Renzi prova a sminare il voto in Sicilia: “Test solo locale”

Pubblicato il 02 agosto 2017 da ansa

Il segretario del PD Matteo Renzi ad Agerola, in Costa d’Amalfi (Napoli)..
ANSA/CIRO FUSCO

ROMA. – “Le elezioni siciliane sono importantissime”. Ma non per “i giochi politici nazionali”. Matteo Renzi sbarca a Palermo per presentare il suo libro. E prova subito a derubricare il test regionale di novembre. I suoi avversari puntano a usare una eventuale sconfitta come grimaldello in vista delle politiche, per una spinta alla coalizione di centrosinistra magari con un altro candidato premier.

E il leader Dem lo dice subito chiaro e tondo: “Non è che se le elezioni qui vanno in un modo, si rifanno i congressi”. Anche per questo, Renzi fa sapere che non metterà bocca sulla scelta del candidato. Anzi, sembra tirare fuori dalla rosa il fedelissimo Davide Faraone: “Niente diktat da Roma”, dice. “Al Pd non interessa una bandierina in più”.

Il segretario arriva all’ex stabilimento Charleston, sul mare di Mondello, attorniato da numerosi esponenti del Pd locale, da Faraone al segretario Fausto Raciti, da Giuseppe Lupo ad Antonello Cracolici. Ci sono anche Rosario Crocetta, il presidente uscente che ha annunciato di volersi ricandidare nonostante la contrarietà dei Dem, e Leoluca Orlando, che con una coalizione senza simbolo Pd ha vinto al primo turno le comunali. Ed è proprio il “modello Palermo” che Renzi cita per costruire una coalizione: “Ci sono le condizioni per vincere”.

Ma la partita è tutta in salita, contro i favoriti Cinque stelle. E la preoccupazione dei Dem è arrivare terzi, dopo la coalizione di centrodestra. Perciò, mentre Mdp e Si provano a costruire una lista unitaria con Orlando, le diplomazie Pd, in asse con i centristi di D’Alia e Casini, sono al lavoro per tenere in coalizione Angelino Alfano, che con i voti di Ap rischia di essere determinante.

Non è facile, però, la ricerca del candidato governatore. I bersaniani condizionano l’ok alla coalizione alla persona che la guiderà, mentre il Pd vorrebbe seguire il percorso opposto (prima la coalizione). Nelle ultime settimane, dopo il no di Pietro Grasso, sono state vagliate diverse ipotesi e la scelta potrebbe ricadere su un centrista o, preferirebbero i renziani, un esponente della società civile.

Quel che è certo è che, nonostante il distacco ostentato da Renzi per la sfida “locale”, la Sicilia resta crocevia cruciale in vista delle politiche. Non solo un test per la difficile alleanza di centrosinistra, ma anche una prova per gli equilibri interni al Pd e per i giochi sulla legge elettorale. Silvio Berlusconi, che spinge per una modifica sul modello tedesco, prova da subito ad accelerare e Fi alla Camera ottiene che la discussione sul sistema di voto riprenda in commissione il 6 e 7 settembre, per portare il testo in Aula alla fine del mese.

L’accelerazione piace alla minoranza Pd. Andrea Orlando, nel lanciare l’associazione Dems che guarda a un centrosinistra largo, annuncia un’iniziativa della minoranza sulla legge elettorale a settembre. La speranza è si aprano margini, in asse con Franceschini e anche con Fi, per un premio di governabilità alla coalizione. Ma ad escluderlo sembra essere Renzi quando si dice pronto a riaprire il tavolo sul sistema di voto, ma solo se c’è un accordo sia con il Cav che con Grillo: il M5s al premio di coalizione è fermamente contrario.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

01:14Lasseter, capo Pixar, ammette molestie

(ANSA) - NEW YORK, 21 NOV - John Lasseter, il capo creative della Pixar e degli studi di animazione di Disney, si è messo in aspettativa citando una serie di "passi falsi" da lui compiuti. In un memo allo staff, l'executive che ha costruito i Pixar Animation Studios e resuscitato il business dei cartoni animati Disney, ha spiegato che la decisione è stata presa dopo una serie di "conversazioni difficili". L'aspettativa di Lasseter arriva sulla scia dello scandalo delle molestie sessuali scoppiato con le accuse al capo della Miramax, Harvey Weinstein.

01:09Champions: Mertens, qualificazione agli ottavi è possibile

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Insigne ha fatto un grande gol, un gol che ci voleva in una partita come questa e che ci ha sbloccato. Noi alla qualificazione ci crediamo: il City può passare il turno a punteggio pieno, per loro può essere una motivazione, e noi abbiamo le qualità per vincere in Olanda. Sono contento della prestazione della squadra, abbiamo fatto vedere che ci teniamo anche alla Champions". Così Dries Mertens dopo il successo per 3-0 sullo Shakhtar, nel quale il belga è stato l'autore della terza rete.

00:54Champions: Sarri, dimostrato che teniamo al torneo

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "La prestazione è stata buona, anche se abbiamo fatto 30-35 minuti in difficoltà per via del palleggio dei nostri avversari. Nel secondo tempo, quando siamo riusciti a sporcargli le uscite dalla difesa, siamo cresciuti. Mi fa piacere la prestazione e mi fa piacere aver dimostrato che ci teniamo alla Coppa, ma il nostro destino non è nelle nostre mani e ci dispiace: dobbiamo andare a vincere in Olanda e sperare in un risultato favorevole del City". Maurizio Sarri è soddisfatto della prestazione del suo Napoli, ma rammaricato sapendo che anche il successo in casa del Feyenoord potrebbe non bastare per raggiungere gli ottavi di Champions. Insigne ha avuto il grande merito di sbloccare una partita difficile contro un ottimo Shakhtar: "E' un giocatore di livello internazionale - gli riconosce Sarri nel dopo partita - Uno di quelli che vanno tenuti fuori delle rotazioni: a volte una ventina di minuti di riposo glieli concedo, ma ammetto che faccio fatica".

00:40Champions: Insigne, continuiamo a crederci

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Sapevamo che era importante fare risultato, ce l'abbiamo messa tutta e ne è valsa la pena: i sacrifici vengono ripagati. Continuiamo a crederci: non dipende solo da noi, ma l'importante è che cominciamo a vincere in Olanda, poi vedremo se il City batterà lo Shakhtar. Sappiamo che è difficile, ma noi dobbiamo fare il nostro". Lorenzo Insigne si mostra fiducioso dopo il largo successo sullo Shakhtar che lascia aperte le speranze di qualificazione agli ottavi. "Problemi al ginocchio? Un leggero fastidio, ma non sono mai stato in dubbio - ha aggiunto Insigne, uscito prima della fine - Gli elogi di Sarri fanno piacere: dal primo giorno che è arrivato mi ha dato fiducia e io cerco solo di ricambiarla con i gol e gli assist".

00:36Libano: Hariri è tornato a Beirut

(ANSA)- BEIRUT, 21 NOV - Il premier libanese Saad Hariri è tornato stasera a Beirut, due settimane dopo l'annuncio di dimissioni dato mentre si trovava in Arabia Saudita. Hariri aveva lasciato Riad sabato scorso con destinazione Parigi, ed ha fatto ritorno in patria passando prima dall'Egitto, quindi a Cipro, dove stasera ha visto il presidente Nicos Anastasiades. Il premier dimissionario è giunto a Beirut con un jet privato. Fino a due settimane fa Hariri era a capo di un governo di coalizione con i suoi oppositori interni, Hezbollah. Il suo annuncio di dimissioni del 4 novembre, fatto alla tv da Riad, aveva scioccato il Libano. Nel messaggio accusava Hezbollah di tenere in ostaggio il Paese, lasciando intendere che ci fossero pericoli per la sua vita.

00:23Champions: il Napoli ci crede, 3-0 allo Shakhtar

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il Napoli tiene viva la speranza di qualificazione agli ottavi di Champions grazie ad una partita superlativa contro lo Shakhtar Donetsk. Al San Paolo finisce 3-0 per la formazione di mister Sarri, con tutti i gol nella ripresa. A sbloccare il risultato è Lorenzo Insigne, al 10' con un gol capolavoro. L'attaccante si accentra e fa partire un tiro a giro che si insacca sotto l'incrocio dei pali, imprendibile per Pyatov. L'1-0 sarebbe già un buon risultato, ma serve la seconda rete per portarsi in vantaggio negli scontri diretti con gli ucraini, che in casa propria avevano vinto 2-1. Quando lo Shakhtar resta in 10 il Napoli dilaga con le reti di Zielinski e Mertens. Nell'altro incontro del girone il Manchester City, già qualificato, ha battuto gli olandesi del Feyenoord 1-0. Nella sesta ed ultima giornata per continuare il suo viaggio in Europa il Napoli deve andare a vincere in Olanda e confidare che il City espugni il campo dello Shakhtar.

22:39Cc morto in incidente, condanna camionista parcheggiato male

(ANSA) - PIACENZA, 21 NOV - E' stato condannato in Tribunale a due anni e sei mesi di reclusione il camionista moldavo coinvolto nell'incidente stradale che nel settembre 2014 costò la vita a un appuntato dei carabinieri di Piacenza, Luca Di Pietra, alla guida di una gazzella che si schiantò contro un Tir posteggiato lungo una curva a Castel San Giovanni. Nell'incidente rimase gravemente ferito il collega che era sulla gazzella con lui, l'appuntato scelto Massimo Banci. Il giudice ha accolto la richiesta di condanna avanzata dal pubblico ministero, disponendo anche una provvisionale di 225mila euro da suddividere tra la vedova e i figli del carabiniere morto, i suoi parenti e il collega sopravvissuto. Il legale dell'imputato, Marco Malvicini del Foro di Piacenza, aveva chiesto l'assoluzione dell'autista sostenendo che la posizione del mezzo pesante fosse stata ininfluente, e che l'auto dei carabinieri sarebbe comunque finita fuori strada a causa della velocità sostenuta. E ha annunciato ricorso in Corte d'appello. (ANSA).

Archivio Ultima ora