Trump firmerà le sanzioni a Mosca, fine della luna di miele

Pubblicato il 01 agosto 2017 da ansa

WASHINGTON. – Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump “firmerà” le sanzioni contro la Russia. Lo ha confermato la Casa Bianca, senza tuttavia fornire dettagli sui tempi, ma secondo il vicepresidente Mike Pence accadrà “a breve”. E’ la prima volta che lo si esplicita con tale chiarezza. E forse non è un caso che i contorni si facciano più netti proprio dopo che Mosca ha disposto l’espulsione di 755 diplomatici dalla Russia.

E’ la luna di miele fra Donald Trump e Vladimir Putin che finisce. Anche se secondo alcuni non è mai davvero cominciata. E’ stato un tentativo. Prove di dialogo insomma, arrivate ad un livello anche avanzato, primo faccia a faccia ad Amburgo incluso (più una chiacchierata supplementare a cena) ma frenate intanto dal Congresso a Washington che ha votato inequivocabilmente la ‘punizione’ ai russi per le presunte interferenze di Mosca nelle scorse elezioni americane.

Presunte perché il presidente Trump per primo sulla vicenda non si è ancora sentito di mettere la mano sul fuoco nonostante il parere unanime delle agenzie di intelligence negli Usa. Però fino allo scontro con il Congresso il presidente non è riuscito ad andare. Così mentre la Casa Bianca spiega il ‘ritardo’ con le necessarie procedure e verifiche legali, è forse la lettura di Rex Tillerson la più chiara. Il segretario di Stato ha ammesso che né lui né il presidente sono soddisfatti del testo, confermando però che Trump lo firmerà.

Il rapporto con la Russia riconosce il capo della diplomazia americana, impegnato in prima persona, resta “sotto notevole pressione” ma non esclude affatto la collaborazione per la lotta all’Isis e nella ricerca della pace in Siria. Si continua a trattare con Mosca conferma il segretario Usa annunciando che vedrà il suo omologo russo Serghei Lavrov nel fine settimana a Manila. Di sanzioni dovranno però pur parlare.

E’ una rara apparizione quella di Tillerson al dipartimento di Stato: lo si vede poco nella sala stampa e quella di oggi è stata una delle poche occasioni in cui ha risposto ai giornalisti a tutto tondo. Tillerson ha di fatto smentito di voler lasciare l’incarico, e anche l’esistenza di presunte tensioni con Donald Trump.

Il presidente “Mi chiama di sera, nei weekend, ogni volta che gli viene in mente qualcosa da dirmi”, ha detto il segretario di Stato riconoscendo alcune divergenze con il commander in chief. Ma ha anche affermato che hanno un buon rapporto e che Trump si fida di lui.

Il responsabile della politica estera statunitense ha anche affrontato il caso della Corea del Nord, con Pyongyang che moltiplica le provocazione ed è a un passo – almeno secondo l’intelligence Usa – di poter colpire direttamente gli Stati Uniti con un missile balistico, dotato – si teme a Washington – di una piccola testata nucleare.

Nelle scorse ore Trump non ha escluso nessuna delle opzioni sul tavolo: è la classica risposta Usa alle minacce belliche, ma con l’attuale inquilino della Casa Bianca queste parole hanno forse un senso diverso. Tillerson è stato più rassicurante: gli Stati Uniti – ha detto – non perseguono un cambiamento di regime per la Corea del Nord, “Vorremmo sederci e avere un dialogo con loro sul futuro”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

17:13Gb: base Raf in ‘lockdown’

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - La base della Raf di Mildenhall, nel Suffolk, che ospita anche gli aerei dell'aviazione militare Usa, è in 'lockdown' dopo che un uomo a bordo di un'auto avrebbe cercato di forzarne l'ingresso. Ne dà notizia Sky News, secondo cui sarebbe stato compiuto un arresto.

17:10Gb: ecco la foto Natale di William e Kate coi figli

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - I duchi di Cambridge scelgono il colore azzurro per la foto ufficiale di questo Natale. William e Kate coi figli George e Charlotte sono stati immortalati per le festività dal fotografo reale Chris Jackson e tutti hanno indossato abiti di tonalità simili. L'immagine, che appare sui biglietti di auguri della famiglia, viene diffusa nello stesso giorno in cui Kensington Palace annuncia che la piccola Charlotte, due anni, a partire da gennaio frequenterà l'asilo: si tratta della prestigiosa, e costosa, Willcocks Nursery School, che si trova vicino alla residenza londinese dei duchi.

17:00Da Tribunale Napoli ok status rifugiato a lesbica nigeriana

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Il Tribunale di Napoli ha concesso ad una ragazza lesbica di origini nigeriane lo status di rifugiato. La ragazza, rende noto Arcigay Napoli, era scappata dal proprio paese nel 2015 dopo che il padre aveva saputo della sua omosessualità: per evitare il linciaggio e la morte ha attraversato il Niger e la Libia per approdare infine in Italia dove nel 2016 ha inoltrato la domanda di protezione internazionale. La domanda è stata in un primo momento rigettata dalla Commissione territoriale di Crotone che ha considerato, si legge nella nota, "poco credibile il racconto della ragazza, acquisito attraverso una videoregistrazione". A seguito di un ricorso e alla convocazione personale della ragazza, il Tribunale di Napoli ha riconosciuto lo status. "Una decisione molto importante - afferma Mara Biancamano, referente legale dello sportello MigraAntino di Arcigay Napoli - Il giudice ha ritenuto che non esistono parametri oggettivi ai quali si possa ancorare il giudizio sull'orientamento sessuale".

16:49Renzi a Di Maio, uscita da euro è follia per economia

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Stavolta Di Maio ha fatto chiarezza, bisogna ammetterlo: lui voterebbe per l'uscita dall'Euro. Io dico invece che sarebbe una follia per l'economia italiana". Lo scrive su twitter il segretario del Pd Matteo Renzi, commentando le parole del candidato M5s Luigi Di Maio che voterebbe sì in caso di un referendum come "extrema ratio" per l'uscita dall'euro.

16:48F1: la nuova Ferrari sarà presentata il 22 febbraio

(ANSA) - MARANELLO (MODENA)), 18 DIC - La Ferrari che disputerà il prossimo mondiale di F1 sarà presentata via web il 22 febbraio. Lo hanno annunciato Sergio Marchionne, Maurizio Arrivabene e Mattia Binotto durante il pranzo con la stampa specializzata per lo scambio degli auguri di Natale. A differenza dello scorso anno però la monoposto non scenderà in pista a Fiorano lo stesso giorno ma la domenica successiva a Barcellona per il "Filming day", il test privato a uso degli sponsor consentito dal regolamento Fia.

16:43Mondiali: Spagna, Villar attacca Governo

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Il Consiglio di Stato sta facendo in modo che la Federazione non rispetti le leggi, pretende che si annullino le elezioni senza che la legge lo consenta e sarà l'unico responsabile se la Spagna dovesse restare fuori dal Mondiale". Lo ha detto, attaccando il Governo di Madrid e negando di aver sollecitato l'azione della Fifa, il presidente federale Angel Maria Villar, sospeso dopo lo scandalo scoppiato in estate quando fu arrestato per corruzione. Villar ha negato "categoricamente" qualsiasi sua azione nei confronti della Fifa, preoccupata per le ingerenze governative sulla federazione, in particolare dall'ipotesi di nuove elezioni. Dopo lo scandalo scoppiato in estate, il Consiglio Superiore dello Sport (di fatto, il governo) vorrebbe che le elezioni venissero ripetute e ha investito della questione il Consiglio di Stato, di cui attende ora il parere. Un'ingerenza, agli occhi della Fifa, secondo cui un passaggio del genere costituirebbe una violazione del proprio statuto.

16:43Corruzione: 6 anni a ex direttore Entrate Genova Pardini

(ANSA) - GENOVA, 18 DIC - Sei anni di condanna per l'ex direttore dell'Agenzia delle entrate di Genova Walter Pardini. La sentenza, con rito abbreviato, è stata emessa dal gup Franca Borzone. Pardini era stato arrestato ad aprile mentre intascava una tangente da 7.500 euro da tre consulenti della Securpol, società campana di vigilanza e logistica. Condannati a quattro anni il commercialista Francesco Canzano (difeso dall'avvocato Paolo Scovazzi) e a tre anni il collega genovese Stefano Quaglia (l'unico a non essere stato arrestato). L'avvocato Luigi Pelella e il commercialista Massimo Alfano hanno invece già patteggiato tre anni e sei mesi di carcere. Pardini è stato anche condannato al pagamento di una provvisionale di 50 mila euro. Erano stati arrestati all'uscita del ristorante "Manuelina". La mazzetta era un "acconto" di una tangente più grande. Al vaglio altre transazioni di cui Pardini si era occupato: indagati 4 dirigenti della Chevron e il commercialista di Flavio Briatore e due funzionarie di Entrate per il Force One.

Archivio Ultima ora