Trump vide Putin una seconda volta al G20, ma senza consiglieri

Pubblicato il 19 luglio 2017 da ansa

Trump e Putin

Trump vide Putin seconda volta a G20, senza consiglieri

WASHINGTON. – Non uno, ma ben due incontri, il secondo senza consiglieri e soltanto con l’interprete del Cremlino. Per settimane si era atteso il primo faccia a faccia fra Donald Trump e Vladimir Putin. E per giorni se ne parlò una volta accaduto, a margine del G20 in Germania all’inizio del mese. Ma non era stato reso noto fino ad ora che i due leader ad Amburgo avevano avuto una seconda occasione per confrontarsi, parlando informalmente per circa un’ora, mentre tutti gli altri erano a cena, a tavola con la padrona di casa Angela Merkel.

Trump e Putin in disparte, senza nemmeno i più stretti consiglieri, gesticolando perfino, con accanto soltanto il traduttore del presidente russo (quello americano pare non parlasse russo ma giapponese). La Casa Bianca conferma ma minimizza, e non dà nessuna informazione sulla durata e men che meno sui contenuti.

Eppure i punti d’interesse per Washington e Mosca sono molti e importanti. Sulla Siria per esempio, proprio quando in queste ore emerge dal Washington Post che Trump ha deciso di porre fine al programma segreto della Cia per armare e addestrare ribelli moderati siriani che si oppongono al governo di Bashar al-Assad, una mossa che è stata a lungo caldeggiata dalla Russia. E a questo punto è lecito pensare che i due faccia a faccia presidenziali di Amburgo possano aver contribuito ad accelerare la decisione dell’inquilino della Casa Bianca.

Sul secondo colloquio la stampa americana cita la versione di Ian Bremmer, noto editorialista esperto di politica estera, che a sua volta fa riferimento alla descrizioni di presenti secondo cui i due leader si sono parlati per oltre un’ora. Poi è il presidente Trump ad intervenire di persona puntando di nuovo il dito contro i media, accusandoli di essere disonesti arrivando a dipingere come “scellerata” anche una semplice conversazione a cena.

Dalla sua il presidente degli Stati Uniti ha anche Mosca, secondo cui caratterizzare quella conversazione come un incontro “segreto” significa minare l’autorevolezza di Donald Trump, ha detto il vice ministro degli Esteri Serghiei Riabkov in un’intervista alla tv di Stato russa.

Sta di fatto che negli Stati Uniti la questione solleva quesiti e in un momento di particolare tensione per Trump, diviso tra il rompicapo dell’Obamacare e gli sviluppi sul Russiagate. Sulla riforma sanitaria il presidente sembra faticare a dettare la linea: dopo l’ultimo affondo inflittogli dai ‘dissidenti’ repubblicani Trump tenta di rimodulare il suo messaggio (o cambia idea?) e, convocando i senatori repubblicani a pranzo, li striglia e li sprona ancora una volta a “revocare e sostituire” Obamacare, mentre nelle scorse ore esasperato dall’ennesimo buco nell’acqua aveva affermato: “Lasciamola fallire”.

Prima ancora aveva sostenuto che si poteva considerare soltanto una revoca dell’Affordable Care Act per procedere con la sostituzione in un secondo momento. In ogni caso il presidente ripete: “E’ stata fatta una promessa agli americani, non agire non è un’opzione”, fino a suggerire che “non si lasci la città (per la pausa estiva, ndr) senza un piano per la Sanità”.

Un’estate calda a Washington sulla quale incombe il Russiagate e monta l’attesa per una possibile prossima testimonianza pubblica di Donald Trump Jr presso la commissione Giustizia del Senato dopo che il procuratore speciale Robert Mueller ha dato il suo via libera.

Intanto anche la commissione Intelligence del Senato ha confermato di aver avviato a sua volta indagini, mentre l’avvocatessa russa Veselnitskaya – che aveva incontrato Trump Jr nel giugno 2016 – ha affermato di essere disposta a testimoniare presso il Senato degli Stati Uniti a condizione che sia garantita la sua sicurezza.

Una mezza vittoria però Trump la incassa: la Corte Suprema gli dà ragione sui limiti all’ingresso di rifugiati negli Usa confermando l’interpretazione ‘restrittiva’ su questo tema del bando voluto dal presidente. Però La Corte lascia la porta ai nonni, respingendo la richiesta dell’amministrazione Trump di bloccare l’ingresso per alcune categorie di parenti provenienti da sei Paesi a maggioranza musulmana per ricongiungersi con familiari negli Usa, (tra cui i nonni). Il ricorso in appello era stato presentato dopo la decisione di un giudice delle Hawaii che riteneva inapplicabile questo passaggio del provvedimento.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

12:10Gb: cambio guardia a Buckingham Palace

(ANSA) - LONDRA, 21 NOV - Passaggio di consegne a Buckingham Palace: per la prima volta entrano in scena anche i marinai della Royal Navy britannica nelle parate del cambio della guardia, secolare tradizione finora 'appaltata' esclusivamente a pochi reggimenti scelti di fanteria delle Guardia appiedata, noti per gli alti colbacchi di pelo d'orso bruno canadese. Lo annuncia oggi il Daily Telegraph. La decisione - presa dal governo di Londra per marcare le celebrazioni dell'Anno della Marina - riguarderà anche il cerimoniale di fronte al Castello di Windsor e St. James Palace: altre residenze ufficiali di Sua Maestà.

11:56Presidente iraniano Rohani, annientate fondamenta Isis

(ANSA) - TEHERAN, 21 NOV - Le fondamenta dell'Isis "sono state annientate": così il presidente iraniano Hassan Rohani in diretta tv. "Gli atti diabolici del gruppo terroristico sono finiti, le conseguenze rimarranno, ma le fondamenta e le basi sono state annientate", ha detto. In precedenza, il comandante delle forze al Quds, l'elite della Guardia iraniana, si era congratulato con l'ayatollah Ali Khamenei per la fine del 'governo' dell'Isis in Siria e Iraq.

11:56Nigeria: ragazzo kamikaze in moschea, almeno 20 morti

(ANSA) - MAIDUGURI , 21 NOV - Un giovane kamikaze si è fatto esplodere in una moschea ad Adamawa nel nord della Nigeria uccidendo almeno 20 persone. Lo riferisce la polizia locale. Il giovane ha azionato il detonatore mentre arrivavano i fedeli per le preghiere del mattino mescolandosi alla folla. Sebbene per il momento non ci sia alcuna rivendicazione dell'attacco, i sospetti cadono sul gruppo estremista islamico Boko Haram.

11:54Renzi all’Eliseo, comincia colloquio con Macron

(ANSA) - PARIGI, 21 NOV - Il segretario del Pd Matteo Renzi è arrivato poco prima delle 10 all'Eliseo dove lo ha accolto il presidente della repubblica francese Emanuel Macron con il quale è in programma un incontro. Insieme con Renzi sono giunti all'Eliseo, Sandro Gozi sottosegretario agli Affari europei e Giuliano da Empoli.

11:34Incidenti stradali: due morti nella notte su Firenze-Pisa

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Due persone sono morte in un incidente stradale avvenuto ieri sera intorno alle 23.30 sull'autostrada A11 Firenze-Pisa nel tratto tra Capannori e Lucca est, in direzione di Pisa. Lo riferisce Autostrade per l'Italia. All'altezza del km 60 una vettura ed un mezzo pesante si sono tamponati. Sul luogo dell'incidente, oltre al personale della Direzione 4° Tronco di Firenze sono intervenute le pattuglie della polizia stradale i soccorsi stradali e sanitari. Le operazioni di soccorso hanno richiesto una temporanea chiusura del tratto autostradale, riaperto verso l' una della scorsa notte.

11:31Alto Adige: lettera a Vienna per doppia cittadinanza

(ANSA) - BOLZANO, 21 NOV - Diciannove consiglieri della Provincia autonoma di Bolzano hanno inviato una lettera al cancelliere austriaco in pectore Sebastian Kurz e al leader della Fpoe Heinz Christian Strache per chiedere che la concessione della doppia cittadinanza ai sudtirolesi venga inserita nel programma di coalizione del nuovo governo di Vienna. La richiesta - scrive il quotidiano Dolomiten - è stata firmata da rappresentanti di Svp, Suedtiroler Freiheit, Freiheitlichen, Buergenunion, M5S e Team Autonomia, ma da nessun membro della giunta provinciale. Nella lettera i consiglieri affermano che i sudtirolesi hanno perso la cittadinanza austriaca "contro la loro volontà con l'annessione dell'Alto Adige all'Italia" e che la concessione della doppia cittadinanza sarebbe un "gesto riparatore" e a favore del "senso d'identità" dei sudtirolesi. (ANSA).

11:24Tennis:Serena Williams scrive a figlia’mai smettere giocare’

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Una 'ninna nanna' speciale, che è una accalorata lettera aperta alla figlioletta di 11 settimane, sotto forma di video. E' quella che Serena Williams - unitasi in matrimonio giovedì scorso con Alexis Ohanian - ha rivolto alla piccola Alexis Olympia, nata lo scorso 1 settembre. E poco importa, o comunque passa in secondo piano - una volta tanto - che il filmato sia uno spot per Gatorade considerando il messaggio ricco di contenuti che trasmette. In particolare sulla valenza dello sport nella crescita, non solo fisica, di una persona. Una lezione di vita che la campionessa statunitense dimostra di aver appreso e intende trasmettere alla sua erede, perché - come sottolinea il testo che compare nell'inquadratura finale del video - "le lezioni imparate nello sport ti aiuteranno a vincere in qualsiasi campo". Ecco le parole di Serena: "Piccola mia, non mi importerà se non giocherai bene a tennis, e non mi arrabbierò se sceglierai di non toccare mai una racchetta''.

Archivio Ultima ora