Romero: il Papa andrà in Salvador per proclamarlo santo

Romero: Papa andrà in Salvador per proclamarlo santo
Romero: Papa andrà in Salvador per proclamarlo santo

CITTA’ DEL VATICANO. – Il primo cardinale della storia del Salvador, Gregorio Rosa Chavez, ha informato tramite il suo profilo Facebook che papa Francesco gli ha appena confermato la sua intenzione di andare nel Paese centro americano “per la possibile canonizzazione del nostro beato” monsignor Oscar Arnulfo Romero. “Darò più informazioni nei prossimi giorni. Dio lo benedica”, aggiunge Rosa Chavez.

L’annuncio arriva alla vigilia della ricorrenza, domani, festa dell’Assunta, dei cento anni dalla nascita di monsignor Romero, uno dei più celebri martiri dell’ultimo secolo, ucciso sull’altare il 24 marzo del 1980 a San Salvador, la città di cui era arcivescovo, dagli squadroni della morte mentre celebrava la messa nella cappella dell’ospedale della Divina Provvidenza.

A fare fuoco, per spegnere la voce di un presule che quotidianamente condannava la repressione del suo popolo compiuta dal regime, un sicario su mandato di Roberto D’Aubuisson, leader del partito nazionalista conservatore Arena (Alianza Republicana Nacionalista). Nell’omelia, Romero, aveva ribadito la sua denuncia contro il governo di El Salvador, che aggiornava quotidianamente le mappe dei campi minati mandando avanti bambini che restavano squarciati dalle esplosioni.

E il giorno prima, 23 marzo, aveva invitato apertamente gli ufficiali e tutte le forze armate a non eseguire gli ordini, se contrari alla morale umana. Anche alle esequie presiedute nei giorni seguenti da mons. Ernesto Corripio y Ahumada, allora arcivescovo di Città del Messico, l’esercito salvadoregno aprì il fuoco sui fedeli, compiendo un massacro.

In questi giorni, numerose celebrazioni e pubblicazioni (anche un vero e proprio inserto dell’Osservatore Romano) nel mondo ricordano il centenario della nascita del vescovo-martire, beatificato il 23 maggio 2015 dopo una causa rimasta lungamente ferma per l’opposizione di presuli non solo sudamericani, che temevano la strumentalizzazione politica della canonizzazione di Romero specie da parte delle forze di sinistra latino-americane, e sbloccata dapprima da Benedetto XVI e poi con l’atto finale da papa Francesco, primo Papa sudamericano della storia.

Alle commemorazioni a El Salvador partecipa a nome del Papa l’inviato speciale card. Ricardo Ezzati, arcivescovo di Santiago del Cile: tra gli eventi, un pellegrinaggio “Cammino di monsignor Romero” di 157 km (98 a piedi e 59 in pullman, in più giorni) dalla capitale San Salvador fino a Ciudad Barrios, città natale dell’arcivescovo.

Proprio a proposito di questa città, il card. Rosa Chavez, ausiliare di San Salvador, che ha ricevuto la “berretta” da papa Bergoglio nel concistoro dello scorso 28 giugno, ex collaboratore del “martire dei poveri”, propone che prenda il nome di “Ciudad Romero”. Sempre Rosa Chavez, durante la prima tappa del pellegrinaggio commemorativo, ha acceso gli entusiasmi dei fedeli affermando: “Si dice a Roma che probabilmente monsignor Romero sarà canonizzato il prossimo anno. Immaginate se fosse certa questa possibilità: sarebbe il risarcimento di un popolo”.

In effetti, Romero attende l’ultimo passo della proclamazione della santità, per la quale non mancano ancora resistenze. Ma il postulatore della causa, l’arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente dell’Accademia per la Vita – che sabato ha partecipato a una messa nella cattedrale londinese di San Giorgio a Southwark, dov’è conservata una croce con le reliquie del beato -, è stato chiaro:

“Siamo a buon punto – ha detto a Radio Vaticana -. Stiamo esaminando un miracolo che riguarda una donna incinta e il suo bambino che sono stati, speriamo, miracolosamente guariti per intercessione di mons. Romero. E’ stato terminato il processo diocesano, che è giunto a Roma e abbiamo iniziato l’esame del miracolo. Mi auguro che il processo vada a compimento presto. Se tutto questo accade, è possibile che anche l’anno prossimo si possa sperare di celebrare la canonizzazione di Romero”. E a quanto annunciato oggi lo farà personalmente papa Francesco.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)