Vaticano: nasce la rete globale contro mafia e corruzione

Pubblicato il 01 agosto 2017 da ansa

Vaticano: nasce rete globale contro mafia e corruzione

CITTA’ DEL VATICANO. – La Santa Sede, nella linea dei ripetuti appelli di papa Francesco, dà pieno impulso alla lotta contro mafia e corruzione. Dopo il Dibattito sulla corruzione svoltosi in Vaticano il 15 giugno, da cui “è emersa la volontà di fare fronte comune contro le diverse forme di corruzione, crimine organizzato e mafia”, la Consulta sulla giustizia del Dicastero vaticano per lo Sviluppo umano integrale costituirà “una rete a livello internazionale”. Lo annuncia il documento finale del summit, che l’ANSA è in grado di anticipare.

“La Chiesa nel mondo è già una rete e per questo può e deve mettersi a servizio di tale intenzione con coraggio, decisione, trasparenza, spirito di collaborazione e creatività”. Inoltre la Consulta, confermando lo spunto emerso dal vertice alla Casina Pio IV, cui hanno partecipato numerosi esperti internazionali, tra cui lo stesso presidente dell’Anac Raffaele Cantone, “approfondirà lo studio riguardo a una risposta globale – attraverso le Conferenze episcopali e le Chiese locali – sulla scomunica ai mafiosi e alle organizzazioni criminali affini e sulla prospettiva di scomunica per la corruzione”.

La discussione avviata dal dicastero presieduto dal cardinale Peter Turkson, che sul tema ha anche pubblicato il libro “Corrosione”, non rimane quindi al livello di dichiarazioni di intenti ma andrà avanti con atti concreti, tramite la Consulta internazionale sulla giustizia, di cui vengono dettagliatamente elencati gli obiettivi. E oltre ai richiami alle istituzioni, la Chiesa è sollecitata a svolgere un ruolo di primo piano.

“La corruzione, prima di essere un atto è una condizione: di qui, la necessità della cultura, dell’educazione, dell’istruzione, dell’azione istituzionale, della partecipazione della cittadinanza”, si afferma. La Consulta “non si ridurrà a pie esortazioni, perché occorrono gesti concreti. L’impegno educativo esige, infatti, maestri credibili, anche nella Chiesa”.

Secondo il documento finale, “non è credibile chi cerca alleanze per privilegi, esenzioni, vie preferenziali o anche illecite. Noi tutti diverremo irrilevanti, dannosi e pericolosi se agiremo in questo modo. Non è credibile chi approfitta della sua posizione per raccomandare persone spesso non raccomandabili, sia sul piano del valore, sia sul piano dell’onestà”. Così, “l’azione della Consulta sarà educativa e istruttiva, e si rivolgerà all’opinione pubblica e a molteplici istituzioni per generare una mentalità di libertà e giustizia, in vista del bene comune”. E questo “soprattutto lì dove, nel mondo, la corruzione è essa stessa sistema sociale dominante”.

Per quanto riguarda la scomunica ai mafiosi e ai corrotti, si riconosce che “questo cammino non sarà semplice: la Chiesa è diffusa nel mondo e occorre porsi in ascolto di tutte le sue articolazioni per procedere nel dialogo anche con i non cristiani, in modo partecipato, trasparente ed efficace”.

Oltre a sviluppare “il nesso – oggi quasi disperso – tra giustizia e bellezza”, ritenendo il patrimonio storico, artistico e architettonico “un formidabile elemento di supporto per l’azione educativa e sociale contro ogni forma di corruzione e di crimine organizzato”, la Consulta elaborerà anche “una proposta di pensiero politico – con attenzione particolare alla democrazia e alla laicità – che illumini l’azione nei confronti delle istituzioni affinché i trattati internazionali siano realmente applicati e le legislazioni siano uniformate per perseguire al meglio i tentacoli del crimine, che superano i confini degli Stati”.

Uno degli obiettivi è “studiare il modo di applicare i principi delle convenzioni di Palermo e Merida”. E se la corruzione “causa anche mancanza di pace”, l’appello è a “un risveglio delle coscienze”, facendo perno su tre “livelli di azione”: l’educazione, la cultura, la cittadinanza, contro ogni forma di “indifferenza”. Le leggi, infatti, “sono necessarie ma non bastano”. La prossima iniziativa della Consulta sarà il 16 settembre a Monreale (Palermo).

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

21:49Calcio: Allegri, per ora Juve è da quarto posto

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Per i numeri che abbiamo espresso finora, siamo da quarto posto in campionato". Così Massimiliano Allegri: "Tutti, dall'allenatore al magazziniere - ha detto l'allenatore della Juventus - dobbiamo voglia di arrivare fino in fondo, a vincere questo benedetto 7/o scudetto di fila che sarebbe storico. Dobbiamo avere grande dedizione e in certi momenti essere un blocco unico come squadra".

21:46Allegri, Barca ha equilibrio mancato finora a Juve

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Rispetto all'anno scorso il Barcellona ha più equilibrio, concede di meno agli avversari". Ed è quello che è mancato finora alla Juventus, dice Massimiliano Allegri. "Dobbiamo arrivare a quell'equilibrio che ci consenta di concedere meno tiri. Non è una questione di sistema di gioco - ha aggiunto - ma di caratteristiche dei giocatori messi in campo. Specie in trasferta dobbiamo imparare a essere più ordinati: nel finale di Genova eravamo spaccati in due, sembrava quasi una partita scapoli-ammogliati".

21:13Renzi, Mdp? Pronto riunire i cocci ma no all’art.18

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Non sono ottimista" sull'unità di tutto il centrosinistra ma "abbiamo tempo: Mdp e la sinistra di Fratoianni hanno scelto di fare un'assemblea il 3 dicembre. Ho dato l'incarico a una personalità autorevole come Piero Fassino di provare a rimettere insieme i cocci. Ma le nozze si fanno in due, poi tocca a loro". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi a Porta a Porta. Alla domanda se sia disposto ad aprire alla reintroduzione dell'articolo 18, risponde: "No, lo abbiamo detto da sempre".

21:02Appalti sanità, corruzioni prescritte per fratelli Tarantini

(ANSA) - BARI, 21 NOV - Il Tribunale di Bari ha dichiarato la prescrizione di tutti i reati di corruzione, concussione e turbativa d'asta contestati ai fratelli Gianpaolo e Claudio Tarantini e all'ex primario di neurochirurgia del Policlinico di Bari Pasqualino Ciappetta, relativi alle presunte gare truccate per forniture di attrezzature chirurgiche fra il 2006 e il 2009. I giudici hanno condannato il medico a 1 anno e 6 mesi di reclusione per l'unico reato non ancora prescritto, la presunta truffa ai danni del Policlinico. Nonostante avesse un contratto in esclusiva con l'azienda ospedaliera barese, Ciappetta operava infatti nei fine settimana nella clinica 'Villa del Rosario' a Roma. Per questo i giudici hanno disposto anche il sequestro di circa 70mila euro, pari all'ingiusto profitto, e hanno condannato Ciappetta al risarcimento danni nei confronti delle parti civili costituite: Policlinico, Università degli Studi di Bari e Regione Puglia. Ciappetta ha ottenuto la pena sospesa, a patto che risarcisca i danni entro sei mesi.

21:00Calcio: Valverde, Messi? Per adesso godiamocelo

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Messi? Per adesso è qua, godiamocelo senza parlare più di tanto e senza pensare alla firma che non arriva ancora...". Il tema del futuro del fuoriclasse del Barcellona tiene banco anche a Torino, alla vigilia del match contro la Juventus. Ne ha parlato, a lungo, anche Ratikic, nella conferenza stampa nell'Allianz stadium. "Anch'io vorrei vedere la firma - ha detto il centrocampista croato - e tutti noi al Barca lo appoggeremo, perché vogliamo che resti con noi e confido in questo. Se ha deciso di aspettare per la firma del nuovo contratto avrà i suoi buoni motivi. Sono fiducioso, ma lasciamolo tranquillo, senza farlo impazzire con tutte queste parole".

20:57Renzi, se Berlusconi candidabile lo sfido in collegio

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Sarei contento che Berlusconi potesse candidarsi perché vorrei proporgli di candidarsi contro di me, visto che leggo che c'è l'accordo segreto o chissà cosa. Vorrei che i cittadini vedessero candidarsi me contro Berlusconi". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi a Porta a Porta.

20:57Migranti:Cona, ancora proteste, ma prosegue snellimento hub

(ANSA) - VENEZIA, 21 NOV - Prosegue, non senza difficoltà, il lavoro della Prefettura di Venezia per alleggerire le presenze di migranti nell'hub di Cona, mentre continuano le 'fughe' di piccoli gruppi di richiedenti asilo, e altri, rifiutate le nuove strutture di accoglienza, tornano nel Cpt veneziano. Oggi sono rientrati in 24 a Cona, mentre 14 trasferiti a Jesolo hanno rifiutato il centro della Croce Rossa, ma non sono ancora tornati al Cpt, che conta ora 830 presenze. Altri 13 sono stati ricollocati in piccole strutture del veneziano. Un gruppo più numeroso, 55 persone, che si era messo in marcia con borse e bagagli e aveva dormito la notte scorsa in una sala parrocchiale, è adesso a Padova, in attesa del da farsi. Tra loro vi sono migranti "sindacalizzati", nel senso che sono seguiti dall'Unione sindacale di Base (Usb) a cui sono iscritti, e che dice di volerne difendere la dignità. Proprio il supporto dell'Usb ha fatto parlare la stessa Diocesi di Padova di un pericolo di 'strumentalizzazione' della protesta. (ANSA).

Archivio Ultima ora