Regionali, il dilemma non esiste

Pubblicato il 14 agosto 2017 da Mauro Bafile

Un dilemma che, in realtà, non è tale. Non esiste o non dovrebbe esistere. La polemica, stando agli esperti in materia, è solo fine a se stessa, sterile. Creata dalle frange estremiste che sono numericamente inconsistenti, ma che gridano più di altre e sanno come creare confusione. E’ il caso di “Vente Venezuela” e di “Alianza Bravo Pueblo” che, contrariamente a quanto deciso dal Tavolo dell’Unità Democratica, hanno annunciato che non parteciperanno alle prossime regionali e accusato i partiti che hanno deciso, invece, di raccogliere la sfida del governo, di tradire la volontà dei cittadini che hanno partecipato alle proteste e il sacrificio delle 126 vittime della repressione. Accusano, denunciano, rimproverano ma non offrono alternative. Il loro è solo un salto nel vuoto.

L’ex presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup

Eppure, come ha fatto notare l’ex presidente del Parlamento Henry Ramos Allup, ritirarsi sull’Aventino non è soluzione per l’Opposizione. Lo ha fatto in passato, lasciando il terreno libero all’estinto presidente Chávez che ne approfittò per la sua scalata al potere assoluto; quello stesso potere che non era stato capace di conquistare con la forza delle armi. I risultati li conosce anche chi, vent’anni fa, era solo un bambino. E il paese, nel bene o nel male, ne soffre ancora le conseguenze.

Maria Corina Machado, leader del movimento politico “Vente Venezuela”

“Vente Venezuela” e “Abp” sostengono che, con l’attuale Consiglio Nazionale Elettorale, sarà impossibile trionfare in qualunque elezione. Eppure l’esperienza dimostrerebbe il contrario. E’ difficile difendere la loro tesi quando l’attuale Parlamento, la cui maggioranza assoluta è costituita da deputati del Tavolo dell’Unità Democratica, fu eletto nel dicembre del 2015 rispettando le regole del gioco imposte dal governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro: apparecchiature programmate da Smartmatic, inutili dispositivi di cattura delle impronte digitali, e Cne su misura. Le parlamentari, sostiene Henry Ramos Allup, hanno dimostrato che quando i voti sono una valanga e si è disposti a difenderli, è poco probabile, se non impossibile, che chi controlli i fili del potere possa fare brogli tanto eclatanti. E allora è spontaneo chiedersi, perché insistere nel non presentarsi? Perché commettere gli stessi errori di un passato recente?

Nell’Opposizione, in realtà, non dovrebbe esistere nessun dilemma. I Governi regionali e comunali rappresentano il potere più vicino ai cittadini. Sono gli unici che permettono un dialogo permanente con le famiglie, con gli elettori. La loro importanza è quindi fuori discussione. E’ il primo gradino, il più importante, che conduce all’esercizio della democrazia reale.

Mai un governo, nella storia democratica del Venezuela, è stato così isolato a livello internazionale come lo è oggi quello del presidente Maduro. La situazione che vive l’attuale Potere Esecutivo è solo paragonabile, forse, a quella che dovette affrontare nel 1902 Cipriano Castro, il “caudillo tachirense” che conquistò il potere con la forza nel 1898, dopo aver invaso il Paese da Cucuta e cavalcato trionfante fino a Caracas. A causa delle continue insurrezioni armate e della crisi dei prezzi dei prodotti agricoli – allora l’economia del Paese si sosteneva grazie all’esportazione di cacao e soprattutto del caffè di cui il Venezuela era il secondo esportatore al mondo dopo il Brasile – Castro si trovò nell’impossibilità di fronteggiare l’enorme peso che rappresentava il debito estero. Fu costretto a posporne il pagamento provocando l’ira di Inghilterra e Germania che decisero l’assedio alle coste venezuelane con le loro navi da guerra. Iniziativa, questa, alla quale aderì quasi immediatamente anche l’Italia. Famoso è il proclama di Castro: “Il piede insolente dello straniero ha profanato il sacro suolo della patria”.

Seguirono anni assai duri in cui Francia, Stati Uniti e Olanda ruppero le relazioni diplomatiche, e altre nazioni isolarono il Paese fino al colpo di Stato del 1908. Con la dittatura del “Benemerito” Juan Vicente Gómez le relazioni diplomatiche con il resto del mondo tornarono poco a poco alla normalità. Ma erano altri tempi. Il Paese, fin dalla sua indipendenza, solo aveva vissuto brevi periodi di pace e la parola “democrazia”, tanto di moda oggi, non esisteva ancora nel suo vocabolario.

Il Paese, ora, si è trasformato improvvisamente, grazie anche alla grande stampa internazionale attratta dalle proteste represse con estrema violenza dalle forze dell’Ordine e dai tanti, troppi morti, in una pedina importante nella partita diplomatica che Russia, Cina e Stati Uniti d’America giocano in America Latina. In questo contesto, i venezuelani che hanno sostenuto e sostengono il governo interpretano un ruolo non secondario. C’è chi oggi fa un distinguo tra passato e presente, tra “chavismo” e “madurismo” considerando il primo sinonimo di benessere e della promessa di un futuro migliore e il secondo, invece, di corruzione e malgoverno. Il presidente Chávez ebbe la fortuna di governare in un’epoca di grande prosperità, grazie ai prezzi del petrolio sopra ogni aspettativa; livelli che probabilmente non saranno mai più raggiunti. Le ricchezze derivate dalla vendita di greggio gli permise ogni eccesso e di migliorare le condizioni di vita dei venezuelani. La bolla del petrolio, però, prima o poi doveva esplodere. E quando lo ha fatto ci si è ritrovati con un tessuto industriale, che era stato costruito con tanto sacrificio dal 1958 in avanti grazie anche al lavoro dei nostri emigrati, distrutto da politiche populiste che miravano al presente senza pensare al futuro. Oggi la realtà è un’altra. Di fronte ad una crisi dalle proporzioni dantesche, gli slogan del presidente Maduro sono solo parole prive di contenuto. Di fronte ai mille problemi da affrontare quotidianamente, il malessere della popolazione cresce così come il dilemma: cosa fare in caso di elezioni? Esperti in materia, hanno affermato più volte che il “chavismo critico” difficilmente voterà per i candidati del Tavolo dell’Unità Democratica. Il suo malcontento probabilmente si esprimerà attraverso l’astensione, già a livelli assai alti, o il voto nullo. Assenteismo e voto nullo, quindi, che potrebbero rappresentare una manifestazione di protesta equivalente al “voto castigo”.

Foto avn.info.ve

Nel governo pare crescere la certezza che se l’Opposizione dovesse presentarsi unita nelle regionali, così come fece nelle parlamentari, la sconfitta sarebbe inevitabile. Potrebbe cercare di ridurre i danni imponendo regole di gioco che lo favoriscano o, addirittura, rimandando tutto alle ”calende greche”. L’Assemblea Nazionale Costituente, con la quale governerà per due anni e forse anche di più, e il sostegno delle Forze Armate gli permetterebbe questo e altro ma, così facendo, mostrerebbe la sua vocazione autoritaria.
Se per l’Opposizione non esiste, o non dovrebbe esistere un dilemma, quindi, per il governo, i dubbi oggi sono tanti, tutti malcelati dietro un’apparente sicurezza, un linguaggio sempre più aggressivo e le minacce di carcere per l’Opposizione, a prescindere dal partito di appartenenza e dall’immunità parlamentare.

Il Presidente Donald Trump

Le minacce estemporanee formulate dal presidente Trump, che ci riportano all’epoca di James Monroe o dei colpi di Stato promossi dalla Cia, hanno avuto il merito di far trovare un punto d’accordo a Governo e Opposizione, almeno per una volta: è inaccettabile qualunque intervento militare di una forza straniera in suolo venezuelano. Sono altri gli strumenti che nel mondo moderno possono essere impiegati per evitare la deriva autoritaria di un governo. Tocca alla diplomazia e non alle armi giocare il ruolo di protagonista nella crisi venezuelana. E, a livello interno, alla dialettica politica e ideologica.
C’è chi insinua che le elezioni regionali si realizzeranno solo se il governo avrà la certezza di vincere. E, in effetti, dopo la debacle nelle parlamentari, il governo ha evitato ad ogni costo altri appuntamenti elettorali. Nel caso, poi, dell’Assemblea Nazionale Costituente, ha stabilito regole inaccettabili per l’Opposizione. Con le regionali potrebbe fare altrettanto. La Costituente potrebbe decidere di cambiare le regole del gioco. Lo ha già fatto anticipandole ad ottobre, nella speranza, forse, che il Tavolo dell’Unità Democratica non riesca in così poco tempo a presentare una rosa di candidati unitaria. Si entra, però, nel territorio delle speculazioni, dove tutto potrebbe essere possibile.
Mauro Bafile

Ultima ora

18:28129 mln turisti cinesi nel mondo, 1,5 mln in Italia

(ANSA) - VENEZIA, 18 GEN - Sono stati 129 milioni i turisti cinesi nel mondo nel 2017 per un valore che ha superato i 110 miliardi di dollari. La richiesta di viaggi in Europa è elevata: 12 milioni di viaggiatori nel 2016 di cui quasi un milione e mezzo in Italia. I dati sono stati presentati da Dai Bin, presidente di China Tourism Association, per l'apertura dell'Anno del turismo Europa-Cina. Per fare un confronto, in Nord America sono stati registrati 3,1 milioni di viaggi. Il paese europeo che i cinesi preferiscono è la Francia, anche se, considerando la sicurezza personale come uno dei requisiti più importanti richiesti da questo tipo di viaggiatore, negli ultimi tempi i viaggiatori cinesi hanno preferito destinazioni come l'Italia. Nella prima metà del 2017 la spesa media in Europa è stata di 1485 euro pro capite. I viaggiatori individuali hanno speso in media 1607 euro, i singoli in viaggi di gruppo 1303 euro. Il 63% del totale dei turisti cinesi sono donne e la maggior parte ha più di 50 anni.

18:24Anziana morta in ospedale Catanzaro, indagati 19 medici

(ANSA) - CATANZARO, 18 GEN - Diciannove medici in servizio nell'ospedale civile Pugliese di Catanzaro sono stati iscritti nel registro degli indagati nell'ambito di un'inchiesta avviata dalla Procura della Repubblica del capoluogo sulla morte di una donna di 84 anni deceduta dopo essere stata sottoposta a un intervento di ortopedia nel nosocomio del capoluogo calabrese. L'inchiesta é stata avviata sulla base di una denuncia presentata dai parenti dell'anziana. La Procura ha anche disposto il sequestro della cartella clinica della paziente deceduta. I medici indagati sono quelli che hanno avuto in cura la paziente durante il suo ricovero nel nosocomio cittadino. La donna, residente a Girifalco, era stata ricoverata in Ortopedia per essere sottoposta a un intervento al femore. Alcune ore dopo l'operazione le condizioni della paziente si sono aggravate, tanto da rendere necessario il suo trasferimento nel reparto di Rianimazione, dove è deceduta. La Procura ha anche disposto l'autopsia sul corpo dell'anziana. (ANSA).

18:22Rigopiano: Borrelli, vicinanza e cordoglio famiglie vittime

(ANSA) - PIEVE TORINA (MACERATA), 18 GEN - "Cordoglio e vicinanza alle famiglie delle vittime di Rigopiano" è stato espresso anche dal Capo dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli che ha partecipato al comitato per la ricostruzione a Pieve Torina (Macerata) presieduto dal commissario Paola De Micheli. "L'anno scorso in queste ore c'era un particolare impegno per il sistema di protezione civile - ha ricordato -, avevamo 31 mila persone assistite e l'evento di Rigopiano. Ringrazio tutti i volontari e le volontarie che si sono prodigati per alleviare le sofferenze della gente". Le aree vennero "colpite da un duplice evento - ha aggiunto -: da un lato le eccezionali nevicate su cui si sono innestate le scosse telluriche, quattro di magnitudo superiori a 5 gradi della scala Richter, localizzate in Abruzzo, e a distanza di qualche ora l'evento di Rigopiano". Si è trattato - ha concluso Borrelli - di "un momento di particolare impegno che il sistema ha saputo fronteggiare efficacemente con tutte le forze che aveva in campo".

18:17Volantinaggio antifascista e evento Casapound a Genova

(ANSA) - GENOVA, 18 GEN - Sarà un sabato ad alta tensione per il quartiere genovese della Foce dove l'assemblea antifascista ha convocato un presidio con volantinaggio in piazza Alimonda a partire dalle 16. Alla stessa ora, nell'attigua via Montevideo, Casapound ha organizzato nella sua sede un'iniziativa pubblica per la Festa del tesseramento che è stata comunicata alla Questura questa mattina. La concomitanza di questi due eventi a poche decine di metri di distanza e a una settimana dall'accoltellamento dell'antifascista da parte di un militanti usciti dalla sede di Casapound sta creando un certo allarme in Questura. Impossibile vietare a Casapound di tenere l'iniziativa in uno spazio privato, ma altrettanto inopportuno sarebbe anche vietare il volantinaggio antifascista che fra l'altro era stato annunciato prima che fosse nota l'iniziativa del partito di estrema destra. Gli appuntamenti quindi si terranno entrambi, tenuti separati da un dispositivo di ordine pubblico imponente. Molto probabile che vengano rispolverate le reti mobili utilizzate lo scorso anno per il convegno delle ultradestre a Sturla, ma i dettagli organizzativi e il numero di uomini impiegati saranno decisi nelle prossime ore. Al mattino intanto, l'attenzione sarà tutta su San Fruttuoso a causa della vicinanza tra il banchetto per la raccolta firme di Forza Nuova in piazza Martinez e quello di Potere al popolo in piazza Terralba. (ANSA).

18:16Pakistan: attaccato team anti-polio, uccise due operatrici

(ANSA) - ISLAMABAD, 18 GEN - Due operatrici di un team anti-polio, madre e figlia, sono morte oggi quando uomini armati non identificati a bordo di una motocicletta hanno aperto il fuoco contro di loro alla periferia di Quetta, capoluogo della provincia pachistana di Baluchistan. Lo ha riferito la tv DawnNews di Islamabad. Un portavoce della polizia ha precisato che il team stava lavorando nell'ambito di un piano di vaccinazione contro la polio che riguarda oltre 2,4 milioni di bambini. Gli operatori impegnati in questo tipo di campagne sono spesso presi di mira dai talebani che li considerano 'spie' del governo. Nessun gruppo tuttavia ha per il momento rivendicato l'attacco. Il Pakistan è uno dei pochi Paesi al mondo, insieme ad Afghanistan e Nigeria, che non sono ancora completamente liberi dalla poliomielite.

18:12Terremoto: Borrelli, 92% casette consegnate a fine febbraio

(ANSA) - PIEVE TORINA (MACERATA), 18 GEN - "Le casette o Sae (Soluzioni abitative di emergenza) ad oggi consegnate sono 2.286 su 3.662 ordinate alla data del 29 novembre 2017. Contiamo di arrivare a consegnarle più di 2.600 a fine gennaio e 3.385 a fine febbraio e questo vorrebbe dire aver soddisfatto il 92% della richiesta totale". Numeri forniti dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli nella conferenza stampa a Pieve Torina, al termine del Comitato istituzionale tra le 4 regioni colpite dal sisma del 2016, a cui ha preso parte anche la commissaria straordinaria alla ricostruzione, Paola De Micheli. Borrelli ha ricordato che "ad oggi sono 51.400 le persone ancora assistite dal sistema di Protezione civile, di questi oltre 41 mila (28 mila nella sola regione Marche) percepiscono il Cas (contributo di autonoma sistemazione)". Nelle casette vivono ora 4.000 cittadini, 5.362 persone sono ancora in alberghi e container collettivi. Gli allevatori che invece hanno optato per i moduli rurali (Mapre) sono ad oggi 760.

18:10India: test per missile balistico a lungo raggio Agni-V

(ANSA) - NEW DELHI, 18 GEN - L'India ha realizzato oggi un nuovo test del suo missile balistico terra-terra a lungo raggio Agni-V, capace di portare una testata nucleare fino a 5.000 chilometri di distanza. Il successo del lancio, realizzato in mattinata dall'isola Abdul Khalam al largo delle coste dello Stato di Orissa, è stato confermato dal ministro della Difesa indiano, Nirmala Sitharaman. L'Agni-V e' stato sviluppato dalla Drdo a partire dal 1997, ed e' un'arma che, una volta completata, permettera' all'India di entrare nell'esclusivo gruppo di Paesi che dispongono di missili balistici intercontinentali (Icbm) strategici e di cui fanno parte Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia ed Israele. Pesante 50 tonnellate, l'Agni-V ha una lunghezza di 17 metri ed un diametro di due. Ha tre stadi ed e' in grado di trasportare, grazie ad una propulsione a combustibile solido, attrezzatura spaziale, satelliti ed ogive nucleari individuali e multiple.

Archivio Ultima ora