I Paesi Opec non rispettano i tagli. Pugno duro russo-arabo

Pubblicato il 24 luglio 2017 da ansa

Paesi Opec non rispettano tagli.Pugno duro russo-arabo

MOSCA. – Il mancato rispetto dei tagli promessi nell’estrazione del greggio da parte di alcuni paesi Opec non è tollerabile: è questo il messaggio lanciato da Russia e Arabia Saudita alla ministeriale ‘Opec-non Opec’ di San Pietroburgo. Preoccupati dal prezzo del petrolio ancora troppo basso e dalle gravi ripercussioni di questa situazione sulle loro economie nazionali, Mosca e Riad esigono che tutti gli Stati che lo scorso anno hanno siglato l’accordo per ridurre la produzione di greggio lo rispettino. Anche Iraq, Algeria ed Ecuador, paesi che non stanno adempiendo i loro obblighi.

“Stiamo chiedendo con forza la partecipazione di tutti”, ha affermato senza troppi giri di parole il ministro dell’Energia saudita, Khalid Al Falih. Poi ha annunciato che l’Arabia saudita – tormentata dallo spettro di una possibile recessione – darà il buon esempio limitando le esportazioni di oro nero a 6,6 milioni di barili al giorno: 300.000 in meno in confronto a maggio e un milione in meno rispetto a un anno fa.

Anche il titolare del dicastero russo dell’Energia, Aleksandr Novak, ha fatto sentire la sua voce: “Tutti i paesi – ha avvisato – devono eseguire al 100%” l’accordo. “Se quelli che adesso non adempiono fino in fondo i propri obblighi” lo faranno, ci potrà essere una ulteriore “riduzione di circa 200.000 barili al giorno”, ha assicurato.

L’accordo, entrato in vigore a gennaio per tagliare la produzione di petrolio di 1,8 milioni di barili al giorno frenando la caduta dei prezzi, sta affrontando mille difficoltà e i risultati sono per ora inferiori alle aspettative. Il prezzo del Brent inizialmente aveva superato i 58 dollari al barile, ma adesso – complici anche gli altissimi livelli dell’estrazione americana – è attorno a 48,6 dollari. Ciononostante il documento sembra destinato a essere prorogato nuovamente dopo la sua scadenza nel marzo del 2018. Anche se non è chiaro per quanto tempo.

Oltre a Russia e Arabia Saudita, sembrano remare in questa direzione anche altri Paesi, per esempio gli Emirati Arabi Uniti, il cui ministro dell’Energia, Suhail Al Mazrouei, in un’intervista a Bloomberg ha affermato che un’intesa in tal senso potrebbe essere raggiunta già a novembre, alla prossima riunione dei paesi produttori di greggio. Mazrouei non ha fatto mistero del fatto che l’aumento dell’estrazione in Libia e Nigeria – esentate dagli accordi per le loro difficili situazioni interne – stia complicando le cose per gli altri paesi.

La Libia potrebbe arrivare a produrre fino a 1,25 milioni di barili al giorno, mentre la Nigeria – ha fatto sapere oggi il ministro del Petrolio e del Gas dell’Oman, Mohammed Al Rumhy – è disponibile a darsi un tetto di 1,8 milioni di barili non appena raggiungerà questa quota. Ma se i due paesi africani dovessero arrivare a questi livelli, aggiungerebbero mezzo milione di barili al giorno alla produzione mondiale di oro nero.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

19:53Calcio: Ibra abdica,dopo 10 anni miglior svedese è Granqvist

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Zlatan Ibrahimovic, dopo 10 anni di dominio incontrastato, cede lo scettro di miglior calciatore svedese dell'anno direttamente nelle mani del capitano della Nazionale, Andreas Granqvist, con un passato anche nel Genoa. Il difensore, fra i protagonisti della qualificazione della Svezia ai Mondiali 2018 a spese dell'Italia, attualmente è in forza ai russi del Krasnodar. Granqvist ha ricevuto il 'Guldbollen' e naturalmente ha ringraziato un po' tutti. "Vorrei anche ringraziare gli svedesi per il sostegno e l'apprezzamento che mi hanno mostrato, ma anche la Nazionale per quanto fatto nell'ultimo anno - le sue parole, riportate dal sito della Federcalcio svedese -. Insieme giocheremo la Coppa del mondo 2018". Nella motivazione per la scelta del difensore, si legge che "Andreas Granqvist ottiene il Pallone d'Oro (svedese) per le prestazioni in Nazionale e nella squadra di club del Krasnodar, dove ha mostrato capacità di leadership eccezionali".

19:52Carabinieri celebrano Virgo Fidelis a Incisa Scapaccino

(ANSA) - ASTI, 21 NOV - I carabinieri celebrano la Virgo Fidelis, patrona dell'Arma, al Santuario di Incisa Scapaccino, borgo in provincia di Asti che prende il nome dal carabiniere Giovanni Battista Scapaccino, prima Medaglia d'Oro al Valor Militare del corpo. "Vorremmo che questo santuario diventasse nazionale", è l'auspicio del comandante dell'Arma, generale Tullio Del Sette, intervenuto alla cerimonia. A celebrare la Messa, alla presenza del pronipote dell'Eroe Marcello Rota, il presidente della Cei, cardinal Bassetti, l'Ordinario Militare, monsignor Marcianò, e il vescovo di Acqui, monsignor Micchiardi. "Oggi celebriamo uomini e donne presenti ovunque per la lotta al crimine, al servizio espletato ogni giorno fino al sacrificio della vita", sottolinea il cardinal Bassetti, ricordando il "ruolo positivo vicino al popolo" dei carabinieri. "Qui rinnoviamo il giuramento di fedeltà", riprende il generale Del Sette, ribadendo che il santuario "è un luogo molto amato perché ha radici profonde nell'anima dei carabinieri".(ANSA).

19:35Tratta: in Italia poche condanne, vittime sempre più giovani

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Vittime sempre più giovani, indagini complicate, poche condanne, collaborazione con i Paesi di provenienza che si cerca di rafforzare ma non senza difficoltà: è il fenomeno della tratta, che vede protagonisti soprattutto giovani donne provenienti per lo più dalla Nigeria, da una parte, e spietati criminali e senza scrupoli dall'altra. Di tutti gli aspetti di questo odioso fenomeno si è parlato alla Camera, in un incontro che ha voluto mettere a fuoco anche la partnership tra Italia e Nigeria, Paese dal quale proviene una donna su 2 tra quelle che sbarcano in Italia. "Occorre - ha detto la presidente Laura Boldrini - reprimere le organizzazioni criminali ma anche creare un accesso regolare, flussi regolari di immigrazione". La collega nigeriana, Yakubu Dogara, ha chiesto che Roma rafforzi il programma di collaborazione con la Nigeria, mentre il capo della Polizia, Franco Gabrielli, chiede di punire severamente la domanda, cioè chi usufruisce delle prestazioni sessuali fornite dalle vittime di tratta.

19:25Zimbabwe: festa nelle strade dopo dimissioni Mugabe

(ANSA) - HARARE, 21 NOV - La folla sta esultando per le strade di Harare, capitale dello Zimbabwe, all'annuncio delle dimissioni del presidente Robert Mugabe dopo 37 anni al potere. La città è esplosa in cori di giubilo, accompagnati da gente che canta, balla, mentre nelle auto in molti suonano i clacson. Lo scorso fine settimana sempre ad Harare si era svolta una imponente manifestazione per chiedere le dimissioni dell'anziano leader.

19:21Casa Bianca, telefonata Trump-Putin su Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 21 NOV - Siria, Iran, Corea del Nord e Ucraina: sono i temi discussi nella telefonata fra Donald Trump e Vladimir Putin. Lo riferisce la Casa Bianca.

19:18Salvini, Renzi e Macron sono solo ridicoli

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Invece di preoccuparsi di Salvini e Le Pen, sarebbe utile che Renzi e Macron si preoccupassero del terrorismo islamico, la disoccupazione alle stelle e l'Europa che estrae a sorte i posti di lavoro. Socialisti e democratici? No, solo ridicoli" Così il segretario della Lega Matteo Salvini sulle dichiarazioni di Matteo Renzi al termine dell'incontro con il presidente francese Emmanuel Macron.

19:18Ema: Spagna, non c’era accordo con Italia

(ANSA) - MADRID, 21 NOV - "Abbiamo parlato con l'Italia della possibilità di arrivare ad un accordo, ma non abbiamo concluso alcun accordo. Così siamo andati avanti nel rispetto dei nostri impegni": lo ha detto il ministro degli esteri spagnolo Alfredo Dastis circa la posizione adottata dal governo di Madrid nella elezioni della sede Ema.

Archivio Ultima ora