Borsellino, la figlia Fiammetta: “Buttati via 25 anni”

Pubblicato il 19 luglio 2017 da ansa

Borsellino, la figlia Fiammetta: “Buttati via 25 anni, chiedo scusa a innocenti (Foto LaPresse – Guglielmo Mangiapane)

PALERMO. – “Venticinque anni buttati”, un quarto di secolo trascorso a “costruire falsi pentiti con lusinghe e con torture”. Tentenna solo un istante Fiammetta Borsellino, figlia minore del magistrato ucciso 25 anni fa in via D’Amelio. E’ stata appena ascoltata dalla commissione Antimafia ed è tesa. Esita davanti ai microfoni, ma è evidente che non ha alcuna intenzione di tacere. Per anni, è rimasta dietro le quinte, mai un’apparizione pubblica, mai un’intervista. Fino al giorno di un altro anniversario, quello della strage di Capaci, in cui a morire fu Giovanni Falcone.

Minuta, nervosa, davanti alle telecamere della Rai, in diretta tv, parlò pubblicamente del depistaggio delle indagini sull’attentato al padre, costato l’ergastolo a persone innocenti ora assolte, e del bisogno, suo, della sua famiglia e del Paese, di arrivare a una verità che non faccia sconti.

“Sono stati buttati 25 anni”, dice dopo l’audizione davanti alla commissione a cui ha consegnato carte processuali che dimostrano come, per dolo o negligenza, le inchiesta sulla strage presero il corso sbagliato. Tra i documenti la lettera di Ilda Boccassini, allora pm applicato a Caltanissetta, che invitava i colleghi a stare attenti a Vincenzo Scarantino, pentito dalle alterne sorti che, per la magistrata, già allora, a pochi mesi dall’eccidio, s’era rivelato poco credibile. Nessuno la ascoltò. Neppure quando Scarantino si pentì di essersi pentito e ritrattò: una, due, tre volte.

“Chiedo scusa pubblicamente, anche a nome di chi avrebbe dovuto farlo agli innocenti condannati ingiustamente”, sbotta alludendo alla sentenza della corte d’appello di Catania che, in giudizio di revisione, ha assolto dal reato di strage chi Scarantino e gli altri collaboratori di giustizia fasulli avevano accusato.

“In questi anni non si è vigilato sulle indagini”, rincara Fiammetta Borsellino. “Non voglio parlare di responsabilità specifiche, ma è giusto che io faccia i nomi dei magistrati che indagarono: Anna Palma, Nino Di Matteo”.

Fiammetta Borsellino non parla di dolo o colpe dovute a inesperienze, ma “certo – dice – quell’eccidio meritava che a fare l’inchiesta fossero persone con esperienza”. Dopo qualche ora, proprio da via D’Amelio, dove dalla mattina sono in corso le manifestazioni per ricordare il magistrato ucciso, interviene Nino Di Matteo, che da pochi mesi ha lasciato la Procura di Palermo per la Dna.

“Bisogna rispettare la memoria di Paolo Borsellino e comprendere il dolore dei familiari. – dice – Io so e tanti sanno fuori e dentro la mafia e fuori e dentro le istituzioni chi in questi anni ha continuato a cercare la verità sulla strage e si è esposto e ha esposto la propria famiglia a rischi gravissimi sacrificando la propria libertà e anche la carriera”.

“Credo che questo sia giusto ricordarlo – aggiunge il magistrato – per evitare che certe parole possano essere strumentalizzate da chi non vuole che si vada avanti nel completare il percorso di verità sulle stragi che, in questo momento, deve essere completato. Anche cercando di capire con gli elementi nuovi che sono stati scoperti in questi anni chi eventualmente assieme agli uomini di Cosa nostra ha ucciso Paolo Borsellino”.

La figlia del magistrato non si accontenterà. “Ognuno deve fare la sua parte – conclude – Che le indagini sul depistaggio vadano riaperte è ovvio”.

Ultima ora

21:52Azzardo: Piemonte ribadisce sì a propria legge regionale

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - Il Consiglio regionale del Piemonte ribadisce il sì alla legge contro il gioco d'azzardo, più restrittiva di quella nazionale, i cui vincoli sono entrati in vigore lunedì. Un ordine del giorno impegna la Giunta Chiamparino a dare "piena applicazione" alla legge. Il documento, proposto da Pd e maggioranza, è stato approvato anche con i voti del M5S, dopo una piccola modifica. Astenuti invece Fi, Lega e Mns. In una lettera al ministero dell'Economia, l'associazione Astro che raccoglie i gestori di slot machine, aveva chiesto di "sospendere l'applicazione del prelievo erariale su circa 20 mila macchine da gioco in Piemonte, per le quali la nuova legge regionale impone la rimozione". E in una recente intervista, Pier Paolo Baretta, aveva paventato un danno erariale. "Con questa discussione - ha detto Chiamparino, durante un acceso dibattito - mi pare si metta una parola chiara e definitiva che ci permette di assumerci piena responsabilità per garantire l'applicazione di questa importante legge". (ANSA).

21:51Champions: Pjanic, con Barca possiamo prenderci gli ottavi

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Il nostro obiettivo è qualificarci per gli ottavi e domani abbiamo l'occasione di centrarlo. Cercheremo di impedire al Barcellona di sviluppare il suo gioco e di fargli gol". Così Miralem Pjanic alla vigilia della partita dei bianconeri contro i blaugrana. "La sconfitta con la Sampdoria ci rode, non doveva capitare - ha detto il centrocampista bosniaco - dobbiamo riprendere subito in mano la situazione e il modo migliore per riuscirci è una bella vittoria. Nel Barcellona ci sono giocatori straordinari, ma giochiamo alla pari: siamo in casa, siamo la Juve, vogliamo i tre punti per arrivare alla qualificazione già domani".

21:49Calcio: Allegri, per ora Juve è da quarto posto

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Per i numeri che abbiamo espresso finora, siamo da quarto posto in campionato". Così Massimiliano Allegri: "Tutti, dall'allenatore al magazziniere - ha detto l'allenatore della Juventus - dobbiamo voglia di arrivare fino in fondo, a vincere questo benedetto 7/o scudetto di fila che sarebbe storico. Dobbiamo avere grande dedizione e in certi momenti essere un blocco unico come squadra".

21:46Allegri, Barca ha equilibrio mancato finora a Juve

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Rispetto all'anno scorso il Barcellona ha più equilibrio, concede di meno agli avversari". Ed è quello che è mancato finora alla Juventus, dice Massimiliano Allegri. "Dobbiamo arrivare a quell'equilibrio che ci consenta di concedere meno tiri. Non è una questione di sistema di gioco - ha aggiunto - ma di caratteristiche dei giocatori messi in campo. Specie in trasferta dobbiamo imparare a essere più ordinati: nel finale di Genova eravamo spaccati in due, sembrava quasi una partita scapoli-ammogliati".

21:13Renzi, Mdp? Pronto riunire i cocci ma no all’art.18

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Non sono ottimista" sull'unità di tutto il centrosinistra ma "abbiamo tempo: Mdp e la sinistra di Fratoianni hanno scelto di fare un'assemblea il 3 dicembre. Ho dato l'incarico a una personalità autorevole come Piero Fassino di provare a rimettere insieme i cocci. Ma le nozze si fanno in due, poi tocca a loro". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi a Porta a Porta. Alla domanda se sia disposto ad aprire alla reintroduzione dell'articolo 18, risponde: "No, lo abbiamo detto da sempre".

21:02Appalti sanità, corruzioni prescritte per fratelli Tarantini

(ANSA) - BARI, 21 NOV - Il Tribunale di Bari ha dichiarato la prescrizione di tutti i reati di corruzione, concussione e turbativa d'asta contestati ai fratelli Gianpaolo e Claudio Tarantini e all'ex primario di neurochirurgia del Policlinico di Bari Pasqualino Ciappetta, relativi alle presunte gare truccate per forniture di attrezzature chirurgiche fra il 2006 e il 2009. I giudici hanno condannato il medico a 1 anno e 6 mesi di reclusione per l'unico reato non ancora prescritto, la presunta truffa ai danni del Policlinico. Nonostante avesse un contratto in esclusiva con l'azienda ospedaliera barese, Ciappetta operava infatti nei fine settimana nella clinica 'Villa del Rosario' a Roma. Per questo i giudici hanno disposto anche il sequestro di circa 70mila euro, pari all'ingiusto profitto, e hanno condannato Ciappetta al risarcimento danni nei confronti delle parti civili costituite: Policlinico, Università degli Studi di Bari e Regione Puglia. Ciappetta ha ottenuto la pena sospesa, a patto che risarcisca i danni entro sei mesi.

21:00Calcio: Valverde, Messi? Per adesso godiamocelo

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Messi? Per adesso è qua, godiamocelo senza parlare più di tanto e senza pensare alla firma che non arriva ancora...". Il tema del futuro del fuoriclasse del Barcellona tiene banco anche a Torino, alla vigilia del match contro la Juventus. Ne ha parlato, a lungo, anche Ratikic, nella conferenza stampa nell'Allianz stadium. "Anch'io vorrei vedere la firma - ha detto il centrocampista croato - e tutti noi al Barca lo appoggeremo, perché vogliamo che resti con noi e confido in questo. Se ha deciso di aspettare per la firma del nuovo contratto avrà i suoi buoni motivi. Sono fiducioso, ma lasciamolo tranquillo, senza farlo impazzire con tutte queste parole".

Archivio Ultima ora