Francia rassicura l’Italia sulla Libia: “Nessuno escluso”

Pubblicato il 24 luglio 2017 da ansa

Khalifa Haftar e Fayez Al-Sarra ad Abu Dabhi

PARIGI. – “Nessun escluso” dai negoziati per la stabilizzazione e la pacificazione della Libia: alla vigilia del faccia a faccia a Parigi tra il presidente del consiglio presidenziale di Tripoli Fayez Sarraj e il comandante dell’esercito nazionale libico, Khalifa Haftar, la Francia tiene a rassicurare l’Italia smentendo di volerla scalzare dalla partita diplomatica della Libia.

“I nostri amici e partner italiani sono strettamente coinvolti in questa iniziativa”, garantiscono fonti vicine al presidente Emmanuel Macron, interpellate dall’ANSA all’Eliseo. Dall’Italia, anche il premier Paolo Gentiloni e il ministro degli Esteri Angelino Alfano si vogliono costruttivi.

La riunione di domani a Parigi? “Mi auguro che sia un contributo positivo”, risponde il presidente del consiglio, a chi chiede un commento sull’iniziativa francese a margine di una visita in Brianza. Per Alfano non ci sono dubbi. “Il fatto che il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian sia qui per la terza volta in un mese – dice aprendo la XII/a conferenza degli ambasciatori a Roma – è indicativo di quanto Italia e Francia operino in modo sinergico per la stabilità della Libia”.

In un’intervista pubblicata su Repubblica, il sottosegretario alle Politiche Ue, Sandro Gozi – che con Macron ha rapporti di collaborazione molto stretti, iniziati ben prima che accedesse alla poltrona più importante della République – si appellava alla Francia affinché non ripeta in Libia “gli errori commessi nel passato. E Macron – ha avvertito Gozi – deve essere inclusivo e prevedere un rapporto speciale con l’Italia”.

La Francia “lavora” e intende continuare a “lavorare strettamente con l’Italia sull’insieme delle iniziative” riguardanti la Libia, ribattono all’Eliseo, sottolineando che l’appuntamento di domani non va considerato un'”iniziativa esclusiva” ma si iscrive nel quadro di “sforzi” intrapresi “negli ultimi mesi” da altri attori della comunità internazionale, a cominciare dall’Ue, l’Unione africana o, appunto, l’Italia.

“Anche questa mattina – insistono a Parigi – abbiamo avuto scambi molto intensi con Roma”, oltre naturalmente a quelli con i libici “andati avanti per tutta la notte”. L’obiettivo è “associare tutti gli attori”, regionali e non, per giungere al massimo risultato e Parigi assicura di nutrire “molto rispetto per la forte relazione tra l’Italia e la Libia” mentre l’ambasciatore d’Italia a Tripoli, Giuseppe Perrone, suggerisce di non “sacralizzare” l’incontro per non creare “aspettative eccessive”.

Il faccia a faccia tra il capo del governo di accordo nazionale libico e l’antagonista della Cirenaica – il primo dopo quello del 2 maggio scorso ad Abu Dhabi – è previsto per le ore 16 nel castello di La Celle Saint Cloud, alle porte di Parigi, in presenza di Macron e del neo-inviato speciale dell’Onu per la Libia, Ghassan Salamé.

Il pressing diplomatico del trentanovenne presidente di Francia comincerà alle 15 con un primo colloquio a porte chiuse con Sarraj, a cui ne seguirà, alle 15:50, un secondo con Haftar, prima della riunione a quattro e la dichiarazione stampa alle 17:30. La crisi libica contiene due problemi ritenuti “prioritari” dal governo francese: la lotta alla minaccia terroristica e quella contro il traffico di migranti.

“La sfida – spiegano all’Eliseo – è costruire uno Stato capace di rispondere ai bisogni fondamentali dei libici, dotato di un esercito regolare unificato sotto l’autorità del potere civile”, un passo considerato “necessario per il controllo del territorio libico”. La speranza a Parigi è che dal vertice di domani possa scaturire “una dichiarazione congiunta condivisa” dai due antagonisti sui “grandi principi di una transizione politica”. Per l’Eliseo “sarebbe già un buon risultato”. Secondo fonti libiche, Sarraj è a Parigi già da questa mattina.

(di Paolo Levi/ANSA)

Ultima ora

10:34Riina: in mattinata l’autopsia, poi la salma in Sicilia

(ANSA) - PARMA, 18 NOV - E' prevista per la mattinata l'autopsia di Totò Riina, detenuto al 41 bis e morto all'ospedale di Parma alle 3.37 di ieri, venerdì 17 novembre. Poi presumibilmente la Procura darà il nulla osta per il trasporto della salma in Sicilia. L'esame medico legale, conferito alle 9.30 dal pm Umberto Ausiello, è nell'ambito di un fascicolo per omicidio colposo contro ignoti: ipotesi tecnica che consente di svolgere l'accertamento, per fugare ogni dubbio sul decesso del boss di Cosa Nostra. Oltre a "cause e epoca" della morte, al medico è chiesto di evidenziare "ogni altro elemento che possa risultare utile al prosieguo delle indagini e in particolare la compatibilità tra i segni obiettivi riscontrabili e l'ipotesi eziologica del decesso in atti". I familiari di Riina sono stati avvisati, come previsto in questi casi. L'autopsia sarà eseguita nella Medicina legale dell'ospedale, presidiata dalla Polizia penitenziaria e questa mattina da una pattuglia della Guardia di Finanza.

10:07Zimbabwe: manifestanti verso corteo, ‘no a dinastia Mugabe’

(ANSA) - IL CAIRO, 18 NOV - "Lo Zimbabwe oggi è tutto nostro", "2together we can" (insieme possiamo" e "no alla dinastia Mugabe" sono i testi scritti a mano o stampati su alcuni cartelli che manifestanti stanno portando al corteo indetto per oggi ad Harare per chiedere le dimissioni del presidente Robert Mubage. Lo si vede in un'immagine in circolazione su internet. Come attesta un'altro cartello "Benvenuti in Zimbabwe" la manifestazione si preannuncia - oltre che colorata - anche pacifica in quanto i militari che hanno messo Mugabe sotto tutela pure fisica appoggiano il corteo. Le "Zimbabwe Defence Forces" (Zdf), in un comunicato stampa diffuso ieri dal sito dell'emittente pubblica Zbc, hanno dichiarato che "sostengono pienamente il corteo" fintanto che "rimarra' ordinato, pacifico" e "senza discorsi d'odio e istigazioni a causare violenze". Il cartello alla "dinastia Mugabe" fa riferimento al piano del 93enne presidente di far candidare la consorte Grace alle prossime elezioni eliminando politicamente il suo principale avversario

09:26Libano: ex premier Hariri arrivato a Parigi

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Saad Hariri è atterrato all'aeroporto Bourget di Parigi. Lo riferiscono i media francesi. A mezzogiorno l'ex premier libanese incontrerà all'Eliseo il presidente francese Emmanuel Macron.

01:21Uragani: Casa Bianca chiede altri 44 mld aiuti a Congresso

(ANSA) - WASHINGTON, 17 NOV - La Casa Bianca ha inviato al Congresso una richiesta di aiuti per 44 miliardi di dollari legati ai danni degli uragani che hanno colpito le isole caraibiche americane e gli Stati Usa del Golfo del Messico. La richiesta, la terza avanzata dal presidente Donald Trump, porterebbe l'ammontare complessivo degli aiuti a 100 miliardi di dollari. Ma i parlamentari delle regioni colpite sono già sul piede di guerra, ritenendo la somma troppo bassa.

01:18Usa: ok a vendita di Patriot a Polonia per 10 miliardi

(ANSA) - WASHINGTON, 17 NOV - Il dipartimento di Stato Usa ha approvato una possibile vendita per 10,5 miliardi di dollari di missili Patriot alla Polonia, nell'ambito della cooperazione militare bilaterale e nella cornice dell'alleanza Nato. Lo rende noto lo stesso Dipartimento di Stato, che ha notificato la proposta al Congresso. Varsavia ha rafforzato il suo sistema difensivo dopo l'annessione della Crimea da parte della Russia.

01:10Tennis: Atp Finals, Dimitrov fa en plein

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - Il bulgaro Grigor Dimitrov ha chiuso imbattuto, imitando finora il fuoriclasse Roger Federer, la fase a gironi della Atp Finals in corso a Londra. Il numero 6 del ranking mondiale ha travolto lo spagnolo Pablo Carreno Busta, sconfitto con un doppio 6-1, lo stesso punteggio che aveva riservato due giorni prima al belga David Goffin, che si è qualificato oggi a sua volta per le semifinali. Nelle due partite per decidere i finalisti, Federer affronterà Goffin, mentre Dimitrov se la vedrà con lo statunitense Jack Sock.

01:06Figc: Tommasi, tema non è Tavecchio ma la responsabilità

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - "Quando si ha un ruolo di responsabilità, bisogna prendersela. Qui invece, a ben due giorni da quell'evento, dopo due giorni di silenzio della federazione, si pensava solo a mandare via la guida tecnica e non a fare tutti un passo indietro come tutti si aspettavano". Così il presidente dell'Aic, Damiano Tommasi, ospite di 'Propaganda Live' su La7, sulla riunione della Figc di mercoledì scorso dopo l'eliminazione dell'Italia dalla corsa al Mondiale 2018. "Il tema non è Tavecchio ma la responsabilità delle istituzioni. L'unica strategia possibile a questo punto è azzerare la dirigenza federale e ripartire di nuovo". "Servono un nuovo programma e nuove idee per il movimento. Un fallimento così esigeva un cambio di marcia - ha detto -. Ora invece si penserà al nome del nuovo ct ma non è questo il problema. Io credo alla nostra posizione e lo fanno i calciatori, che la vorrebbero anche più dura. Pur conoscendo il nostro pensiero, nessuno mi ha chiamato tra quelli che nel mondo dello sport decidono qualcosa".

Archivio Ultima ora