Incendi: fiamme nella notte in Gallura, turisti evacuati

Pubblicato il 25 luglio 2017 da ansa

(ANSA) – OLBIA, 25 LUG – Un vasto incendio, di probabile origine dolosa, è scoppiato la notte scorsa a Porto Pozzo, frazione turistica alle porte di Santa Teresa Gallura, con oltre 100 persone fuggite dai loro appartamenti in cerca di aiuto. Fortunatamente non si è registrato nessun ferito e l’incendio è stato domato intorno alle 5 di questa mattina. Il fuoco è partito da una pineta nei pressi della Statale 133 bis, che collega Palau con Santa Teresa Gallura, dirigendosi immediatamente verso le case. L’incendio ha attaccato prima il residence-condominio Thomas, un piccolo centro commerciale, quindi l’hotel Frassetto, struttura da 20 camere e altre abitazioni, passando dietro l’asilo, interessando poi altri condomini. L’incendio ha raggiunto anche gli infissi di alcune abitazioni più vicine al rogo. Le fiamme sono divampate intorno alle 1,30 di notte e sono state necessarie circa 3 ore e mezzo per domarle. Intorno alle 5,30 di questa mattina l’area era stata completamente bonificata. Sul luogo dell’incendio sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Tempio Pausania, al comando del capitano Ilaria Campeggio, la Protezione civile, i vigili del fuoco di Arzachena e tanti volontari, impegnati tutta la notte per spegnere le fiamme e mettere al sicuro residenti e turisti. Un centinaio le persone che temporaneamente hanno dovuto lasciare le abitazioni, facendovi ritorno solo dopo che le fiamme sono state domate. (ANSA).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

22:22Doping: Lucioni, Nado Italia chiede un anno di stop

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Deferiti Fabio Lucioni e il medico sociale del Benevento, Walter Giorgione. Al difensore sannita, la Procura antidoping di Nado Italia chiede la squalifica di 1 anno, mentre per Giorgione chiesti 4 anni di inibizione. A quanto si apprende da ambienti calcistici, il processo innanzi al Tribunale nazionale antidoping si dovrebbe consumare entro Natale.

22:08Migranti: gruppo ‘irriducibili’, altra notte fuori da Cona

(ANSA) - VENEZIA, 22 NOV - Un'altra notte fuori dallo hub di Cona (Venezia) per il gruppo di migranti 'irriducibili', 55 persone - per lo più africani - che da tre giorni si sta spostando da una provincia all'altra (ieri Padova, oggi Venezia) pur di non rientrare nel Cpt. Dopo una giornata di trattative con il prefetto di Venezia, Carlo Boffi, che aveva invitato i giovani a rientrare a Cona, sospendendo il rischio di perdere il diritto all'accoglienza, stasera un nuovo incontro tra il rappresentante di Governo e i migranti nel centro civico di Malcontenta (Venezia) ha portato a un'altra soluzione temporanea. Su richiesta del Prefetto, e in via strettamente emergenziale, il Comune ha consento ai migranti di fermarsi per la notte negli stessi locali del centro civico, che dispone di servizi sanitari. Domani è previsto un nuovo confronto, per trovare una soluzione definitiva.

22:07Motor Show: Tony Cairoli corre il Memorial Bettega

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Il pluri campione del mondo di motocross Tony Cairoli sarà tra le stelle della 30/a edizione del Memorial Bettega, la prestigiosa competizione di rally internazionale del Motor Show di Bologna. L'appuntamento per gli amanti del rally internazionale è per sabato 9 e domenica 10 dicembre nell'area 48 - Motul Arena di BolognaFiere. Il campione sarà il protagonista di questa emozionante gara alla guida della Hyundai i20 WRC. "Sono molto contento di annunciare il mio ritorno al Motor Show di Bologna per disputare il Memorial Bettega - afferma il pilota Tony Cairoli - una gara che guardavo sempre in televisione quando ero piccolo e che ha fatto crescere in me la passione per il rally". Cairoli è il pilota italiano è entrato a pieno diritto nell'Olimpo del motociclismo Mondiale e ancor di più, in quello del motocross, specialità nella quale ha vinto ben nove titoli iridati. A 32 anni Cairoli ha vinto 83 GP e 163 manche, disputato 217 Gran Premi ed ottenuto 145 podi di cui 46 in MXGP

22:01Torino: piazza San Carlo, questore Sanna in Procura

(ANSA) - TORINO, 22 NOV - Il questore di Torino, Angelo Sanna, è da oggi pomeriggio in procura, ascoltato dai magistrati che indagano sui fatti di piazza San Carlo. Indagato per il caos dello scorso 3 giugno, davanti al maxischermo allestito per la finale Champions tra Juventus e Real Madrid, nei giorni scorsi il questore aveva ricevuto un invito a comparire. Il colloquio con i pm Antonio Rinaudo e Vincenzo Pacileo si svolge al settimo piano del Palagiustizia, nell'ufficio del procuratore Armando Spataro, che coordina l'inchiesta.

21:50Champions: Cska Mosca-Benfica 2-0

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Il Cska Mosca ha battuto il Benfica 2-0 in un match della quinta giornata del gruppo A di Champions League. Gol di Schennikov al 13' e autorete di Jardel al 56'. Russi al secondo posto con 9 punti, portoghesi ancora a quota 0.

21:46Muore bimbo di 18 mesi, esposto genitori per chiarire cause

(ANSA) - LECCO, 22 NOV - Sarà un'inchiesta basata sugli esiti dell'autopsia a stabilire le cause della morte di un bambino di 18 mesi avvenuta domenica notte nel reparto di Terapia intensiva dell'ospedale Manzoni di Lecco proveniente da "La Nostra Famiglia" di Bosisio Parini (Lecco) dove era in cura e dove le sue condizioni si erano improvvisamente aggravate. Ieri i genitori del bimbo, una famiglia della provincia di Cuneo, si sono presentati in Questura a Lecco per presentare un esposto: vogliono capire perché il loro bambino è morto, se ci sono state negligenze nei protocolli di cura, non tanto in quelle lombarde ma in quelle precedenti. Si tratta di un tipo di paziente con lesioni cerebrali non congenite ma dovute a eventi esterni o affezioni morbose, come encefaliti. Tra i sospetti da accertare, anche quello che all'origine della patologia possa esserci stato un vaccino. Verrà disposta un'autopsia, eseguita da un medico legale nominato dalla Procura.

21:45Terrorismo: sì a potestà sui 2 figli per moglie Moutaharrik

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - La Corte d'Assise d'appello di Milano ha confermato la condanna a sei anni di carcere per Abderrahim Moutaharrik, marocchino campione di kickboxing finito in carcere nell'aprile 2016 con l'accusa di terrorismo internazionale per presunti legami con l'Isis, ma ha ridotto la pena per sua moglie Salma Bencharki da 5 a 3 anni e 4 mesi e, in particolare, ha revocato per lei la sospensione della potestà genitoriale sui due figli di 2 e 4 anni, che era stata decisa in primo grado nei confronti di entrambi. Dopo la lettura della sentenza c'è stato un momento di tensione perché il marito di un'altra imputata, Wafa Koraichi (per lei sono stati confermati 3 anni e 4 mesi) ha urlato e si è mosso contro il sostituto pg Nunzia Ciaravolo che era appena uscita dall'aula, e sono intervenuti i carabinieri. Mentre l'imputata piangeva dicendo "non sono una terrorista", il marito urlava "non è giusto, io pago le tasse" e altre frasi soprattutto contro i pm di primo grado.

Archivio Ultima ora