Le stime della Ragioneria, pensioni a rischio con cambio scatti

Pensioni a rischio con cambio scatti
Pensioni a rischio con cambio scatti

ROMA. – Lo stop all’adeguamento automatico dell’età di uscita alla speranza di vita non solo comporterebbe un “significativo peggioramento del rapporto fra spesa pensionistica e Pil” ma causerebbe anche “un abbattimento crescente nel tempo dei tassi di sostituzione”, ovvero del rapporto tra l’ultima retribuzione e l’assegno. L’allerta arriva dalla Ragioneria generale dello Stato. Insomma, si potrebbe dire, ‘pensionato avvisato mezzo salvato’, chi spinge per andare via prima deve essere consapevole che poi avrà pensioni più povere.

Nel Rapporto sulle “tendenze di medio-lungo periodo del sistema pensionistico”, firmato Rgs, si stima, con il blocco dell’età, un taglio progressivo nell’arco di cinquant’anni, a partire dal 2020: fino a raggiungere “12,8 punti percentuali per un lavoratore dipendente”, da oltre il 60% a meno del 50% della busta paga, “e 10 punti percentuali per un lavoratore autonomo”.

Bloccando l’età a 66 anni e 7 mesi (e a 67 dal 2021) si determinerebbe secondo la Ragioneria un “peggioramento anche dell’adeguatezza delle prestazioni pensionistiche rispetto alla normativa vigente”. Pensioni da ‘peso piuma’ che si spigherebbero sia con il “più basso coefficiente di trasformazione”, la quota dello stipendio che viene tradotto in pensione, legato all’età di uscita, e sia con “la corrispondente minore anzianità contributiva”, visto che si cumulerebbero meno anni di lavoro.

Mantenendo invece l’automatismo, che inevitabilmente fa salire l’età, il divario tra pensione e retribuzione non si scosterebbe di molto rispetto ai livelli di oggi. Il prezzo da pagare è però un abbandono al mondo del lavoro ritardato, che, stando alle attuali previsioni, aumenterebbe a 68 anni dal 2031 e a 70 anni dal 2057.