Ruffini, nuovo direttore dell’Agenzia delle Entrate: “Basta fisco Grande Fratello, pace con i cittadini”

Pubblicato il 26 luglio 2017 da ansa

Ruffini, nuovo direttore dell’Agenzia delle Entrate

ROMA. – Fare pace con i cittadini. Ernesto Maria Ruffini, nuovo direttore dell’Agenzia delle Entrate (nonché della neo nata Agenzia per la riscossione), non li chiama neanche più contribuenti, ma solo cittadini italiani. E’ a loro, spiega, che non deve più “prendere un colpo” quando si vedono recapitare a casa o in azienda una busta “con la striscia arancione”.

E’ a loro che l’Agenzia deve rapportarsi non più come l’occhio opprimente del Grande Fratello, ma come un socio. E’ a loro che bisogna tendere la mano, appunto, in segno di pace, per avviare un nuovo rapporto di “ascolto” e di “condivisione”. Nella sua prima uscita pubblica ufficiale, Ruffini si confronta con la platea di Confcommercio, rivolgendosi in modo diretto e colloquiale a chi con il fisco ha un rapporto complesso, quasi conflittuale.

Per l’associazione dei commercianti il sistema italiano è “squilibrato, farraginoso, complicato da capire e gestire ed estremamente costoso”. E per questo Ruffini cerca un dialogo più diretto e più semplice, fatto anche di battute e di complicità. “Non svenite – premette Mr Fisco – Ma mi piacerebbe che l’Agenzia delle Entrate diventasse una sorta di vostro socio che possa contribuire alla crescita”, perché si possa “diminuire il senso di oppressione sulle imprese” e il fisco non sia percepito “come una zavorra”.

Il ‘cambia verso’ cercato e voluto negli ultimi anni deve insomma accelerare ed arrivare al vero punto di svolta. “Ho gli occhiali, ma non sono Harry Potter, non ho la bacchetta magica”, aggiunge Ruffini, ma di progressi se ne possono fare, senza però dimenticare che di evasori veri ce ne sono. Pace con i cittadini dunque ma non con chi “ha come unico obiettivo l’evasione fiscale”.

Dal contrasto al sommerso si possono infatti arrivare a recuperare, secondo le analisi di Confcommercio, quasi la metà del tax gap di 110 miliardi stimato da Mef e Istat. Con una crescita di oltre il 5% in tre anni, il tasso di evasione italiano era pari nel 2014 al 13% del Pil, denuncia l’associazione, evidenziando il picco negativo della Calabria, dove la percentuale era di oltre il 21%.

Tuttavia, se tutta l’Italia si adeguasse alle condizioni delle regioni più virtuose, come Trentino ed Emilia Romagna (stesso senso civico, stessa facilità di adempimento spontaneo, stessa deterrenza e livello di aliquote locali), sarebbero recuperabili quasi 43 miliardi, da ridistribuire tra chi le tasse le paga regolarmente.

Che si tratti dell’Irpef o del cuneo fiscale, ha esortato il presidente Carlo Sangalli, “il governo deve agire subito. La strategia dei tre meno, meno spesa pubblica improduttiva, meno evasione e meno tasse, secondo noi funziona ed è praticabile”.

(Di Mila Onder/ANSA)

Ultima ora

11:34Incidenti stradali: due morti nella notte su Firenze-Pisa

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Due persone sono morte in un incidente stradale avvenuto ieri sera intorno alle 23.30 sull'autostrada A11 Firenze-Pisa nel tratto tra Capannori e Lucca est, in direzione di Pisa. Lo riferisce Autostrade per l'Italia. All'altezza del km 60 una vettura ed un mezzo pesante si sono tamponati. Sul luogo dell'incidente, oltre al personale della Direzione 4° Tronco di Firenze sono intervenute le pattuglie della polizia stradale i soccorsi stradali e sanitari. Le operazioni di soccorso hanno richiesto una temporanea chiusura del tratto autostradale, riaperto verso l' una della scorsa notte.

11:31Alto Adige: lettera a Vienna per doppia cittadinanza

(ANSA) - BOLZANO, 21 NOV - Diciannove consiglieri della Provincia autonoma di Bolzano hanno inviato una lettera al cancelliere austriaco in pectore Sebastian Kurz e al leader della Fpoe Heinz Christian Strache per chiedere che la concessione della doppia cittadinanza ai sudtirolesi venga inserita nel programma di coalizione del nuovo governo di Vienna. La richiesta - scrive il quotidiano Dolomiten - è stata firmata da rappresentanti di Svp, Suedtiroler Freiheit, Freiheitlichen, Buergenunion, M5S e Team Autonomia, ma da nessun membro della giunta provinciale. Nella lettera i consiglieri affermano che i sudtirolesi hanno perso la cittadinanza austriaca "contro la loro volontà con l'annessione dell'Alto Adige all'Italia" e che la concessione della doppia cittadinanza sarebbe un "gesto riparatore" e a favore del "senso d'identità" dei sudtirolesi. (ANSA).

11:24Tennis:Serena Williams scrive a figlia’mai smettere giocare’

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Una 'ninna nanna' speciale, che è una accalorata lettera aperta alla figlioletta di 11 settimane, sotto forma di video. E' quella che Serena Williams - unitasi in matrimonio giovedì scorso con Alexis Ohanian - ha rivolto alla piccola Alexis Olympia, nata lo scorso 1 settembre. E poco importa, o comunque passa in secondo piano - una volta tanto - che il filmato sia uno spot per Gatorade considerando il messaggio ricco di contenuti che trasmette. In particolare sulla valenza dello sport nella crescita, non solo fisica, di una persona. Una lezione di vita che la campionessa statunitense dimostra di aver appreso e intende trasmettere alla sua erede, perché - come sottolinea il testo che compare nell'inquadratura finale del video - "le lezioni imparate nello sport ti aiuteranno a vincere in qualsiasi campo". Ecco le parole di Serena: "Piccola mia, non mi importerà se non giocherai bene a tennis, e non mi arrabbierò se sceglierai di non toccare mai una racchetta''.

11:21Moto: Marquez ‘del 2017 ricorderò solo gli errori’

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Un Marc Marquez non perfetto ha vinto il Campionato del Mondo MotoGP 2017 e rinnovato l'appuntamento con la corona iridata della massima cilindrata per la quarta volta, la seconda di fila. Una stagione dove gli avversari hanno perso il confronto sul lungo periodo e il numero 93 Repsol Honda si è trovato, alla fine, immerso nel duello con Andrea Dovizioso (Ducati Team). Lo spagnolo ha vinto la sfida ma perso nel numero di vittorie, sei contro sette. Alla fine a parlare è stata la classifica iridata comandata da Marquez che, anche nell'ultima gara, ha però commesso un errore, forse significativo per la vittoria finale se non fosse stato per l'uscita prematura dai giochi del rivale. "Dopo essere stato campione una volta ti senti invincibile", afferma Marquez. "Ma non è così e forse è il mio personaggio. So che il prossimo anno ricorderò solo gli errori del 2017. Questo inverno cercherò di capire dove ho sbagliato per non commettere le stesse imperfezioni nel 2018".

11:17Riina: furgone con salma partito da Parma

(ANSA) - BOLOGNA, 21 NOV - La salma di Totò Riina, boss di Cosa Nostra morto venerdì scorso a 87 anni, ha lasciato l'ospedale di Parma per il trasferimento in Sicilia. Il carro funebre grigio con la bara è partito dalla sezione di Medicina legale, da venerdì presidiata giorno e notte dalle forze dell'ordine. I familiari avevano visitato la salma sabato pomeriggio, dopo l'autopsia.

11:08Incendi: un morto ed un intossicato in appartamento Piombino

(ANSA) - FIRENZE, 21 NOV - Un uomo, di origine nordafricana, è stato trovato cadavere in seguito ad un incendio in un appartamento di via Ferrer a Piombino (Livorno). Il corpo sarebbe stato rinvenuto carbonizzato. Un'altra persona risulterebbe intossicata ed è stata trasferita in ospedale dopo essere stata soccorsa da un'ambulanza della croce rossa. L'incendio è scoppiato poco dopo le 6 e sul posto, oltre al 118, sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri di Piombino.

11:05In Puglia sigilli Cc a patrimonio di ‘mammasantissima’

(ANSA) - BARI, 21 NOV - Ammonta a un milione e mezzo di euro il valore dei beni sequestrati all'alba dai carabinieri a Riccardo Sgaramella, di 63 anni, di Andria (Bat), chiamato 'mammasantissima' per il ruolo di primo piano svolto all'interno di diverse consorterie dedite al traffico della droga. L'uomo è indagato per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti e contrabbando di sigarette, nonché imputato per estorsione aggravata dal metodo mafioso e traffico di sostanze stupefacenti. Attualmente è in carcere a Trani. Il provvedimento, emesso ai sensi della normativa antimafia, è stato proposto dalla Direzione distrettuale antimafia di Bari. Tra i beni sequestrati nell'ambito dell'operazione figurano un agriturismo con annesso ippodromo in località Coda di Volpe ad Andria, un'azienda attiva nella produzione e nel commercio di ortofrutta, numerosi fondi agricoli, destinati anche alla pastorizia estesi per oltre 5 ettari, e anche un giardino zoologico esotico.

Archivio Ultima ora