Interpol, 173 kamikaze dell’Isis pronti ad attacchi in Europa

Pubblicato il 22 luglio 2017 da ansa

ROMA. – Una lista si aggira per l’Europa. E’ quella, diffusa dall’Interpol, che contiene i nomi di 173 aspiranti kamikaze dell’Isis ben addestrati, pronti a immolarsi in nome di Allah e a fare strage di infedeli nel Vecchio continente. Dove siano in questo momento non è dato sapere: forse nelle lande residue del Califfato tra Iraq e Siria, forse non lontano dalle nostre frontiere anche se – scrive il Guardian online che è riuscito ad ottenere la lista – non c’è nulla che indichi che sono già qui.

L’Europa, comunque, suda freddo. E l’intelligence è al lavoro ovunque per fornire all’Interpol dati aggiuntivi, notizie su spostamenti, dettagli su amici e parenti, attività social da aggiungere al profilo di ogni terrorista. La storia inizia negli Usa qualche mese fa, quando i servizi americani raccolgono informazioni nelle aree di Siria e Iraq strappate all’Isis dalla coalizione internazionale e stilano un elenco di 173 jihadisti pronti a entrare, o rientrare, in Europa.

Un rischio che cresce man mano che il Califfato perde terreno. Tra sbandati, foreign fighers di ritorno e martiri vari in missione, il cerchio attorno all’Europa rischia di stringersi troppo. La lista è inviata all’Fbi, che la trasmette all’Interpol. Il 27 maggio viene diffusa ai Paesi membri con note esplicative e richieste di collaborazione. I terroristi vengono definiti come individui “che potrebbero essere stati addestrati per costruire e piazzare ordigni esplosivi in modo da causare numerosi morti e feriti. Si ritiene che possano viaggiare internazionalmente, per partecipare ad attività terroristiche”.

Di ognuno si forniscono nome e foto, data di reclutamento nelle file dell’Isis, indirizzi conosciuti e moschee frequentate. Ma se gli Stati Uniti, scrive ancora il Guardian, sono abbastanza sicuri delle informazioni fornite, gli europei sono più cauti di fronte alle identità multiple e ai passaporti falsi di cui le truppe di Allah sono abbondantemente fornite e che rende molto difficile monitorare gli spostamenti attraverso le frontiere.

Gli apparati di sicurezza italiani hanno avviato già da alcuni mesi le verifiche sulla lista dell’Interpol senza trovare al momento particolari riscontri o collegamenti tra i soggetti indicati e il nostro Paese. La procedura seguita è la stessa che viene messa in atto ogni volta che arrivano segnalazioni dai servizi d’intelligence e dalle forze di polizia: appena ricevuta, infatti, la lista è stata diffusa a tutti gli apparati centrali di sicurezza – Antiterrorismo, Ros e Gico – e a tutti gli uffici territoriali, per i controlli.

Impossibile dire in che tempi e con quale intensità i 173 aspiranti kamikaze potrebbero colpire e, soprattutto, se i più pericolosi sono solo quelli individuati dalla lista. In totale tra l’Iraq e la Siria ci sarebbero almeno 20 mila foreign fighters, 4 mila dei quali provenienti dall’Europa. La galassia è ampia e molti possono essere i lupi solitari.

Ma molto anche dipende dalle sorti della guerra, dalle indicazioni e dalla forza del redivivo al Baghdadi. Dato ripetutamente per morto, secondo fonti irachene il Califfo nero è invece vivo e si nasconde a Raqqa, roccaforte dell’Isis nel nord della Siria sotto assedio da parte delle forze curdo-siriane sostenute dalla Coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti.

(di Eloisa Gallinaro/ANSA)

Ultima ora

16:18Calcio: Allegri, con Samp serve partita d’alto livello

(ANSA) - TORINO, 18 NOV - "Domani a Marassi con la Sampdoria servirà una grande Juve". Allegri chiede massima attenzione ai suoi. "I blucerchiati giocano bene, non hanno mai perso in casa e sono migliori dell'anno scorso come organico e organizzazione". "Giocare a Marassi non è mai semplice, serve una partita di un certo livello - ha aggiunto il tecnico bianconero -. Inoltre Giampaolo è un tecnico molto bravo, si era un po' perso ma è tornato. La Samp è una squadra con peso specifico in attacco, garantito da Zapata. Strinic sta facendo una stagione importante". Nella Juve Pjanic e Cuadrado sono a disposizione, ballottaggio tra Dybala e Bernardeschi.

16:15Gb: Labour vira a sinistra anche in Scozia, vince Corbyn

(ANSA) - LONDRA, 18 NOV - Svolta a sinistra per il Labour britannico anche nella ex roccaforte della Scozia, teatro di molte sconfitte negli ultimi anni sotto varie leadership centriste. La corsa per il nuovo vertice del Partito Laburista scozzese si è chiusa infatti con l'annuncio della vittoria di Richard Leonard, 55 anni, sindacalista di lungo corso e fedelissimo del leader nazionale Jeremy Corbyn, che ha ottenuto il 56,7% dei consensi con oltre 10 punti di vantaggio sul più 'moderato' Anas Sarwar, 34enne figlio d'immigrati asiatici, in un'elezione in cui ha votato il 62,3% degli iscritti. A Sarwar non è bastato l'appoggio di dirigenti importanti come Harriet Harman o il sindaco di Manchester, Andy Burnham, mentre per Leonard si è rivelato decisivo il placet di Corbyn.

16:15Calcio: Gasperini, eliminazione Mondiali? dura da accettare

(ANSA) - ZINGONIA, 18 NOV - "L'Italia fuori dai Mondiali è veramente difficile da accettare. Speriamo che questa eliminazione sia come il 7-1 preso dall'Inter la scorsa stagione". Alla vigilia della sfida di San Siro, l'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini tenta la strada del confronto fra il precedente diretto dei suoi (12 marzo) nei playoff persi dalla Nazionale con la Svezia. "Allora per noi, come oggi per gli azzurri, può essere la base per ripartire - spiega il tecnico dei bergamaschi. Quello fu lo schiaffo della risalita fino al quarto posto, la partita della svolta. Per l'Italia deve essere così: il nostro è un buon movimento, abbiamo buoni giocatori e ottimi allenatori, è tutto l'insieme che ha qualcosa che non funziona". Gasperini torna anche sui complimenti al modello Atalanta per vivaio e progettualità sullo stadio di proprietà rivolti dal presidente del Coni Malagò: "È una società che rappresenta un buon modello e un buon prospetto, i complimenti fanno piacere. Speriamo che non abbandoni mai questa strada".

16:11Germania, Lindner (Fpd), intesa domani alle 18 o salta tutto

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Un accordo per formare una coalizione 'Giamaica' in Germania, con i cristianodemocratici della Cdu-Csu, i liberali del Fdp e i Verdi, deve emergere domenica sera o salta tutto. Lo ha annunciato oggi alle tv tedesche il leader del Fdp Christian Lindner, confermando indicazione trapelate nelle ore scorse. "Sabato sera alle 18 finisce tutto", ha detto Lindner, riferendosi ai negoziati esplorativi in corso.

16:06Zimbabwe: ‘Mugabe vada via’, lo slogan della protesta

(ANSA) - IL CAIRO, 18 NOV - Si sta cristallizzando su "Mugabe must go" (Mugabe se ne deve andare) lo slogan della manifestazione di oggi ad Harare, in Zimbabwe. La frase, in inglese, viene usata in particolare per i loro aggiornamenti da tre dei maggiori siti di informazione del paese tra cui quello dello quotidiano governativo Herald. "I cittadini hanno parlato: #MugabeMustGo!!!", ha twittato un ex-ministro dell'Istruzione e avvocato impegnato per la difesa dei diritti umani. David Coltart. In un video sull'hashtag #MugabeMustGo si vedono giovani esultare a braccia levate, urlare e cantare.

15:45Allegri, Italia? fra qualche anno, se mi vogliono…

(ANSA) - TORINO, 18 NOV - Allenare la Nazionale italiana? "In questo momento assolutamente non è la mia ambizione, mi tolgo di scena. Tra qualche anno, invece sì, se me ne daranno la possibilità, altrimenti vado al mare, dove anche sto bene". Così Massimiliano Allegri sul dopo-Ventura alla guida degli azzurri. "Alla Juve sto bene, ho un contratto, dobbiamo fare ancora tante cose insieme - ha detto il tecnico bianconero - ci sono molti obiettivi da raggiungere, c'è da costruire la squadra per il futuro".

15:44Salvini,non capisco Cav,voto a maggio è troppo tardi

(ANSA) - MILANO, 18 NOV - "Spero si voti il prima possibile e che nessuno voglia tirare a campare. Non capisco perché Berlusconi parli di un voto più avanti a maggio". Lo dice il segretario della Lega Salvini alla fiera 'G! Come giocare' a Milano. Salvini ribadisce che "prima si vota e meglio è, visto che si andrà a un governo di centrodestra dove le idee della Lega saranno determinanti. Chiedete al Cav perché voglia votare a maggio, per me è già troppo tardi". "Entro novembre definiamo il programma della Lega. Poi lo confronteremo con quello degli altri", aggiunge.

Archivio Ultima ora