La lunga crisi e i dieci anni che sconvolsero il mondo

Pubblicato il 06 agosto 2017 da ansa

Il crac Lehman il 15 settembre 2008

ROMA. – Dai mutui subprime, ai debiti sovrani, all’attacco all’euro, alla Brexit alla crisi dell’Europa sfiorata, forse scongiurata, forse di nuovo imminente. Poi le tensioni internazionali a farle da cornice, da quelle in Ucraina alla guerra in Siria con il dramma dei profughi. La grande crisi compie dieci anni e dopo essere diventata la ‘tempesta perfetta’ in grado di scuotere dalle fondamenta il sistema mondiale, sembra adesso scemare ma non finire.

L’Italia per la prima volta dopo anni corregge al rialzo la propria crescita e gli organismi internazionali lo certificano, la disoccupazione è scesa dai picchi del 2012 ma la strada per tornare ai livelli pre-crisi è ancora lunga mentre la solidità del sistema bancario sembra garantita ma non ancora totalmente definita.

Tutto inizia il 9 agosto del 2007 quando Bnp Paribas lancia l’allarme congelando tre fondi che investono in obbligazioni Usa garantite da mutui immobiliari subprime appunto. Lo stesso giorno la Fed inietta sul mercato 95 miliardi di dollari, dando il via a una fase di misure d’emergenza e salvataggi con i soldi pubblici. In autunno dello stesso anno ci sono i clienti di Northern Rock in fila per ritirare i depositi.

La crisi finanziaria, iniziata con l’implosione dei bond ‘subprime’ (garantiti cioè da mutui ad alto rischio) e ben presto estesa alle banche culmina con il crac Lehman il 15 settembre 2008 e subito dopo coinvolge il nocciolo duro del sistema economico, precipitando Usa ed Europa nella peggior recessione dagli anni Trenta a cui segue una ripresa lenta, irregolare, non sufficientemente sorretta da politiche economiche azzeccate in gran parte del mondo. Soltanto la Germania sembra aver imboccato da subito la strada giusta.

Tra il 2007 e il 2009 la chiusura dei rubinetti del credito bancario gela inoltre i consumi e gli investimenti, mentre gli interventi di salvataggio gonfiano a dismisura deficit e debiti pubblici costringendo Ue, Fmi e Bce (la temuta Troika) a varare un piano di salvataggio senza precedenti per la Grecia nel maggio 2010.

L’anno dopo sono tutti i debiti sovrani a entrare in fibrillazione e la memoria torna quindi a sei anni fa esatti, quando una lettera della Bce datata 5 agosto con una serie di ‘raccomandazioni’ da adottare rende evidente la gravità dello stato dell’economia e anticipa la richiesta, neanche tanto velata, di commissariamento che sarebbe arrivata con il vertice di Cannes del novembre 2011, che solo le dimissioni di Silvio Berlusconi, il successivo governo di Mario Monti e la regia del Quirinale su tutta la vicenda riescono ad evitare.

Intanto le misure messe in atto per superare la crisi di fatto generano un altro mostro, quello dell’indebitamento pubblico, arrivando a colpire appunto i paesi più vulnerabili, in particolare la Grecia, poi l’Irlanda, il Portogallo, commissariati, poi la Spagna, che chiede nel 2012 il sostegno finanziario per le banche e l’Italia dove in tre anni si varano il Salva-Italia, il Cresci-Italia, Destinazione-Italia, lo Sblocca-Italia con risultati difficili da quantificare.

In questi anni il bilancio su come superare il più importante choc subito dai mercati dal dopoguerra è fatto di poche luci e molte ombre. Complici le misure impopolari e le manovre lacrime e sangue che sono state approvate per fronteggiare i momenti più delicati e che ora tutti vogliono evitare di assumere per le ricadute sociali e depressive.

Effetti che producono diffidenza nella politica e nelle scelte dell’Europa fino a portare in alto i movimenti ‘sovranisti’, tanto da vedere il Regno Unito lasciare l’Ue nel 2016. Soltanto le lezioni in Olanda con il mantenimento dello status quo e l’arrivo di Macron all’Eliseo quest’anno sembrano aver disinnescato la disgregazione dell’Europa.

Dal 2007 del resto tutto è cambiato, gli Usa perdono la tripla A, seguiti poi dalla Francia. Responsabile della bocciatura è Standard & Poor’s, una delle agenzie di rating messe sotto accusa per non aver saputo prevedere la crisi all’inizio e nonostante questo rimaste inspiegabilmente impunite a dire ai Governi cosa fare o no. Dopo l’Orso su tutti i mercati del mondo, le politiche monetarie accomodanti fino al limite del possibile portate avanti da Fed e Bce inondano i mercati di liquidità a basso prezzo ma con il rischio di nuove bolle finanziarie.

La Bce in questi anni tenta da subito di arginare la sfiducia su Bonos e Btp (i titoli pubblici decennali di Spagna e Italia), due dei termini arrivati ad arricchire il vocabolario della crisi, avendo imparato a conoscere prima i subprime, poi i default, i fondi salva-stati e gli spread.

Mario Draghi assicura da Londra nel luglio 2012 che farà ”whatever it takes” per salvare l’euro e manterrà la parola usando il bazooka, ovvero misure non convenzionali, fino all’acquisto di bond di Stato per fronteggiare la grande crisi. E gran parte della ripresa, l’assestamento dopo il grande terremoto di dieci anni fa si deve proprio a lui.

Ultima ora

08:47India: camion carico di operai in una scarpata

(ANSA) - NEW DELHI, 21 OTT - Dieci operai indiani sono morti all'alba di oggi quando l'autocarro su cui viaggiavano insieme ad altri 20 compagni, che sono rimasti feriti, è uscito di strada finendo in una scarpata nello Stato centrale di Maharashtra. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. La polizia, che ha coordinato i soccorsi, ha reso noto che l'autista ha perso il controllo dei veicolo, in viaggio fra Karad e Solapur, mentre affrontava una difficile curva vicino alla città di Tasgaon del distretto occidentale di Maha.

08:43Usa: G.W. Bush è stato il presidente più distruttivo

(ANSA) - ANAHEIM, 21 OTT - George W. Bush è stato il presidente più "distruttivo" nella storia degli Stati Uniti. Lo ha dichiarato Steve Bannon durante una convention del partito repubblicano in California. L'ex consigliere di Donald Trump ha utilizzato parole durissime contro Bush definendolo "inetto" e "imbranato". E in riferimento al recente attacco sferrato dall'ex presidente contro l'amministrazione Trump Bannon ha attaccato: "Non sa quello che dice ne' dove sta andando, esattamente come quando era presidente".

08:42Agguato in un bar a Catania, grave il titolare

(ANSA) - CATANIA, 21 OTT - Agguato la notte scorsa in un bar della zona alta di viale Mario Rapisardi a Catania dove almeno due uomini hanno fatto irruzione sparando diversi colpi di pistola contro il titolare. Angelo Torrisi, di 47 anni, proprietario dell'omonimo esercizio, che era seduto, è rimasto ferito in più parti del corpo. Soccorso è stato trasportato nell'ospedale Garibaldi dove è ricoverato con la prognosi riservata. Per i medici le sue condizioni sono molto gravi. Nonostante la modalità dell'agguato la squadra mobile della polizia di Stato, che indaga, pur non escludendo alcuna ipotesi, ritiene più probabile che il tentativo di omicidio possa essere maturato nella sfera personale della vittima, che non aveva precedenti penali. Per questo gli investigatori stanno cercando di ricostruire la sua personalità e le sue ultime frequentazioni, sentendo familiari e amici, per risalire a elementi utili alle indagini. La Procura di Catania ha aperto un'inchiesta.

08:38India: camion carico di operai in una scarpata

(ANSA) - NEW DELHI, 21 OTT - Dieci operai indiani sono morti all'alba di oggi quando l'autocarro su cui viaggiavano insieme ad altri 20 compagni, che sono rimasti feriti, è uscito di strada finendo in una scarpata nello Stato centrale di Maharashtra. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. La polizia, che ha coordinato i soccorsi, ha reso noto che l'autista ha perso il controllo dei veicolo, in viaggio fra Karad e Solapur, mentre affrontava una difficile curva vicino alla città di Tasgaon del distretto occidentale di Maha.

07:39Afghanistan: talebani, sparati tre razzi in centro Kabul

(ANSA) - KABUL,21 OTT - I talebani afghani hanno sparato oggi all'alba tre razzi che si sono schiantati nella 'zona verde' al centro di Kabul. Secondo i primi rilievi i razzi hanno colpito le aree di Wazir Akbar Khan e Shash Darak. Uno di essi ha centrato un muro esterno dell'ambasciata dell'Arabia Saudita, mentre un altro è caduto non lontano dal quartier generale della Nato. L'operazione è stata rivendicata dai talebani che hanno parlato di "molte vittime" in un attacco per cui tuttavia non esiste un bilancio ufficiale. Secondo alcune fonti sono due i razzi atterrati vicino al quartier generale della Nato e della Missione 'Resolute Support', un'area che ospita anche edifici governativi afghani e numerose ambasciate. Il fragore delle esplosioni ha causato allarme e fatto scattare le sirene nei compound della Nato e delle rappresentanze diplomatiche straniere. L'operazione rivendicata dai talebani giunge poche ore dopo la strage compiuta ieri sera, e rivendicata dall'Isis, di decine di persone nella moschea sciita dell'Imam Zaman

05:54Argentina: Maldonado, fratello identifica cadavere

(ANSA) - BUENOS AIRES, 21 OTT - Sergio Maldonado, fratello maggiore di Santiago - il giovane artigiano sparito lo scorso 1 agosto durante la repressione di una protesta degli indigeni mapuche in Patagonia - ha detto oggi che il corpo ritrovato nel fiume Chubut è quello del fratello. "Abbiamo riconosciuto i suoi tatuaggi, siamo convinti che si tratti di Santiago", ha detto, parlando con la stampa davanti all'obitorio giudiziario di Buenos Aires, dove un gruppo di una ventina di esperti ha esaminato il cadavere scoperto martedì scorso a circa 300 metri dal posto dove suo fratello era stato visto per ultima volta.

23:52Calcio: Bari-Cittadella 4-2

(ANSA) - BARI, 20 OTT - Una vittoria che vale il (temporaneo) secondo posto in classifica: il Bari, nel secondo anticipo della decima giornata, davanti agli oltre quindicimila spettatori del San Nicola, ha battuto il Cittadella per 4-2, confermando il buon momento di forma con il terzo risultato utile di fila. La squadra di Fabio Grosso, dopo un avvio da incubo e un gol di svantaggio rimediato al 2' con una incornata di Salvi, è cresciuto arrivando a dilagare nel finale. Il pari dei pugliesi è arrivato al 20' con un colpo di testa di Basha; nella ripresa al 3' il vantaggio di Improta (settima realizzazione stagionale) al termine di una azione elaborata con ben cinque rapidi passaggi prima della conclusione che ha battuto il portiere Alfonso. Poi i veneti hanno avuto una occasionissima con Chiaretti al 9', ma Micai ha compiuto una prodezza. Il terzo centro è firmato da Galano (quinto gol) in contropiede, mentre il poker è siglato sempre Basha (doppietta). Al 37' Pasa ha accorciato le distanze per la squadra di Venturato.

Archivio Ultima ora