Cabello ai futuri magistrati: “Applicheremo l’operazione tun tun”

CARACAS.- Cosa sia mai questa famosa “operazione Tun Tun” a cui si è riferito Diosdado Cabello non si capisce. Ma certamente è una nuova minaccia rivolta la Parlamento e questa volta diretta verso i nuovi magistrati, dei quali si aspetta l’annuncio per il prossimo venerdì.

Nel suo programma televisivo settimanale Con el Mazo Dando, Cabello ha mostrato il suo dispetto intimorendo i futuri magistrati, con frasi come “Vediamo chi ti designerà, vediamo chi ti difenderà, vediamo se Julio Borges ti difenderà quando l’operazione Tun Tun arriverà.” Ha fatto anche rima.

E Cabello rappresenta i membri del governo venezuelano che hanno rifiutato la nomina dei magistrati fatta dall’ Assemblea Nazionale, allegando che il Parlamento si trova in aperta ribellione.

Ma il Parlamento sostiene che sono nel giusto perché nel paese non esiste indipendenza tra poteri ed è estremamente necessario che ci sia.  I magistrati che saranno designati devono sostituire quelli che ora hanno l’incarico perché sono stati a loro volta designati irregolarmente nel 2015, fatto denunciato pure dalla Procuratrice Luisa Ortega Diaz.

Cabello ha proseguito con le minacce al Parlamento ricordando che le decisioni prese dall’ Assemblea Nazionale Costituente saranno le uniche valide e nessun potere o istanza potrà mai opporsi alle decisioni sovrane che si prenderanno.”