Supercoppa: ruggini di mercato e conti in sospeso, Juve-Lazio che sfida!

Pubblicato il 11 agosto 2017 da ansa

Supercoppa italiana, Juventus-Lazio

ROMA. – Ruggini di mercato, contrasti fra dirigenti e un’interminabile striscia bianconera fanno da sfondo alla sfida di Supercoppa Lazio-Juventus, che assegna domenica all’Olimpico il primo trofeo della stagione. Keita ‘balla’ tra le due squadre, si è promesso ai bianconeri che hanno tentato prima Milinkovic-Savic e poi De Vrij, ma Lotito vuole 30 milioni e non accetta compromessi.

Ma tra le due squadre, una volta alleate, da anni ci sono conti in sospeso. Lotito ha imposto la finale a Roma invece che a Pechino 2013 con grave danno economico per la Juve, poi ci sono stati i contrasti in Lega (e gli insulti a Marotta). La Juve ha reagito sul campo: se negli ultimi sei anni poche squadre hanno sorriso incontrandola, per la Lazio sono stati sangue, sudore e lacrime. Da quando c’è Max Allegri dieci incontri e dieci sconfitte in tre anni, comprese due finali di Coppa Italia e una Supercoppa, 20 gol subiti (5 di Dybala che ora avrà l’agognata maglia n.10) e uno solo segnato.

Un’inferiorità che si sta trasformando in un’ossessione e che male si accorda con gli ottimi campionati che la Lazio sta disputando: competitiva con tutti, ma non con la Juve. I campioni sono favoriti anche domenica, ma gli innesti di mercato incidono poco e la partenza di Bonucci non è indolore per gli assetti della difesa. Insomma, se c’è una crepa nella fortezza bianconera può essere trovata da Immobile e soci, autori di un precampionato impeccabile.

Il fattore Allegri (che festeggia i 50 anni) incide come un macigno nel dislivello Juve-Lazio, ma il gap ha cominciato ad acuirsi dopo lo scudetto del 2000 e le polemiche per il ko della Juve a Perugia sotto il diluvio. In campionato infatti la Lazio non batte la Juve da 14 anni, un 2-0 all’Olimpico del 6 dicembre 2003. Da allora la Juve è andata ko quattro volte ma solo in Coppa Italia: 2-0 nella finale 2004; due sconfitte per 2-1 nelle semifinali 2009; un 2-1 con finale sfumata il 29 gennaio del 2013.

In Supercoppa la Juve è alla sesta finale consecutiva con quattro vittorie, ma ha perso due delle ultime tre (ai rigori col Napoli e, nel dicembre scorso, col Milan). Sette i successi nella manifestazione che tocca quota 30 edizioni ed è ormai uno spot del calcio italiano. Da Maradona a Zidane, da Baggio a Del Piero, da Totti a Van Basten, da Sheva a Ibra, da Tevez a Higuain sono tanti i campioni che negli anni hanno lasciato il sigillo.

Nata nel 1988 la Supercoppa è anche formato esportazione: nove edizioni, sei delle ultime otto, si sono disputate all’estero. La scelta piu’ discussa e’ stata quella di Tripoli 2002 con il 2-1 della Juve sul Parma con doppietta di Del Piero. Nel 1989 si parte col 3-1 del Milan di Sacchi alla Samp, decide su rigore Van Basten. Nel 1990 il Napoli di Maradona travolge la Juve per 4-1. Nel 1994 il Milan si sbarazza della Samp 5-4 ai rigori. Mihajlovic prima segna e poi sbaglia il rigore decisivo. Nel 2000 la Lazio di Eriksson dà una lezione all’Inter di Lippi, 4-3.

Un’altra Supercoppa da incorniciare è quella del 2003 a New York: la Juve batte il Milan 6-4 ai rigori dopo un cucchiaio di Pirlo e un errore di Brocchi. Scricchiola la Juve di Capello prima di calciopoli perdendo 1-0 nel 2005 con l’Inter che conquista sette finali e quattro vittorie. Nel 2006 la Roma di Spalletti ammutolisce San Siro con tre gol in 34′, poi l’Inter rimonta 3-3 e vince con Figo.

A Pechino 2009 il dream team di Mourinho viene infilato 2-1 dalla Lazio, nel 2011 il Milan di Allegri vince a Pechino il derby. Poi c’e’ la velenosa sfida 2012 a Pechino: Napoli in vantaggio 2-1 e raggiunto da un rigore dubbio. Espulsi Pandev, Zuniga e Mazzarri e Juve che vince ai supplementari. Ai rigori dopo due anni la vendetta con doppietta di Higuain. Poi tocca a Mandzukic e Dybala riportare il trofeo a Torino contro la Lazio. Nel dicembre scorso a Doha il Milan batte la Juve ai rigori confermando che in Supercoppa la sorpresa è dietro l’angolo.

Ultima ora

19:41Gasdotto: ‘No Tap’, 15-17/9 incontro nazionale in Salento

(ANSA) - MELENDUGNO (LECCE), 21 AGO - Dal 15 al 17 settembre prossimi il Presidio 'No Tap' di Melendugno terrà in Salento un incontro nazionale "con tutte le realtà in lotta da Sud a Nord contro il gasdotto". Lo rendono noto con un comunicato gli aderenti al Presidio. "Tre giorni - si spiega - in cui racconteremo le nostre storie, ci confronteremo, uniremo i nostri passi spinti dal potente 'no' che ci rende vicini oltre le distanze. Tre giorni per difendere e rivendicare il nostro diritto a decidere per il futuro nostro e dei nostri territori". Nella nota il Presidio riferisce che il gasdotto Tap non finirà a Melendugno ma "collegandosi alla rete Snam, proseguirà il suo percorso e la sua opera di devastazione fino a Minerbio in Emilia Romagna", aggiungendo che "intere regioni e comunità saranno attraversati da un'opera inutile, distruttiva progettata senza tenere alcun conto della volontà e della sicurezza di chi vive nei territori interessati".

19:29Sventato un attentato aereo con una Barbie-bomba

(ANSAmed) - BEIRUT, 21 AGO - Quattrocento persone che dovevano essere uccise facendo saltare in aria una bambola Barbie imbottita di esplosivo nascosta nel bagaglio a mano di un kamikaze. Era questo, secondo quanto rivelato oggi dal Libano, il piano messo a punto da quattro fratelli australiano-libanesi legati all'Isis per fare esplodere in volo un aereo degli Emirati arabi uniti (Eau) in volo da Sydney ad Abu Dhabi. La strage, ha reso noto il ministro dell'Interno libanese Nouhad al Mashnouq, è stata scongiurata grazie all'apparente inesperienza degli ideatori. La compagnia, infatti, non ha permesso all'attentatore suicida designato di portare a bordo il bagaglio a mano perché eccedeva di diversi chilogrammi il peso consentito. Oltre all'ordigno nascosto nella bambola, infatti, un altro era stato confezionato in un tritacarne e doveva essere azionato nel caso il primo non avesse funzionato. Il bagaglio è stato quindi rispedito all'indirizzo del proprietario, che si è imbarcato senza portare con sè le bombe.

19:08Calcio: Roma, Bruno Peres fermo due settimane

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Niente Inter per Bruno Peres, ed emergenza terzino destro per Eusebio Di Francesco in vista dell'impegno di sabato prossimo all'Olimpico contro la squadra nerazzurra. Il tecnico abruzzese infatti non potrà schierare l'esterno brasiliano, infortunatosi a Bergamo contro l'Atalanta. I controlli strumentali a cui è stato sottoposto il giocatore, spiega il bollettino medico giallorosso, "hanno messo in evidenza la presenza di una lesione muscolo/fasciale di primo grado del pettineo di sinistra. La prognosi stimabile a oggi è di circa 15 giorni". Out quindi per l'impegno con l'Inter, dove mancherà anche l'altro terzino destro, l'olandese Karsdorp, ancora indisponibile a causa dell'intervento al ginocchio subito in estate. Di Francesco, che potrebbe anche decidere di convocare Florenzi (ma da Trigoria frenano sulla possibilità di un suo immediato utilizzo), sarà insomma obbligato a inventarsi qualcosa per la sfida con l'ex Spalletti.

18:45Calcio: Simeone, sogno diventare come Batistuta

(ANSA) - FIRENZE, 21 AGO - ''Voglio impegnarmi al massimo per migliorare e diventare un giorno come Batistuta''. Si presenta così Giovanni Simeone detto il 'Cholito', figlio di quel Diego oggi tecnico dell'Atletico Madrid e in passato compagno nella nazionale argentina dell'ex goleador viola. ''Io punto ad essere me stesso - ha detto il 22enne attaccante arrivato a Firenze via Genoa per 15 milioni di euro più 3 di bonus - ma so bene che qui tanti argentini hanno lasciato il segno a iniziare da Batistuta. Mio padre - ha sorriso - mi ha sempre detto di sperare che io possa un giorno diventare come Gabriel. Ovvio che ce la metterò tutta per riuscirci. In rossoblù sono stato bene ma venire a Firenze è un bel passo in avanti per la mia carriera. Ora devo solo pensare ad essere felice e più starò qui più lo sarò". Intanto la Fiorentina mercoledì volerà a Madrid per disputare in serata il Trofeo Bernabeu contro il Real a 60 anni dalla storica finale di Coppa dei Campioni del '56-57.

18:41Scritta pro islam davanti a una chiesa di Sassuolo

(ANSA) - MODENA, 21 AGO - Una scritta fatta con una bomboletta spray e che riporta la dicitura 'Viva Islam' è comparsa davanti all'ingresso di una chiesa che si trova a Sassuolo, in provincia di Modena, nel quartiere Braida. A segnalare l'episodio è la Lega Nord per voce del consigliere regionale Stefano Bargi e dell'ex assessore comunale Francesco Menani, che attaccano la gestione della città da parte dell'amministrazione Pd. "La zona Braida - scrivono i due leghisti - è in mano ai delinquenti e nessuno interviene. Per la prima volta - aggiungono gli esponenti del Carroccio - scritte inneggianti all'islam sono apparse sui muri di una parrocchia, violata nella sua identità cattolica". Intanto non è chiaro chi ci sia dietro alla scritta apparsa pare negli ultimi giorni. (ANSA).

18:37Barcellona: ‘killer ha invocato Allah prima di morire’

(ANSA) - MADRID, 21 AGO - Secondo la tv pubblica catalana Tv3 il killer prima di essere ucciso avrebbe gridato "Allah è grande". Si attende una conferma ufficiale da parte delle autorità catalane. L'uomo, secondo la tv pubblica Rtve, indossava una apparente cintura esplosiva, ma non è ancora chiaro se era vera o falsa come quelle dei 5 terroristi che venerdì notte hanno attaccato il lungomare di Cambrils.

18:36Calcio: Kondogbia al Valencia, Inter lo cede in prestito

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - Geoffrey Kondogbia è un giocatore del Valencia. Lo annuncia il club spagnolo sul proprio sito. L'Inter lo ha ceduto in prestito fino al 30 giugno 2018 con diritto di riscatto in favore del Valencia. Soddisfatti quindi i desideri del centrocampista francese che aveva iniziato un braccio di ferro con il club nerazzurro non presentandosi agli allenamenti per forzare il suo trasferimento. Le due società hanno trovato l'accordo con uno scambio di prestiti. Coinvolto nell'operazione anche Joao Cancelo che è arrivato oggi a Milano per sostenere le visite mediche con l'Inter.

Archivio Ultima ora