Dopo il terremoto i Sibillini si rilanciano come location di nozze

Sibillini (foto tratta da ambiente.marche.it)
Sibillini (foto tratta da ambiente.marche.it)

ASCOLI PICENO. – I suggestivi Monti Sibillini come location di mozze e matrimoni. E’ il senso di “Wedding in Sibillini”, un progetto di promozione turistica del territorio delle basse Marche ferito dal terremoto, promosso dalle associazioni turistiche locali MarcheLiving e La Terra delle Meraviglie. Si tratta di un progetto di comunicazione e promozione del territorio per le sue bellezze, location storiche e peculiarità che prevede un graduale coinvolgimento di operatori del settore.

L’iniziativa verrà comunicata ai wedding planner e alla stampa di settore con un video virale, il cui sviluppo è attualmente in corso, del sito informativo www.weddinginsibillini.com e attraverso eventi nazionali.

Ma c’è anche “Italy-Le Marche food, wine e surrounding”, appuntamento previsto per il 3 ottobre a New York e organizzato in collaborazione con LAfirstep, casa di produzione e organizzazione eventi. “Come tanti operatori, notiamo una flessione importante nel 2017 del flusso di turisti nel nostro territorio – dice Norma Piconi, presidente di La Terra delle Meraviglie -.

Il mondo dei matrimoni è un business promettente, dove si rileva sempre di più il desiderio da parte delle coppie italiane ed estere di sposarsi in location speciali, uniche. Invito le autorità ad aprirsi alla possibilità di officiare i riti civili anche in luoghi insoliti, individuati dai Comuni, come un prato fiorito o una cascata”.

Secondo dati Istat nel 2015 sono stati celebrati in Italia 194.377 matrimoni, circa 4.600 in più rispetto all’anno precedente. Sono state circa 7.000 le coppie straniere che nel 2015 hanno scelto l’Italia per celebrare il proprio matrimonio, con un business di 380 milioni di euro. La spesa media per singolo matrimonio straniero è stata di 54 mila euro.