Calciomercato: rebus Keita, Di Maria di nuovo nel mirino Inter

Pubblicato il 22 luglio 2017 da ansa

Antonio Conte e Antonio Candreva durante un allenamento della nazionale. 10 Ottobre 2014.
ANSA/CIRO FUSCO

ROMA. – Il ‘ciclone’ NEYMAR potrebbe riaprire porte che sembravano chiuse: è il caso di DI MARIA, sul quale c’è sempre l’Inter, di LUCAS che piace a Roma e Arsenal e di MATUIDI, carta di riserva per la mediana della Juventus dopo MATIC (sul quale è in vantaggio lo United).

In Spagna scrivono che “l’affare del secolo” (222 milioni di clausola rescissoria e 30 netti al giocatore per 5 anni) si farà e va da sè che il club di Nasser Al-Khelaifi, che starebbe tra l’altro per chiudere anche per Alexis SANCHEZ (altri 40 mln), ha bisogno di far cassa per ammortizzare in parte il costo monstre di ‘O’Ney’ e i cartellini dell’argentino, del brasiliano e del francese sono i più gettonati in casa PSG.

L’arrivo del serbo Kolarov, che è già negli Stati Uniti con i giallorossi, impedirà però l’arrivo a Roma di Lucas (extracomunitario) che a questo punto potrebbe prendere la strada di Londra (Arsenal), liberando MAHREZ che è invece il vero obiettivo della dirigenza giallorossa che sarebbe disposta a un ulteriore sacrificio economico per l’algerino con passaporto francese.

Dall’Inghilterra rimbalza invece la voce che vuole Antonio Conte interessato ad Antonio CANDREVA, con il Chelsea pronto a fare un’offerta di 25 milioni per assicurarsi l’esterno nerazzurro che Conte ha avuto modo di conoscere e apprezzare da ct dell’Italia. L’Inter avrebbe però fatto muro, preferendo monetizzare la cessione di PERISIC allo United con il quale non c’è però l’accordo sulle cifre (ballano più di 10 milioni).

Intanto, il club nerazzurro a inizio settimana dovrebbe definire l’acquisto di VECINO, per il quale basterà pagare i 24 mln di clausola alla Fiorentina. Che intanto continua nell’opera di sfoltimento: il club viola ha ceduto all’Olympiacos l’esterno MILIC, TATARUSANU sta per accasarsi al Nantes e anche BADELJ sarebbe in uscita (sono interessate Lazio e Milan).

In entrata Corvino, che sta per ufficializzare EYSSERIC, lavora su Niang (a prescindere dalla trattativa KALINIC al Milan) e KRANEVITTER dell’Atletico di Madrid. Se andrà via il centravanti croato, Pioli vorrebbe uno tra SIMEONE, ZAPATA e NESTOROVSKI, oltre a POLITANO per il quale però il Sassuolo chiede 15 mln.

La Lazio è sempre alle prese col rebus KEITA (“E’ un caso da risolvere al più presto”, ha ammesso oggi il tecnico Inzaghi): il giocatore piace (e tanto) a Juve e Inter, ma Lotito continua a chiedere almeno 25 milioni e su queste basi (contratto in scadenza fra 11 mesi) è dura trovare la quadra e anche l’eventuale sostituto (piacciono FALCINELLI, BACCA e PAVOLETTI, anche se quest’ultimo sarebbe sulla strada di Udine).

In casa Napoli il rinnovo di Pepe REINA tarda ad arrivare ed ecco che tornano di moda il nomi di RULLI della Real Sociedad (farebbe il titolare) e di Karnezis (farebbe il secondo). Anche la Juventus attende di sapere cosa ne sarà di Neymar, perchè in caso di addio non è un mistero che il Barcellona si getterebbe su DYBALA, forte anche dell’accordo non scritto (la corsia preferenziale per il club blaugrana) con il giocatore argentino al momento del rinnovo.

Intanto, in prospettiva i bianconeri hanno sondato l’attaccante uruguaiano classe 1999 ARDAIZ. Nelle intenzioni della dirigenza sostituirebbe SCHICK che, dopo il ‘ribaltone’ potrebbe restare un altro anno alla Samp che intanto non molla il gambiano COLLEY del Genk e sogna VIETTO dell’Atletico e segue sempre WILSHERE.

TROTTA resta a Crotone un altro anno, rinnovato prestito dal Sassuolo, mentre è ufficiale l’addio alla Serie A di PINILLA che torna in Cile e GILARDINO potrebbe ripartire dal Venezia di Pippo Inzaghi.

Ultima ora

01:09Champions: Mertens, qualificazione agli ottavi è possibile

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Insigne ha fatto un grande gol, un gol che ci voleva in una partita come questa e che ci ha sbloccato. Noi alla qualificazione ci crediamo: il City può passare il turno a punteggio pieno, per loro può essere una motivazione, e noi abbiamo le qualità per vincere in Olanda. Sono contento della prestazione della squadra, abbiamo fatto vedere che ci teniamo anche alla Champions". Così Dries Mertens dopo il successo per 3-0 sullo Shakhtar, nel quale il belga è stato l'autore della terza rete.

00:54Champions: Sarri, dimostrato che teniamo al torneo

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "La prestazione è stata buona, anche se abbiamo fatto 30-35 minuti in difficoltà per via del palleggio dei nostri avversari. Nel secondo tempo, quando siamo riusciti a sporcargli le uscite dalla difesa, siamo cresciuti. Mi fa piacere la prestazione e mi fa piacere aver dimostrato che ci teniamo alla Coppa, ma il nostro destino non è nelle nostre mani e ci dispiace: dobbiamo andare a vincere in Olanda e sperare in un risultato favorevole del City". Maurizio Sarri è soddisfatto della prestazione del suo Napoli, ma rammaricato sapendo che anche il successo in casa del Feyenoord potrebbe non bastare per raggiungere gli ottavi di Champions. Insigne ha avuto il grande merito di sbloccare una partita difficile contro un ottimo Shakhtar: "E' un giocatore di livello internazionale - gli riconosce Sarri nel dopo partita - Uno di quelli che vanno tenuti fuori delle rotazioni: a volte una ventina di minuti di riposo glieli concedo, ma ammetto che faccio fatica".

00:40Champions: Insigne, continuiamo a crederci

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Sapevamo che era importante fare risultato, ce l'abbiamo messa tutta e ne è valsa la pena: i sacrifici vengono ripagati. Continuiamo a crederci: non dipende solo da noi, ma l'importante è che cominciamo a vincere in Olanda, poi vedremo se il City batterà lo Shakhtar. Sappiamo che è difficile, ma noi dobbiamo fare il nostro". Lorenzo Insigne si mostra fiducioso dopo il largo successo sullo Shakhtar che lascia aperte le speranze di qualificazione agli ottavi. "Problemi al ginocchio? Un leggero fastidio, ma non sono mai stato in dubbio - ha aggiunto Insigne, uscito prima della fine - Gli elogi di Sarri fanno piacere: dal primo giorno che è arrivato mi ha dato fiducia e io cerco solo di ricambiarla con i gol e gli assist".

00:36Libano: Hariri è tornato a Beirut

(ANSA)- BEIRUT, 21 NOV - Il premier libanese Saad Hariri è tornato stasera a Beirut, due settimane dopo l'annuncio di dimissioni dato mentre si trovava in Arabia Saudita. Hariri aveva lasciato Riad sabato scorso con destinazione Parigi, ed ha fatto ritorno in patria passando prima dall'Egitto, quindi a Cipro, dove stasera ha visto il presidente Nicos Anastasiades. Il premier dimissionario è giunto a Beirut con un jet privato. Fino a due settimane fa Hariri era a capo di un governo di coalizione con i suoi oppositori interni, Hezbollah. Il suo annuncio di dimissioni del 4 novembre, fatto alla tv da Riad, aveva scioccato il Libano. Nel messaggio accusava Hezbollah di tenere in ostaggio il Paese, lasciando intendere che ci fossero pericoli per la sua vita.

00:23Champions: il Napoli ci crede, 3-0 allo Shakhtar

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il Napoli tiene viva la speranza di qualificazione agli ottavi di Champions grazie ad una partita superlativa contro lo Shakhtar Donetsk. Al San Paolo finisce 3-0 per la formazione di mister Sarri, con tutti i gol nella ripresa. A sbloccare il risultato è Lorenzo Insigne, al 10' con un gol capolavoro. L'attaccante si accentra e fa partire un tiro a giro che si insacca sotto l'incrocio dei pali, imprendibile per Pyatov. L'1-0 sarebbe già un buon risultato, ma serve la seconda rete per portarsi in vantaggio negli scontri diretti con gli ucraini, che in casa propria avevano vinto 2-1. Quando lo Shakhtar resta in 10 il Napoli dilaga con le reti di Zielinski e Mertens. Nell'altro incontro del girone il Manchester City, già qualificato, ha battuto gli olandesi del Feyenoord 1-0. Nella sesta ed ultima giornata per continuare il suo viaggio in Europa il Napoli deve andare a vincere in Olanda e confidare che il City espugni il campo dello Shakhtar.

22:39Cc morto in incidente, condanna camionista parcheggiato male

(ANSA) - PIACENZA, 21 NOV - E' stato condannato in Tribunale a due anni e sei mesi di reclusione il camionista moldavo coinvolto nell'incidente stradale che nel settembre 2014 costò la vita a un appuntato dei carabinieri di Piacenza, Luca Di Pietra, alla guida di una gazzella che si schiantò contro un Tir posteggiato lungo una curva a Castel San Giovanni. Nell'incidente rimase gravemente ferito il collega che era sulla gazzella con lui, l'appuntato scelto Massimo Banci. Il giudice ha accolto la richiesta di condanna avanzata dal pubblico ministero, disponendo anche una provvisionale di 225mila euro da suddividere tra la vedova e i figli del carabiniere morto, i suoi parenti e il collega sopravvissuto. Il legale dell'imputato, Marco Malvicini del Foro di Piacenza, aveva chiesto l'assoluzione dell'autista sostenendo che la posizione del mezzo pesante fosse stata ininfluente, e che l'auto dei carabinieri sarebbe comunque finita fuori strada a causa della velocità sostenuta. E ha annunciato ricorso in Corte d'appello. (ANSA).

22:27SI: Fratoianni, a Fassino diremo che tempo è scaduto

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "I capigruppo di Sinistra Italiana incontreranno Fassino, già domani, per una questione persino di cortesia ma gli diremo che il tempo ormai è scaduto perché il PD ha governato con diverse destre e ha attuato politiche che danno un'idea di Paese diversa dalla nostra e che rendono la parola coalizione impronunciabile" così il segretario di SI Nicola Fratoianni, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7.

Archivio Ultima ora