‘Ndrangheta stragista insieme a Cosa Nostra, presi due boss

Pubblicato il 26 luglio 2017 da ansa

REGGIO CALABRIA. – ‘Ndrangheta e mafia andavano a braccetto non solo nella gestione degli affari illeciti ma anche nella stagione stragista voluta da Totò Riina agli inizi degli anni ’90 per ricattare lo Stato ed avviare una trattativa con le istituzioni per attenuare la normativa antimafia. É la conclusione a cui sono giunti i magistrati della Dda di Reggio Calabria e gli investigatori della Polizia di Stato che hanno collegato a quella strategia anche gli attentati compiuti a tre pattuglie dei carabinieri.

Agguati che, il 18 gennaio 1994, portarono alla morte gli appuntati Antonino Fava e Giuseppe Garofalo e il primo febbraio 1994 al ferimento dell’appuntato Bartolomeo Musicò e del brigadiere Salvatore Serra. Erano scampati alla morte, il primo dicembre 1993, il carabiniere Vincenzo Pasqua e l’appuntato Silvio Ricciardo.

Per quegli attentati la polizia, con il concorso dei carabinieri del Comando provinciale di Reggio, è stato arrestato Rocco Santo Filippone, di 77 anni, all’epoca a capo del mandamento tirrenico della ‘ndrangheta e tuttora ritenuto capo dell’omonima cosca legata alla alla più potente cosca Piromalli di Gioia Tauro, ed un’ordinanza è stata notificata in carcere a Giuseppe Graviano, capo del mandamento mafioso di Brancaccio, coordinatore delle “stragi continentali” di Firenze, Roma e Milano, detenuto in regime di carcere duro.

Sono loro, secondo la Dda reggina, i mandanti del versante calabrese della strategia stragista. Numerose anche le perquisizioni eseguite, una delle quali a casa dell’ex numero due del Sisde Bruno Contrada, ed una a Giovanni Aiello, ex poliziotto ritenuto vicino ai servizi segreti e noto come “faccia da mostro”. Quest’ultimo è anche indagato per induzione a rendere dichiarazioni false all’autorità giudiziaria perché avrebbe costretto l’ex capitano dei carabinieri Saverio Spadaro Tracuzzi a mentire sui suoi rapporti con lo stesso Aiello e sul suo ruolo nella ‘ndrangheta.

L’inchiesta reggina, denominata non a caso “‘Ndrangheta stragista”, è destinata a riscrivere un pezzo di storia italiana ed apre nuovi ed inquietanti scenari su crimini dai contorni ancora oscuri. Per giungere all’operazione di oggi, i magistrati e gli investigatori della Squadra mobile di Reggio Calabria, dello Sco, del Servizio centrale antiterrorismo, per quattro anni hanno riletto carte e verbali di vecchie inchieste e ascoltato numerosi collaboratori, calabresi e siciliani, cercando riscontro alle loro dichiarazioni.

Un lavoro certosino che ha portato a smontare in maniera definitiva quello che è stato l’assunto dominante in questi anni, e cioè che la ‘ndrangheta fosse estranea alla stagione delle stragi mafiose. Tutt’altro. Dopo la decisione presa ad Enna da Totò Riina nel 1991 di dichiarare guerra allo Stato, i mafiosi intensificarono i contatti e le pressioni sui boss calabresi.

Gli incontri si susseguirono, alla presenza di tutti i capi della ‘ndrangheta, da Cosenza a Reggio Calabria, per chiedere l’esplicita adesione al programma autonomista e stragista. E alcune delle cosche più influenti della ‘ndrangheta dissero sì: i De Stefano, i Libri, i Tegano di Reggio Calabria, i Coco Trovato e i Papalia di Platì. Ne nacque, per i magistrati della Dda, un asse operativo con quello che appare sempre di più un grumo di interessi politici ed economici attorno a cui ruotano servizi segreti deviati, massoni vicini a Gelli e organizzazioni criminali.

L’obiettivo strategico delle azioni contro i carabinieri, individuati come simbolo dello Stato da abbattere, al pari di quello delle altre stragi – e con sullo sfondo la presenza di suggeritori occulti tra schegge di istituzione deviate a loro volta collegate a settori del piduismo ancora in cerca di rivincite – era, per le mafie, destabilizzare lo Stato per partecipare all’opera di ristrutturazione degli equilibri di potere in atto in quegli anni.

In sostanza, secondo i magistrati e gli investigatori reggini, il disegno terroristico mafioso era sostituire la vecchia classe politica, ormai ritenuta inaffidabile, con una nuova che fosse diretta espressione delle mafie. In questo contesto la ‘ndrangheta emerge perché, per gli investigatori, risultava particolarmente inserita nei rapporti con la destra eversiva e la massoneria occulta, proprio in un periodo in cui Cosa nostra e ‘ndrangheta sostenevano il disegno federalista attraverso le leghe meridionali.

Progetto poi accantonato con la nascita di Forza Italia che ha segnato anche, ha sottolineato il procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo, il depotenziamento della strategia stragista in quanto “corleonesi, ‘ndrangheta ed altre organizzazioni criminali trovano nel nuovo partito la struttura più conveniente con cui relazionarsi”.

(di Alessandro Sgherri/ANSA)

Ultima ora

17:14Aereo Usa precipitato: 8 persone ritrovate stanno bene

(ANSA) - TOKYO, 22 NOV - Sono in buone condizioni gli otto membri dell'equipaggio dell'aereo Usa precipitato nel Pacifico che sono stati recuperati. Lo ha reso noto la marina Usa, specificando che sono ancora in corso le ricerche agli altri tre.

17:13Violenza donne: 74,5% autori sono italiani

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Da un monitoraggio effettuato dal ministero della Giustizia, partendo dall'esame di 417 sentenze rappresentative del 60% dei casi di violenza sulle donne, tra il 2012 e il 2016, emerge che l'85% dei casi (355 su 417) sono classificabili come omicidio. Nel 98% dei casi l'autore del reato è un uomo e la nazionalità dell'autore conferma la prevalenza di soggetti italiani (74,5%). Nel 55,8% dei casi tra autore e vittima esiste una relazione sentimentale. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, sentito dalla commissione parlamentare sul femminicidio. Riguardo alla relazione sentimentale che lega vittima e autore, la percentuale del 55,8% è così distribuita: nel 63,8% dei casi si registra un rapporto di coniugio o convivenza; nel 12% una relazione sentimentale in atto; per il restante 24% tra le due parti vi era stata una relazione sentimentale terminata prima dell'omicidio. L'arma prevalentemente utilizzata è il coltello, che spesso risulta il mezzo di più agevole disponibilità.

17:11Dottoressa violentata, chi mi ha esposto al rischio non paga

(ANSA) - PALERMO, 22 NOV - A due mesi dagli abusi subiti mentre prestava servizio nella guardia medica di Trecastagni, nel Catanese, Serafina Strano, la dottoressa aggredita e violentata nella notte tra il 18 e il 19 settembre, definisce "tugurio" quell'ambulatorio medico dove un ventiseienne ora in carcere, Alfio Cardillo, l'ha violentata per ore e dove i suoi colleghi continuano a lavorare senza che nulla sia cambiato. Lo fa a Palermo nel corso un'iniziativa sul contrasto al fenomeno della violenza sulle donne medico nel luogo di lavoro. E accusa i vertici dell'Asp che l'hanno esposta al rischio "e verso i quali la magistratura dovrebbe aprire un'inchiesta parallela". "E' ineccepibile quanto stanno facendo i magistrati nei confronti del mio aggressore; però ci sono dei corresponsabili. Si dovrebbe aprire un'inchiesta parallela sui dirigenti dell'Asp che mi hanno esposto a quel rischio. Non voglio far polemiche, ma qual è l'organo che deve far assumere responsabilità ai dirigenti, se non la magistratura?".

17:07Mladic: procuratore Tpi,’colpa solo sua’

(ANSA) - BRUXELLES, 22 NOV - La condanna dell'ex generale Ratko Mladic "non è un verdetto contro tutti i serbi. La sua colpevolezza riguarda solo lui, e lui soltanto": è il commento del procuratore capo del tribunale penale internazionale dell'Aja per i crimini nella ex Jugoslavia (Tpi) Serge Brammertz al termine dell'udienza.

17:07Raggi, 2000 abusivi in case popolari

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Le case popolari devono andare ai cittadini che hanno reale diritto e bisogno. Dal censimento che abbiamo appena terminato sugli appartamenti dell'Edilizia Residenziale Pubblica di Roma Capitale sono invece emersi ben duemila casi di abusivi. Cioè persone che hanno redditi alti, possiedono già immobili o sono residenti altrove". Lo scrive su Fb la sindaca di Roma Virginia Raggi. "Una persona è risultata addirittura proprietaria di ben 18 immobili. Altri hanno redditi di 70mila, 80mila, fino anche a 90mila euro all'anno", spiega.

17:05Corea Nord: lista nera Usa è ‘grave provocazione’

(ANSA) - PECHINO, 22 NOV - La Corea del Nord denuncia gli Usa per averla inserita per la prima volta in 9 anni nella lista dei Paesi accusati di essere sponsor del terrorismo, definendo come "grave provocazione" la mossa. Un portavoce del ministero degli Esteri, attraverso la Kcna, critica pesantemente anche le nuove sanzioni unilaterali varate dal Tesoro americano, in quella che è la prima reazione ufficiale di Pyongyang alle ultime misure dell'amministrazione di Donald Trump per aumentare la pressione sul leader Kim Jong-un a favore del tavolo negoziale.

17:01Polizia: francobollo per la ‘stradale’

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Compie 70 anni la Polizia Stradale e riceve in regalo un francobollo celebrativo da 95 centesimi che sarà emesso il 28 novembre prossimo. La vignetta del francobollo - resa nota oggi da Poste Italiane - mostra tre immagini tipo ''figurina'' riunite insieme: un agente impegnato nel soccorso di un ferito ai margini di una strada, un agente che illustra alcune parti della motocicletta di servizio a due bambini e due agenti su motociclette intenti a pattugliare una strada. L'annullo speciale primo giorni di emissione sarà stampigliato a Roma; il bollettino illustrativo dell'emissione e' firmato da dal capo della Polizia Franco Gabrielli che ricorda, tra l'altro, che con circa 1500 pattuglie la Stradale vigila ogni giorno su quasi settemila chilometri di autostrade e su oltre 450 mila km della rete viaria primaria orientando l'attività alla riduzione degli incidenti stradali e al contrasto di fenomeni criminosi.

Archivio Ultima ora