovo incontro tra il rappresentante di Governo e i migranti nel centro civico di Malcontenta (Venezia) ha portato a un'altra soluzione temporanea. Su richiesta del Prefetto, e in via strettamente emergenziale, il Comune ha consento ai migranti di fermarsi per la notte negli stessi locali del centro civico, che dispone di servizi sanitari. Domani è previsto un nuovo confronto, per trovare una soluzione definitiva.

22:07Motor Show: Tony Cairoli corre il Memorial Bettega

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Il pluri campione del mondo di motocross Tony Cairoli sarà tra le stelle della 30/a edizione del Memorial Bettega, la prestigiosa competizione di rally internazionale del Motor Show di Bologna. L'appuntamento per gli amanti del rally internazionale è per sabato 9 e domenica 10 dicembre nell'area 48 - Motul Arena di BolognaFiere. Il campione sarà il protagonista di questa emozionante gara alla guida della Hyundai i20 WRC. "Sono molto contento di annunciare il mio ritorno al Motor Show di Bologna per disputare il Memorial Bettega - afferma il pilota Tony Cairoli - una gara che guardavo sempre in televisione quando ero piccolo e che ha fatto crescere in me la passione per il rally". Cairoli è il pilota italiano è entrato a pieno diritto nell'Olimpo del motociclismo Mondiale e ancor di più, in quello del motocross, specialità nella quale ha vinto ben nove titoli iridati. A 32 anni Cairoli ha vinto 83 GP e 163 manche, disputato 217 Gran Premi ed ottenuto 145 podi di cui 46 in MXGP

22:01Torino: piazza San Carlo, questore Sanna in Procura

(ANSA) - TORINO, 22 NOV - Il questore di Torino, Angelo Sanna, è da oggi pomeriggio in procura, ascoltato dai magistrati che indagano sui fatti di piazza San Carlo. Indagato per il caos dello scorso 3 giugno, davanti al maxischermo allestito per la finale Champions tra Juventus e Real Madrid, nei giorni scorsi il questore aveva ricevuto un invito a comparire. Il colloquio con i pm Antonio Rinaudo e Vincenzo Pacileo si svolge al settimo piano del Palagiustizia, nell'ufficio del procuratore Armando Spataro, che coordina l'inchiesta.

21:50Champions: Cska Mosca-Benfica 2-0

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Il Cska Mosca ha battuto il Benfica 2-0 in un match della quinta giornata del gruppo A di Champions League. Gol di Schennikov al 13' e autorete di Jardel al 56'. Russi al secondo posto con 9 punti, portoghesi ancora a quota 0.

21:46Muore bimbo di 18 mesi, esposto genitori per chiarire cause

(ANSA) - LECCO, 22 NOV - Sarà un'inchiesta basata sugli esiti dell'autopsia a stabilire le cause della morte di un bambino di 18 mesi avvenuta domenica notte nel reparto di Terapia intensiva dell'ospedale Manzoni di Lecco proveniente da "La Nostra Famiglia" di Bosisio Parini (Lecco) dove era in cura e dove le sue condizioni si erano improvvisamente aggravate. Ieri i genitori del bimbo, una famiglia della provincia di Cuneo, si sono presentati in Questura a Lecco per presentare un esposto: vogliono capire perché il loro bambino è morto, se ci sono state negligenze nei protocolli di cura, non tanto in quelle lombarde ma in quelle precedenti. Si tratta di un tipo di paziente con lesioni cerebrali non congenite ma dovute a eventi esterni o affezioni morbose, come encefaliti. Tra i sospetti da accertare, anche quello che all'origine della patologia possa esserci stato un vaccino. Verrà disposta un'autopsia, eseguita da un medico legale nominato dalla Procura.

21:45Terrorismo: sì a potestà sui 2 figli per moglie Moutaharrik

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - La Corte d'Assise d'appello di Milano ha confermato la condanna a sei anni di carcere per Abderrahim Moutaharrik, marocchino campione di kickboxing finito in carcere nell'aprile 2016 con l'accusa di terrorismo internazionale per presunti legami con l'Isis, ma ha ridotto la pena per sua moglie Salma Bencharki da 5 a 3 anni e 4 mesi e, in particolare, ha revocato per lei la sospensione della potestà genitoriale sui due figli di 2 e 4 anni, che era stata decisa in primo grado nei confronti di entrambi. Dopo la lettura della sentenza c'è stato un momento di tensione perché il marito di un'altra imputata, Wafa Koraichi (per lei sono stati confermati 3 anni e 4 mesi) ha urlato e si è mosso contro il sostituto pg Nunzia Ciaravolo che era appena uscita dall'aula, e sono intervenuti i carabinieri. Mentre l'imputata piangeva dicendo "non sono una terrorista", il marito urlava "non è giusto, io pago le tasse" e altre frasi soprattutto contro i pm di primo grado.

Archivio Ultima ora