Pensioni, Boeri: “Servono più migranti regolari”

Pubblicato il 21 luglio 2017 da ansa

Lavoratori migranti nell’industria.

ROMA. – “Sono sempre più necessari immigrati regolari”, che ci hanno “regalato” negli ultimi anni circa un punto di Pil in contributi sociali. Versano ogni anno 8 miliardi e ne ricevono 3 in pensioni e altre prestazioni. Il presidente dell’Inps, Tito Boeri, denuncia che “mentre aumenta tra la popolazione la percezione di un numero eccessivo di immigrati, abbiamo sempre più bisogno di migranti che contribuiscano al finanziamento del nostro sistema di protezione sociale”, in un’audizione alla commissione sul sistema di accoglienza.

Queste parole scatenano le reazioni della politica. “Gli immigrati hanno tolto il lavoro ai giovani”, attacca da destra il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli (Lega Nord). ”Boeri vive su marte”, gli fa eco il leader del partito Matteo Salvini.

I dati “confermano l’incidenza positiva delle migrazioni regolari sul sistema pensionistico”, ribattono le deputate del Pd Maria Chiara Gadda e Sara Moretto. Interviene invitando ad ascoltare le parole di Boeri anche la presidente della Camera, Laura Boldrini.

Mentre Deborah Bergamini, responsabile comunicazione di Forza Italia, si domanda se Inps non significhi “Istituto nazionale di previdenza stranieri”. Anche il blog di Grillo entra nell’arena attribuendo ai partiti la responsabilità politica del “disastro immigrazione”, che “deve essere gestita e le leggi rispettate”.

Dal presidente del Senato, Piero Grasso, arriva intanto il monito: “salvare vite umane e accogliere i rifugiati non è un atto di buon cuore ma un dovere giuridico sancito dalla nostra Costituzione e dai trattati internazionali”.

Boeri ribadisce che i costi di uno stop ai nuovi permessi di lavoro, con il “sostanziale azzeramento” delle quote del decreto flussi, supererebbero di 37 miliardi nel 2040, la cifra indicata già alla presentazione del rapporto annuale Inps. E il crescente numero di immigrati irregolari e richiedenti asilo – aggiunge – non compenserà la stretta sui permessi di lavoro.

I clandestini, infatti, che sono un terzo dei lavoratori in nero emersi dalle ispezioni dell’Inps tra il 2013 e il 2015, non versano contributi e i rifugiati hanno difficoltà a trovare lavoro perché i centri di accoglienza sono concentrati in aree rurali, con poche opportunità di impiego.

“Il confronto pubblico – afferma Boeri – dovrebbe incentrarsi su come inserire gli immigrati stabilmente nel nostro mercato del lavoro regolare. L’integrazione nel mercato del lavoro contribuirebbe anche a migliorare la percezione che gli italiani hanno degli immigrati”.

I dati dell’Inps mostrano che le sanatorie del 2002 e del 2012 hanno avuto effetti duraturi per l’emersione del lavoro nero, con l’80% degli immigrati che è contribuente alle casse dell’Inps a distanza di cinque anni. In sintesi il contributo degli immigrati regolari al sistema previdenziale è per Boeri “fondamentale” e lo resterebbe anche se aumentassero le nascite di bambini italiani.

Sarebbero comunque “auspicabili”, per il presidente dell’Inps, politiche per l’aumento della natalità ma queste potrebbero “avere successo solo se percepite come durature e in grado di generare maggiore condivisione delle degli oneri per la cura dei figli” perché “non sono i bonus temporanei a cambiare la propensione degli italiani a riprodursi”. E in ogni caso, un aumento del numero di bambini italiani avrebbe effetto sul sistema pensionistico “solo nel lungo periodo, perché sarebbe necessario aspettare che neonati raggiungano l’età per lavorare”.

Boeri, dati alla mano, smonta infine il mito degli immigrati che ‘rubano il lavoro’ agli italiani. I lavoratori stranieri, spiega, sono in gran parte a bassa qualifica e la quota di italiani non laureati che hanno scelto di emigrare per motivi economici è dimezzata tra il 2007 e 2015. “Sembra difficile perciò – osserva Boeri – ipotizzare che la fuga dei giovani del nostro Paese sia dovuta alla competizione con gli immigrati”.

Il tema previdenziale torna anche sul tavolo del confronto tra governo e sindacati. Dopo un primo incontro e l’assemblea unitaria di Cgil Cisl e Uil, il ministro del lavoro Giuliano Poletti ha invitato i sindacati confederali a fare il punto prima della pausa estiva convocandoli per giovedì prossimo.

“Noi vogliamo proseguire il confronto al Ministero del lavoro sulla seconda fase della previdenza – ha detto il leader Uil, Carmelo Barbagallo – per garantire pensioni dignitose ai giovani e per bloccare l’assurdo innalzamento automatico dell’età pensionabile che, a parte la Grecia, è già la più alta in Europa”.

(di Chiara Munafò/ANSA)

Ultima ora

21:00Sudafrica: Cyril Ramaphosa nuovo presidente dell’Anc

(ANSA) - JOHANNESBURG, 18 DIC - E' Cyril Ramaphosa il nuovo presidente dell'African National Congress (Anc), il partito che fu di Nelson Mandela, al potere in Sudafrica. E in questa veste sarà il candidato presidente alle elezioni del 2019 in sostituzione di Jacob Zuma, al secondo e ultimo mandato. Con 2.446 voti, i delegati dell'Anc hanno decretato la vittoria dell'attuale vice presidente del Sud Africa, Cyril Ramaphosa, contro la candidata concorrente, Nkosazana Dlamini-Zuma, ex moglie di Zuma. Ramaphosa, considerato uno degli uomini d'affari più ricchi del Sudafrica, è un veterano della lotta anti-apartheid e fu leader del potente Num (National Union of Mineworkers), il sindacato dei minatori sudafricani che con i suoi scioperi a metà anni Ottanta mise in seria difficoltà il regime segregazionista bianco. Il neo presidente dell'Anc si accredita come il riformatore che tirerà fuori l'economia sudafricana dalla morsa della corruzione nella quale, secondo le accuse, l'ha precipitata il presidente Jacob Zuma.

20:57Morto in incidente gondola, imputato condannato a 10 mesi

(ANSA) - VENEZIA, 18 DIC - Il Tribunale di Venezia ha condannato oggi a 10 mesi di reclusione il gondoliere coinvolto nell'incidente in Canal Grande che il 17 agosto 2013 costò la vita ad un turista tedesco, Joachim Vogel, che si trovava con la famiglia su un'altra gondola, speronata da un vaporetto in manovra. Per l'uomo, Davide Forcellini, il pm aveva chiesto un anno e 5 mesi. Il collegio ha condannato inoltre l'imputato al risarcimento dei danni, che sarà determinato in altra sede, decidendo una provvisionale esecutiva di 200mila euro. La tesi accusatoria, basata sull'analisi di diversi filmati, attribuiva alla gondola manovrata da Forcellini l'inizio di un maxi ingorgo di imbarcazioni che, schivandosi l'una con l'altra nel tratto di Rialto, contribuirono alla tragedia.

20:56Savoia: Franceschini, vicenda chiusa, Pantheon non esiste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "La sepoltura a Vicoforte è la chiusura definitiva della vicenda, non ne apre una nuova. Del resto sono la storia e la memoria a impedire anche solo di prendere in considerazione l'ipotesi di una sepoltura al Pantheon". Lo dichiara il ministro della Cultura Dario Franceschini, interpellato dai cronisti sulla richiesta di parte di casa Savoia di seppellire Vittorio Emanuele III al Pantheon.

20:56Matteoli: Gentiloni, cordoglio governo

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni esprime il suo personale cordoglio e quello del governo ai familiari del senatore Altero Matteoli, tragicamente scomparso oggi. Di Matteoli il premier ricorda la passione politica, la coerenza del suo percorso, il profondo senso delle istituzioni.

20:28Bolivia: Morales candidato per quarto mandato tra proteste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente della Bolivia Evo Morales è stato proclamato candidato per il quarto mandato consecutivo alle elezioni del 2019 dalla base del partito di governo Movimento per il socialismo (Mas) in un grande evento tenutosi a Cochabamba, di fronte a migliaia di sostenitori. Lo riportano media locali. Morales è stato scelto dalle organizzazioni e movimenti che fanno parte del partito. "Missione compiuta, siamo abilitati per le elezioni", ha esclamato Morales all'evento pubblico. Il supporto da parte della sua base popolare arriva due settimane dopo che Morales stesso si è candidato, dopo aver ricevuto l'autorizzazione da parte della Corte costituzionale del Paese per presentarsi alle elezioni. La decisione è stata duramente criticata dagli oppositori, che proprio per esprimere il loro rifiuto alla ricandidatura sono scesi in piazza a migliaia nelle principali città della Bolivia.

20:24Gerusalemme: Abu Mazen, vogliono negare nostra storia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 DIC - "Dichiarazioni recenti puntano a negare la nostra storia, ma questa è la nostra terra e i palestinesi continueranno a lottare in modo pacifico". Lo ha detto il presidente palestinese Abu Mazen incontrando oggi a Ramallah i capi delle Chiese cristiane per gli auguri di Natale. "Il mondo e la legge internazionale riconoscono Gerusalemme est capitale dello stato di Palestina e noi - ha aggiunto, citato dalla Wafa - resteremo uniti nel difendere Gerusalemme, le terre dei cristiani e le dotazioni islamiche". Abu Mazen ha poi sottolineato lo "stretto e costante coordinamento con il regno hashemita di Giordania per quanto riguarda i luoghi santi islamici e cristiani di Gerusalemme, specialmente la Spianata delle Moschee e il Santo Sepolcro". In Consiglio di sicurezza Onu si discute questa sera una Risoluzione contro la decisione di Trump su Gerusalemme.

20:22Arabia Saudita: re Salman riceve direttore CIA a Riad

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il re dell'Arabia Saudita, Salman bin Abdulaziz Al Saud, ha ricevuto oggi a Riad il direttore della CIA, Mike Pompeo. La notizia viene riportata da Al Arabiya. All'incontro, avvenuto nel palazzo Al Yamamah, hanno partecipato, aggiunge la stessa fonte, anche il ministro degli Esteri saudita, Adel Al Jubeir, il capo dell'Intelligence saudita, Khaled bin Ali Al Humaidan, e altri esponenti delle autorità locali.

Archivio Ultima ora