Migranti, rabbia e amarezza del ministro Minniti: “Tutela o lascio”

Pubblicato il 07 agosto 2017 da ansa

Il ministro dell’Interno Marco Minniti in Senato durante il voto di fiducia del disegno di legge sul mercato e la concorrenza Roma 2 agosto 2017. ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Arrabbiato, deluso, amareggiato: “o mi tutelate o lascio. Se la linea politica non è più condivisa, il mio compito è finito”. Marco Minniti ha deciso di non partecipare al Consiglio dei ministri. E di far capire ai suoi interlocutori – primo tra tutti il premier Gentiloni, al quale sembra che abbia scritto una lettera – che si sarebbe dimesso se non ci fosse stata una presa di posizione forte a sostegno delle scelte sulle politiche migratorie.

Le polemiche dell’opposizione, le titubanze di parte della sinistra e dello stesso Pd, ma soprattutto i retroscena sui giornali in cui fonti di governo lasciavano trapelare dubbi sulla linea adottata con il varo del Codice delle Ong, sono stati per il titolare del Viminale un punto di non ritorno. Il nodo è sempre lo stesso, il comportamento da tenere in mezzo al mare.

La linea del Viminale e del ministro è chiara: chi non ha firmato il Codice è fuori dai soccorsi ‘ufficiali’ e, dunque, non può portare i migranti nei porti italiani. Una linea che viene disattesa se, come è accaduto sabato scorso con Msf, la Guardia Costiera chiede l’intervento, raggiunge in mare le navi delle Ong non firmatarie e poi prende a bordo i migranti soccorsi. E’ qui che è nato il problema con Delrio.

Al ministero delle Infrastrutture, da cui dipende la Guardia Costiera, ribadiscono però che ci si è sempre attenuti alle norme internazionali e che lo stesso Codice prevede la possibilità di trasbordo “in caso di richiesta” del centro di Coordinamento della Guardia Costiera. Ecco perché Minniti, ribadiscono diverse fonti qualificate che hanno parlato con il ministro, più che un chiarimento con i suoi colleghi di governo, ha preteso e ottenuto una presa di posizione che indicasse chiaramente quale sia la linea politica dell’esecutivo.

Anche perché, è stato il suo ragionamento, non ci si può permettere di vacillare nel momento in cui, dopo anni di caos si comincia a vedere una linea retta in tema di immigrazione. Ma non solo: si cominciano a vedere anche i risultati. Con la Guardia Costiera libica che ha cominciato a riportare indietro i barconi che salpano da Zawia, Zuhara, Sabratha e Garabulli e con il numero degli sbarchi che continua, ormai da una settimana, ad essere in calo: ad oggi sono arrivati 96.438 migranti, il 3,3% in meno rispetto ai 99.727 sbarcati nello stesso periodo del 2016.

E nel giorno più difficile da quando è ministro, Minniti ha portato a casa un altro risultato: Sos Mediterranee, una delle Ong che non ha ancora firmato il Codice di condotta, ha chiesto un incontro al Viminale giovedì proprio per “chiarire la sua posizione” in merito al codice “in vista della possibile sottoscrizione”. Segno che, sottolineano le fonti, la linea è quella giusta e non si torna indietro.

(di Matteo Guidelli/ANSA)

Ultima ora

20:58Sci: Italia Team, gigantisti in Argentina

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Continua secondo programma il raduno dei gigantisti azzurri già presenti sulle nevi di Ushuaia. In Argentina sono presenti Stefano Gross, Simon Maurberger, Manfred Moelgg, Tommaso Sala e Patrick Thaler che sinora hanno potuto lavorato sette giorni con buone condizioni di pista, intervallati con un giorno di riposo previsto in anticipo. In tre giornate sono state svolte una doppia sessione al mattino e al pomeriggio, alternando tracciati e le specialità di gigante e slalom. Domenica è piovuto al mattino e le condizioni non erano buone, tuttavia il gruppo è riuscito a sciare ugualmente al pomeriggio, quando é arrivato il freddo. Il quintetto rimarrà nella Terra del Fuoco fino al 5 settembre e nelle prossime ore verrà raggiunto dalla parte restante del team composto da Giovanni Borsotti, Luca De Aliprandini, Roberto Nani e Riccardo Tonetti. Questi ultimi si trasferiranno poi a Valle Nevado dal 5 settembre (dove troveranno Florian Eisath), insieme ai velocisti che nel frattempo saranno arrivati in Cile.

20:57Calcio: Preziosi, Genoa con Juve cercherà di fare la gara

(ANSA) - GENOVA, 22 AGO - "Giocheremo in casa e il nostro spirito sarà quello di cercare di fare la partita e di non mollare di un centimetro. D'altra parte si vede anche dall'intensità degli allenamenti e da quanto sono duri. Sarà una partita difficilissima ma vogliamo ben figurare nonostante le forze in campo siano diverse. Di sicuro non saremo una comparsa". Parole di Enrico Preziosi, presidente del Genoa, in visita oggi al centro sportivo Signorini per seguire gli allenamenti dei suoi giocatori. Il prossimo obiettivo si chiama Juventus, che i rossoblù affronteranno sabato al Ferraris in anticipo. Preziosi ha anche analizzato il pareggio dell'esordio a Reggio Emilia contro il Sassuolo. "Avremmo meritato la vittoria ma nel calcio capita che chi gioca meglio non sempre vince", ha detto.

20:45Calcio: Cristiano Ronaldo, confermata squalifica 5 turni

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Anche l'ultimo giudice sportivo d'appello, il Tribunale amministrativo dello sport (Tad), ha confermato le cinque giornate di squalifica inflitte a Cristiano Ronaldo per la spinta all'arbitro dopo l'espulsione nella partita di andata della finale di Supercoppa di Spagna contro il Barcellona. Il Real Madrid aveva presentato ricorso sperando in un piccolo sconto, ma non c'è stato niente da fare. Così il fuoriclasse portoghese. che ha già saltato il ritorno di Supercoppa e l'esordio in Liga a La Coruna, sarà assente anche per le prossime tre partite di campionato contro Valencia, Levante e Real Sociedad tornando in campo solo il 20 settembre al Santiago Bernabeu contro il Betis Siviglia.

20:37Calcio: Champions, Celtic qualificato alla fase a gironi

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Il Celtic è la prima squadra a qualificarsi per la fase a gironi di Champions League. Gli scozzesi sono stati battuti in Kazakhstan dall'Astana per 4-3 ma passano in virtù del successo per 5-0 nella partita di andata. Questa la successione delle reti: nel pt al 26' aut. Ajer (A), al 34' Sinclair (C); nel st al 2' Muzhikov (A), al 3' e 23' Twumasi (A), al 35' Ntcham (C), al 45' Griffiths (C).

20:26Taekwondo: n.1 Fita Cito nel Consiglio WT

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Il n.1 della World Taekwondo, Chungwon Choue, ha nominato il presidente della Federazione italiana Taekwondo (Fita), Angelo Cito, nuovo componente del Consiglio mondiale WT. Riconfermati alla vicepresidenza il membro Cio Coliseo Eduardo Dibos (Perù) e il n.1 della federazione azera, Kamaladdin Heydarov. Nominati anche altri tre membri al Consiglio: il membro Cio Aicha Garad Ali (Gibuti), il presidente della federazione di Trinidad e Tobago, Anthony Ferguson, e Marliu de Veer (Aruba). "Ci stiamo concentrando nel far ritornare l'atleta al centro del nostro mondo e stiamo aggiornando le attività umanitarie - ha detto Chungwon Choue -. Per far questo abbiamo aggiunto nuovi membri al nostro team di leadership. Gli ultimi appuntamenti hanno reso necessario una vasta gamma di competenze, talenti, contatti e persone che, quando saranno unificate sotto il Consiglio WT, aiuteranno la nostra organizzazione a raggiungere nuovi e ambiziosi obiettivi".

20:18Corea Nord: ira Cina per sanzioni Usa, ‘via subito’

(ANSA) - NEW YORK, 22 AGO - "Gli Usa devono correggere immediatamente il loro errore di sanzionare le aziende cinesi per la Corea del Nord": così Pechino replica alle nuove misure annunciate dal Dipartimento al Tesoro americano, per bocca del portavoce presso l'ambasciata cinese a Washington.

19:53Ciclismo: Tour Poitou-Charentes, prima tappa a Viviani

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Nuova vittoria del campione olimpico Elia Viviani (Sky) che a due giorni dal successo alla Cyclassic di Amburgo, ha vinto la prima frazione del Tour du Poitou- Charentes, corsa in cinque tappe che si disputa nell'omonima regione della Francia. Al termine dei 199,5km tra Bressuire e Saintes, il 28enne veronese si è imposto in volata battendo il francese Nacer Bouhanni e l'italiano Danilo Napolitano.

Archivio Ultima ora