Kim: “Cancelleremo gli Usa”. Trump: “Pronti a colpire”

Pubblicato il 11 agosto 2017 da ansa

Pyongyang ora fa paura, prodotta mini-testata nucleare. EPA/Rodong Sinmun SOUTH KOREA OUT

NEW YORK. – I venti di guerra tra Stati Uniti e Corea del Nord soffiano sempre più forti. Un incubo per l’intera comunità internazionale e per i mercati, che ora temono di potersi davvero trovare sull’orlo di un conflitto atomico. E gli ultimi scambi verbali tra Pyongyang e Washington non lasciano spazio all’ottimismo. “Vi spazzeremo via, vi cancelleremo, ridurremo gli Stati Uniti in cenere”, è l’ultima tremenda provocazione lanciata dal regime di Kim Jong-un, che accusa Donald Trump di portare il mondo “sull’orlo di una guerra nucleare”.

“L’America è pronta a colpire”, replica il presidente americano, che nonostante le divisioni all’interno della sua amministrazione mantiene una posizione durissima, soprattutto dopo la minaccia di un attacco all’isola di Guam, nel Pacifico, territorio Usa che ospita una delle principali basi militari e navali americane.

Parole di fuoco dall’una e dall’altra parte, dunque, che non aiutano a fermare un’escalation senza precedenti. E non aiutano nemmeno il tentativo di trovare una soluzione diplomatica che – nonostante tutto – va avanti dietro le quinte. “Ci stiamo lavorando con i nostri alleati”, ha confermato il capo del Pentagono James Mattis, parlando di “catastrofe” in caso di conflitto ma sottolineando gli sforzi compiuti con Giappone e Corea del Sud per risolvere la situazione pacificamente.

Del resto – spiegano fonti di Washington ben informate – l’amministrazione Trump da parecchi mesi ha avviato un canale di dialogo segreto con Pyongyang. Dialogo per affrontare sia la questione dei prigionieri americani detenuti nel Paese sia quella del deterioramento delle relazioni. Un canale che si spera possa diventare la base per una discussione più seria, anche sul programma nucleare nordcoreano.

Ma la preoccupazione nel mondo cresce inevitabilmente. “Ritengo che i rischi di una guerra siano molto alti”, ammette il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov, con Mosca che lancia un appello ad abbassare i toni e che intanto ha deciso di rafforzare i sistemi anti-aerei dislocati nell’Estremo Oriente del Paese, proprio nelle aree limitrofe alla Corea del Nord.

Anche il Giappone – uno dei Paesi più a rischio in caso di una guerra – sta rafforzando le sue difese e procedendo allo schieramento di missili intercettori nella parte occidentale del Paese, in risposta al piano di Kim per attaccare il territorio Usa di Guam.

In Europa si alza la voce della cancelliera tedesca Angela Merkel, che dopo l’ultimo tweet di Donald Trump avverte: “Non c’è una soluzione militare nella crisi della Corea del Nord. E la retorica dell’escalation è sbagliata”. Il presidente Usa incassa il colpo, ma ciò che lo preoccupa di più è la Cina: “Basta dimostrazioni di forza. Tutte le parti dovrebbero fare di più per allentare le tensioni”, tuona il portavoce del ministero degli esteri di Pechino Geng Shuang.

Per fare il punto il presidente americano ha quindi riunito nella sua residenza estiva di Bedminster, in New Jersey, un vertice di crisi con il segretario di stato Rex Tillerson, quello alla difesa James Mattis e i suoi piu’ stretti collaboratori sul fronte dell sicurezza nazionale. Allo studio tutte le opzioni, comprese quelle militari.

“Vedremo…”, aveva del resto risposto Trump a chi ieri gli chiedeva dell’ipotesi di un attacco preventivo. Per seguire la crisi, il presidente farà ritorno a Washington il 14 agosto in giornata, la vigilia dell’annunciato attacco nord coreano su Guam.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

19:29Sventato un attentato aereo con una Barbie-bomba

(ANSAmed) - BEIRUT, 21 AGO - Quattrocento persone che dovevano essere uccise facendo saltare in aria una bambola Barbie imbottita di esplosivo nascosta nel bagaglio a mano di un kamikaze. Era questo, secondo quanto rivelato oggi dal Libano, il piano messo a punto da quattro fratelli australiano-libanesi legati all'Isis per fare esplodere in volo un aereo degli Emirati arabi uniti (Eau) in volo da Sydney ad Abu Dhabi. La strage, ha reso noto il ministro dell'Interno libanese Nouhad al Mashnouq, è stata scongiurata grazie all'apparente inesperienza degli ideatori. La compagnia, infatti, non ha permesso all'attentatore suicida designato di portare a bordo il bagaglio a mano perché eccedeva di diversi chilogrammi il peso consentito. Oltre all'ordigno nascosto nella bambola, infatti, un altro era stato confezionato in un tritacarne e doveva essere azionato nel caso il primo non avesse funzionato. Il bagaglio è stato quindi rispedito all'indirizzo del proprietario, che si è imbarcato senza portare con sè le bombe.

19:08Calcio: Roma, Bruno Peres fermo due settimane

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Niente Inter per Bruno Peres, ed emergenza terzino destro per Eusebio Di Francesco in vista dell'impegno di sabato prossimo all'Olimpico contro la squadra nerazzurra. Il tecnico abruzzese infatti non potrà schierare l'esterno brasiliano, infortunatosi a Bergamo contro l'Atalanta. I controlli strumentali a cui è stato sottoposto il giocatore, spiega il bollettino medico giallorosso, "hanno messo in evidenza la presenza di una lesione muscolo/fasciale di primo grado del pettineo di sinistra. La prognosi stimabile a oggi è di circa 15 giorni". Out quindi per l'impegno con l'Inter, dove mancherà anche l'altro terzino destro, l'olandese Karsdorp, ancora indisponibile a causa dell'intervento al ginocchio subito in estate. Di Francesco, che potrebbe anche decidere di convocare Florenzi (ma da Trigoria frenano sulla possibilità di un suo immediato utilizzo), sarà insomma obbligato a inventarsi qualcosa per la sfida con l'ex Spalletti.

18:45Calcio: Simeone, sogno diventare come Batistuta

(ANSA) - FIRENZE, 21 AGO - ''Voglio impegnarmi al massimo per migliorare e diventare un giorno come Batistuta''. Si presenta così Giovanni Simeone detto il 'Cholito', figlio di quel Diego oggi tecnico dell'Atletico Madrid e in passato compagno nella nazionale argentina dell'ex goleador viola. ''Io punto ad essere me stesso - ha detto il 22enne attaccante arrivato a Firenze via Genoa per 15 milioni di euro più 3 di bonus - ma so bene che qui tanti argentini hanno lasciato il segno a iniziare da Batistuta. Mio padre - ha sorriso - mi ha sempre detto di sperare che io possa un giorno diventare come Gabriel. Ovvio che ce la metterò tutta per riuscirci. In rossoblù sono stato bene ma venire a Firenze è un bel passo in avanti per la mia carriera. Ora devo solo pensare ad essere felice e più starò qui più lo sarò". Intanto la Fiorentina mercoledì volerà a Madrid per disputare in serata il Trofeo Bernabeu contro il Real a 60 anni dalla storica finale di Coppa dei Campioni del '56-57.

18:41Scritta pro islam davanti a una chiesa di Sassuolo

(ANSA) - MODENA, 21 AGO - Una scritta fatta con una bomboletta spray e che riporta la dicitura 'Viva Islam' è comparsa davanti all'ingresso di una chiesa che si trova a Sassuolo, in provincia di Modena, nel quartiere Braida. A segnalare l'episodio è la Lega Nord per voce del consigliere regionale Stefano Bargi e dell'ex assessore comunale Francesco Menani, che attaccano la gestione della città da parte dell'amministrazione Pd. "La zona Braida - scrivono i due leghisti - è in mano ai delinquenti e nessuno interviene. Per la prima volta - aggiungono gli esponenti del Carroccio - scritte inneggianti all'islam sono apparse sui muri di una parrocchia, violata nella sua identità cattolica". Intanto non è chiaro chi ci sia dietro alla scritta apparsa pare negli ultimi giorni. (ANSA).

18:37Barcellona: ‘killer ha invocato Allah prima di morire’

(ANSA) - MADRID, 21 AGO - Secondo la tv pubblica catalana Tv3 il killer prima di essere ucciso avrebbe gridato "Allah è grande". Si attende una conferma ufficiale da parte delle autorità catalane. L'uomo, secondo la tv pubblica Rtve, indossava una apparente cintura esplosiva, ma non è ancora chiaro se era vera o falsa come quelle dei 5 terroristi che venerdì notte hanno attaccato il lungomare di Cambrils.

18:36Calcio: Kondogbia al Valencia, Inter lo cede in prestito

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - Geoffrey Kondogbia è un giocatore del Valencia. Lo annuncia il club spagnolo sul proprio sito. L'Inter lo ha ceduto in prestito fino al 30 giugno 2018 con diritto di riscatto in favore del Valencia. Soddisfatti quindi i desideri del centrocampista francese che aveva iniziato un braccio di ferro con il club nerazzurro non presentandosi agli allenamenti per forzare il suo trasferimento. Le due società hanno trovato l'accordo con uno scambio di prestiti. Coinvolto nell'operazione anche Joao Cancelo che è arrivato oggi a Milano per sostenere le visite mediche con l'Inter.

18:31Motore di barca esplode nel Po, 60enne muore annegato

(ANSA) - PARMA, 21 AGO - Un uomo ha perso la vita questo pomeriggio attorno alle 15,30 annegando nelle acque del fiume Po. L'incidente nella zona di Roccabianca in provincia di Parma alla confluenza con il fiume Taro. Secondo una prima ricostruzione l'uomo era a bordo di una barca assieme ad un amico quando il motore è scoppiato facendo inabissare il natante in pochi secondi. L'amico è riuscito a gettarsi in acqua e salvarsi mentre la vittima, un sessantenne, sarebbe annegato. Sono intervenuti Vigili del Fuoco e Carabinieri, il corpo del sessantenne è stato recuperato. (ANSA).

Archivio Ultima ora