Arriva il decreto Sud, agevolazioni per milleseicento milioni

Pubblicato il 26 luglio 2017 da ansa

Arriva decreto Sud, agevolazioni per 1600 milioni

ROMA. – Via libera, con fiducia, del Senato (154 sì e 117 no) al decreto per il Mezzogiorno.”Questo provvedimento, insieme a quello dell’inverno scorso e ai patti per il Sud, testimonia di un disegno organico, un masterplan, che il Governo Renzi prima e il Governo Gentiloni ora – spiega il ministro Claudio De Vincenti – hanno portato avanti con determinazione a sostegno della ripresa di quest’area come condizione necessaria della ripresa di tutto il Paese”.

Il decreto, che passa all’esame della Camera, introduce agevolazioni nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. In particolare, si prevede un finanziamento fino a 1.250 milioni di euro dedicati ai nuovi giovani imprenditori under 35, con la misura “Resto al Sud” e 50 milioni di euro per favorire gli imprenditori agricoli under 40.

Sono previsti, inoltre, circa 200 milioni di euro per le Zone Economiche Speciali (ZES); 40 milioni di euro per favorire le politiche attive del lavoro nel Mezzogiorno e 150 milioni di euro per il sostegno amministrativo agli enti locali.

Il Governo ha inteso poi dedicare una specifica misura ai giovani meridionali, denominata “Resto al sud”, per offrire a chi ha buone idee imprenditoriali – si legge in una nota di accompagnamento – gli strumenti per costruire il proprio futuro. Ognuno di questi giovani, che non dispone di mezzi propri per avviare una sua attività, avrà a disposizione una potenziale dotazione di 40.000 euro (estensibile fino a 200 mila euro, nel caso di un progetto presentato da 5 giovani imprenditori), di cui il 35% a fondo perduto ed il restante 65% con un prestito a tasso zero.

Sono previste, inoltre, azioni di accompagnamento da parte di enti pubblici, Università ed associazioni del terzo settore, a supporto di questo processo di crescita. Chi sarà in grado di produrre progetti credibili e sostenibili, avrà il pieno appoggio dello Stato, in un rapporto di responsabilità reciproca.

La misura “Banca delle terre abbandonate o incolte” prevede inoltre che i Comuni identifichino i terreni e le aree edificate di cui sono titolari che risultino in stato di abbandono da lungo tempo (almeno 10 anni): questi terreni, a seguito di bando pubblico, possono essere assegnati in concessione, per un periodo non superiore a nove anni, sulla base di un progetto di valorizzazione specifico presentato da giovani tra 18 e 40 anni.

Un meccanismo di valorizzazione analogo riguarda anche i beni immobili privati, previo consenso del legittimo proprietario, sulla base di un progetto di valorizzazione e della corresponsione di un canone di affitto. Per il finanziamento di tutti questi progetti di valorizzazione, i giovani potranno accedere anche alla misura ‘Resto al sud’ o agli incentivi dedicati al settore agricolo.

Vengono inoltre individuati strumenti di semplificazione delle procedure adottate per la realizzazione sia degli interventi dei “Patti per lo sviluppo” nelle regioni del Mezzogiorno, che accelerano i tempi e riducono gli oneri a carico delle Amministrazioni centrali. Nel decreto sono fissate misure di semplificazione per la realizzazione di strutture per Matera città della Cultura.

Altro tema spinoso, quello delle misure per il contrasto degli incendi dolosi, è contenuto nell’articolo 9 bis che tra l’altro modifica la legge quadro in materia con una verifica, tramite il prefetto e la procura della repubblica, dei contratti di affitto stipulati per quei terreni distrutti dagli incendi nei due anni successivi. Salta il tappo dei beni confiscati nel caso in cui i proprietari vittime di estorsioni accertate siano stati parte attiva nelle denunce.

Ultima ora

10:34Riina: in mattinata l’autopsia, poi la salma in Sicilia

(ANSA) - PARMA, 18 NOV - E' prevista per la mattinata l'autopsia di Totò Riina, detenuto al 41 bis e morto all'ospedale di Parma alle 3.37 di ieri, venerdì 17 novembre. Poi presumibilmente la Procura darà il nulla osta per il trasporto della salma in Sicilia. L'esame medico legale, conferito alle 9.30 dal pm Umberto Ausiello, è nell'ambito di un fascicolo per omicidio colposo contro ignoti: ipotesi tecnica che consente di svolgere l'accertamento, per fugare ogni dubbio sul decesso del boss di Cosa Nostra. Oltre a "cause e epoca" della morte, al medico è chiesto di evidenziare "ogni altro elemento che possa risultare utile al prosieguo delle indagini e in particolare la compatibilità tra i segni obiettivi riscontrabili e l'ipotesi eziologica del decesso in atti". I familiari di Riina sono stati avvisati, come previsto in questi casi. L'autopsia sarà eseguita nella Medicina legale dell'ospedale, presidiata dalla Polizia penitenziaria e questa mattina da una pattuglia della Guardia di Finanza.

10:07Zimbabwe: manifestanti verso corteo, ‘no a dinastia Mugabe’

(ANSA) - IL CAIRO, 18 NOV - "Lo Zimbabwe oggi è tutto nostro", "2together we can" (insieme possiamo" e "no alla dinastia Mugabe" sono i testi scritti a mano o stampati su alcuni cartelli che manifestanti stanno portando al corteo indetto per oggi ad Harare per chiedere le dimissioni del presidente Robert Mubage. Lo si vede in un'immagine in circolazione su internet. Come attesta un'altro cartello "Benvenuti in Zimbabwe" la manifestazione si preannuncia - oltre che colorata - anche pacifica in quanto i militari che hanno messo Mugabe sotto tutela pure fisica appoggiano il corteo. Le "Zimbabwe Defence Forces" (Zdf), in un comunicato stampa diffuso ieri dal sito dell'emittente pubblica Zbc, hanno dichiarato che "sostengono pienamente il corteo" fintanto che "rimarra' ordinato, pacifico" e "senza discorsi d'odio e istigazioni a causare violenze". Il cartello alla "dinastia Mugabe" fa riferimento al piano del 93enne presidente di far candidare la consorte Grace alle prossime elezioni eliminando politicamente il suo principale avversario

09:26Libano: ex premier Hariri arrivato a Parigi

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Saad Hariri è atterrato all'aeroporto Bourget di Parigi. Lo riferiscono i media francesi. A mezzogiorno l'ex premier libanese incontrerà all'Eliseo il presidente francese Emmanuel Macron.

01:21Uragani: Casa Bianca chiede altri 44 mld aiuti a Congresso

(ANSA) - WASHINGTON, 17 NOV - La Casa Bianca ha inviato al Congresso una richiesta di aiuti per 44 miliardi di dollari legati ai danni degli uragani che hanno colpito le isole caraibiche americane e gli Stati Usa del Golfo del Messico. La richiesta, la terza avanzata dal presidente Donald Trump, porterebbe l'ammontare complessivo degli aiuti a 100 miliardi di dollari. Ma i parlamentari delle regioni colpite sono già sul piede di guerra, ritenendo la somma troppo bassa.

01:18Usa: ok a vendita di Patriot a Polonia per 10 miliardi

(ANSA) - WASHINGTON, 17 NOV - Il dipartimento di Stato Usa ha approvato una possibile vendita per 10,5 miliardi di dollari di missili Patriot alla Polonia, nell'ambito della cooperazione militare bilaterale e nella cornice dell'alleanza Nato. Lo rende noto lo stesso Dipartimento di Stato, che ha notificato la proposta al Congresso. Varsavia ha rafforzato il suo sistema difensivo dopo l'annessione della Crimea da parte della Russia.

01:10Tennis: Atp Finals, Dimitrov fa en plein

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - Il bulgaro Grigor Dimitrov ha chiuso imbattuto, imitando finora il fuoriclasse Roger Federer, la fase a gironi della Atp Finals in corso a Londra. Il numero 6 del ranking mondiale ha travolto lo spagnolo Pablo Carreno Busta, sconfitto con un doppio 6-1, lo stesso punteggio che aveva riservato due giorni prima al belga David Goffin, che si è qualificato oggi a sua volta per le semifinali. Nelle due partite per decidere i finalisti, Federer affronterà Goffin, mentre Dimitrov se la vedrà con lo statunitense Jack Sock.

01:06Figc: Tommasi, tema non è Tavecchio ma la responsabilità

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - "Quando si ha un ruolo di responsabilità, bisogna prendersela. Qui invece, a ben due giorni da quell'evento, dopo due giorni di silenzio della federazione, si pensava solo a mandare via la guida tecnica e non a fare tutti un passo indietro come tutti si aspettavano". Così il presidente dell'Aic, Damiano Tommasi, ospite di 'Propaganda Live' su La7, sulla riunione della Figc di mercoledì scorso dopo l'eliminazione dell'Italia dalla corsa al Mondiale 2018. "Il tema non è Tavecchio ma la responsabilità delle istituzioni. L'unica strategia possibile a questo punto è azzerare la dirigenza federale e ripartire di nuovo". "Servono un nuovo programma e nuove idee per il movimento. Un fallimento così esigeva un cambio di marcia - ha detto -. Ora invece si penserà al nome del nuovo ct ma non è questo il problema. Io credo alla nostra posizione e lo fanno i calciatori, che la vorrebbero anche più dura. Pur conoscendo il nostro pensiero, nessuno mi ha chiamato tra quelli che nel mondo dello sport decidono qualcosa".

Archivio Ultima ora