Costituente sì, Costituente no

Pubblicato il 29 luglio 2017 da Mauro Bafile

 

 

Clima politico teso come mai in Venezuela, alla vigilia dell’elezione dell’Assemblea Nazionale Costituente. E’ solo paragonabile alle ore che si vissero immediatamente prima e subito dopo il colpo di Stato dell’aprile del 2002.

Nessuna marcia indietro del Governo, che continua a minacciare l’Opposizione col carcere una volta approvata la Costituente; nessuna intenzione di arretrare da parte dei partiti che compongono il Tavolo dell’Unità Democratica che considera la convocazione alla “Costituente” anticostituzionale. Tra i due litiganti le Forze Armate, schierate per il momento apertamente col Governo, sulle quali pesa, come un macigno, la responsabilità di una repressione brutale che ha già fatto oltre 100 morti, centinaia di feriti e altrettanti arresti. Sono la Polizia e la Guardia Nazionale a interpretare il ruolo di pretoriani di un governo che ogni giorno che passa perde popolarità e nelle ultime settimane appare a pezzi.

 

 

Caracas, la capitale, è oggi specchio del Paese. Da un lato si mostra insubordinata e in rivolta, tenuta a bada con gran difficoltà dalla Guardia Nazionale e dalla Polizia in assetto di guerra e nonostante il terrore che seminano i “colectivos”, bande di motociclisti armati fino ai denti che sparano e uccidono al riparo dall’impunità garantita proprio dalle Forze dell’Ordine; dall’altro, osserva apatica, estranea a tutto quello che accade intorno, narcotizzata dalla propaganda politica del governo ripetuta giorno e notte dalle televisioni e radio statali e filo-governative. Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro; i ministri che si alternano da un dicastero all’altro; gli esponenti del Psuv, con incarichi “quasi-vitalizi” ai vertici del partito continuano a interpretare i desideri della popolazione, promettendo un futuro migliore e incolpando l’Opposizione dei propri insuccessi nell’accompagnare l’economia verso la crescita.

 

Tibisay Lucena, presidente del Consiglio Nazionale Elettorale

 

La presidentessa del Consiglio Nazionale Elettorale, Tibisay Lucena, ha informato che tutti gli elettori iscritti all’organismo potranno votare, questa domenica, in qualunque seggio aperto nella propria circoscrizione e ha denunciato che “pochi cittadini pretendono di mantenere un clima di agitazione minacciando con attaccare i seggi” per impedire ai venezuelani di esprimersi democraticamente. Nessun accenno, in cambio, alle mancate elezioni amministrative di dicembre scorso, contemplate espressamente dalla Costituzione, e sul Referendum negato al Tavolo dell’Unità Democratica.

 

Clima da guerra civile, ma non guerra civile. Per il momento, un solo protagonista del conflitto ha impiegato la violenza armata. E l’ha fatto per soffocare il malcontento e per ghettizzare le manifestazioni pacifiche di protesta. Ma il malessere cresce anche tra quei venezuelani che fino a ieri sostenevano il presidente Maduro e la dissidenza alza la voce nelle file del “chavismo”.

E’ difficile prevedere cosa potrà accadere nelle prossime ore. Non pare che la pressione internazionale stia ottenendo i frutti desiderati. Anzi, sembrerebbe dare una sponda al governo per alimentare il nazionalismo più bieco. I leader al poter si presentano come i difensori della dignità nazionale e accusano l’Opposizione di essere “reazionaria e vendi-Patria”. Eppure tra le file del Tavolo dell’Unità Democratica vi sono movimenti di sinistra e anche la dissidenza “chavista” si è schierata apertamente contro l’Assemblea Nazionale Costituente.

Il ministro degli Interni, Nestor Reverol

 

Il ministro degli Interni, Nestor Reverol, ha annunciato la proibizione in tutto il Venezuela di manifestazioni o più semplicemente di assemblee e raduni. E ha minacciato con arresti e Tribunali militari tutti coloro che decideranno di protestare. L’Opposizione, dal canto suo, lancia la sfida e annuncia il “Trancazo” (blocco) in tutto il paese per impedire lo svolgimento delle elezioni. La Commissione di Venezia ha stabilito che il presidente Maduro ha violato la Costituzione nel varare autonomamente le regole con le quali saranno eletti i membri della Costituente: 553 dei quali 181 scelti in conformità a un sistema corporativista – sul modello dei regimi fascisti di Mussolini, Franco e Salazar – in cui solo i membri di organizzazioni di sette categorie riconosciute dai rispettivi ministeri (imprenditori pescatori e agricoltori, invalidi, studenti, operai, membri dei consigli comunali e pensionati) potranno votare. Ciò vuol dire che una grossa fetta di elettori sarà discriminata.

Non meraviglierebbe più di tanto se il governo del presidente Maduro, per assicurare il normale svolgimento delle elezioni, decidesse provvedimenti volti a limitare ancor di più le libertà democratiche fino a dichiarare il coprifuoco. Insomma, quelle stesse leggi marziali e provvedimenti speciali che, qualora avesse trionfato il “golpe” del 4 febbraio del 1992 sarebbero probabilmente state imposte circa 20 anni fa. Sarebbe molto doloroso perché significherebbe riaprire una vecchia pagina di storia dell’America Latina, che credevamo conclusa, una pagina oscura le cui ferite incominciano appena a rimarginarsi.

Mauro Bafile

Ultima ora

17:11Nuova Zelanda: premier uscente proclama vittoria

(ANSA) - AUCKLAND, 23 SET - Ha proclamato la vittoria il premier uscente neozelandese dopo il voto di oggi per il rinnovo del Parlamento. Davanti ai sostenitori Bill English, 72 anni conservatore, ha detto che il popolo si è espresso e che ora è dovere della sua formazione, il National Party, cercare di dare al Paese un governo forte e stabile. Il premier ha però riconosciuto che né il suo partito, né quello laburista potranno governare da soli e quindi nei prossimi giorni comincerà le consultazioni con il partito New Zealand first, anti immigrati e populista. Ha anche avuto parole di ringraziamento per la sua rivale Jacinda Arden, giovane e carismatica leader dei laburisti, per lo slancio dato alla campagna elettorale. Secondo i dati disponibili, il National party ha ottenuto 58 seggi contro i 45 dei laburisti. Ago della bilancia diventa quindi il New Zealand first e English ha esortato ad avere pazienza prima che si possa raggiungere un accordo di governo.

17:07Clochard progettano centro accoglienza in ex hotel a Genova

(ANSA) - GENOVA, 23 SET - L'ex hotel Zolesi a Genova Prà potrebbe diventare un luogo di riscatto per i clochard. Qui potranno non solo trovare un letto e un tetto, ma anche opportunità per ripartire e inserirsi di nuovo nel mondo del lavoro. L'idea viene proprio da due senzatetto, Corrado Quey e Livio Leoncini, rispettivamente presidente e vicepresidente dell'associazione Andeli della Strada Onlus che hanno presentato nei giorni scorsi la loro iniziativa. Il progetto prevede l'acquisizione della struttura, chiusa ormai da diversi anni, che diventerà un centro aperto 24 ore su 24 per accogliere, in camere singole e quindi nel rispetto della privacy, senza fissa dimora. Nel giardino della struttura potranno trovare alloggio anche gli animali da compagnia, spesso veri compagni di vita dei clochard. Ciascun ospite collaborerà nella gestione e nel mantenimento del centro, dove troverà oltre all'accoglienza anche corsi di formazione qualificati per il reinserimento lavorativo. L'associazione ha ricevuto già una proposta concreta da parte del vescovo ausiliare Nicolò Anselmi, per l' impiego di una decina di persone per lavori di pulizia e manutenzione nelle vie di Genova. Entro fine anno è in programma anche l'avvio di una cooperativa sociale, Area 11, per costruire vere opportunità di lavoro per chi oggi è ai margini della società. Le iniziative sono state presentate alla Commenda di Pré. "Adesso aspettiamo di poter presentare queste iniziative al sindaco Bucci" hanno detto gli organizzatori. (ANSA).

16:57Moto3: Aragon pole Martin poi Bastianini

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Lo spagnolo Jorge Martin domani in pole position nella gara delle Moto3 del Gp di Aragon. Lo spagnolo, che guida una Honda del team Gresini ha fatto segnare il tempo di 1'58"067 precedendo Enea Bastianini e lo spagnolo Aron Canet (entrambi su Honda Estella Galicia), staccati rispettivamente di 358 e 449 millesimi di secondo. Seguono Nicolò Bulega e Dennis Foggia -entrambi dello Sky Racing Team VR 46 - mentre il leader del Mondiale, lo spagnolo Joan Mir, è sesto. Undicesimo crono per Romano Fenati (Honda). In Moto2 sarà il portoghese Manuel Oliveira a partire dalla pole position. Il pilota della Ktm ha girato in 1'53"736 precedendo di soli 21 millesimi Mattia Pasini e di 71 lo spagnolo Alex Marquez, entrambi su Kalex. Quarto tempo con un ritardo di 105 millesimi per Franco Morbidelli, leader del Mondiale.

16:56Montenegro: a Podgorica Gay Pride senza incidenti

(ANSAmed) - BELGRADO, 23 SET - A Podgorica, capitale del Montenegro, si è svolto oggi pacificamente e senza incidenti la quinta edizione del Gay Pride. Secondo la polizia locale al corteo che ha attraversato il centro della città hanno partecipato circa 300 persone con cartelli e striscioni contro ogni forma di violenza e intolleranza. Ai manifestanti, riferiscono i media locali, si sono uniti il capo della rappresentanza Ue e gli ambasciatori di Stati Uniti e Gran Bretagna. Nelle edizioni passate il Gay Pride in Montenegro era stato segnato da violenze scatenate da gruppi di estremisti e nazionalisti omofobi.

16:56Calcio: Juric, a San Siro daremo battaglia

(ANSA) - GENOVA, 23 SET - "Sono tranquillo e sereno, col Chievo ad esempio per molti tratti abbiamo fatto bene, peccato per il gol subito che era evitabile. Domani a San Siro daremo battaglia". Lo ha detto Ivan Juric, tecnico del Genoa, alla vigilia della difficile trasferta contro l'Inter. "E' un momento delicato ma ne usciremo con carattere - ha proseguito Juric - e non rinunceremo a giocare. Di fronte troveremo una squadra molto solida in particolare in casa. L' Inter è micidiale soprattutto in attacco. Icardi fa gol in tutti i modi, sarà importante soprattutto non lasciargli la possibilità di giocare 1 contro 1 per questo servirà raddoppiarlo" Dopo aver cambiato molto nelle ultime partite, per domani Juric ha ancora "molti dubbi" di formazione. "Alla terza partita in una settimana e con una rosa non ancora al meglio fisicamente devo valutare quanto e quanti hanno recuperato dopo la sfida con il Chievo" dice.

16:52Catalogna: Madrid coordinerà polizia, anche i Mossos

(ANSA) - ROMA, 23 SET - I vertici della polizia nazionale spagnola, la Guardia Civil e i Mossos d'Esquadra, la polizia catalana, che hanno il compito di garantire la sicurezza e l'ordine in Catalogna in vista del proclamato referendum sull'indipendenza il prossimo primo ottobre, saranno coordinati da un alto ufficiale del ministero degli Interni di Madrid. Lo riferisce El Mundo. Ma la mossa non è piaciuta al governo di Barcellona che ha già avvertito Madrid che "non accetterà" che tale decisione. Secondo El Pais, il coordinamento è stato affidato a Diego Pérez de los Cobos, già colonnello della Guardia Civil e direttore dell'Ufficio di Coordinamento del Segretario di Stato per la Sicurezza. Los Cobos è stato nominato dal Procuratore come "direttore tecnico".

16:48Abusi minore senza colpevoli, reati prescritti dopo 16 anni

(ANSA) - TORINO, 23 SET - Sono emerse "alcune anomalie", a Torino, nell'iter del processo per abusi sessuali su una minorenne terminato giovedì sera in Cassazione con l'annullamento senza rinvio della sentenza per la prescrizione dei reati. E' quanto rivela Arturo Soprano, presidente della Corte d'appello di Torino, che oggi, a Palazzo di Giustizia, ha cominciato ad acquisire informazioni e a svolgere accertamenti. "Se dovessero ravvisarsi delle responsabilità - aggiunge il magistrato - prenderemo dei provvedimenti". La storia inizia nel 2001 quando una ragazza, allora sedicenne, abusata del padre viene affidata a una comunità, a Torino, dove la giovane è a sua volta vittima di abusi da parte di un'operatrice che la costringe anche a partecipare a orge. "Per ora - osserva Soprano - abbiamo avuto un pubblico ministero solerte, che ha chiuso in fretta le indagini preliminari, un processo di primo grado con tempistiche da lumaca, un periodo di vuoto fra il 2007 e il 2013, tre anni per fissare l'udienza. Accerteremo il motivo".

Archivio Ultima ora