Argentina: Macri sotto esame, l’ombra di Cristina sulle primarie

Pubblicato il 10 agosto 2017 da ansa

Macri sotto esame, l’ombra di Cristina sulle primarie

BUENOS AIRES. – Sarà il voto della continuità alla Casa Rosada di Mauricio Macri o quello del ritorno di Cristina Fernandez de Kirchner? E’ questa la sfida al centro delle primarie in programma domenica in Argentina. Nelle ‘Paso’ (Primarie Aperte Simultanee e Obbligatorie) si scelgono i diversi candidati dei partiti: di fatto, spianano la strada alle elezioni legislative di medio termine (22 ottobre).

Sotto i riflettori ci sono i rappresentanti del macrismo e quelli dei tre tronconi nei quali oggi è diviso il peronismo, dove la ‘star’ rimane comunque lei, la ex ‘presidenta’ Kirchner, per tutti a Buenos Aires più semplicemente Cristina.

Per i 33 milioni di argentini chiamati al voto la scelta è quindi tra una conferma del modello pro-mercato di Macri e il ritorno al recente passato peronista segnato da uno statalismo onnipresente. Tutti gli sguardi puntano sulla Kirchner, che aspira a diventare senatrice nella provincia di Buenos Aires, distretto chiave e storico serbatoio di voti per il peronismo: un elettorato per il quale è oggi centrale soprattutto l’economia e del tutto insensibile alle accuse di corruzione piovute in questi mesi contro Cristina e il suo governo.

Il tallone di Achille di Macri è proprio l’economia, che stenta a decollare. La Casa Rosada cerca di convincere gli elettori che la situazione migliorerà quanto prima, senza nascondere che in effetti sperava di arrivare alle ‘Paso’ con dati più positivi su consumi, prezzi, occupazione e povertà. Probabilmente a Macri non basterà martellare, come ha fatto in questi giorni, sul ricordo della pesante eredità lasciata da 12 anni di kirchnerismo al potere. E neppure l’implosione del Venezuela, utilizzata come uno spauracchio in chiave anti-peronista.

Uno scenario possibile è che nel duello di Buenos Aires Cristina riesca a sconfiggere il candidato macrista, l’ex ministro Esteban Bullrich, che in questi giorni ha tra l’altro inanellato una gaffe dopo l’altra. A livello nazionale riusciranno invece a imporsi gli uomini di Macri, ma la vera partita rimane Buenos Aires: se Cristina vince, renderà la vita impossibile a Macri. Se perde, per la 64/enne ex ‘presidenta’ sarà un ko definitivo.

Se invece sarà il macrismo a cantare vittoria, o a pareggiare, il presidente avrà la strada spianata per le elezioni di ottobre. In caso invece di una sconfitta, il paese potrebbe entrare in una ennesima fase di instabilità economica. Di fatto c’è che in questi giorni nel mercato dei cambi il dollaro si è rafforzato: e a Buenos Aires è proprio la quotazione del biglietto Usa a misurare, come nessun altro indicatore, la temperatura politica del paese.

(di Martino Rigacci/ANSA)

Ultima ora

20:18Calcio: Napoli, Sarri, Mertens non è in dubbio

(ANSA) - NIZZA, 21 AGO - "Ho parlato con il medico e non credo che Mertens sia in dubbio". Lo ha detto Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro il Nizza per il playoff di Champions League. L'attaccante belga non si è allenato stamattina, ma Sarri ha spiegato: "Ha subito un colpo - ha detto - ad un dito di un piede, le scarpe gli davano un po' fastidio e l'ho spedito in palestra anche se lui voleva allenarsi. La scelta è stata più mia che sua, ma parlando con lui e col dottore nessun vede grosse problematiche".

20:17Barcellona: la famiglia di Gulotta torna con la salma

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - Dovrebbero tornare insieme alla salma di Bruno Gulotta i familiari del trentacinquenne di Legnano che si trovavano con lui a Barcellona quando c'è stato l'attentato che lo ha ucciso. Oltre alla compagna Martina e ai due figli, Alessandro e Aria, che erano con lui al momento della tragedia, a quanto si apprende, sono arrivati a Barcellona anche il fratello di Bruno, che si trovava già in Spagna, e il padre.

20:15Atletica: scandali Iaaf, Tas conferma tre squalifiche a vita

(ANSA) - LOSANNA (SVIZZERA), 21 AGO - Il Tas di Losanna ha confermato la squalifica a vita per tre dirigenti del mondo dell'atletica rimasti coinvolti negli scandali verificatisi in seno alla Iaaf durante la presidenza di Lamine Diack. Uno dei tre che hanno avuto la pena sportiva confermata dal Tribunale di Arbitrato è proprio il figlio di Diack, Papa Massata Diack, all'epoca consulente nel marketing della federazione, colpevole di aver ricevuto denaro per occultare dei casi di positività al doping. E' ricercato dall'Interpol. Lo stesso vale per l'ex tesoriere della federazione internazionale, il russo Valentin Balakhnicev, coinvolto in patria anche nel cosiddetto 'doping di Stato'. Il terzo squalificato a vita è l'allenatore Alexei Melnikov, che ha più volte somministrato sostanze proibite a suoi atleti, e anche lui operante nell'ambito del 'doping di Stato'.

20:06Terremoto: Save the Children lancia allarme scuole

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - A un anno dal sisma e a pochi giorni dalla riapertura delle scuole, Save the Children esprime preoccupazione per le criticità che i minori dovranno affrontare con l'avvio del nuovo anno scolastico. Stando agli ultimi dati a disposizione dell'Organizzazione, su 2.409 edifici scolastici con più 84 mila studenti e alunni iscritti solo 1.585 sono stati dichiarati completamente agibili. Sarebbero, dunque, 824 le strutture non agibili (delle quali 146 totalmente inagibili). Le cifre diffuse dalla Protezione civile nel corso della conferenza stampa promossa oggi da Palazzo Chigi sullo stato della ricostruzione post-terremoto, confermano che il 34% delle scuole dove sono stati effettuati i sopralluoghi è risultato inagibile. Entro il mese di febbraio 2018, come reso noto da Errani, dovrebbero essere completati i lavori di costruzione di 21 nuovi edifici scolastici; ulteriori 87 scuole, inoltre, saranno messe in sicurezza nel corso di 2 anni.

20:04Multato per parcheggio insulta disabile, pm Monza indaga

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - Un'inchiesta per "diffamazione aggravata" è stata aperta dalla Procura di Monza per arrivare all'individuazione della persona che, dopo essere stato multata per aver parcheggiato in un posto riservato alle persone disabili, ha lasciato nel parcheggio sotterraneo di un centro commerciale di Carugate (Milano) un cartello con insulti di questo genere: "a te handiccappato che ieri hai chiamato i vigili per non fare due metri in più vorrei dirti questo: a me 60 euro non cambiano nulla ma tu rimani sempre un povero handiccappato ... sono contento che ti sia capitata questa disgrazia!". Il Questore di Milano Marcello Cardona, si legge in una nota, "ieri sera, avuta notizia del fatto, e ritenendo i contenuti del cartello violenti e lesivi della dignità delle persone con disabilità, ha disposto sin da subito che le volanti dell'Ufficio Prevenzione Generale intervenissero sul posto per fare chiarezza e individuare l'autore del gesto".

19:53Incendi: 29 richieste intervento aereo

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Dalle prime ore del giorno gli equipaggi di Canadair ed elicotteri della flotta aerea dello Stato, coordinati dal Dipartimento della Protezione Civile, hanno ripreso le operazioni di spegnimento dei numerosi incendi boschivi. Al momento sono 29 le richieste di concorso aereo ricevute dal Centro Operativo Aereo Unificato del Dipartimento dalle Regioni. In particolare, 7 sono pervenute dalla Calabria, 5 dalla Campania e altrettante dal Lazio, 3 ciascuna da Abruzzo e Sicilia, 2 dalla Basilicata e una rispettivamente da Piemonte, Toscana, Molise e Puglia. L'intenso lavoro svolto dai piloti dei mezzi aerei - 14 Canadair e 9 elicotteri del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco oltre a due elicotteri del Comparto Difesa - ha permesso di mettere sotto controllo o spegnere, finora, 13 roghi. Le attività di lancio di acqua e liquido ritardante ed estinguente proseguiranno finché le condizioni di luce consentiranno di operare in sicurezza.

19:41Gasdotto: ‘No Tap’, 15-17/9 incontro nazionale in Salento

(ANSA) - MELENDUGNO (LECCE), 21 AGO - Dal 15 al 17 settembre prossimi il Presidio 'No Tap' di Melendugno terrà in Salento un incontro nazionale "con tutte le realtà in lotta da Sud a Nord contro il gasdotto". Lo rendono noto con un comunicato gli aderenti al Presidio. "Tre giorni - si spiega - in cui racconteremo le nostre storie, ci confronteremo, uniremo i nostri passi spinti dal potente 'no' che ci rende vicini oltre le distanze. Tre giorni per difendere e rivendicare il nostro diritto a decidere per il futuro nostro e dei nostri territori". Nella nota il Presidio riferisce che il gasdotto Tap non finirà a Melendugno ma "collegandosi alla rete Snam, proseguirà il suo percorso e la sua opera di devastazione fino a Minerbio in Emilia Romagna", aggiungendo che "intere regioni e comunità saranno attraversati da un'opera inutile, distruttiva progettata senza tenere alcun conto della volontà e della sicurezza di chi vive nei territori interessati".

Archivio Ultima ora