Mosca contro sanzioni Usa: “Difenderemo i nostri interessi”

Pubblicato il 03 agosto 2017 da ansa

Mosca: il Cremlino

MOSCA. – Il Cremlino condanna fermamente le nuove sanzioni americane contro Mosca firmate malvolentieri da Donald Trump. “Nessuno deve dubitare del fatto che la Russia difenderà i propri interessi”, ha messo in guardia il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, il quale però ha assicurato che la firma del presidente americano in calce alla legge “non cambia nulla”. E per un semplice motivo: “le misure di risposta” al provvedimento “sono già state adottate” dalla Russia la settimana scorsa, quando Putin ha ordinato di cacciare 755 persone che lavorano all’ambasciata e nei consolati Usa in territorio russo e di togliere agli Stati Uniti l’uso di una serie di magazzini e di un complesso di dacie.

Da parte sua, l’inquilino della Casa Bianca lancia la pietra e nasconde la mano: “Il nostro rapporto con la Russia – scrive su Twitter – è ai minimi di sempre e in maniera pericolosa. Potete ringraziare il Congresso”. Trump insomma non nasconde il suo scetticismo verso le sanzioni varate da Washington per punire le presunte interferenze russe nelle presidenziali dello scorso anno che hanno visto trionfare proprio lui.

Lo faccio “in nome dell’unità del Paese”, aveva spiegato il tycoon repubblicano che, incalzato dal Russiagate e pressato da Camera e Senato, non sottoscrivendo rischiava che i membri del suo stesso partito gli si rivoltassero contro. Ha preferito sacrificare i rapporti con Mosca a cui in campagna elettorale aveva promesso di dare nuova linfa. E ha inevitabilmente provocato l’ira del Cremlino.

La reazione forse più dura è arrivata dal premier Dmitri Medvedev: la firma delle sanzioni – ha tuonato il fido scudiero di Putin – rappresenta “la fine della speranza di migliorare i rapporti” tra Mosca e la nuova amministrazione americana, e indica inoltre che “alla Russia è stata dichiarata una guerra commerciale a pieno titolo”.

Poi, violando la regola secondo cui (in teoria) Mosca non si interessa degli affari interni di altri Stati, Medvedev ha lanciato una stoccata contro Trump, accusandolo di aver “dimostrato una totale impotenza” e di aver passato “nel modo più umiliante i poteri dell’esecutivo al Congresso”, che in effetti è riuscito a forzare la mano al presidente americano limitandone l’autorità su un’eventuale abolizione delle sanzioni.

Le sanzioni – che preoccupano pure l’Ue per le minacce ai suoi interessi nel settore energetico – hanno fatto alzare la voce anche al ministero degli Esteri russo: le restrizioni – avvertono dal dicastero – rappresentano “una linea molto poco lungimirante, anche pericolosa” e “potrebbero minare quella stabilità per la quale proprio Mosca e Washington hanno una responsabilità particolare”. Poi la pillola è stata un po’ addolcita: la Russia – fanno sapere da Mosca – è comunque disponibile “a cooperare con gli Usa” laddove è “utile”.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

17:13Gb: base Raf in ‘lockdown’

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - La base della Raf di Mildenhall, nel Suffolk, che ospita anche gli aerei dell'aviazione militare Usa, è in 'lockdown' dopo che un uomo a bordo di un'auto avrebbe cercato di forzarne l'ingresso. Ne dà notizia Sky News, secondo cui sarebbe stato compiuto un arresto.

17:10Gb: ecco la foto Natale di William e Kate coi figli

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - I duchi di Cambridge scelgono il colore azzurro per la foto ufficiale di questo Natale. William e Kate coi figli George e Charlotte sono stati immortalati per le festività dal fotografo reale Chris Jackson e tutti hanno indossato abiti di tonalità simili. L'immagine, che appare sui biglietti di auguri della famiglia, viene diffusa nello stesso giorno in cui Kensington Palace annuncia che la piccola Charlotte, due anni, a partire da gennaio frequenterà l'asilo: si tratta della prestigiosa, e costosa, Willcocks Nursery School, che si trova vicino alla residenza londinese dei duchi.

17:00Da Tribunale Napoli ok status rifugiato a lesbica nigeriana

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Il Tribunale di Napoli ha concesso ad una ragazza lesbica di origini nigeriane lo status di rifugiato. La ragazza, rende noto Arcigay Napoli, era scappata dal proprio paese nel 2015 dopo che il padre aveva saputo della sua omosessualità: per evitare il linciaggio e la morte ha attraversato il Niger e la Libia per approdare infine in Italia dove nel 2016 ha inoltrato la domanda di protezione internazionale. La domanda è stata in un primo momento rigettata dalla Commissione territoriale di Crotone che ha considerato, si legge nella nota, "poco credibile il racconto della ragazza, acquisito attraverso una videoregistrazione". A seguito di un ricorso e alla convocazione personale della ragazza, il Tribunale di Napoli ha riconosciuto lo status. "Una decisione molto importante - afferma Mara Biancamano, referente legale dello sportello MigraAntino di Arcigay Napoli - Il giudice ha ritenuto che non esistono parametri oggettivi ai quali si possa ancorare il giudizio sull'orientamento sessuale".

16:49Renzi a Di Maio, uscita da euro è follia per economia

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Stavolta Di Maio ha fatto chiarezza, bisogna ammetterlo: lui voterebbe per l'uscita dall'Euro. Io dico invece che sarebbe una follia per l'economia italiana". Lo scrive su twitter il segretario del Pd Matteo Renzi, commentando le parole del candidato M5s Luigi Di Maio che voterebbe sì in caso di un referendum come "extrema ratio" per l'uscita dall'euro.

16:48F1: la nuova Ferrari sarà presentata il 22 febbraio

(ANSA) - MARANELLO (MODENA)), 18 DIC - La Ferrari che disputerà il prossimo mondiale di F1 sarà presentata via web il 22 febbraio. Lo hanno annunciato Sergio Marchionne, Maurizio Arrivabene e Mattia Binotto durante il pranzo con la stampa specializzata per lo scambio degli auguri di Natale. A differenza dello scorso anno però la monoposto non scenderà in pista a Fiorano lo stesso giorno ma la domenica successiva a Barcellona per il "Filming day", il test privato a uso degli sponsor consentito dal regolamento Fia.

16:43Mondiali: Spagna, Villar attacca Governo

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Il Consiglio di Stato sta facendo in modo che la Federazione non rispetti le leggi, pretende che si annullino le elezioni senza che la legge lo consenta e sarà l'unico responsabile se la Spagna dovesse restare fuori dal Mondiale". Lo ha detto, attaccando il Governo di Madrid e negando di aver sollecitato l'azione della Fifa, il presidente federale Angel Maria Villar, sospeso dopo lo scandalo scoppiato in estate quando fu arrestato per corruzione. Villar ha negato "categoricamente" qualsiasi sua azione nei confronti della Fifa, preoccupata per le ingerenze governative sulla federazione, in particolare dall'ipotesi di nuove elezioni. Dopo lo scandalo scoppiato in estate, il Consiglio Superiore dello Sport (di fatto, il governo) vorrebbe che le elezioni venissero ripetute e ha investito della questione il Consiglio di Stato, di cui attende ora il parere. Un'ingerenza, agli occhi della Fifa, secondo cui un passaggio del genere costituirebbe una violazione del proprio statuto.

16:43Corruzione: 6 anni a ex direttore Entrate Genova Pardini

(ANSA) - GENOVA, 18 DIC - Sei anni di condanna per l'ex direttore dell'Agenzia delle entrate di Genova Walter Pardini. La sentenza, con rito abbreviato, è stata emessa dal gup Franca Borzone. Pardini era stato arrestato ad aprile mentre intascava una tangente da 7.500 euro da tre consulenti della Securpol, società campana di vigilanza e logistica. Condannati a quattro anni il commercialista Francesco Canzano (difeso dall'avvocato Paolo Scovazzi) e a tre anni il collega genovese Stefano Quaglia (l'unico a non essere stato arrestato). L'avvocato Luigi Pelella e il commercialista Massimo Alfano hanno invece già patteggiato tre anni e sei mesi di carcere. Pardini è stato anche condannato al pagamento di una provvisionale di 50 mila euro. Erano stati arrestati all'uscita del ristorante "Manuelina". La mazzetta era un "acconto" di una tangente più grande. Al vaglio altre transazioni di cui Pardini si era occupato: indagati 4 dirigenti della Chevron e il commercialista di Flavio Briatore e due funzionarie di Entrate per il Force One.

Archivio Ultima ora