La Camera dei deputati vota l’abolizione dei vitalizi. Scontro Pd-M5s in aula

Pubblicato il 26 luglio 2017 da ansa

Tabellone elettronico della Camera con risultato del voto sulle questioni pregiudiziali di costituzionalità su disposizioni delle norme in materia di abolizione dei vitalizi, Roma 25 luglio 2017. ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – La Camera dei deputati vota l’abolizione dei vitalizi e (in attesa di scoprire quale sarà il destino della legge, con le molte incognite numeriche del Senato che dovrà votarla a settembre) il M5s esulta, il Pd ne rivendica la paternità mentre Forza Italia non la vota e avverte: “è incostituzionale”. A far passare la proposta del dem Richetti ci sono voluti i voti di Pd, Lega, M5S, FdI. In un’aula infuocata su 630 deputati in 348 hanno detto Sì, 17 contrari e 28 astenuti: contraria Ap, Mdp si è astenuto e Forza Italia non vota.

E’ “scacco matto” esulta il M5s e Renzi replica: “quella sui vitalizi è la proposta Richetti, che abbraccio. M5S parla parla ma poi non stringe”.”Non abbiamo corso dietro all’antipolitica ma scelto di farle tirare su la testa, dimostrando che sa mettersi in sintonia con il Paese che chiede sobrietà. E’ una legge giusta” spiega Ettore Rosato che promette: “Ci battiamo qui e ci batteremo in Senato perché sia approvata”.

Difficile però per il Pd rivendicare, nonostante sia primo firmatario, la paternità dell’operazione. Al risultato della votazione sono i deputati pentastellati che saltano in aria in un tripudio di urla di giubilo. Una di loro, Giulia Grillo viene anche accusata di aver alzato il dito medio: ma lei precisa “era l’indice”. E in buvette Alessandro Di Battista brinda con i suoi colleghi “alla salute di Mastella e Pomicino” e “di quelle facce da funerale di Lenin” che dice di aver visto nei volti dei deputato Pd.

I deputati del Movimento 5 Stelle festeggiano il risultato della votazione alla Camera dei Deputati sulla proposta di legge Richetti sui vitalizi, 26 luglio 2017, Roma. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Il voto, in effetti, non era scontato: a fine mattina la marcia spedita verso l’ok della Camera alla Richetti viene infatti messa in dubbio a causa della lunga battaglia ingaggiata in Aula su un emendamento dei 5 Stelle che puntava ad introdurre da subito gli stessi requisiti anagrafici previsti dalla legge Fornero a tutti i parlamentari. L’emendamento non passa, i requisiti anagrafici per andare in pensione come il resto degli italiani verranno adeguati dalla prossima legislatura.

“La casta del Pd si tiene la pensione privilegiata” attacca Luigi Di Maio che presenta l’emendamento con la spiega: “se deve essere macelleria sociale lo sia anche per i parlamentari”. E promette di ripresentarlo quando si discuterà il Bilancio della Camera. Lo scontro dilata i tempi e l’ostruzionismo, di cui vengono accusati sia i 5 Stelle sia da loro gli altri partiti, mette a rischio il voto, salvato in extremis da una capigruppo.

Sul voto arriva anche il niet di Silvio Berlusconi che bolla il provvedimento come incostituzionale e lesivo dei diritti degli italiani. Fi decide di restare in Aula ma non vota: tranne Daniela Santanchè e Mariastella Gelmini su cui qualcuno maligna: la sua battaglia anticasta le servirebbe per fare campagna elettorale per la candidatura in Lombardia.

Gli occhi sono ora puntati al Senato. “Ha vinto il popolo italiano ma questo è solo il primo round” avverte Di Battista. “Il Senato non è il porto delle nebbie. E’ plausibile che si possa esaminare già a settembre” chiarisce Salvo Torrisi, Ap e presidente della commissione Affari Costituzionali.

(di Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

16:23Figc: Lotti “no a compromessi, non si faccia finta di nulla”

(ANSA) - FIRENZE, 18 NOV - "Quello che dovevo dire l'ho detto, è il momento di rifondare il calcio", ma "quello che mi auguro e che non si arrivi lunedì al solito compromesso dove magari il Consiglio federale si accorda su varie posizioni e si riparte facendo finta di nulla, perché non si può fare finta di nulla". Lo ha detto Luca Lotti, ministro dello Sport, a proposito della situazione in Figc dopo la mancata qualificazione dell'Italia per Russia 2018. Lotti ha parlato a margine dell'inaugurazione del parco Niccolò Galli a Firenze.

16:18Calcio: Allegri, con Samp serve partita d’alto livello

(ANSA) - TORINO, 18 NOV - "Domani a Marassi con la Sampdoria servirà una grande Juve". Allegri chiede massima attenzione ai suoi. "I blucerchiati giocano bene, non hanno mai perso in casa e sono migliori dell'anno scorso come organico e organizzazione". "Giocare a Marassi non è mai semplice, serve una partita di un certo livello - ha aggiunto il tecnico bianconero -. Inoltre Giampaolo è un tecnico molto bravo, si era un po' perso ma è tornato. La Samp è una squadra con peso specifico in attacco, garantito da Zapata. Strinic sta facendo una stagione importante". Nella Juve Pjanic e Cuadrado sono a disposizione, ballottaggio tra Dybala e Bernardeschi.

16:15Gb: Labour vira a sinistra anche in Scozia, vince Corbyn

(ANSA) - LONDRA, 18 NOV - Svolta a sinistra per il Labour britannico anche nella ex roccaforte della Scozia, teatro di molte sconfitte negli ultimi anni sotto varie leadership centriste. La corsa per il nuovo vertice del Partito Laburista scozzese si è chiusa infatti con l'annuncio della vittoria di Richard Leonard, 55 anni, sindacalista di lungo corso e fedelissimo del leader nazionale Jeremy Corbyn, che ha ottenuto il 56,7% dei consensi con oltre 10 punti di vantaggio sul più 'moderato' Anas Sarwar, 34enne figlio d'immigrati asiatici, in un'elezione in cui ha votato il 62,3% degli iscritti. A Sarwar non è bastato l'appoggio di dirigenti importanti come Harriet Harman o il sindaco di Manchester, Andy Burnham, mentre per Leonard si è rivelato decisivo il placet di Corbyn.

16:15Calcio: Gasperini, eliminazione Mondiali? dura da accettare

(ANSA) - ZINGONIA, 18 NOV - "L'Italia fuori dai Mondiali è veramente difficile da accettare. Speriamo che questa eliminazione sia come il 7-1 preso dall'Inter la scorsa stagione". Alla vigilia della sfida di San Siro, l'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini tenta la strada del confronto fra il precedente diretto dei suoi (12 marzo) nei playoff persi dalla Nazionale con la Svezia. "Allora per noi, come oggi per gli azzurri, può essere la base per ripartire - spiega il tecnico dei bergamaschi. Quello fu lo schiaffo della risalita fino al quarto posto, la partita della svolta. Per l'Italia deve essere così: il nostro è un buon movimento, abbiamo buoni giocatori e ottimi allenatori, è tutto l'insieme che ha qualcosa che non funziona". Gasperini torna anche sui complimenti al modello Atalanta per vivaio e progettualità sullo stadio di proprietà rivolti dal presidente del Coni Malagò: "È una società che rappresenta un buon modello e un buon prospetto, i complimenti fanno piacere. Speriamo che non abbandoni mai questa strada".

16:11Germania, Lindner (Fpd), intesa domani alle 18 o salta tutto

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Un accordo per formare una coalizione 'Giamaica' in Germania, con i cristianodemocratici della Cdu-Csu, i liberali del Fdp e i Verdi, deve emergere domenica sera o salta tutto. Lo ha annunciato oggi alle tv tedesche il leader del Fdp Christian Lindner, confermando indicazione trapelate nelle ore scorse. "Sabato sera alle 18 finisce tutto", ha detto Lindner, riferendosi ai negoziati esplorativi in corso.

16:06Zimbabwe: ‘Mugabe vada via’, lo slogan della protesta

(ANSA) - IL CAIRO, 18 NOV - Si sta cristallizzando su "Mugabe must go" (Mugabe se ne deve andare) lo slogan della manifestazione di oggi ad Harare, in Zimbabwe. La frase, in inglese, viene usata in particolare per i loro aggiornamenti da tre dei maggiori siti di informazione del paese tra cui quello dello quotidiano governativo Herald. "I cittadini hanno parlato: #MugabeMustGo!!!", ha twittato un ex-ministro dell'Istruzione e avvocato impegnato per la difesa dei diritti umani. David Coltart. In un video sull'hashtag #MugabeMustGo si vedono giovani esultare a braccia levate, urlare e cantare.

15:45Allegri, Italia? fra qualche anno, se mi vogliono…

(ANSA) - TORINO, 18 NOV - Allenare la Nazionale italiana? "In questo momento assolutamente non è la mia ambizione, mi tolgo di scena. Tra qualche anno, invece sì, se me ne daranno la possibilità, altrimenti vado al mare, dove anche sto bene". Così Massimiliano Allegri sul dopo-Ventura alla guida degli azzurri. "Alla Juve sto bene, ho un contratto, dobbiamo fare ancora tante cose insieme - ha detto il tecnico bianconero - ci sono molti obiettivi da raggiungere, c'è da costruire la squadra per il futuro".

Archivio Ultima ora