Trump insiste: “Non si scarta l’intervento militare”

Pubblicato il 12 agosto 2017 da redazione

Il Presidente Donald Trump

 

CARACAS – Tutte le opzioni sono sul tavolino, nessuna è scartata. Quindi, anche l’intervento armato è tra le scelte possibili. Lo ha assicurato il presidente nordamericano Donald Trump per il quale il Venezuela vive una situazione difficile.

– E’ un rompicapo pericoloso – ha detto per poi precisare:

– Sono tante le scelte possibili, non è escluso l’intervento armato qualora si ritenesse necessario.

Il presidente Trump ha affrontato il “caso venezuelano” nel suo elegante club di golf di Bedminster, nel New Jersey, dopo un breve incontro con il Segretario di Stato, Red Tillerson; l’assessore per la sicurezza nazionale, H.R. McMaster e il capo della Delegazione americana all’Onu, l’ambasciatrice Nikki Haley.

– L’intervento militare – ha detto – non è certo quello che desideriamo ma – aggiunto – non lo scarterei. Abbiamo truppe ovunque, anche nei luoghi più lontani e sperduti. Il Venezuela non è poi tanto lontano. E la popolazione sta soffrendo, sta morendo.

Il presidente Trump non è voluto entrare nei dettagli e non ha risposto alla domanda di un giornalista che gli chiedeva se l’azione armata sarebbe stata comandata dagli Stati Uniti e se il colosso del nord desideri un cambio di governo.

Le dichiarazioni di Trump hanno fatto seguito alle sanzioni decise contro altri funzionari, otto per la precisione, del governo del presidente Maduro, tra questi Adan Chávez, fratello dell’estinto presidente Hugo Rafael Chávez. Le sanzioni prevedono il sequestro di tutti i beni che possano avere in suolo americano. Anche il presidente Maduro è finito nella “black-list”.

Si attende ora la risposta del governo del presidente Maduro, che sicuramente non si farà attendere. Le dichiarazioni del capo di Stato nordamericano, stando agli esperti in materia, sicuramente daranno argomenti preziosi al presidente Maduro per far leva sul nazionalismo, sentimento che riaccende ogni qualvolta se ne presenta l’occasione.

Il presidente Maduro aveva sollecitato un immediato colloquio telefonico con il presidente americano. La risposta, durissima di Trump è stata:

– Volentieri, ma solo quando ripristinerai la democrazia nel tuo paese.

Nel frattempo, il vicepresidente statunitense, Mike Pence, inizia una tournée in Sud America che lo porterà in Colombia, Cile, Argentina e Panama. Si prevede che i colloqui con i leader di questi paesi oltre che sui temi economici saranno concentrati sulla situazione in Venezuela. La Casa Bianca ha tenuto a sottolineare che i quattro paesi che Pence visiterà ”hanno dimostrato il loro chiaro appoggio alla democrazia, respingendo il regime” del presidente Maduro. Mike Pence e i leader latinoamericani che incontrerà  analizzeranno  sicuramente le ”opzioni economiche e diplomatiche” per mantenere la pressione sul governo del presidente Maduro.

Ultima ora

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

21:48Usa: Roy Moore va a votare a cavallo

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Il candidato senatore per il partito repubblicano Roy Moore si è recato a votare in Alabama a cavallo. Lo riportano i media americani. Roy Moore è favorito nonostente le accuse di molestie sessuali nei confronti di minorenni. A sostenerlo si è schierato con decisione anche il presidente americano Donald Trump.

21:35Liberia: elezioni, il 26 dicembre ballottaggio Weah-Boakai

(ANSA) - IL CAIRO, 12 DIC - Si terrà il 26 dicembre il ballottaggio delle elezioni presidenziali in Liberia fra George Weah, ex-attaccante del Milan, e il vicepresidente uscente Joseph Boakai. La data è stata annunciata oggi pomeriggio dalla Commissione elettorale dopo che venerdì scorso la Corte Suprema aveva stabilito che nel primo turno delle elezioni svoltesi il 10 ottobre c'erano state irregolarità e brogli, ma non così gravi da giustificare una ripetizione del voto. In origine era previsto che per eleggere il successore della presidente Ellen Johnson Sirleaf, nel primo passaggio dei poteri senza traumi da oltre 70 anni, il ballottaggio si tenesse il 7 novembre. Vi era stato però un ricorso del terzo classificato, Charles Brumskine, poi respinto dalla Corte suprema. Sirleaf, premio Nobel per la pace e prima donna capo di stato in Africa, è stata presidente dal 2006, dopo la cacciata (avvenuta nel 2003) del potente 'signore della guerra' Charles Taylor.

21:07Calcio: Colantuono è il nuovo allenatore della Salernitana

(ANSA) - SALERNO, 12 DIC - Stefano Colantuono è il nuovo allenatore della Salernitana: rileva sulla panchina granata Alberto Bollini esonerato nella giornata di ieri. Ne dà notizia il sito ufficiale della società granata. Colantuono che ha raggiunto Salerno nel pomeriggio ha voluto rivolgere, attraverso il sito ufficiale della società "un doveroso ringraziamento alla proprietà nelle persone di Claudio Lotito e Marco Mezzaroma "per averlo scelto. Non ho esitato un momento ad accettare - ha detto - e sono onorato di poter allenare in una piazza così calda e importante come Salerno. Sono molto felice - ha concluso - per questa nuova avventura e non vedo l'ora di iniziare". La prima seduta d'allenamento che dirigerà il nuovo allenatore granata è prevista per domattina alle ore 10:30 al campo "Volpe".

Archivio Ultima ora