Si vota su stop vitalizi, sfida Pd-M5S sulla paternità del decreto legge

Pubblicato il 25 luglio 2017 da ansa

Vitalizi, si vota

Tabellone elettronico della Camera con risultato del voto sulle questioni pregiudiziali di costituzionalità su disposizioni delle norme in materia di abolizione dei vitalizi, Roma 25 luglio 2017. ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Dopo settimane di bagarre, dietrofront e scontro tra Pd e M5S, alla Camera il ddl sullo stop dei vitalizi arriva ad un passo dal traguardo. Domani, infatti, sarà il giorno del voto finale di un provvedimento che vede, di fatto, l’ok di Pd, M5S, Lega e Fdi ma anche di Sinistra Italiana e di Mdp. Una maggioranza trasversale, quindi, che tuttavia non abbassa la tensione tra Dem e pentastellati, impegnati nella sfida sulla paternità della legge.

“Bene i voti del M5S, ma questa è una battaglia del Pd”, sottolinea Matteo Richetti, primo firmatario del ddl. “Se la legge è in Aula è totalmente grazie a noi”, attacca Danilo Toninelli mentre Beppe Grillo, come promesso, arriva in Aula nel pomeriggio ed assiste ad una parte del dibattito dalla tribuna. E il leader del M5S dà vita ad un piccolo show. “L’abolizione dei vitalizi non è questione di politica ma morale. Che il Pd si prenda l’idea, non facciamo questione di copyright, bisogna dare un piccolo segnale a quelli fuori”, spiega Grillo uscendo da un Parlamento che descrive come un mondo fuori dalla realtà.

“Si scambiano i bigliettini, ci sono tonnellate di fogli…è qualcosa di psichiatrico perché se io parlassi in Aula dove non mi sente nessuno mi chiederei “perché sto facendo questo?””, sottolinea l’ex comico osservando che, a suo parere, anche democrazia “oggi sia una parola svuotata se non vota il 50% della gente”.

Grillo, sull’approvazione del ddl, si mostra ancora molto scettico. “Al Senato sono anziani, cercheranno di bloccare tutto”, spiega il leader M5S sottolineando come domani non tornerà in Aula: “tanto sappiamo come va a finire…”.

Eppure, alla Camera, l’asse a favore del ddl Richetti sembra a prova di bomba. Il gruppo Pd, in mattinata, si riunisce in assemblea annunciando il “sì compatto di una legge che rivendichiamo con forza”, spiega Il capogruppo Ettore Rosato. Ma, nel corso della riunione, qualche malumore non manca con Michele Bordo e Maino Manchi, ad esempio, che criticano la “deriva grillina” presa dal Pd con il provvedimento. Una legge che, oltre all’ira degli ex parlamentari, vede la contrarietà dei centristi e di FI.

“Il Pd si sta intestando un abominio”, attacca il capogruppo Renato Brunetta anche se, sul voto finale, l’ordine di scuderia sarebbe quello dell’astensione per evitare di apparire una forza pro-casta. E, tra gli azzurri c’è anche chi, come Maria Stella Gelmini – tra i firmatari della proposta – potrebbe anche votare sì.

L’ok finale, comunque, non sembra in discussione. E se al Senato il ddl passasse, dalla prossima legislatura l’assegno ai parlamentari sarà più light e arriverà più tardi, equiparando deputati e senatori ai dipendenti pubblici.

Il sistema contributivo – con tanto di legge Fornero – varrà anche agli ex parlamentari mentre la legge si applicherà anche alle Regioni. Su quest’ultimo punto, tuttavia, resta l’ombra dell’incostituzionalità. Le norme, si legge nel ddl, rientrano nel “coordinamento di finanza pubblica” che è competenza dello Stato. Eppure, secondo Brunetta, il punto “è volutamente incostituzionale” per far si che, alla fine, la Consulta bocci la legge.

(di Michele Esposito/ANSA)

  • Giovanni Scaringi

    Non sono ancora chiari i contenuti della proposta di legge per l’abolizione dei vitalizi non vorrei che all’interno ci sia un sacrificio anche da parte di chi è in pensione con il sistema retributivo ed ha sempre versato dei contributi a suo tempo durante la vita lavorativa. In sostanza non si può mettere sullo stesso piano chi ha versato per 35/40 anni i contributi e chi a fronte di pochi giorni al parlamento ha diritto ad una pensione.

Ultima ora

13:36Mladic condannato all’ergastolo dal Tpi

(ANSA) - BRUXELLES, 22 NOV - Il tribunale penale internazionale dell'Aja per i crimini nella ex Jugoslavia (Tpi) ha condannato all'ergastolo, in primo grado, l'ex generale Ratko Mladic, ex comandante dell'esercito serbo bosniaco, per genocidio e crimini di guerra e contro l'umanità perpetrati durante la guerra in Bosnia (1992-95).

13:16Scuola a Bolzano intitolata a Ilaria Alpi

(ANSA) - BOLZANO, 22 NOV - Viene intitolata a Ilaria Alpi, la giornalista Rai assassinata a Mogadiscio insieme al suo cineoperatore Miran Hrovatin, la scuola secondaria di via Cassa di Risparmio a Bolzano. La cerimonia è in programma venerdì prossimo. In mattinata sarà presente il regista del il film "Somalia 94, il caso Ilaria Alpi" Marco Giolo. Verso le 11.30, guarderà il film d'animazione con gli alunni e parlerà con loro del suo lavoro di giornalista. Nel pomeriggio, sarà organizzata per gli studenti delle scuole superiori una performance cinematografica e alle ore 18.00 si svolgerà la cerimonia di inaugurazione in presenza della dirigente scolastica il capo dell'amministrazione scolastica e altri membri del dipartimento di educazione della scuola.

13:07Sindaco Chioggia (M5s) indagato per abuso d’ufficio

(ANSA) - VENEZIA, 22 NOV - Il sindaco di Chioggia (Venezia) Alessandro Ferro del M5s, risulta indagato dalla Procura di Venezia per abuso d'ufficio. A renderlo noto lo stesso Ferro che ne dà notizia su Fb. "Mi è stato notificato un avviso di richiesta di proroga indagini da parte della Procura di Venezia per il reato di abuso d'ufficio - si legge sul suo profilo con il post tutt'ora in rete -. Prima d'ora non avevo ricevuto alcuna comunicazione, né ero a conoscenza di alcuna attività nei miei confronti". "Per trasparenza nei confronti di tutti i cittadini, in ossequio a uno dei pilastri fondanti del Movimento 5 stelle - rileva -, ne do comunicazione a tutti. Ho naturalmente piena fiducia nella giustizia. Vi terrò aggiornati su eventuali sviluppi". Ferro era stato oggetto di critiche per una sua presunta partecipazione azionaria nella gestione di una spiaggia e i relativi permessi.

12:52Zimbabwe: tv, Mnangagwa giura venerdì come presidente

(ANSA) - IL CAIRO, 22 NOV - Si terrà dopodomani venerdì la cerimonia di giuramento del nuovo presidente dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa: lo scrive il sito dell'emittente pubblica del paese, la Zbc, il giorno dopo le dimissioni dell'ormai ex capo di Stato Robert Mugabe. "Il compagno Mnangagwa arriverà nel paese oggi alle sei del pomeriggio alla base aerea di Manyame, ad Harare", precisa il sito citando proprie "buone" fonti ufficiali.

12:47Libano: Hariri sospende dimissioni su richiesta Aoun

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 NOV - Il premier libanese Saad Hariri ha detto che il presidente Michel Aoun gli ha chiesto di riflettere sulla decisione di dimettersi. Hariri ha parlato poco fa dal palazzo presidenziale di Baabda in un discorso trasmesso in diretta dai media libanesi. "Ho presentato le dimissioni al presidente e lui ha auspicato che si prenda tempo per riflettere sulle cause (delle dimissioni). Ho risposto a questo auspicio, con la speranza che si arrivi a un dialogo e che si risolvano i problemi del paese".

12:46Migranti: da Prefetto Venezia i 55 partiti dal padovano

(ANSA) - PADOVA, 22 NOV - Gli ultimi 55 migranti che, nei giorni scorsi avevano lasciato il centro di Conetta nel veneziano, saranno ricevuti dal Prefetto di Venezia Carlo Boffi. I 'superstiti' della lunga marcia che li ha portati a girovagare dal veneziano fino al padovano dove hanno trascorso la notte in una struttura religiosa a Rubano, stamane con un bus messo a disposizione dalla Prefettura sono stati accompagnati a Venezia dove porteranno le loro ragioni e si deciderà della loro sorte in Prefettura. I migranti avevano lasciato Conetta in massa perché ritenevano inadeguata l'ospitalità che si protraeva da tempo nella struttura da loro ritenuta scomoda ma anche per le lunghezze burocratiche nel decidere il loro status. Alcuni di loro sono stati sistemati in luoghi alternativi ma la maggior parte di loro, alla fine, ha fatto ritorno a Conetta dove gli ospiti, ad oggi, sono meno di un migliaio.

12:28Australia: si dimette ct Postecoglou, niente Mondiali

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - C'è chi ai Mondiali non può partecipare per non essersi riuscito a qualificare e chi, invece, non andrà per scelta personale. E' il caso del ct dell'Australia, Ange Postecoglou, che ha deciso di rassegnare le dimissioni una settimana dopo avere staccato il biglietto - alla guida dei 'socceroos' - per Russia 2018. Una decisione che ha colto tutti di sorpresa, dopo il successo sull'Honduras nello spareggio intercontinentale. Da quattro anni Postecoglou, vittorioso della Coppa d'Asia 2015, era alla guida della Nazionale australiana di calcio, che adesso dovrà affrontare i Mondiali con un'altra guida tecnica. "Ho speso troppo a livello mentale e nervoso, non me la sento di continuare - le parole che il ct dimissionario ha affidato al sito ufficiale della Federcalcio australiana -: è stato un privilegio allenare la Nazionale del mio Paese, ma non me la sento di continuare.

Archivio Ultima ora