Trump sotto assedio sul Russiagate, anche Spicer lascia

Pubblicato il 21 luglio 2017 da ansa

White House Press Secretary Sean Spicer . ANSA/SHAWN THEW

WASHINGTON. – Sei mesi di presidenza Trump e tutto cambia. A partire dal ‘volto’ della Casa Bianca, con le dimissioni del portavoce Sean Spicer, presentate in coincidenza della scelta del presidente di nominare il finanziare Anthony Scaramucci direttore della comunicazione, ruolo pure ricoperto da Spicer. Al suo posto, la vice Sarah Huckabee Sanders.

Un terremoto, anche se in parte annunciato. Che però esplode proprio mentre cresce la pressione per il ‘Russiagate’, con il procuratore speciale Robert Mueller a quanto pare interessato anche ad alcune transazioni commerciali che fanno capo al business di Donald Trump e a pochi giorni dalle testimonianze al Senato del potente genero Jared Kushner (a porte chiuse) e di Donald Trump Jr.

Che Spicer potesse lasciare il podio della sala stampa lo si vociferava da tempo, ogni volta che emergevano critiche del presidente per la sua performance. Da quasi un mese poi i briefing con la stampa venivano affidati alla sua vice, Sarah Huckabee Sanders, ed erano condotti a telecamere spente. Per Trump, in televisione Spicer non funzionava granché, almeno non secondo i suoi standard.

E allora in un più vasto ‘rimpasto’ prima delle vacanze ha chiamato adesso a bordo il vecchio amico Anthony Scaramucci, finanziere di New York, bravissimo – a suo avviso – a fargli da ‘surrogato’ in tv, che lo aveva aiutato nella squadra della transizione ma poi un posto per lui alla Casa Bianca non lo aveva trovato. Ecco l’occasione: fedelissimo, fotogenico, amico di famiglia.

Spicer però non l’ha mandata giù e ha deciso di lasciare anche il podio. Ufficialmente “per dare alla squadra un nuovo inizio”, ha detto alla Cnn, ma riconoscendo che “Trump ha messo bene in chiaro di volere nuove persone”. E’ piccato Spicer. Contrariato, anche arrabbiato stando alle ricostruzioni. In fondo in questi mesi è stato lui a farsi carico del ‘lavoro più difficile del mondo’, dare voce a un presidente imprevedibile e metterci la faccia con una stampa sempre più agguerrita.

Non senza inciampare, certo, e più d’una volta: dall’esordio burrascoso senza prendere domande dai giornalisti nel primissimo briefing ai battibecchi con i reporter (grazie ai quali, però, si è guadagnato una riuscitissima parodia dell’attrice Melissa McCarthy), fino alla gaffe delle gaffe, quando nel tentativo di caratterizzare la ferocia del regime di Assad in Siria affermò con un incauto paragone che nemmeno Hitler arrivò ad usare armi chimiche, tralasciando evidentemente il ‘dettaglio’ delle camere a gas.

Ma a farlo cadere non sono stati tanto questi errori quanto la necessità di Trump di smuovere le acque mentre la nube del Russiagate incombe più che mai sulla sua presidenza. Si cambia infatti anche nella squadra di avvocati: non la guiderà più Marc Kasowitz – che ha un rapporto consolidato con il tycoon avendolo assistito fin dai primi anni 2000 – ma sarà Ty Cobb, un veterano tra le ‘legal eagle’ di Washington da poco ingaggiato, a gestire le risposte degli avvocati sugli sviluppi del ciclone. Mentre il portavoce della squadra legale, Mark Corallo, si è dimesso.

Intanto Trump ha inviato un messaggio chiaro anche a Robert Mueller: il Washington Post scrive che degli avvocati del presidente stanno esplorando i modi per limitare o minare l’inchiesta del procuratore Mueller, nel tentativo di montare il caso su quanto presumono costituisca conflitto di interesse. Oltre a valutare se il presidente abbia o meno facoltà di concedere un’amnistia a sé stesso e ai suoi familiari.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

15:38Gentiloni, si può andare in controtendenza all’omologazione

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Oggi è fondamentale sempre più rendersi conto che è possibile andare in controtendenza alla omologazione e la spinta deve essere la capacità di valorizzare le vocazioni univoche dei nostri territori, non è vero che siamo condannati a un mondo senza biodiversità governato da elite cosmopolite senza storia, senza terra e senza un rapporto con la tradizione". E' un passaggio dell'intervento del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, all'inaugurazione dell'anno accademico all'Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo.

15:32Figc: Sibilia, ora serve nuovo percorso

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "C'è stata una componente autorevole che ha pensato di non fare più parte della maggioranza e noi ne abbiamo preso atto. Ringraziamo Tavecchio per quello che ha fatto, ora il calcio ha bisogno di ripartire e cominciare un nuovo percorso". Lo ha detto il presidente della Lnd, Cosimo Sibilia, dopo il consiglio federale in cui Carlo Tavecchio ha annunciato le sue dimissioni. "Tavecchio ha parlato di sciacallaggio politico? Non so a cosa si riferisse", ha tagliato corto Sibilia. Quanto alla posizione preventiva della Lega Dilettanti sulle dimissioni di Tavecchio, Sibilia ha sottolineato come "il presidente abbia letto una dichiarazione e si è dimesso, il resto non conta. Quando siamo arrivati aveva già deciso. Posso solo dire che quando noi abbiamo partecipato al tavolo con le componenti abbiamo detto con chiarezza che serviva una maggioranza ampia per poter fare le riforme. Se questa maggioranza non c'è non possiamo andare avanti", ha concluso Sibilia lasciando la sede della Figc.

15:32Ostia: Di Pillo, governeremo con regole ferree

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Noi governeremo con regole ferree, non facendo entrare la criminalità nelle istituzioni. Fuori tutti, fuori tutte le persone che non seguono le regole e mai patti con nessuno. Faremo sempre bandi pubblici perché non è giusto fare affidamenti diretti. Dobbiamo stare a fianco delle forze dell'ordine che devono fare la loro parte e credo sia importantissimo lavorare a livello interistituzionale". Lo dice Giuliana Di Pillo (M5S), presidente eletta del municipio di Ostia, durante una conferenza stampa.

15:27Figc: Abete, non serve uomo solo al comando

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Questa crisi e le nuove elezioni non sono frutto della responsabilità di una sola persona. Basta avere la volontà di leggere quanto è accaduto in questi anni e quante persone a vario titolo hanno determinato una serie di decisioni da parte di Tavecchio ben diverse dalla logica che c'era in precedenza". Così l'ex presidente della Figc, ora consigliere federale in quota Lega Pro, Giancarlo Abete, dopo le dimissioni di Tavecchio. "Con alcuni giorni di ritardo e in un contesto diverso si è arrivati alla stessa situazione in cui si era il 24 giugno 2014 con le mie dimissioni ed elezioni convocate per l'11 agosto per consentire democraticamente alla federazione di rinnovare i propri organi dirigenti perché di tutto c'è bisogno tranne che dell'uomo solo al comando", ha concluso Abete.

15:24Doping: Pigozzi confermato al Foundation Board Wada

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Nel momento più delicato della storia dell'antidoping mondiale, l'Italia ottiene un riconoscimento che riporta l'immagine dello sport italiano al vertice: il professor Fabio Pigozzi, rettore dell'Università di Roma Foro Italico, è stato infatti confermato per il secondo triennio consecutivo nel Foundation Board della Wada. L'ufficializzazione è arrivata durante il meeting Wada svoltosi a Seul ed è un riconoscimento al rigoroso lavoro scientifico portato avanti nel corso dell'ultimo decennio dal professor Pigozzi che in campo internazionale ricopre ormai dal 2010 l'incarico di presidente della Federazione Internazionale di Medicina Sportiva. "Un riconoscimento che mi riempie d'orgoglio - spiega il professore - è il segno tangibile che la strada intrapresa in questi anni era quella giusta".

15:12Figc: consiglio federale resta in carica

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Il Consiglio federale resta in carica, Tavecchio si occuperà della gestione ordinaria fino a nuove elezioni che dovranno essere indette entro 90 giorni". Così Gabriele Gravina, presidente della Lega Pro, ha fotografato la situazione in Federcalcio a seguito delle dimissioni del presidente Carlo Tavecchio. "Il commissario non è previsto, ora serve un progetto rivoluzionario e innovativo. Prendo atto della decisione del presidente Tavecchio - ha aggiunto Gravina - spero che in tempi brevi vi sia la convocazione di un'assemblea come espressione democratica, nella speranza che tutte le espressioni di questo mondo possano esprimere una progettualità innovativa e rivoluzionaria. Non sono sorpreso dalle dimissioni di Tavecchio, ma dispiaciuto per le modalità di gestione, il presidente avrebbe dovuto darci la possibilità di replicare. Il commissario non è previsto dallo Statuto", conclude.

14:51Calcio: Tavecchio, colpa sciacallaggio politico

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Ambizioni e sciacallaggi politici hanno impedito di confrontarci sulle ragioni di questo risultato". Nella ricerca delle responsabilità della crisi del calcio italiano, è questo - risulta all'Ansa - che Carlo Tavecchio ha detto oggi ai consiglieri della Figc prima di chiedere le dimissioni di tutto il consiglio. "Ho preso atto del cambiamento di atteggiamento di alcuni voi."Le dichiarazioni che si sono susseguite nelle ultime due ore - ha detto ai consiglieri federali Tavecchio - hanno impedito alle due Leghe maggiori di partecipare un dibattito che investe anche loro". "Ho preso atto del cambiamento di atteggiamento da parte di alcuni partecipanti alla riunione di mercoledì - ha aggiunto, riferendosi al vertice con le componenti a 48 ore dalla debacle della nazionale - Nonostante il documento che mi hanno richiesto e condiviso, non sono disposti nemmeno a discuterlo". A conclusione di queste considerazioni, Tavecchio ha chiesto "le dimissioni di tutto il consiglio, me per primo".

Archivio Ultima ora