Parlamento, Procura, mass-media nella mira dell’Anc

Pubblicato il 31 luglio 2017 da redazione

CARACAS – Dopo l’elezione dell’Assemblea Nazionale Costituente, che ha provocato la reazione del mondo politico internazionale che pare deciso ormai ad isolare il Venezuela, il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro è tornato a minacciare, come aveva già fatto durante tutta la campagna elettorale, i deputati dcell’Opposizione, la Procuratrice della Repubblica, e i mass-media.

Il capo  dello Stato, nel suo primo intervento pubblico post-elettorale, ha chiesto che venga eletta una “Commissione della Verità” con ampi poteri per incarcerare alcuni leader dell’opposizione, compresi alcuni deputati nonostante l’immunità che li protegge. Il capo dello Stato li reputa colpevoli di promuovere un “golpe parlamentare” e di incitare alla violenza nelle protesta di strada.

– Giustizia, giustizia e pace vanno a braccetto – ha detto il presidente Maduro -. Senza Giustizia non ci può essere pace.

Il capo dello Stato ha assicurato che l’Assemblea Nazionale Costituente eliminerà definitivamente l’immunità parlamentare.

– Bisogna riportare l’ordine – ha affermato per poi minacciare la Procuratrice Generale della Repubblica, Luisa Ortega Díaz, che da alcune settimane è diventata acerrima avversaria del presidente Maduro e del suo governo.

Non sono mancate le accuse e minacce rivolte ai mass-media privati. Questi, stando al presidente Maduro, sono rei di non aver dato all’elezione dell’Assemblea Nazionale Costituente la copertura che meritava. In realtá, il presidente Maduro anche in altre occasioni ha minacciato i mass-media privati. E poi era poco quello che giornali, portali e televisioni potevano realmente fare, visto che era loro proibito l’accesso ai seggi elettorali. In ripetute occasioni i giornalisti sono stati minacciati e umiliati dalle forze dell’Ordine.

In particolare, il capo dello Stati ha criticato i media televisivi che ha accusato di”censura” e, addirittura, di “apologia di reato”.

– Siamo in guerra contro le mensogne della televisione – ha tuonato il capo dello Stato.

Dal canto suo,il presidente del Parlamento di Caracas, Julio Borges, dopo l’intervento del capo dello Stato ha espresso preoccupazione e affermato che purtroppo si sta andando verso “uno scenario molto probabile di scontro violento”. Infatti, ha assicurato che i parlamentari dell’Opposizione non hanno alcuna intenzione di cedere il proprio spazio – leggasi “Capitolio Federal” – ai neo-eletti membri della Costituente; Costituente di cui non riconoscono la legittimità.

– Questo – ha detto Julio Blorges, presidente dell’Assemblea Nazionale – è un Parlamento eletto da oltre 14 milioni di venezuelani. E’ l’unica autorità eletta e legittima nel paese. A noi tocca difendere la legge e la Costituzione.

La preoccupazione della comunità internazionale è quasi unanime. All’estero si ha la certezza che l’Assemblea Nazionale Elettorale, la cui legittimità viene anche messa in dubbio, non potrà risolvere i problemi del paese.

Usa, Argentina, Brasile, Colombia, Messico, Perù, Paraguay e Panama – ma anche l’Unione

Europea – rappresentano lo “zoccolo duro” e non riconoscono la Costituente eletta in circostanze dubbie.

La comunità internazionale, inoltre, chiede cessi la violenza. L’elezione dell’Assemblea Nazionale Costituente è stata macchiata dal sangue di ben 14 manifestanti, morti a causa dell’eccessiva violenza impiegata dalle forze dell’Ordinenel reprimere la protesta.

L’Osservatore Romano ha reso noto che il segretario di Stato, cardinale Pietro Parolin, che conosce profondamente la realtà del Paese per avervi trascorsi diversi anni come Nunzio Apostolico, ha ricordato l’impegno svolto dalla Chiesa per trovare una “soluzione pacifica e democratica” per la crisi venezuelana.

Ultima ora

16:11Germania, Lindner (Fpd), intesa domani alle 18 o salta tutto

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Un accordo per formare una coalizione 'Giamaica' in Germania, con i cristianodemocratici della Cdu-Csu, i liberali del Fdp e i Verdi, deve emergere domenica sera o salta tutto. Lo ha annunciato oggi alle tv tedesche il leader del Fdp Christian Lindner, confermando indicazione trapelate nelle ore scorse. "Sabato sera alle 18 finisce tutto", ha detto Lindner, riferendosi ai negoziati esplorativi in corso.

16:06Zimbabwe: ‘Mugabe vada via’, lo slogan della protesta

(ANSA) - IL CAIRO, 18 NOV - Si sta cristallizzando su "Mugabe must go" (Mugabe se ne deve andare) lo slogan della manifestazione di oggi ad Harare, in Zimbabwe. La frase, in inglese, viene usata in particolare per i loro aggiornamenti da tre dei maggiori siti di informazione del paese tra cui quello dello quotidiano governativo Herald. "I cittadini hanno parlato: #MugabeMustGo!!!", ha twittato un ex-ministro dell'Istruzione e avvocato impegnato per la difesa dei diritti umani. David Coltart. In un video sull'hashtag #MugabeMustGo si vedono giovani esultare a braccia levate, urlare e cantare.

15:45Allegri, Italia? fra qualche anno, se mi vogliono…

(ANSA) - TORINO, 18 NOV - Allenare la Nazionale italiana? "In questo momento assolutamente non è la mia ambizione, mi tolgo di scena. Tra qualche anno, invece sì, se me ne daranno la possibilità, altrimenti vado al mare, dove anche sto bene". Così Massimiliano Allegri sul dopo-Ventura alla guida degli azzurri. "Alla Juve sto bene, ho un contratto, dobbiamo fare ancora tante cose insieme - ha detto il tecnico bianconero - ci sono molti obiettivi da raggiungere, c'è da costruire la squadra per il futuro".

15:44Salvini,non capisco Cav,voto a maggio è troppo tardi

(ANSA) - MILANO, 18 NOV - "Spero si voti il prima possibile e che nessuno voglia tirare a campare. Non capisco perché Berlusconi parli di un voto più avanti a maggio". Lo dice il segretario della Lega Salvini alla fiera 'G! Come giocare' a Milano. Salvini ribadisce che "prima si vota e meglio è, visto che si andrà a un governo di centrodestra dove le idee della Lega saranno determinanti. Chiedete al Cav perché voglia votare a maggio, per me è già troppo tardi". "Entro novembre definiamo il programma della Lega. Poi lo confronteremo con quello degli altri", aggiunge.

15:43Elezioni: Meloni, ok Cav ma no a posticipare data

(ANSA) - L'AQUILA, 18 NOV - "Facciamo un appello alla Corte Europea dei diritti dell'uomo perché la sentenza possa arrivare il prima possibile, Silvio Berlusconi ha tutto il diritto di presentarsi alle prossime elezioni, e lo speriamo perché è un valore aggiunto, però credo che gli italiani debbano andare a votare". Così Giorgia Meloni, presidente nazionale di Fratelli d'Italia, a margine di un evento all'Aquila, rispondendo ai cronisti sulla possibilità di posticipare la data delle prossime elezioni politiche.

15:42Picchiata e costretta in casa, liberata da polizia

(ANSA) - PISTOIA, 18 NOV - E' stata rintracciata dalla polizia e liberata, una ragazza milanese di 21 anni picchiata e costretta in casa da due marocchini trentenni, in Toscana, a Ponte Buggianese. La giovane, la cui scomparsa era stata denunciata dalla sorella a Milano, secondo quanto emerso, avrebbe accettato l'invito di trascorrere alcuni giorni in Toscana da due marocchini trentenni, con uno dei quali in precedenza aveva avuto una breve relazione sentimentale. Ma, dopo una lite per motivi di gelosia, sarebbe stata picchiata, privata del passaporto italiano, dei soldi e del telefono e costretta a restare in casa. Solo quando, dopo alcuni giorni, uno dei due marocchini, avrebbe acconsentito a portarla fuori con sé per fare la spesa, la giovane è stata rintracciata da pattuglie di polizia già in azione sul territorio, dopo una serie di indagini che ne confermavano la presenza a Ponte Buggianese. L'uomo che era con lei è stato arrestato. Ricercato il secondo marocchino che è stato denunciato.

15:33Cc uccide sorella, cognato e padre e si spara, è grave

(ANSA) - SAVA (TARANTO), 18 NOV - Un carabiniere di 53 anni ha ucciso con colpi di pistola la sorella, il cognato e il padre. Poi ha rivolto l'arma contro se stesso e si è sparato. Il militare è ora in fin di vita. E' successo a Sava (Taranto), in via Giulio Cesare. Il carabiniere è in servizio al reparto radiomobile di Manduria. Al momento non si conosce il movente della tragedia.

Archivio Ultima ora