L’Opposizione non abbandona la piazza e torna a protestare

Pubblicato il 10 agosto 2017 da redazione

Il vice-presidente del Parlamento, Freddy Guevara

CARACAS.- Sabato l’opposizione scenderà di nuovo in strada. Il Tavolo dell’Unità Democratica, infatti, ha convocato a una manifestazione di protesta in solidarietà ai sindaci dei comuni di Chacao, Ramòn Muchacho, e di El Hatillo, David Smolansky, condannati dalla Corte a 15 mesi di reclusione per aver permesso le proteste e blocchi stradali nei propri territori. Così, tornano le proteste come strumento di lotta contro il governo del presidente della Repubblica, Nicolàs Maduro, e ora anche contro la “Costituente” che, con una sentenza, ha decretato l’obbligo di tutti i poteri pubblici a rispettare e obbedire le proprie decisione senza libertà di critica.

Il presidente dell’Associazione dei Sindaci del Venezuela, Gerardo Blyde

La condanna dei Sindaci di Chacao e di El Hatillo ha provocato la reazione immediata dell’Associazione dei Sindaci del Venezuela. Il presidente dell’Associazione, Gerardo Blyde, ha assicurato che il governo del presidente Maduro, percorre cammini non legali per eliminare i sindaci scomodi. Ed infatti, la denuncia di Blyde, sono stati destituiti e condannati i sindaci dei Comuni più importanti, tutti dell’Opposizione.
Blyde ha accusato la Corte di procedimenti legali impropri per punire i Sindaci accusati di non aver impedito le manifestazioni nei propri Comuni. E ha assicurato che, nonostante tutto, i sindaci dell’Opposizione continueranno a permettere ai cittadini di protestare e manifestare pacificamente il proprio malcontento, nonostante le minacce del Tribunale Supremo di Giustizia.
Dopo Ramón Muchacho, David Smolanski è il quarto sindaco destituito dal suo incarico, e condannato a 15 mesi di carcere. Il meccanismo usato dal Tribunale Supremo di Giustizia è sempre lo stesso. Ricevuta la denuncia di residenti, che accusano il sindaco dell’Opposizione di promuovere le proteste di piazza e i blocchi stradali, la Corte ordina perentoriamente al sindaco di impedire le manifestazioni; manifestazioni e blocchi stradali che comunque continuano puntualmente. E allora il Tsg dichiara il sindaco disubbidiente in oltraggio alla corte. Quindi, lo destituisce e lo manda in prigione. Oltre a Smolanski, il provvedimento ha colpito i sindaci di Chacao (Caracas), Lechería (Anzoategui), Iribarren (Lara) e Mérida (Mérida). La misura, diventata un’arma di ricatto in mano del Governo, potrebbe essere estesa a per lo meno altri 13 comuni del paese.

Luis Almagro, Segretario Generale dell’Osa

E mentre l’Opposizione convoca a una nuova manifestazione di piazza fissata per sabato, manifestazione che si teme possa essere repressa con ancor più violenza, a livello internazionale cresce l’isolamento del Paese.
– E’ indispensabile continuare a esercitare pressione sul governo venezolano e cercare soluzioni democratiche per il Paese – ha affermato Luis Almagro, Segretario Generale dell’Organizzazioni di Stati Americani -. Venezuela – ha aggiunto – ha bisogno di un Governo legittimo.
Almagro, in visita in Israele, intervistato dall’agenzia stampa spagnola Efe, ha spiegato che invocare la “Carta Democratica” per sospendere un Paese dall’organismo americano è l’ultimo scalino di un lungo processo diplomatico. Quando ogni gestione fallisce, allora, e solo allora, si potrebbe invocare la clausola.
– E’ uno strumento – ha spiegato – che avrebbe forza come ulteriore elemento di pressione.
Il Segretario Generale dell’Osa ha affermato che sono i venezuelani i responsabili di “costruire un cammino che permetta di risolvere la profonda crisi politica, economica, finanziera e sociale”, una sfida alla quale l’Osa partecipa proponendo soluzioni.
– Abbiamo più volte denunciato la realtà venezuelana – ha detto -. Abbiamo proposto anche un’agenda che è tuttora valida: elezioni libere e trasparenti con osservatori internazionali, liberazione dei prigionieri politici, apertura di un canale umanitario e rinnovamento dei poteri dello Stato.
In quanto al futuro del presidente Maduro, è stato molto chiaro:
– Tutti devono affrontare la Giustizia e rispondere delle proprie azioni, siano questi reati di lesa umanità siano queste violazioni dei diritti umani.
Anche la Commissione dei Diritti Umani delle Nazioni Unite ha denunciato gravi delitti commessi dalle Forze dell’Ordine e opportunamente documentati. Accuse che però il governo rispedisce al mittente.
“L’Onu – sostiene un comunicato del governo – mente coscientemente con segnalazioni tendenziose e nella diffusione di una falsa realtà del paese. E’ esecrabile che la Commissione dei Diritti Umani dell’Onu continui a ingannare apertamente la comunità internazionale sulla violenza di settori dell’opposizione”.

Ultima ora

20:45Calcio: Cristiano Ronaldo, confermata squalifica 5 turni

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Anche l'ultimo giudice sportivo d'appello, il Tribunale amministrativo dello sport (Tad), ha confermato le cinque giornate di squalifica inflitte a Cristiano Ronaldo per la spinta all'arbitro dopo l'espulsione nella partita di andata della finale di Supercoppa di Spagna contro il Barcellona. Il Real Madrid aveva presentato ricorso sperando in un piccolo sconto, ma non c'è stato niente da fare. Così il fuoriclasse portoghese. che ha già saltato il ritorno di Supercoppa e l'esordio in Liga a La Coruna, sarà assente anche per le prossime tre partite di campionato contro Valencia, Levante e Real Sociedad tornando in campo solo il 20 settembre al Santiago Bernabeu contro il Betis Siviglia.

20:37Calcio: Champions, Celtic qualificato alla fase a gironi

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Il Celtic è la prima squadra a qualificarsi per la fase a gironi di Champions League. Gli scozzesi sono stati battuti in Kazakhstan dall'Astana per 4-3 ma passano in virtù del successo per 5-0 nella partita di andata. Questa la successione delle reti: nel pt al 26' aut. Ajer (A), al 34' Sinclair (C); nel st al 2' Muzhikov (A), al 3' e 23' Twumasi (A), al 35' Ntcham (C), al 45' Griffiths (C).

20:26Taekwondo: n.1 Fita Cito nel Consiglio WT

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Il n.1 della World Taekwondo, Chungwon Choue, ha nominato il presidente della Federazione italiana Taekwondo (Fita), Angelo Cito, nuovo componente del Consiglio mondiale WT. Riconfermati alla vicepresidenza il membro Cio Coliseo Eduardo Dibos (Perù) e il n.1 della federazione azera, Kamaladdin Heydarov. Nominati anche altri tre membri al Consiglio: il membro Cio Aicha Garad Ali (Gibuti), il presidente della federazione di Trinidad e Tobago, Anthony Ferguson, e Marliu de Veer (Aruba). "Ci stiamo concentrando nel far ritornare l'atleta al centro del nostro mondo e stiamo aggiornando le attività umanitarie - ha detto Chungwon Choue -. Per far questo abbiamo aggiunto nuovi membri al nostro team di leadership. Gli ultimi appuntamenti hanno reso necessario una vasta gamma di competenze, talenti, contatti e persone che, quando saranno unificate sotto il Consiglio WT, aiuteranno la nostra organizzazione a raggiungere nuovi e ambiziosi obiettivi".

20:18Corea Nord: ira Cina per sanzioni Usa, ‘via subito’

(ANSA) - NEW YORK, 22 AGO - "Gli Usa devono correggere immediatamente il loro errore di sanzionare le aziende cinesi per la Corea del Nord": così Pechino replica alle nuove misure annunciate dal Dipartimento al Tesoro americano, per bocca del portavoce presso l'ambasciata cinese a Washington.

19:53Ciclismo: Tour Poitou-Charentes, prima tappa a Viviani

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Nuova vittoria del campione olimpico Elia Viviani (Sky) che a due giorni dal successo alla Cyclassic di Amburgo, ha vinto la prima frazione del Tour du Poitou- Charentes, corsa in cinque tappe che si disputa nell'omonima regione della Francia. Al termine dei 199,5km tra Bressuire e Saintes, il 28enne veronese si è imposto in volata battendo il francese Nacer Bouhanni e l'italiano Danilo Napolitano.

19:44Terrorismo: trolley sospetto ad Ancona, c’era solo cavo rame

(ANSA) - ANCONA, 22 AGO - Un trolley sospetto è stato individuato dai carabinieri ad Ancona nei pressi della fermata dell'autobus in via Marconi. I militari, che erano impegnati nei servizi di sorveglianza rafforzati dopo l'attentato di Barcellona, hanno circoscritto e bonificato l'area interessata, e, insieme agli artificieri della Polizia di Stato hanno verificato che la valigia conteneva solo un cavo di rame arrotolato. L'allarme 'bomba' dunque è velocemente rientrato.

19:35Uccise marito e si costituì: condannata a 8 anni

(ANSA) - AREZZO, 22 AGO - Otto anni è la pena inflitta alla 58enne Paola Marzenta la donna che il 18 ottobre dello scorso uccise a Lonnano, nel comune di Pratovecchio-Stia (Arezzo), il marito 64enne Dino Gori. Il delitto, maturato in seguito ad un diverbio, avvenne alla vigilia dell'udienza definitiva di divorzio della coppia. La sentenza è stata emessa oggi in Tribunale ad Arezzo, il pm Andrea Claudiani aveva chiesto una pena di 14 anni. Il giudice ha accolto parte delle attenuanti richieste dalla difesa, in particolare la perizia svolta dal dottor Mauro Mauri dell'Università di Pisa che attesta la parziale infermità mentale della donna. Paola Marzenta resterà in carcere a Sollicciano, dove è stata portata subito dopo l'arresto. (ANSA).

Archivio Ultima ora