Baseball: l’italo-venezuelano Giovanni Carrara nella Hall of Fame della LVBP

Pubblicato il 02 agosto 2017 da redazione

Giovanni Carrara con la maglia dei Cardenales

CARACAS – Da ieri, il ‘Salón de la Fama’ della Liga Venezolana de Baseball Profesional (LVBP) ha tre nuovi membri: l’italo-venezuelano Giovanni Carrara tra i giocatori, Don Alfonso Álvarez tra i dirigente ed il giornalista Marco Antonio Lacavalerie.

Il lanciatore di origine italiana, che ha disputato 24 stagioni nella LVBP e difeso le maglie di Cardenales de Lara ed Águilas del Zulia, ha ottenuto il 75% dei voti. Carrara durante la sua esperienza nel campionato venezuelano ha ottenuto 67 vittorie e 56 save (statistica accreditata all’ultimo lanciatore di rilievo della squadra vincente). Questa performance gli ha permesso di chiudere la carriera al terzo posto nella classifica dei lanciatori di tutti i tempi, soltanto superato da Roberto Muñoz e Luis Aponte, entrambi sono nella Hall of Fame della ‘pelota’ venezuelana.

“Carrara é stato uno dei lanciatori più agguerriti che io ricordi, era quasi impossibile batterlo quando era nel monte. La sua elezione premia il suo sforzo e la sua perseveranza come uno dei migliori giocatori della storia” ha dichiarato Juan José Ávila, presidente della LVBP e del Museo de Béisbol.

Ma sicuramente a spalancare le porte del tempio degli immortali a Giovanni Carrara é stato il suo rendimento durante i playoff, dove ha lasciato un record di 19 vittorie e 17 ko, con un average di 3.03 nei 326.2 inning lanciati nelle diverse post seasson.

L’abilità di Carrara non solo era nota in Venezuela ma anche all’estero, infatti ha giocato anche in Giappone, Stati Uniti e nel campionato italiano. Nel Belpaese, ha giocato con il Caffè Danesi Nettuno della Serie A1. Con la formazione laziale ha lasciato un record di 8 vittorie e 2 sconfitte con un average di 2.35 con 49 strikeouts.

Dal canto suo, Don Adolfo Álvarez é stato presidente onorario dei Cardenales de Lara ed uno dei principali personaggi che hanno fatto crescere la franchigia barquisimetana. La stagione 2010-2011 della LVBP si é disputata in suo onore.

Infine Marco Antonio Lacavalerie, noto come ‘El Musiú’ é stato uno dei migliori cronisti del baseball in Venezuela, la sua voce era inconfondibile. Lacavalerie ha lavorato per quasi tutta la sua carriera con i Tiburones de La Guaira.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

15:48Escort: difesa Cav,Berlusconi non pagò Tarantini per mentire

(ANSA) - BARI, 20 NOV - "Abbiamo sostenuto la impossibilità di rinviare a giudizio Silvio Berlusconi per la insussistenza del fatto o comunque perché il fatto non costituisce reato. Manca completamente la prova della induzione". È quanto dichiarato dall'avvocato Sisto, difensore di Silvio Berlusconi insieme al collega Ghedini, nell'udienza preliminare in cui l'ex premier e il faccendiere napoletano, ex direttore de L'Avanti, Valter Lavitola, rispondono di induzione a mentire. Per l'accusa, Berlusconi, tramite Lavitola, avrebbe pagato Tarantini, fornendogli avvocati, un lavoro e centinaia di migliaia di euro in denaro, perché mentisse ai pm baresi che indagavano sulle escort portate nelle residenze estive dell'ex premier fra il 2008 e il 2009 e sui suoi interessi in Finmeccanica. La Procura di Bari ha chiesto nei giorni scorsi il rinvio a giudizio. I difensori hanno anche chiesto che il processo venga trasferito per competenza a Napoli, oppure al Tribunale dei Ministri (perchè Berlusconi all'epoca era presidente del Consiglio).

15:47Calcio: Ulivieri, io le dimissioni non le dò

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Il Consiglio federale rimane in carica per l'ordinario: io non le dò le dimissioni, altrimenti c'è il pericolo che arrivi davvero Malagò...". Lo ha detto Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, uscendo dal consiglio Figc. "Quello di oggi e' un segnale grosso, un segno di debolezza. Rispetto la decisione di Tavecchio, ha chiesto le dimissioni di tutti come gesto politico: ma dobbiamo restare per garantire l'ordinaria amministrazione, altrimenti davvero arriva qualcuno da fuori e sarebbe una iattura...Non condividiamo la decisione di Tavecchio, perché a nostro avviso sarebbe stato meglio aspettare la decisione dei presidenti delle Leghe di A e B", ha spiegato Ulivieri. "Se Tavecchio è stato indotto a dimettersi? Figuriamoci, è una scelta sua le valutazioni spettano a lui. Ma se c'e chi ha corso per appuntarsi medaglie, ha sbagliato. No, non mi riferisco a Malagò, lui non c'entra nulla. Il presidente Tavecchio, come atto politico, aveva chiesto le dimissioni di tutto il consiglio. Io non le do".

15:47Manovra: Tajani, armonizzazione fiscale in Ue sul digitale

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Io sono d'accordo che occorra tassare le grandi piattaforme digitali, che occorra far capire che non possono fare tutto ciò che vogliono. Siamo noi a dover governare il digitale e non il digitale a governare noi". Lo ha detto il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, intervenendo a Montecitorio alla presentazione del libro "The challenge of digital economy" di Francesco Boccia e Robert Leonardi. Tajani ha sottolineato come occorra una "armonizzazione fiscale" tra i paesi Ue sul digitale per evitare la "concorrenza sleale".

15:46Gay: giudici, adozione estero va trascritta in Italia

(ANSA) - GENOVA, 20 NOV - L'adozione di un minore compiuta all'estero da parte di due papà deve essere trascritta in Italia. Lo ha stabilito la Corte di appello di Genova che ha accolto la richiesta di una coppia gay che aveva adottato un bambino brasiliano. La vicenda nasce nel 2016 quando la coppia di uomini, residente in Brasile, chiede all'Ufficiale di Stato civile del comune di ultima residenza in Italia la trascrizione della sentenza di adozione di un bambino emessa dall'autorità giudiziaria brasiliana. L'Ufficiale di stato civile aveva opposto un rifiuto, sostenendo che la questione dovesse passare al vaglio del Tribunale per i minorenni. La coppia si è rivolta ad Avvocatura per i diritti LGBTI-Rete Lenford che ha portato la questione davanti alla Corte d'appello di Genova. La Corte ha ritenuto fondata la domanda della coppia di uomini, stante l'automatico riconoscimento della sentenza straniera che in questi casi è previsto dalla normativa di diritto internazionale privato.

15:38Gentiloni, si può andare in controtendenza all’omologazione

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Oggi è fondamentale sempre più rendersi conto che è possibile andare in controtendenza alla omologazione e la spinta deve essere la capacità di valorizzare le vocazioni univoche dei nostri territori, non è vero che siamo condannati a un mondo senza biodiversità governato da elite cosmopolite senza storia, senza terra e senza un rapporto con la tradizione". E' un passaggio dell'intervento del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, all'inaugurazione dell'anno accademico all'Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo.

15:32Figc: Sibilia, ora serve nuovo percorso

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "C'è stata una componente autorevole che ha pensato di non fare più parte della maggioranza e noi ne abbiamo preso atto. Ringraziamo Tavecchio per quello che ha fatto, ora il calcio ha bisogno di ripartire e cominciare un nuovo percorso". Lo ha detto il presidente della Lnd, Cosimo Sibilia, dopo il consiglio federale in cui Carlo Tavecchio ha annunciato le sue dimissioni. "Tavecchio ha parlato di sciacallaggio politico? Non so a cosa si riferisse", ha tagliato corto Sibilia. Quanto alla posizione preventiva della Lega Dilettanti sulle dimissioni di Tavecchio, Sibilia ha sottolineato come "il presidente abbia letto una dichiarazione e si è dimesso, il resto non conta. Quando siamo arrivati aveva già deciso. Posso solo dire che quando noi abbiamo partecipato al tavolo con le componenti abbiamo detto con chiarezza che serviva una maggioranza ampia per poter fare le riforme. Se questa maggioranza non c'è non possiamo andare avanti", ha concluso Sibilia lasciando la sede della Figc.

15:32Ostia: Di Pillo, governeremo con regole ferree

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Noi governeremo con regole ferree, non facendo entrare la criminalità nelle istituzioni. Fuori tutti, fuori tutte le persone che non seguono le regole e mai patti con nessuno. Faremo sempre bandi pubblici perché non è giusto fare affidamenti diretti. Dobbiamo stare a fianco delle forze dell'ordine che devono fare la loro parte e credo sia importantissimo lavorare a livello interistituzionale". Lo dice Giuliana Di Pillo (M5S), presidente eletta del municipio di Ostia, durante una conferenza stampa.

Archivio Ultima ora