Cuba: frenata ai “paladares” e a molte attività private

Pubblicato il 01 agosto 2017 da ansa

Cuba: frenata ai paladares

L’AVANA. – Brusca frenata di Cuba all’ espansione del settore privato nel Paese. Il governo ha sospeso “provvisoriamente” la concessione di nuovi permessi ad una lunga lista di attività, tra i quali ristoranti (i noti ‘paladares’) e caffè, affitto di abitazioni, sarti e maniscalchi. A renderlo noto è stato Granma, il giornale del Partito comunista cubano, precisando che le attività già in corso potranno continuare senza problemi. Non è chiaro d’altra parte fino a quando durerà la sospensione per i nuovi permessi.

Il quotidiano spiega in modo dettagliato le ragioni della decisione, precisando che l’obiettivo del governo è quello di “consolidare l’organizzazione e il controllo del lavoro per conto proprio” in modo che tale area dell’economia evolva “in modo ordinato ed efficiente”, sulla base di quanto annunciato – si precisa – dal presidente Raul Castro durante l’ultima riunione qualche giorno fa dell’assemblea nazionale.

La ragione di fondo della misura è da far risalire “alle recenti valutazioni della performance del settore”, lavoro che ha messo in evidenza “l’impiego di materie prime, materiali e strumenti di provenienza illecita”. Si vuole in altre parole limitare “le zone d’ombra, l’illegalità e il disordine”.

Non solo, Granma segnala “il mancato rispetto degli obblighi tributari e la sottofatturazione delle entrate, oltre alle carenze nei controlli” delle attività e “nei contratti per le prestazioni dei servizi o delle offerte di prodotti”.

La lista dei comparti colpiti è lunga, dagli affitti delle abitazioni, stanze ed altri spazi ai ‘paladares’ e ai bar, “contrattisti privati” e “sarti”, “istruttori di pratiche sportive, organizzatori di feste per i 15 anni, matrimoni e altre attività, produttori e venditori di calzature e di prodotti o articoli per la casa, docenti di lingue”. Nel gruppo figurano d’altra parte anche “i professori di musica ed altri arti… i servizi per l’edilizia, le riparazioni o mantenimento degli immobili”.

Ultima ora

19:53Ciclismo: Tour Poitou-Charentes, prima tappa a Viviani

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Nuova vittoria del campione olimpico Elia Viviani (Sky) che a due giorni dal successo alla Cyclassic di Amburgo, ha vinto la prima frazione del Tour du Poitou- Charentes, corsa in cinque tappe che si disputa nell'omonima regione della Francia. Al termine dei 199,5km tra Bressuire e Saintes, il 28enne veronese si è imposto in volata battendo il francese Nacer Bouhanni e l'italiano Danilo Napolitano.

19:44Terrorismo: trolley sospetto ad Ancona, c’era solo cavo rame

(ANSA) - ANCONA, 22 AGO - Un trolley sospetto è stato individuato dai carabinieri ad Ancona nei pressi della fermata dell'autobus in via Marconi. I militari, che erano impegnati nei servizi di sorveglianza rafforzati dopo l'attentato di Barcellona, hanno circoscritto e bonificato l'area interessata, e, insieme agli artificieri della Polizia di Stato hanno verificato che la valigia conteneva solo un cavo di rame arrotolato. L'allarme 'bomba' dunque è velocemente rientrato.

19:35Uccise marito e si costituì: condannata a 8 anni

(ANSA) - AREZZO, 22 AGO - Otto anni è la pena inflitta alla 58enne Paola Marzenta la donna che il 18 ottobre dello scorso uccise a Lonnano, nel comune di Pratovecchio-Stia (Arezzo), il marito 64enne Dino Gori. Il delitto, maturato in seguito ad un diverbio, avvenne alla vigilia dell'udienza definitiva di divorzio della coppia. La sentenza è stata emessa oggi in Tribunale ad Arezzo, il pm Andrea Claudiani aveva chiesto una pena di 14 anni. Il giudice ha accolto parte delle attenuanti richieste dalla difesa, in particolare la perizia svolta dal dottor Mauro Mauri dell'Università di Pisa che attesta la parziale infermità mentale della donna. Paola Marzenta resterà in carcere a Sollicciano, dove è stata portata subito dopo l'arresto. (ANSA).

19:33Iraq: forze governative entrano in primi quartieri Tal Afar

(ANSA) - BAGHDAD, 22 AGO - Le forze lealiste irachene sono entrate oggi nei primi quartieri urbani di Tal Afar, al terzo giorno di un'offensiva volta a riconquistare questo bastione dello Stato islamico situato una sessantina di chilometri a ovest di Mosul verso la frontiera con la Siria. Lo riferiscono fonti militari di Baghdad. Fonti dell'esercito hanno detto che i soldati iracheni, dopo aver strappato all'Isis nei giorni scorsi alcuni villaggi intorno alla città, hanno cominciato ad avanzare nei quartieri orientali di Jazira, Noor e Nassr. Contemporaneamente forze della polizia federale e le milizie della mobilitazione popolare (Hashid Shaabi) a maggioranza sciita hanno ingaggiato combattimenti con i jihadisti dell'Isis nel quartiere occidentale di Kifah. Oltre a Tel Afar, gli uomini del 'Califfato' controllano una larga fascia di territorio lungo la frontiera con la Siria nella provincia di Al Anbar e una vasta sacca intorno ad Hawija, a sud di Mosul.

19:32Ceriscioli, riporteremo la vita in montagna

(ANSA) - ANCONA, 22 AGO - Per le Marche il terremoto ha significato lo sconvolgimento di ''un terzo del territorio regionale'', un cambio di prospettiva radicale, che impegnerà tutte le forze attive della regione per anni. Ma il presidente Luca Ceriscioli è sicuro: ''Riporteremo la vita in montagna, ricostruiremo le nostre comunità, daremo una prospettiva a chi oggi ha 20 anni e magari pensa di andare via da qui''. In un'intervista all'ANSA il governatore traccia un primo bilancio di quanto è stato fatto, spiega le cause dei ritardi, e ragiona sulle prospettive della nuova governance della ricostruzione. Sulla lentezza nella rimozione delle macerie e nella consegna delle casette ci sono molte lamentele: ''La diversità delle Marche - risponde Ceriscioli - è che noi abbiamo avuto il sisma e i morti del 24 agosto ad Arquata, altre due scosse molto forti a ottobre, e a gennaio 5 scosse in sequenza con la neve''. ''Non è una questione di poche città, un terzo del territorio regionale è stato colpito duramente dal sisma''.

19:31Angola domani al voto per le presidenziali

(ANSA-AP) - JOHANNESBURG, 22 AGO - L'Angola va domani alle urne per le elezioni presidenziali che, per la prima volta, non vedranno candidato Jose Eduardo dos Santos, da 38 anni al potere nel Paese africano, ricco di petrolio ma anche sempre alle prese con problemi enormi come povertà, corruzione e violazione dei diritti umani. Domani si vota anche per il rinnovo del Parlamento. Jose Eduardo dos Santos, 74 anni, non si presenta ma è praticamente certo che a succedergli sarà il suo delfino, l'attuale ministro della Difesa Joao Lourenco, 63 anni. Alle legislative per il rinnovo di 220 parlamentari, ci si aspetta ancora la vittoria del partito al potere Mpla (Movimento popolare per la liberazione dell'Angola). Infatti l'Unita (Unione nazionale per l'indipendenza totale dell'Angola), la più importante formazione dell'opposizione nata dalle ceneri dell'organizzazione ribelle che per anni ha combattuto una sanguinosa guerra civile contro l'Mpla (oltre un milione di morti), cinque anni fa ottenne solo il 19% dei voti.

19:28Lettera con cartucce a governatore Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 22 AGO - Una lettera di minacce con due cartucce da fucile calibro 12, è stata recapitata al Consiglio regionale della Sardegna. La busta è stata consegnata insieme a tutta l'altra corrispondenza. All'interno un foglio di carta con quattro cognomi, tra i quali quello del governatore Francesco Pigliaru. Gli altri tre sono in fase di individuazione, ma si tratterebbe di esponenti politici regionali. Trovati i proiettili, è stato subito chiamato il 113. Sul posto sono interventi gli agenti della Digos di Cagliari. (ANSA).

Archivio Ultima ora