Il Parlamento elegge il suo Tribunale Supremo di Giustizia

Pubblicato il 21 luglio 2017 da redazione

CARACAS.- Il copione è stato rispettato. E così da oggi il Paese  avrà ben due Corti di Giustizia: quella eletta dal precedente Parlamento, con maggioranza filo-governativa; e quella eletta dall’attuale Parlamento, in cui l’Opposizione è maggioranza.

Alle 11:45 i deputati dell’Assemblea Nazionale hanno approvato all’unanimità la designazione dei 33 magistrati che sostituirebbero, almeno in teoria, quelli l’attuale Tribunale Supremo di Giustizia. La scelta del “Comitè de Postulaciones Judiciales” è ricaduta su: Miguel Angel Martín Tortabu, Elenis Rodríguez Martínez, Cioly Zambrano Alvarez, Luis Marcano Salazar, Zuleima González, Gabriel Calleja, Gustavo Sosa Izaguirre,  Pedro Troconis Da Silva, Alejandro Rebolledo, Milton Ladera Jiménez, Cruz Graterol Roque, Beatriz Ruiz Marín, Angel Zerpa Aponte, Antonio Marval Jiménez, José Luis Rodríguez Piña, Ramsis Ghazzaoui, Manuel Espinoza Melet, José Núñez Sifontes, Alvarez Domínguez, Evelyna D’Apollo, Ramón Pérez Linares, Gonzalo Oliveros Navarro, Thomas Alzuru Rojas, Luis Ramos Reyes, José Zamora Zamora, Rafael Ortega Matos, Rubén Carrillo Romero, Jesús Rojas Torres, Alvaro Marín Rivero, Domingo Salgado Rodríguez, Idelfonso Ifill Pino, Rommel Gil Pino e Manuel Reyes Peña.

La seduta del Parlamento, in cui è stato eletto il nuovo Tribunale Supremo di Giustizia, si è svolta nella Piazza Sadel del quartiere commerciale di Las Mercedes, dopo aver costatato l’esistenza l’esistenza del “quorum”.

Il presidente del Parlamento, Julio Borges, nel prendere la parola, ha ringraziato i nuovi magistrati per il loro coraggio mentre il presidente del “Comitè de Postulaciones Judiciales”, Carlos Berrizbeita, sosteneva che così si “Iniziava il cammino per restituire l’ordine costituzionale al Paese”.

Mentre nella Piazza Sadel, il parlamento designava il suo Tribunale Supremo di Giustizia, il Presidente della “Sala Costituzionale” del “Tsj” eletto dall’Assemblea Nazionale precedente, Juan José Mendoza, leggeva un comunicato in cui si sostiene che il “Tsj” eletto non ha alcun potere poichè il Parlamento che lo ha designato è “fuorilegge”. Quindi, ha spiegato che i magistrati si rendono colpevoli del “; reato castigato dalla legge.

 

L’Alta Corte presieduto da Maikel Moreno insiste nel sostenere che il Parlamento, attualmente dominato dai deputati dell’Opposizione, non alcun potere poichè “insubbordinato”, in quanto non obbedisce alle sentenze della Corte.

Ultima ora

19:41Coniugi uccisi: Cc rintracciano figlio

(ANSA) - CASERTA, 20 NOV - E' stato trovato dai carabinieri il figlio di Francesco Afratellanza e Antonietta Della Gatta, i due coniugi ritrovati sgozzati nella propria abitazione di Parete, nel Casertano. E' stato fermato lungo la via Santa Maria a Cubito direzione Cancello e Arnone. Ritrovato un coltello lungo il ciglio di una strada in Parete, località Portella, distante circa 1km dal luogo dell'omicidio. Allo stato, il 40enne non è ancora stato sottoposto a fermo; in questi momenti viene sentito dal magistrato.

19:33Merkel, meglio nuove elezioni che governo minoranza

(ANSA) - BERLINO, 20 NOV - Angela Merkel preferisce andare a nuove elezioni, piuttosto che optare per un governo di minoranza. Lo ha detto all'emittente ARD. La cancelliera si dichiara disponibile a guidare il suo partito in caso di nuove elezioni.

19:27Calcio: Barzagli avverte Juve, ritrovare spirito sacrificio

(ANSA) - TORINO, 20 NOV - "Aver vinto sei scudetti non significa che tutto sia dovuto: la partita contro il Barcellona sarà fondamentale, ritroviamo lo spirito di sacrificio". Parole di Andrea Barzagli, all'indomani della sconfitta in campionato contro la Sampdoria. "Dobbiamo capire che c'è ancora da soffrire - spiega il difensore -. Risolvere la pratica Champions alla vigilia degli scontri diretti in campionato ci darebbe serenità ulteriore per preparare al meglio le partite importanti". Il centrale ha poi rafforzato il concetto già espresso da Chiellini nel dopo-Marassi. "Sono d'accordo con Giorgio, ci manca la voglia di soffrire, ognuno di noi deve dare qualcosa di più".

19:23Resa Tavecchio: Malagò,dare tempo alla A? Aspettiamo da mesi

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Sono mesi che si aspettava la soluzione della Lega di A, tant'è vero che c'è stato un commissariamento che arriva al 30 di novembre. Mancano meno di 10 giorni, se pensate che in questo lasso di tempo tutto si possa risolvere in Lega A? Può anche essere, ma a me sembra abbastanza un'utopia". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, rispondendo a Tavecchio che chiedeva tempo prima di procedere a un commissariamento della Federcalcio che a questo punto sembra scontato. "Da parte nostra non ci sono velleità specifiche, tant'è vero che io mi sono chiamato fuori per primo da qualsiasi ipotesi diretta di commissariamento. Più di così?", ribatte ancora Malagò.

19:23Papa: non guidate parlando al telefono

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 20 NOV - Il Papa critica "lo scarso senso di responsabilità da parte di molti conducenti, che sembrano spesso non avvedersi delle conseguenze anche gravi della loro disattenzione (per esempio con l'uso improprio dei cellulari) o della loro sregolatezza". "Ciò - osserva il Pontefice - è causato da una fretta e da una competitività assunte a stile di vita, che fanno degli altri conducenti degli ostacoli o degli avversari da superare, trasformando le strade in piste di 'formula uno' e la linea del semaforo nella partenza di un gran premio". Papa Francesco lo ha detto ai dirigenti e al personale della direzione centrale per la Polizia stradale e ferroviaria, ricevuti, insieme al capo della Polizia, Franco Gabrielli, in udienza nella Sala Clementina in occasione dei 110 anni della Polizia ferroviaria e dei 70 anni della Polizia stradale. "A incrementare la sicurezza - ha detto - non bastano le sanzioni, ma è necessaria un'azione educativa, che dia maggiore consapevolezza".

19:22Figc: Lippi, non ho scelto io Ventura

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Mi ha dato fastidio che non si fa altro che parlare di Lippi, mi sembra che Tavecchio non abbia una buona memoria: tutto vero quello che ha detto Malagò, tutto vero eccetto che abbia scelto io Ventura". Al telefono con Sky Marcello Lippi dice la sua sulla crisi del calcio italiano e chiarisce i motivi della sua rinuncia all'incarico di supervisore. "Parlai con tre allenatori, riferii a Tavecchio che mi disse: chi scegliamo? E io 'no, il ct lo sceglie il presidente'. Lui disse 'Ventura'. Avevo già un precontratto da dt - aggiunge Lippi - saltò tutto il giorno prima della presentazione: bastava che Tavecchio si ricordasse che lui un anno prima aveva firmato il nuovo statuto dei procuratori, che definiva l'incompatibilità perchè c' era mio figlio, e avrei detto che non era il caso. Da quel giorno non ho più sentito nessuno, nemmeno Uva. Nè il direttore generale nè Tavecchio si ricordavano di quella norma: è sospetto", conclude il ct campione del mondo 2006.

19:21“Salvare il San Juan ancora si può”

(ANSA) - ROMA, 20 NOV -"Salvare il San Juan, ancora, si può". Alla Marina militare italiana seguono da molto vicino la vicenda del sottomarino argentino disperso al largo della Patagonia con 44 persone a bordo. Un capitano di fregata occupa una posizione-chiave nell'Ismerlo, l'organismo internazionale con sede a Northwood, in Gran Bretagna, che si sta occupando del coordinamento internazionale dei soccorsi. E la stessa Marina ha messo a disposizione un team di specialisti pronti ad intervenire sul posto, se necessario e richiesto. "E' una corsa contro il tempo, ma la speranza non deve morire", dice il capitano di vascello Decio Trinca, del Reparto sommergibili dello Stato maggiore della Marina. "Esistono mezzi tecnologicamente avanzati che, condotti da personale estremamente preparato e addestrato a fronteggiare questo tipo di eventi, consentono di svolgere le ricerche e prestare soccorso al sottomarino e al suo equipaggio". Riguardo alle condizioni meteo e del mare, poi, "queste sono difficili, sì, ma non proibitive".

Archivio Ultima ora