Regionali, il dilemma non esiste

Pubblicato il 14 agosto 2017 da Mauro Bafile

Un dilemma che, in realtà, non è tale. Non esiste o non dovrebbe esistere. La polemica, stando agli esperti in materia, è solo fine a se stessa, sterile. Creata dalle frange estremiste che sono numericamente inconsistenti, ma che gridano più di altre e sanno come creare confusione. E’ il caso di “Vente Venezuela” e di “Alianza Bravo Pueblo” che, contrariamente a quanto deciso dal Tavolo dell’Unità Democratica, hanno annunciato che non parteciperanno alle prossime regionali e accusato i partiti che hanno deciso, invece, di raccogliere la sfida del governo, di tradire la volontà dei cittadini che hanno partecipato alle proteste e il sacrificio delle 126 vittime della repressione. Accusano, denunciano, rimproverano ma non offrono alternative. Il loro è solo un salto nel vuoto.

L’ex presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup

Eppure, come ha fatto notare l’ex presidente del Parlamento Henry Ramos Allup, ritirarsi sull’Aventino non è soluzione per l’Opposizione. Lo ha fatto in passato, lasciando il terreno libero all’estinto presidente Chávez che ne approfittò per la sua scalata al potere assoluto; quello stesso potere che non era stato capace di conquistare con la forza delle armi. I risultati li conosce anche chi, vent’anni fa, era solo un bambino. E il paese, nel bene o nel male, ne soffre ancora le conseguenze.

Maria Corina Machado, leader del movimento politico “Vente Venezuela”

“Vente Venezuela” e “Abp” sostengono che, con l’attuale Consiglio Nazionale Elettorale, sarà impossibile trionfare in qualunque elezione. Eppure l’esperienza dimostrerebbe il contrario. E’ difficile difendere la loro tesi quando l’attuale Parlamento, la cui maggioranza assoluta è costituita da deputati del Tavolo dell’Unità Democratica, fu eletto nel dicembre del 2015 rispettando le regole del gioco imposte dal governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro: apparecchiature programmate da Smartmatic, inutili dispositivi di cattura delle impronte digitali, e Cne su misura. Le parlamentari, sostiene Henry Ramos Allup, hanno dimostrato che quando i voti sono una valanga e si è disposti a difenderli, è poco probabile, se non impossibile, che chi controlli i fili del potere possa fare brogli tanto eclatanti. E allora è spontaneo chiedersi, perché insistere nel non presentarsi? Perché commettere gli stessi errori di un passato recente?

Nell’Opposizione, in realtà, non dovrebbe esistere nessun dilemma. I Governi regionali e comunali rappresentano il potere più vicino ai cittadini. Sono gli unici che permettono un dialogo permanente con le famiglie, con gli elettori. La loro importanza è quindi fuori discussione. E’ il primo gradino, il più importante, che conduce all’esercizio della democrazia reale.

Mai un governo, nella storia democratica del Venezuela, è stato così isolato a livello internazionale come lo è oggi quello del presidente Maduro. La situazione che vive l’attuale Potere Esecutivo è solo paragonabile, forse, a quella che dovette affrontare nel 1902 Cipriano Castro, il “caudillo tachirense” che conquistò il potere con la forza nel 1898, dopo aver invaso il Paese da Cucuta e cavalcato trionfante fino a Caracas. A causa delle continue insurrezioni armate e della crisi dei prezzi dei prodotti agricoli – allora l’economia del Paese si sosteneva grazie all’esportazione di cacao e soprattutto del caffè di cui il Venezuela era il secondo esportatore al mondo dopo il Brasile – Castro si trovò nell’impossibilità di fronteggiare l’enorme peso che rappresentava il debito estero. Fu costretto a posporne il pagamento provocando l’ira di Inghilterra e Germania che decisero l’assedio alle coste venezuelane con le loro navi da guerra. Iniziativa, questa, alla quale aderì quasi immediatamente anche l’Italia. Famoso è il proclama di Castro: “Il piede insolente dello straniero ha profanato il sacro suolo della patria”.

Seguirono anni assai duri in cui Francia, Stati Uniti e Olanda ruppero le relazioni diplomatiche, e altre nazioni isolarono il Paese fino al colpo di Stato del 1908. Con la dittatura del “Benemerito” Juan Vicente Gómez le relazioni diplomatiche con il resto del mondo tornarono poco a poco alla normalità. Ma erano altri tempi. Il Paese, fin dalla sua indipendenza, solo aveva vissuto brevi periodi di pace e la parola “democrazia”, tanto di moda oggi, non esisteva ancora nel suo vocabolario.

Il Paese, ora, si è trasformato improvvisamente, grazie anche alla grande stampa internazionale attratta dalle proteste represse con estrema violenza dalle forze dell’Ordine e dai tanti, troppi morti, in una pedina importante nella partita diplomatica che Russia, Cina e Stati Uniti d’America giocano in America Latina. In questo contesto, i venezuelani che hanno sostenuto e sostengono il governo interpretano un ruolo non secondario. C’è chi oggi fa un distinguo tra passato e presente, tra “chavismo” e “madurismo” considerando il primo sinonimo di benessere e della promessa di un futuro migliore e il secondo, invece, di corruzione e malgoverno. Il presidente Chávez ebbe la fortuna di governare in un’epoca di grande prosperità, grazie ai prezzi del petrolio sopra ogni aspettativa; livelli che probabilmente non saranno mai più raggiunti. Le ricchezze derivate dalla vendita di greggio gli permise ogni eccesso e di migliorare le condizioni di vita dei venezuelani. La bolla del petrolio, però, prima o poi doveva esplodere. E quando lo ha fatto ci si è ritrovati con un tessuto industriale, che era stato costruito con tanto sacrificio dal 1958 in avanti grazie anche al lavoro dei nostri emigrati, distrutto da politiche populiste che miravano al presente senza pensare al futuro. Oggi la realtà è un’altra. Di fronte ad una crisi dalle proporzioni dantesche, gli slogan del presidente Maduro sono solo parole prive di contenuto. Di fronte ai mille problemi da affrontare quotidianamente, il malessere della popolazione cresce così come il dilemma: cosa fare in caso di elezioni? Esperti in materia, hanno affermato più volte che il “chavismo critico” difficilmente voterà per i candidati del Tavolo dell’Unità Democratica. Il suo malcontento probabilmente si esprimerà attraverso l’astensione, già a livelli assai alti, o il voto nullo. Assenteismo e voto nullo, quindi, che potrebbero rappresentare una manifestazione di protesta equivalente al “voto castigo”.

Foto avn.info.ve

Nel governo pare crescere la certezza che se l’Opposizione dovesse presentarsi unita nelle regionali, così come fece nelle parlamentari, la sconfitta sarebbe inevitabile. Potrebbe cercare di ridurre i danni imponendo regole di gioco che lo favoriscano o, addirittura, rimandando tutto alle ”calende greche”. L’Assemblea Nazionale Costituente, con la quale governerà per due anni e forse anche di più, e il sostegno delle Forze Armate gli permetterebbe questo e altro ma, così facendo, mostrerebbe la sua vocazione autoritaria.
Se per l’Opposizione non esiste, o non dovrebbe esistere un dilemma, quindi, per il governo, i dubbi oggi sono tanti, tutti malcelati dietro un’apparente sicurezza, un linguaggio sempre più aggressivo e le minacce di carcere per l’Opposizione, a prescindere dal partito di appartenenza e dall’immunità parlamentare.

Il Presidente Donald Trump

Le minacce estemporanee formulate dal presidente Trump, che ci riportano all’epoca di James Monroe o dei colpi di Stato promossi dalla Cia, hanno avuto il merito di far trovare un punto d’accordo a Governo e Opposizione, almeno per una volta: è inaccettabile qualunque intervento militare di una forza straniera in suolo venezuelano. Sono altri gli strumenti che nel mondo moderno possono essere impiegati per evitare la deriva autoritaria di un governo. Tocca alla diplomazia e non alle armi giocare il ruolo di protagonista nella crisi venezuelana. E, a livello interno, alla dialettica politica e ideologica.
C’è chi insinua che le elezioni regionali si realizzeranno solo se il governo avrà la certezza di vincere. E, in effetti, dopo la debacle nelle parlamentari, il governo ha evitato ad ogni costo altri appuntamenti elettorali. Nel caso, poi, dell’Assemblea Nazionale Costituente, ha stabilito regole inaccettabili per l’Opposizione. Con le regionali potrebbe fare altrettanto. La Costituente potrebbe decidere di cambiare le regole del gioco. Lo ha già fatto anticipandole ad ottobre, nella speranza, forse, che il Tavolo dell’Unità Democratica non riesca in così poco tempo a presentare una rosa di candidati unitaria. Si entra, però, nel territorio delle speculazioni, dove tutto potrebbe essere possibile.
Mauro Bafile

Ultima ora

14:41Papa: Dio non è controllore bus, non basta non fare del male

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 19 NOV - "Non fare nulla di male non basta, perché Dio non è un controllore in cerca di biglietti non timbrati". Lo ha detto il Papa nell'omelia della messa nella basilica vaticana per la Prima Giornata Mondiale dei Poveri. L'omissione è "il grande peccato nei confronti dei poveri. Qui assume un nome preciso: indifferenza". "E' dire: 'Non mi riguarda, non è affar mio, è colpa della società'. È girarsi dall'altra parte quando il fratello è nel bisogno, è cambiare canale appena una questione seria ci infastidisce, è anche sdegnarsi di fronte al male senza far nulla. Dio, però, non ci chiederà se avremo avuto giusto sdegno, ma se avremo fatto del bene". E invece i poveri sono "il nostro passaporto per il paradiso". "Non cerchiamo allora il superfluo per noi ma il bene per gli altri" perché occorre "il coraggio di amare non a parole ma coi fatti". In basilica erano presenti 7mila poveri. Per 1500 di loro pranzo con il Papa nell'Aula Paolo VI. Gli altri sono ospitati in istituti ed enti caritativi di Roma.

14:31Terremoti: scossa magnitudo 6,4 in Nuova Caledonia

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Una scossa di terremoto di magnitudo 6,4 é stata registrata oggi al largo della Nuova Caledonia, 74 chilometri a est di Tandine, ad una profondità di 25,3 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di un rischio tsunami.

14:27Marzabotto: squadra 65 Futa visita sacrario vittime eccidi

(ANSA) - BOLOGNA, 19 NOV - I dirigenti, gli allenatori e i calciatori della 65 Futa di Loiano-Monghidoro, squadra che milita nella seconda categoria dilettanti bolognese si sono recati in visita al sacrario di Marzabotto per rendere omaggio alle vittime degli eccidi nazisti. Dopo che il presidente della società Fabrizio Santi ha deposto una composizione floreale sul monumento, tutta la squadra ha poi raggiunto la scuola di pace di Monte Sole per ascoltare la testimonianza di Anna Rosa Nannetti, sopravvissuta alla strage del '44. La visita, organizzata in accordo col sindaco di Marzabotto Romano Franchi, è stata la risposta al gesto di Eugenio Luppi, il calciatore della 65 Futa che domenica scorsa, proprio a Marzabotto, ha esultato dopo un gol con un braccio teso a ricordare il saluto romano e mostrando al pubblico una maglia nera con impressi il tricolore e l'aquila imperiale, simboli della Repubblica Sociale Italiana. Luppi, come era stato annunciato, non ha preso parte alla visita col resto dei compagni.(ANSA).

13:55Incendiata auto parroco in Calabria, s’indaga su motivi

(ANSA) - SCANDALE (CROTONE), 19 NOV - L'automobile del parroco della chiesa di San Giuseppe Operaio, della frazione "Corazzo" di Scandale, nel crotonese, é stata incendiata la scorsa notte da persone non identificate. La vettura, una Fiat Punto, malgrado il tempestivo intervento dei vigili del fuoco, é andata distrutta. Le fiamme si sono estese ad un'altra vettura parcheggiata accanto di proprietà anche questa di un altro sacerdote, parroco della Chiesa di San Giovanni Battista di Crotone, e ad una parete laterale della chiesa. Le indagini sull'episodio sono state avviate dai carabinieri della Compagnia di Crotone e del Comando provinciale. Il parroco proprietario dell'auto incendiata, di origini africane e da circa un mese a Scandale, ha riferito ai militari di non sapersi spiegare i motivi dell'intimidazione. Gli investigatori, comunque, escludono il movente razzista. (ANSA).

13:49Berlusconi, aumenteremo pensione minima a mille euro

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - " Oggi nessuno anziano può vivere con una pensione minima di 500 euro: oggi è doveroso e indispensabile aumentare almeno a un milione di euro i minimi pensionistici . Nessun anziano deve essere escluso da questa misura, comprese le nostre mamme che hanno lavorato tutti i giorni a casa e che devono poter avere vecchiaia dignitoso. Se gli italiani ci faranno governare saranno questi i primi provvedimenti del nostro governo: è un impegno che prendo con voi". Lo dice Silvio Berlusconi in un messaggio a Federanziani. Berlusconi aggiunge che nel governo di centrodestra "ci sarà anche un ministero per la terza età".

13:48C. sinistra:Fratoianni a Fassino e Prodi,tempo scaduto

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "A chi ci chiede l'alleanza, a chi ci chiama gufi e rosiconi, minoritari e irrilevanti, a quelli che ci chiedono alleanza nel nome del voto utile, se qualcuno ci chiede un incontro lo facciamo. Ma vogliamo dire a Fassino e Prodi, che il tempo è scaduto perché non ci sono ragioni politiche e culturali. Noi contro la destra lavoriamo ad una prospettiva incompatibile con questo Pd". Lo ha detto il segretario di Si, Nicola Fratoianni, nel suo intervento all'Assemblea del partito.

13:46C.sinistra: Bersani, porta aperta ma Fassino sottovaluta

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - I "mediatori" del Pd come Fassino "secondo me sottovalutano la situazione e il perché un pezzo di popolo se ne è andato. Io lascio aperta la porta però bisogna leggere la legge elettorale: non vince nessuno, ci si ritrova comunque in Parlamento". Lo dice Pier Luigi Bersani arrivando all'assemblea di Mdp in corso a Roma. "La sinistra deve chiedersi come mai perde il treno. Non do per scontato niente ma non ho visto nel Pd una sincera riflessione su nulla", aggiunge.

Archivio Ultima ora