Nel 2016 il Sud cresce più del Nord, che nel 2017 recupera

Pubblicato il 28 luglio 2017 da ansa

Affluenza buona e spesa in crescita:
ANSA/TONINO DI MARCO

ROMA. – Il Sud toglie il piede dall’acceleratore e il sorpasso sulla strada della crescita economica si ferma. Se infatti gli ultimi due anni erano stati caratterizzati da uno sviluppo del meridione superiore a quello del resto d’Italia, dal 2017 le cose sono nuovamente cambiate e il Centro-Nord torna a crescere più del Mezzogiorno.

Nelle anticipazioni del Rapporto Svimez 2017da una parte, si evidenzia come il 2016 sia stato un anno positivo per il Sud, (il cui Pil è cresciuto dell’1% rispetto al +0,8% del Centro Nord), ma dall’altro si prevede per il 2017 un aumento del prodotto interno lordo del’1,1% rispetto all’1,4% del resto d’Italia. Se i ritmi di crescita del Mezzogiorno continueranno a essere questi, tornare ai livelli pre crisi sarà sempre più
difficile. Un obiettivo raggiungibile solo nel 2028, “10 anni dopo il Centro-Nord”, avverte la Svimez.

Buone notizie arrivano invece dal fronte occupazionale, dove nella media del 2016 gli occupati al Sud aumentano rispetto al 2015 di 101 mila unità (un aumento del +1,7%). Eppure, più di un meridionale su tre è a rischio povertà: un pericolo tre volte più alto rispetto a quello che corre il resto del paese.

Un segnale di speranza arriva però dalla Campania, la regione italiana che dal punto di vista economico è cresciuta più di tutte durante l’anno passato. Tutto sommato, il ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti è soddisfatto. Il Sud “dopo due anni di segni più (più forti di quelli medi del nostro paese), alza la testa”, afferma invitando i cittadini a essere orgogliosi dei risultati positivi del Mezzogiorno e a uscire finalmente dai luoghi comuni degli anni passati.

(di Maria Chiara Furlò/Ansa)

Ultima ora

15:48Escort: difesa Cav,Berlusconi non pagò Tarantini per mentire

(ANSA) - BARI, 20 NOV - "Abbiamo sostenuto la impossibilità di rinviare a giudizio Silvio Berlusconi per la insussistenza del fatto o comunque perché il fatto non costituisce reato. Manca completamente la prova della induzione". È quanto dichiarato dall'avvocato Sisto, difensore di Silvio Berlusconi insieme al collega Ghedini, nell'udienza preliminare in cui l'ex premier e il faccendiere napoletano, ex direttore de L'Avanti, Valter Lavitola, rispondono di induzione a mentire. Per l'accusa, Berlusconi, tramite Lavitola, avrebbe pagato Tarantini, fornendogli avvocati, un lavoro e centinaia di migliaia di euro in denaro, perché mentisse ai pm baresi che indagavano sulle escort portate nelle residenze estive dell'ex premier fra il 2008 e il 2009 e sui suoi interessi in Finmeccanica. La Procura di Bari ha chiesto nei giorni scorsi il rinvio a giudizio. I difensori hanno anche chiesto che il processo venga trasferito per competenza a Napoli, oppure al Tribunale dei Ministri (perchè Berlusconi all'epoca era presidente del Consiglio).

15:47Calcio: Ulivieri, io le dimissioni non le dò

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Il Consiglio federale rimane in carica per l'ordinario: io non le dò le dimissioni, altrimenti c'è il pericolo che arrivi davvero Malagò...". Lo ha detto Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, uscendo dal consiglio Figc. "Quello di oggi e' un segnale grosso, un segno di debolezza. Rispetto la decisione di Tavecchio, ha chiesto le dimissioni di tutti come gesto politico: ma dobbiamo restare per garantire l'ordinaria amministrazione, altrimenti davvero arriva qualcuno da fuori e sarebbe una iattura...Non condividiamo la decisione di Tavecchio, perché a nostro avviso sarebbe stato meglio aspettare la decisione dei presidenti delle Leghe di A e B", ha spiegato Ulivieri. "Se Tavecchio è stato indotto a dimettersi? Figuriamoci, è una scelta sua le valutazioni spettano a lui. Ma se c'e chi ha corso per appuntarsi medaglie, ha sbagliato. No, non mi riferisco a Malagò, lui non c'entra nulla. Il presidente Tavecchio, come atto politico, aveva chiesto le dimissioni di tutto il consiglio. Io non le do".

15:47Manovra: Tajani, armonizzazione fiscale in Ue sul digitale

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Io sono d'accordo che occorra tassare le grandi piattaforme digitali, che occorra far capire che non possono fare tutto ciò che vogliono. Siamo noi a dover governare il digitale e non il digitale a governare noi". Lo ha detto il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, intervenendo a Montecitorio alla presentazione del libro "The challenge of digital economy" di Francesco Boccia e Robert Leonardi. Tajani ha sottolineato come occorra una "armonizzazione fiscale" tra i paesi Ue sul digitale per evitare la "concorrenza sleale".

15:46Gay: giudici, adozione estero va trascritta in Italia

(ANSA) - GENOVA, 20 NOV - L'adozione di un minore compiuta all'estero da parte di due papà deve essere trascritta in Italia. Lo ha stabilito la Corte di appello di Genova che ha accolto la richiesta di una coppia gay che aveva adottato un bambino brasiliano. La vicenda nasce nel 2016 quando la coppia di uomini, residente in Brasile, chiede all'Ufficiale di Stato civile del comune di ultima residenza in Italia la trascrizione della sentenza di adozione di un bambino emessa dall'autorità giudiziaria brasiliana. L'Ufficiale di stato civile aveva opposto un rifiuto, sostenendo che la questione dovesse passare al vaglio del Tribunale per i minorenni. La coppia si è rivolta ad Avvocatura per i diritti LGBTI-Rete Lenford che ha portato la questione davanti alla Corte d'appello di Genova. La Corte ha ritenuto fondata la domanda della coppia di uomini, stante l'automatico riconoscimento della sentenza straniera che in questi casi è previsto dalla normativa di diritto internazionale privato.

15:38Gentiloni, si può andare in controtendenza all’omologazione

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Oggi è fondamentale sempre più rendersi conto che è possibile andare in controtendenza alla omologazione e la spinta deve essere la capacità di valorizzare le vocazioni univoche dei nostri territori, non è vero che siamo condannati a un mondo senza biodiversità governato da elite cosmopolite senza storia, senza terra e senza un rapporto con la tradizione". E' un passaggio dell'intervento del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, all'inaugurazione dell'anno accademico all'Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo.

15:32Figc: Sibilia, ora serve nuovo percorso

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "C'è stata una componente autorevole che ha pensato di non fare più parte della maggioranza e noi ne abbiamo preso atto. Ringraziamo Tavecchio per quello che ha fatto, ora il calcio ha bisogno di ripartire e cominciare un nuovo percorso". Lo ha detto il presidente della Lnd, Cosimo Sibilia, dopo il consiglio federale in cui Carlo Tavecchio ha annunciato le sue dimissioni. "Tavecchio ha parlato di sciacallaggio politico? Non so a cosa si riferisse", ha tagliato corto Sibilia. Quanto alla posizione preventiva della Lega Dilettanti sulle dimissioni di Tavecchio, Sibilia ha sottolineato come "il presidente abbia letto una dichiarazione e si è dimesso, il resto non conta. Quando siamo arrivati aveva già deciso. Posso solo dire che quando noi abbiamo partecipato al tavolo con le componenti abbiamo detto con chiarezza che serviva una maggioranza ampia per poter fare le riforme. Se questa maggioranza non c'è non possiamo andare avanti", ha concluso Sibilia lasciando la sede della Figc.

15:32Ostia: Di Pillo, governeremo con regole ferree

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Noi governeremo con regole ferree, non facendo entrare la criminalità nelle istituzioni. Fuori tutti, fuori tutte le persone che non seguono le regole e mai patti con nessuno. Faremo sempre bandi pubblici perché non è giusto fare affidamenti diretti. Dobbiamo stare a fianco delle forze dell'ordine che devono fare la loro parte e credo sia importantissimo lavorare a livello interistituzionale". Lo dice Giuliana Di Pillo (M5S), presidente eletta del municipio di Ostia, durante una conferenza stampa.

Archivio Ultima ora